Entro dentro al mondo di Mass Effect Andromeda

Sins_of_NeonCity_by_OmeN2501

Qualche tempo fa è stato annunciato il nuovo mondo dedicato alla grande saga Mass Effect e il suo nuovo universo si chiama Mass Effect Andromeda e secondo i Creativi di questo mondo li dentro noi ci dobbiamo aspettare grandi cose. Io viaggio nel tempo e nello spazio e so che l’ universo ogni giorno cerca un modo per stupire me e le persone che mi seguono dentro al T.A.R.D.I.S. Quindi io so che dentro l’ universo di Mass Effect Andromeda potrò vedere nuove stelle, nuovi pianeti, nuove galassie e sopratutto persone che non ho mai visto e che sono pronti ad affrontare non solo tutto questo ma anche alieni nuovi per trovare un nuovo pianeta dove vivere. Ogni cosa vive o muore e io lo so perchè ho visto questo effetto con i miei occhi durante la Guerra dell’ Universo e adesso tra succedendo alla Terra. Noi tutti sapevamo già da tempo che la nostra Terra non ci avrebbe potuto ospitare per tanto tempo e adesso noi ci dobbiamo trovare un nuovo pianeta. Aqua e Pandora sono venuti con me e hanno visto che nello spazio ci sono grandi navi spaziali e loro due assieme mi hanno detto – perchè sono li ?. Io lo sapevo già visto che già una volta ero venuto qui con Ada e noi avevamo stilato un rapporto per Angela Ferrante cioè il capo di The District e cosi lei poteva mettere al sicuro gli agenti di The District che lavorano sulla Terra – sono qui perchè hanno capito che sta succedendo qualcosa alla Terra e quindi devono trovare un altro pianeta dove abitare. Sono li per fare in modo che se la Terra dovesse essere attaccata loro possono far fare alle navi spaziali che hanno presi i superstiti di andare via da qui il più velocemente possibile e cosi far vivere più persone possibili. Aqua e Pandora si avvicinarono a me, vicino alla postazione di comando – perchè non scendiamo ?. Io lo sapevo perchè non potevamo scendere giù sulla Terra o vedere una parte di questi pianeti ma sembrava che Aqua e Pandora non lo sapevano – non possiamo perchè i Creativi stanno ancora creando le varie stretture che sono li sulla Terra e stanno creando i numerosi pianeti che sono qui dentro. Con il tempo noi ci torneremo qui dentro e cosi potrò farvi vedere tutto o lo potete vedere da soli, ma questo lo possiamo vedere nel futuro visto che questo mondo è ancora incompleto e deve ancora sviluppato al massimo. Io mi ero messo vicino al T.A.R.D.I.S per iniziare a muovere le manopole e andare via da li ma poi Cortana ci avvertì di una trasmissione molto importante dai Creativi e hanno detto – Questo nuovo universo che noi stiamo creando è un mondo fantastico, per adesso potete vedere solo una parte di questo mondo. Ma il 28 Marzo del 2017 potete vedere questo mondo in tutto il suo splendore e li potete vedere alieni incredibili e pianeti spettacolari. Questo mondo di Mass Effect Andromeda è fantastico, per adesso non vi possiamo dire molto. La comunicazione ha reso felici Aqua e Pandora e tutte le persone che sono venute li per capire quando sarebbero potute entrare dentro al mondo di Mass Effect Andromeda sempre se non dicono che devono fare altri lavori e quindi cambiano data.

Mass Effect 4

Io e Ada eravamo molto felici di vedere cosa c’ era nel nuovo universo di Mass Effect . Questo era un universo bellissimo e davvero molto ben fatto . Per il momento si poteva vedere solo alcune parti di pianeti e della Terra e anche se non era quello che volevano vedere gli altri . Le persone volevano vedere scontri e altre cose ma tutto si doveva ancora fare . Io e Ada eravamo felici di vedere queste cose e pure Aqua e Pandora . Pure loro erano felici di vedere quelle parti di spazio che forse non sono state visitate da nessuno . Erano delle cose bellissime da vedere . Anche se pure io e Ada volevamo vedere azione per il momento non si poteva vedere visto che i Creativi dovevano vedere cosa fare per rendere questo nuovo mondo di Mass Effect un mondo davvero molto bello e incredibile per tutti . Io e Ada potevamo dire che li c’era qualcuno per un piccolo robot che esaminava la scena

Andando su un altro pianeta delle persone stavano uscendo per vedere come è questo nuovo mondo e se c’ era qualche pericolo per loro e per tutti noi

Poi andammo sulla Terra o su un pianeta molto abitato . Era tutto coperto da una protezione

Una volta fatto vedere la Terra o di un altro pianeta , noi andammo a vedere un pianeta che sopra aveva delle piramidi di colore nero

Su un pianeta c’ era una cascata bellissima e li vicino c’ erano delle cose metalliche . Forse un modo per toccare la cascata o vederla da più vicino

Poi vedemmo una piccola astronave entrare dentro una grande astronave

Poi sul pianeta che avevamo visto prima . C’ e un soldato in armatura che si protegge con uno scudo che non ho mai visto e nemmeno gli altri hanno visto .

Mass Effect

La storia che inizia in questo nuovo universo non segue la vita del grande Comandante Sheppard che ha dato inizio alla battaglia per vincere contro i terribili Razziatori . Ma sta nel mezzo . Per il momento so che riguarda un nuovo eroe e forse una nuova grande minaccia per l’ intero universo . Se questa persona non ce la fa questa grande minaccia potrebbe distruggere la Terra prima dei Razziatori . Io e Ada abbiamo visto solo alcune cose ma non ve lo possiamo dire visto che gli Osservatori ci hanno bloccato la visuale con la loro nube oscura . Però vi possiamo dire che torna il Mako . Inoltre abbiamo visto dei vecchi personaggi della saga e non vi possiamo dire altro .

 

Mass Effect 4 – Contact

Nessuno sa come sia iniziato tutto questo . Noi sappiamo la storia e non sappiamo come è iniziato il primo contatto con i Prothean . Nessuno sa come è iniziato il primo contatto con questa civiltà cosi antica e saggia . Nessuno lo sa e forse adesso lo scopriremo visto che gli Osservatori hanno deciso di dare inizio a tutto . Hanno deciso di dare inizio al nuovo universo su Mass Effect . Qui forse si scoprirà tutto e anche come è iniziata la guerra tra Prothean e i Razziatori che hanno quasi distrutto la Terra , ma grazie al sacrificio del Comandante Sheppard abbiamo avuto una possibilità di restare vivi . Gli Osservatori per il momento non mi hanno detto che cosa riguarda questo universo , tutto deve restare segreto . Loro mi hanno detto che questo universo si chiama Contact e solo questo mi hanno e niente altro . Queste sono le nostre osservazioni e forse ho detto qualcosa di giusto oppure ho detto cose che non sono vere . ma appena so delle nuove informazioni vi posso dire di più. Per il momento dobbiamo andare prima che Settembre mi veda e mi chieda perchè cosa qui . Anzi posso dire che Settembre mi ha già scoperto – so che ci fai qui Daniel . Per il momento e tutto segreto e fino a quando non ti dico io qualcosa e pure ad Ada Knight vale lo stesso , adesso per il momento non vi posso dire niente e tornate da dove siete venuti . Alla fine ce ne dovemmo andare da quel posto . Ada aveva fatto delle foto ma Settembre venne verso di lei e prese la fotocamera e fece cancellare ad Ada Knight le foto e pure quelle del telefonino . Non ci rimase nessuna foto da usare .

 

DICE sta lavorando a 15 titoli basati su Frostbite

Stando a Johan Andersson, direttore tecnico del team Frostbite presso DICE, la software house sta lavorando a 15 titoli basati sul motore grafico. Tra questi c’è il prossimo titolo della saga di Mass Effect, un titolo su cui Andersson non vede l’ora di lavorare.

Al momento sappiamo che Need for Speed: Rivals, Dragon Age: Inquisition, Star Wars: Battlefront, Mirror’s Edge 2 e il già citato nuovo capitolo di Mass Effect sfrutteranno le possibilità offerta da questo motore grafico.

Questo vuol dire che si stanno sviluppando 10 giochi di cui non sappiamo niente, voi avete qualche idea in merito?

 

Mass Effect 4 non avrà alcun punto di contatto con la saga di Shepard

Mac Walters, lead writer di Mass Effect 4, ha dichiarato a Complex che la storia del gioco non avrà assolutamente alcun punto di contatto con quella di Shepard.

“Non posso scendere in dettagli, ma l’idea è di raccontare una storia che non sia relazionata in alcun modo a nessuno degli eventi legati a Shepard”, ha detto Walters.

“Ci abbiamo messo un po’ a deciderlo. L’elemento chiave è che dovrà essere Mass Effect, non dare la sensazione di essere uno spin-off”.

Riguardo invece il discusso finale della trilogia, questa la dichiarazione di Walters: “Sono passati 18-19 mesi da allora e penso che abbiamo sistemato come meglio potevamo nell’Extended Cut. Ovviamente non cambieremo più nulla, andremo solo avanti”.

 

Dragon Age: Inquisition – immagini e artwork dal PAX Prime

Dopo aver saltato a piè pari la GamesCom di Colonia, gli sviluppatori di BioWare ritornano al centro del ring mediatico per combattere contro gli agguerriti concorrenti di CD Projekt (The Witcher 3) e Bethesda (The Elder Scrolls Online) pubblicando una nuova serie di immagini di gioco e di bozzetti preparatori di Dragon Age: Inquisition.

Mostratici per accompagnare i filmati di gameplay trapelati dalla conferenza a porte chiuse tenuta poche ore fa dal PAX Prime di Seattle, gli scatti e gli artwork propostici dalla rinomata sussidiaria canadese di Electronic Arts ritraggono alcune delle ambientazioni che saremo chiamati a esplorare nei panni del nostro impavido alter-ego. A giudicare dalle dichiarazioni rilasciate in questi giorni dai curatori del progetto, il canovaccio narrativo steso per tratteggiare la storia di Inquisition garantirà al titolo una trama più matura e profonda di quella dei precedenti episodi della serie, con una campagna principale caratterizzata da molteplici bivi e con un sistema di dialoghi che, similarmente a Mass Effect, ci permetterà di modificare gli eventi in base alle risposte che sceglieremo di dare al PNG di turno.

Sempre dalla manifestazione videoludica di Seattle ci arriva inoltre la conferma che il titolo vedrà il ritorno delle razze nel character editor iniziale e della visuale tattica con prospettiva dall’alto, due elementi presi di peso da Origins: per quanto riguarda le novità assolute, invece, citiamo l’adozione del modello “simil-Witcher” per l’esplorazione libera della mappa di gioco, la riscrittura completa del codice di gioco deputato al sistema di combattimento e la “standardizzazione” del livello dei nemici (diversamente da Skyrim o da Borderlands 2 e in maniera analoga a Neverwinter, i mostri e le creature non cresceranno di livello all’aumentare dell’esperienza dell’eroe ma avranno un livello proprio e lo manteranno per tutta la partita).

La commercializzazione di Dragon Age: Inquisition è prevista per la fine del 2014 su PC, PlayStation 3, Xbox 360, PlayStation 4 e Xbox One.

 

La Warner non distribuirà più Il Settimo Figlio (Seventh Son)

Dopo otto anni segnati da diversi successi, la partnership tra la Warner Bros e la Legendary Pictures si è conclusa e le due case non hanno rinnovato la loro collaborazione. Questo “divorzio” (per quanto pacifico) sta però creando dei riassestamenti per quel che riguarda le distribuzioni di alcune pellicole su cui le due major avevano lavorato insieme fino a ieri.

Diversi progetti che inizialmente dovevano essere distribuiti dalla WB verranno invece proposti alla Universal Pictures, con cui la Legendary ha chiuso questo luglio un importante accordo finanziario e distributivo. Tra questi titoli inizialmente si era parlato di Warcraft, che non era stato proposto alla WB ai tempi della rottura, Hot WheelsMass Effect e il film di Michael MannCyber. Ora si aggiunge anche Il Settimo Figlio (Seventh Son), ossia l’adattamento del romanzo La maledizione del mago di Joseph Delaney: anche questo fantasy con protagonisti  Ben BarnesJeff Bridges e Julianne Moore non sarà infatti più distribuito da Warner bensì da Universal.

Il Settimo Figlio (Seventh Son) segue la storia del il mistico cavaliere Padre Gregory e del suo apprendista Tom Ward: entrambi dovranno vedersela con la terribile e diabolica strega Madre Malkin e i suoi seguaci. Ottimo il cast tra Ben Barnes (il Caspian della saga de Le cronache di Narnia)Jeff Bridges (premio Oscar per Crazy Heart) e Julianne Moore (quest’anno anche in Carrie).

Il film è diretto dal regista russo Sergei Bodrov, che nella sua carriera può vantare due nomination all’Oscar per il Miglio Film Straniero rispettivamente per Mongol e Il prigioniero del Caucaso, mentre le scenografie sono invece curate dal nostro tre volte premio Oscar Dante Ferretti.

La release americana de Il Settimo Figlio (Seventh Son) – che  era stato interamente finanziato dalla Legendary – era già fissata per il 17 gennaio: al momento sembra che il nuovo distributore Universal voglia mantenere questa data.

 

BioWare invita i fan a visitare il gamescom

Mass Effect e Dragon Age sviluppati da  BioWare e Bioware  sta per approdare al  gamescom, e diversi membri del team saranno a disposizione per chattare con i fan.

I membri del team dal Edmonton e Montreal Studios sarà presente un evento Sala Comunità di Venerdì e Sabato nella zona Lounge Comunità EA, e saranno a disposizione per parlare, firmare autografi e posare per le fotografie.

Come riportato sul blog di BioWare, i membri del team che partecipano sono:

  • Melanie Faulknor, produttore di Dragon Age: Inquisition
  • Jon Perry, lead designer cinematografico su Dragon Age: Inquisition
  • Rodrigue Pralier, artista carattere principio su Mass Effect
  • Justin Yong, software angineer su Mass Effect
  • Jessica Merizan, comunità e nuovi media manager
  • Gamescom corre 21 agosto attraverso 25 a Colonia, in Germania.

Di EA gamescom 2013 line-up comprende Titanfall e Battlefield 4.

 

Mass Effect: le origini della saga nei primi bozzetti preparatori di Matt Rhodes

Dopo aver contribuito a dare forma alle ambientazioni e ai personaggi della saga di Mass Effect, il direttore artistico Matt Rhodes ha deciso di pubblicare sulle pagine del suo blog i bozzetti preparatori e gli artwork realizzati di suo pugno nei caldi mesi che lo hanno visto collaborare a stretto contatto con il team creativo di BioWare per occuparsi assieme a loro del primo, glorioso capitolo dell’epopea sci-fi del comandante Shepard.

Alcuni bozzetti testimoniano il grande lavoro di cesellatura digitale compiuto dai designer per perfezionare i modelli dei protagonisti del cast dei tre capitoli della saga, altri invece s’allontanano volutamente dalla visione artistica predominante per esplorare soluzioni più ardite e rifocillare di idee gli autori della trama della campagna in singolo e il team di sviluppo spesosi per garantire la miglior esperienza narrativa e videoludica possibile agli utenti che, a partire dal 2007, hanno voluto immergersi nella dimensione di gioco gravitante attorno alla figura del capitano della Normandy.

I lavori mostratici da Matt Rhodes coprono l’intero arco temporale della trilogia e offrono degli interessanti spunti di riflessione sulle forme che avrebbero potuto assumere determinati aspetti del plot narrativo e della componente grafica: scorrendo i bozzetti, infatti, possiamo scoprire la visione originaria degli artisti di BioWare in merito alle fattezze fisionomiche dei Prothean, agli atti finali dell’ultimo capitolo, alla conformazione delle corazze esoscheletriche delle truppe Cerberus e, soprattutto, all’aspetto di Tali, immaginato da Rhodes con gli occhi di un gatto, il volto glabro e la pelle scarlatta (un aspetto decisamente meno “attraente” di quello sognato dalla gran parte degli appassionati).

Prima di lasciarvi in compagnia delle restanti opere d’arte di Matt Rhodes, ricordiamo a chi ci segue che il prossimo capitolo della saga, conosciuto in maniera impropria come Mass Effect 4, è attualmente in fase di sviluppo. Stando alle frammentarie informazioni forniteci al riguardo da BioWare nel corso di questi mesi e alle risorse impiegate da questi ultimi per garantire a Dragon Age Inquisition il più ampio spazio mediatico e commerciale possibile, il primo episodio post-Shepard di Mass Effect dovrebbe vedere la luce dei negozi nel 2015 su PC, PlayStation 4 e Xbox One.

ioinviaggiodue

ci guadagno il colore del grano...

Mile Sweet Diary

diario semiserio di una aspirante pasticcera

Illustra.

magazine

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

Wikinerd

NERD e dintorni ;)

ioinviaggio

Piego e ripiego la mappa del tuo Infinito in un origami d’amore

Evaporata

Non voglio sognare, voglio dormire.

Racconti ondivaghi che alla fine parlano sempre di amore

“Ships are safe in a harbour, but that’s not what ships are made for”

VOLO SOLO PER TE

Io e la mia vita...sul mio blog troverai parole che in questi angoli di paradiso potranno rasserenarti e regalarti se vorrai un momento di dolcezza..E se vorrai lasciarmi un commento sara' gradito da parte mia

Piccole Storie d'Amore

Vivo i giorni nella solitudine

NON SOLO MODA

La moda, uno strumento per essere positiva, negativa , simpatica, antipatica...semplicente TU

la musica è un luogo

Ogni pensiero risuona come una canzone.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: