Categorie
Ada Knight Danica Daniel Saintcall Dominatore di Poteri New York Universing

Michela Fontana

250px-AidenRender

 

 

Michela Fontana era la sorella maggiore di Michele . Era più grande di due e quindi era la sorella maggiore di Michele ed era la più prudente e quella che mostrava il più grande coraggio . Michela non aveva nessuna paura di dire agli altri le cose in faccia e lo faceva perché lo voleva fare . Michela aveva dei bellissimi capelli rossi e molto lunghi e tutti a scuola volevano dei capelli come i suoi . Michela era la persona che doveva impedire a Michele di usare i suoi poteri e cosi non essere scoperti li a New York . Michela la sera in cui furono scoperti stava parlando con la sua fidanzata . Michela era lesbica e non lo aveva detto a nessuno perché non voleva essere presa in giro per questo . Non aveva visto Michele per cinque minuti e aveva alzato in aria una sedia . Michela prima di iniziare la sua telefonata con la sua fidanzata si avvicino a suo fratello minore – se ti vedo alzare una sedia o una cosa più piccola ti prendo e ti lego quelle mani e con alzi più niente . Michele si scocciava e cosi decise di alzare una sedia . Li fuori passo un uomo con un cappuccio in testa . Era un ragazzo di 18 anni e il suo nome era Roberto e vide da una delle finestre che era aperte che la sedia era sollevata in aria . Non c’ erano fili e non c’ era niente . Michela si giro e vide che c’ era una sedia in aria . Chiuse la finestra e prese uno spago e prima di legare suo fratello alla sedia prese il microfono della telefono – senti puoi aspettare devi fare un attimo una cosa . Ti richiamo dopo . Michela chiuse la telefonata e vide che se li fuori c’ era qualcuno oppure no e vide che un ragazzo era li vicino e se ne stava andando ed era la persona che aveva visto la sedia volare in aria prima e che Michela aveva fatto cadere sbattendogli la porta in faccia . Michela prese per il braccio Michele ed era molto arrabbiato con lui e lo porto alla finestra per vedere cosa ha fatto – vedi che cosa hai ? . Michele si giro verso sua sorella maggiore – scusami non volevo farlo . Ma mi stavo annoiando e tu non vuoi mai fare qualcosa con me . Una volta che arrivano Danica e Francesco videro che le persone li iniziavano a guardare male con i loro occhi pieni di odio e di rabbia . Danica andò vicino a Michela e la porto in cucina con calma e senza nessuna fretta – dimmi cosa è successa ? . Tu non te vai dalla cucina fino a quando non so per filo e per segno cosa è successo . E se non me lo dici sondo la tua mente e lo mi dirai tutto . Michela si mise vicino a sua madre – Ero a parlare con la migliore amica e avevo detto a Michele di stare li fermo seno lo avrei legato a una sedia . Ma lui non sapeva cosa fare e cosi ha deciso di alzare una sedia . Me ne sono accorta e ho cercato di vedere se qualcuno ci abbia visto oppure no . Credo che un ragazzo di 18 con un cappuccio in testa ci abbia visto . Lui ha provato ad entrare e io gli ho sbattuto la porta in faccia e alla fine lui se ne è andato . Poi ho detto a Michele che non lo doveva fare e che se lo faceva ci metteva nei guai e adesso lo siamo . Mi dispiace e ora ce ne dobbiamo andare . Danica non fu arrabbiata con Michela e l’ abbraccio – vieni qui tesoro . Adesso andiamo a preparare tutto per andare via da qui . Tu hai fatto del tuo meglio . Vedila una lezione . Michela non aveva capito la lezione e cosi mentre saliva le scale con sua madre le chiese di quale lezione stava parlando – quale lezione ? . Danica saliva insieme alla figlia e vicino alla sua stanza – anche se stai attenta a ogni cosa . La cosa più piccola ti può sfuggire dalla mano . Anche se hai la situazione sotto il tuo controllo basta non nulla e tutto svanisce . Adesso prepara la tua borsa e adesso ce ne andiamo di qua visto che le persone che sono qui sotto ci vogliono uccidere . Adesso facciamo in ogni modo per non morire e cosi dopo questa disavventura ti faccio capire come cercare di tenere tutto sotto il tuo controllo . Fu grazie al potere di Michela che poterono andare nel vicolo dove nessuno ci poteva vedere e cosi entrare dentro l’ Universing . Noi eravamo li in moto e Ada si mise in contatto con Michela – Michela io sono Ada Knight se fai entrare la tua famiglia dentro quel vicolo io e il mio collega arriviamo e portiamo tutti quanti voi in un posto molto bello e sicuro per voi . Michela e la sua famiglia si fidarono visto che l’ unica che avevano in quel momento era solo la fiducia . Fu grazie a quella che arrivano dentro l’ Universing .

 

 

 

Categorie
1992 Ada Knight Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Mostri New York Universing

Michele Fontana

 

Michele Fontana è sempre nato nell’ Universing e non ha mai andato sulla Terra o se lo ha fatto non l’ ha fatto da solo visto che li era molto pericoloso . Anche se era il 1992 ma non significava che molte persone avevano cambiato idea nel chiamare le persone con i poteri con un solo unico nome “ Mostri “ . Michele Fontana fu la prima persona a conoscere Serena che era una ragazza bellissima . Aveva i capelli viola come la madre e una delle cose che la rendeva bella e particolare erano i suoi bellissimi capelli . Michele decise di andare da lei anche se per colpa della sua bellezza si sentiva un po’ timido nel dire quello che provava . Angelo vide che Michele si comportava in modo molto strano e capì subito cosa era successo . Angelo si avvicino a Michele mentre vedeva Serena – sei innamorato di Serena ? . Michele tolse di mezzo il binocolo e lo mise dietro la schiena – è davvero cosi evidente ? . Angelo ci era passato e faceva la stessa cosa con Rebecca – quello che stai facendo tu . L’ ho fatto pure io e alla fine come vedi sono riuscito nel mio intento . Se la ami glielo devi dire e anche se le dice di no però forse un giorno lei ci vorrà stare con te . Michele decise di andare fuori e di andare da Serena , busso alla porta . Fu Serena ad aprire e Michele disse subito senza avere il tempo di respirare – ti amo . Serena rimase molto colpita dal coraggio però lei voleva aspettare un po’ di tempo prima di avere una storia – per il momento ti vedo come un amico . Ma forse un giorno possiamo stare insieme . Un giorno . Michele era molto felice di averlo fatto visto che era un passo verso il lungo cammino per andare verso il cuore di Serena . Una volta tornata a casa Michele andò da suo padre che era in cucina a farsi un panino – avevi ragione per il momento mi vede solo come un amico . Ma prima di farmi andare via mia ha detto che forse un giorno possiamo stare insieme non solo come amici ma come qualcos’altro . Angelo sapeva che suo figlio aveva preso da lui e quindi ce la poteva fare a conquistare Serena ma ci voleva del tempo visto che era molto bella e quindi difficile da prendere . Angelo e Rebecca vengono da New York e li vivevano alla grande . Avevano un sacco di li e una vita davvero molto bella e a Michele piaceva vivere li visto che aveva tutti i suoi amici . Ma New York era il posto peggiore per le persone con i poteri visto che la maggior parte dei problemi accadeva li . Non sto parlando di persone che fanno omicidi ma parlo di persone che usano i loro poteri per uccidere o per cercare di essere ricchi . A New York tutti odiavano le persone con i poteri visto che li usavano per il male . Alcune persone decisero di fare delle ronde per cercare queste persone con i poteri e ucciderli in modo brutale e cosi mettere paura a loro . Un giorno di questi Angelo e Michele che hanno dei poteri non molto pericolo vennero presi di mira da una di queste ronde . Erano li dentro un vicolo cieco e stavano per essere pestati a sangue e sui loro corpi scrivere “ Mostri “ . Io e Ada eravamo li in volo e vedevamo questa scena . Molte persone si volevano fare giustizia a modo loro e cinque ragazzi non si volevano fermare per due agenti che aveva dei poteri . Una volta arrivati vicino a loro presi le loro mani e Ada pure lei fece lo stesso e ce ne andammo dentro l’ Universing . Il posto era cambiato davanti ai nostri occhi . Era come se la realtà di fronte a noi fosse stata distrutta e si fosse creata un nuovo mondo . Angelo non sapeva dove erano e prima di portarli in un posto sicuro lui mi fece questa domanda – dove siamo ? . Io ero li vicino a lui e lo guardai in faccia – un luogo sicuro dove le persone con i poteri possono vivere in pace e non essere uccisi dagli esseri umani . Benvenuti nell’ Universing . In questo posto potete avere una nuova vita e sarà più bella visto che qui ci sono cose nuove e forse persone che conoscete . Li portammo li nella loro nuova casa con Michele e Michela . Videro che la loro nuova casa era bellissima e come l’ avevano sognata . Adesso potevano vivere in pace e non essere uccisi dagli essermi umani solo perché uno di loro avevano i poteri . Per colpa di Michele erano stati scoperti visto che aveva usato il potere della telecinesi e uno di quelle persone che appartengono alle ronde hanno deciso di attaccarli quando erano per le strade e da soli .