Categorie
Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Simone Biles Sport Sport nel Mondo Vanessa Ferrari

Ginnastica, Mondiali 2013 da RECORD! Le statistiche UFFICIALI della FIG

La Federazione Internazionale della Ginnastica ha diffuso una serie di dati statistici sui Mondiali di Anversa 2013. Un’infinità di numeri che ci aiuta a misurare il valore e lo spettacolo della rassegna iridata. Una novità quasi assoluta per il Mondo della Polvere di Magnesio, poco avvezzo alle statistiche e a classificare tutto con record e migliori prestazioni, come invece sono abituati volley, atletica e basket.

 

Siete curiosi di sapere quante sono le ginnaste che hanno partecipato ai Mondiali di Anversa 2013 e quale è la loro età media? Volete sapere qual’è stato il continente più medagliato? Siete interessati a scoprire  quali sono stati i punteggi più alti, ma anche i peggioriDiamo un po’ di numeri (ci limitiamo al settore femminile).

 

Le ginnaste che hanno partecipato agli ultimi Mondiali sono state ben 134! Di queste il 57.1% proviene dall’Europa, sono 21.4% quelle provenienti dal continente Americano17.9% le Asiatiche e le native in Oceania, solo il 3.6% sono di origine africana.

 

Il continente che ha guadagnato più medaglie è stato quello americano che vanta ben 8 medaglie (3 ori, 4 argenti e un bronzo), tutte conquistate dagli Stati Uniti.

L’Europa conta un oro, un argento (della nostra Vanessa Ferrari) e tre bronzi. In totale cinque medaglie. Il continente Africano è tornato a casa a mani vuote, mentre l’Asia soltanto due medaglie: un oro a parallele e un bronzo al volteggio.

 

L’età media al femminile è 19 anni.  La maggior parte delle ginnaste sono del 1996 (sono in 32, 23%) e del ’95 (sono in 23, 17%). La ginnasta più giovane è del ’97 mentre la più anziana ha 38 anni. Parliamo ovviamente della leggendaria Okasana Chusovitina.

 

Anno di nascita-numero di ginnaste-percentuale

1975 1 1%

1984 2 1%

1986 2 1%

1987 2 1%

1988 5 4%

1989 3 2%

1990 5 4%

1991 7 5%

1992 9 6%

1993 4 3%

1994 21 15%

1995 23 17%

1996 32 23%

1997 23 17%

 

Il punteggio più alto in assoluto è il 15.900 al volteggio, mentre il più basso è  8.066 a trave(senza contare uno 0.0 al volteggio).

 

Ora vediamo i punteggi più alti e più bassi in relativi ai 4 attrezzi:9

VOLTEGGIO

Punteggio più alto: 15.900 di Biles Simone (USA)

D-score più alto: 7.000 di Pena Abreu Yamilet (Repubblica Dominicana)

E-score più alto: 9.600 di Simone Biles (USA)

 

PARALLELE ASIMMETRICHE

Punteggio più alto: 15.433 di Yao Jinnan (Cina)

D-score più alto: 6.700 di Yao Jinnan (Cina)

E-score più alto: 8.800 di Simone Biles (USA)

 

TRAVE

Punteggio più alto: 15.266 di Larisa Iordache (Romania)

D-score più alto: 6.500 di Zeng Siqi (Cina)

E-Score più alto: 8.866 di Larisa Iordache (Romania)

 

CORPO LIBERO

Punteggio più alto: 15.033 di Simone Biles (USA)

D-Score più alto: 6.500 di Simone Biles (USA)

E-Score più alto: 8.633 di Kyla Ross (USA)

 

La ginnasta che ha raggiunto più record è stata Simone Biles. Non solo è stata la più medagliatacon due ori, un argento e un bronzo, ma ha anche battuto il record del punteggio più alto ed è quella che ha esibito il programma più difficile tra le partecipanti.  Inoltre è stata una delleginnaste più giovani della competizione e ha eseguito un elemento mai fatto prima che adesso porta il suo nome.

 

Categorie
Carlotta Ferlito Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo Vanessa Ferrari

Ginnastica, la stagione finisce…a dicembre! Big mondiali ancora in gara!

Il 2013 ha definitivamente fatto passare un nuovo messaggio nell’universo della ginnastica artistica: la stagione termina a metà dicembre.

Sembrano ormai lontani gli anni in cui, terminati i Mondiali ad ottobre, si faceva calare il palcoscenico e ci si limitava a qualche esibizione delle stelle iridate.

 

Dopo Anversa, ormai distante due mesi, è stato un continuo susseguirsi di gare. La piacevole novità, però, sta proprio nel livello di queste competizioni, tutte di estremo livello, con ginnaste da vertice mondiale che non si sono limitate a fare il compitino ma che hanno strabiliato con una forma da vera top. Resta solo da svelare un interrogativo: sono i postumi di una stagione di altissimo livello e in cui si ha ancora benzina in corpo, oppure sono già i preparativi per il 2014?

 

Aliya Mustafina ha sfruttato il post-mondiale per continuare a provare la sua trave che a sorpresa l’ha incoronata reginetta mondiale. La tartara si è presentata rinnovata e rigenerata in Coppa del Mondo e ha stampato addirittura un vertiginoso 15.150, il secondo punteggio mondiale dell’anno strappato in una competizione internazionale, ottenuto con una freschezza spaventosa (cliccate qui per vederla).

Larisa Iordache ha infilato un filotto di tre successi dopo le delusioni iridate con le cadute alla trave e ha anzi sfruttato la Swiss Cup per presentare il suo fantomatico esercizio alla trave da 6.9 di D Score (15.300 il totale, ma in una competizione di seconda fascia). Non contenta ha cercato di calare il poker in Coppa del Mondo e l’impresa le è sfuggita per un soffio.

 

Vanessa Ferrari è stata più attiva che mai in questi mesi autunnali e ha stampato un fantasmagorico 14.833 al corpo libero, terzo punteggio mondiale del 2013 (clicca qui per vedere il suo corpo libero da RECORD.), in una bellissima tappa di Coppa del Mondo dove ha conquistato il primo podio in carriera, oltre a provare un nuovo esercizio alla trave. Si è poi cimentata in gare in Francia, è andata al Grand Prix e a quanto pare non sembra ancora stanca. Tra le super big è la ragazza che è rimasta più in gara in questa stagione: da inizio febbraio, con circa 18 giorni gara nelle gambe (ma su questo aspetto torneremo settimana prossima).

Giulia Steingruber presente ovunque, come il prezzemolo, non salta mezza gara e mantiene sempre un eccellente livello.

Oksana Chusovitina, a 38 anni, si diverte ancora a partecipare a incontri internazionali o a qualsiasi competizione in cui poi mostrare la sua pazza voglia di ginnastica. E all’Abierto Mexicano agguanta l’ennesimo podio di una carriera ultraventennale (clicca qui per la cronaca e i punteggi dell’Abierto Mexicano).

 

La Cina è praticamente rimasta in massa nel nostro continente e sembra aver rivoluzionato i consueti piani di allenamento invernale. Le asiatiche hanno vinto il concorso a squadre in Coppa del Mondo (cliccate qui per saperne di più), cioè la prima competizione dedicata alle Nazionali che si disputasse dopo le Olimpiadi di Londra 2012. Lo squadrone, guidato da Huang Huian e da Yao Jinnan, ha dominato la scena ed si presenta subito con un ottimo biglietto da visita per i prossimi Mondiali, che si terranno proprio in Cina (a Nanchino): solo le favorite a vincere il torneo a squadre? Gareggiare in Patria è sempre un vantaggio enorme in questo sport…

 

Ad ogni modo in campo gara a inizio dicembre ci sono addirittura cinque ragazze che si sono classificate tra i primi sette posti nel concorso generale individuale dei Mondiali! Cioè le big sono ancora in pienissima attività, a una sola settimana dalla chiusura definitiva delle competizioni (la tappa di Coppa del Mondo a Glasgow rappresenta l’ultimo dell’anno per la Polvere di Magnesio).

Direte che mancano le due statunitensi, cioè Campionessa e vicecampionessa del Mondo. Già, vero, non sono scese in pedana, ma Simone Biles ha riscritto la storia della ginnastica artistica con un leggendario doppio raccolto doppio avvitamento alla trave dopo essersi operata! (cliccate qui per vederla all’opera).

 

Categorie
Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo Vanessa Ferrari

VIDEO – Ginnastica, corpo libero di Vanessa Ferrari: punteggio RECORD

Ieri pomeriggio nella tappa di Coppa del Mondo a Stoccarda, Vanessa Ferrari esibiva un corpo libero magistrale.

Lo stesso esercizio che le ha regalato il fantastico argento ai Mondiali, ma questa volta la Cannibale di Orzinuovi si è spinta a un fantasmagorico 14.833, il terzo punteggio mondiale della stagione (dietro solo ai picchi di Simone Biles e al 15.100 della Izbasa, ma ai campionati rumeni), eseguendo tutte le diagonali alla perfezione e ancora più in sintonia con la sua base musicale.

 

Categorie
Carlotta Ferlito Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo Vanessa Ferrari

Oscar della Ginnastica 2013: and the winner is…

La Federazione Ginnastica d’Italia ha comunicato i vincitori degli Oscar della Ginnastica 2013,che verranno consegnati stasera ad Abano Terme.

 

Vanessa Ferrari per il suo fantastico argento al corpo libero ottenuto ai Mondiali di Anversa.

Le Farfalle della Ritmica (Marta Pagnini, Andreea Stefanescu, Chiara Ianni, Camilla Bini, Camilla Patriarca, Valeria Schiavi) per i loro sorprendenti argenti ai Mondiali di Kiev.

Matteo Morandi per il bronzo europeo agli anelli.

Andrea Cingolani per il bronzo al corpo libero conquistato agli Europei di Mosca.

Riccardo Pentassuglia, Campione Europeo di ginnastica aerobica.

Michela Castoldi e Davide Donati per il loro bronzo di coppia agli Europei di aerobica.

Enrico Casella, DTN della ginnastica artistica femminile, e lo Staff Tecnico della Squadra di ginnastica ritmica (Emanuela Maccarani, Valentina Rovetta, Klara Kodra, Giulia Galtarossa).

 

Completano l’elenco dei premiati due atleti che non hanno vinto medaglie internazionali nel 2013 ma che hanno tenuto alta la bandiera dell’Italia in questa stagione:

Carlotta Ferlito, quinta alla trave ai Mondiali di Anversa.

Alberto Busnari, quarto al cavallo con maniglie agli Europei e ai Mondiali.

 

Tra i premiati anche la società Ginnastica Torino per il maggior numero di iscritti in Italia; L’Aeronautica Militare e l’Esercito Italiano a cui appartengono molti ginnasti/e; gli storici sponsor Pastificio Rana, Freddy e proprio le Thermae Euganee che ospiteranno l’evento; La Gazzetta dello Sport e MTV per ll’aria media.

 

 

Categorie
Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo Vanessa Ferrari

Ginnastica, Vanessa Ferrari e un (quasi) RECORD DEL MONDO!

Vanessa Ferrari, due domeniche fa, è entrata nella storia della ginnastica artistica. Non solo perché ha vinto una favolosa medaglia d’argento al corpo libero ai Mondiali di Anversa (clicca qui per leggere della sua impresa), ma perché con quel successo ha realizzato un (quasi) RECORD DEL MONDO.

 

La Cannibale di Orzinuovi è tornata sul podio iridato addirittura sette anni dopo dall’ultima volta (il bronzo al quadrato magico nell’indimenticabile Aarhus 2006, che la incoronò Reginetta).

Ed è proprio questo il primato ottenuto dalla bresciana. Solo altre tre ginnaste hanno conquistato un medaglia mondiale a così tanti anni di distanza (oltre i sette, appunto) dalla loro prima volta.

 

Al primo posto, ovviamente, l’eterna Oksana Chusovitina che vinse il primo alloro a Indianapolis 1991 (l’oro a squadre e al corpo libero, l’argento al volteggio) addirittura col body dell’Unione Sovietica per poi replicarsi a Tokyo 2011 (vent’anni dopo, con una maternità alle spalle) conquistando l’argento alla tavola con il body della Germania (in mezzo una vita con la Russia, un’Olimpiade col CSI, ora tornata all’Uzbekistan).

 

Al secondo posto la magica Svetlana Khorkina, forse la ginnasta più forte di tutti i tempi (sarà sempre un bel match con la Comaneci). L’unica donna a vincere tre titoli mondiali nel concorso generale, conquistò la prima medaglia iridata a Brisbane 1994 (argento al volteggio). Nove anni dopo, ad Anaheim 2003, è tornata sul tetto del Mondo: Reginetta negli Stati Uniti, di fronte agli storici nemici, con l’oro nell’all-around.

 

Al terzo posto un’accoppiata della ginnastica degli albori, dei primi campionati aperti alle donne. Eva Bosakova e Tamara Manina hanno vinto a otto anni di distanza dal battesimo iridato: la ceca si mise al collo tre argenti a Roma 1954 e a Praga 1962 divenne Campionessa alla trave; la sovietica fu Campionessa al volteggio e al corpo libero a Roma 1954 e a Praga 1962 vinse l’argento alla tavola. Ma erano altri tempi, di ginnaste che rimanevano a lungo in attività, con esercizi abbastanza semplici (rivisti coi nostri occhi degli anni 2000) e con i Mondiali che venivano disputati ogni quattro anni.

 

Un indice di longevità, un riconoscimento alla classe infinita di Vanessa, un sigillo a una carriera indimenticabile. Non batterà, ovviamente, la Chusovitina ma la aspettiamo a Glasgow 2015 per agguantare il secondo posto della Khorkina e prepararsi al meglio alle Olimpiadi 2016: a Rio de Janeiro cercherà l’assalto alla medaglia che le manca e che la incoronerebbe definitivamente.

 

Va aggiunto, per dovere di cronaca, che altre due ginnaste sarebbero davanti a Vanessa in questa speciale classifica ma il loro record è dovuto a delle medaglie conquistate con la squadra.

La sovietica Larisa Latynina, la donna in assoluto più medagliata alle Olimpiadi, vinse l’oro a squadre a Roma 1954 e l’argento a squadre a Dortmund 1966: dodici anni dopo, ma appoggiandosi appunto con la grande Armata Russa, non a livello individuale.

Stesso discorso per la ceca Vera Caslavska: argento a squadre a Mosca 1958 e poi plurimedagliata nel 1966.

 

Categorie
Carlotta Ferlito Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo Vanessa Ferrari

Anversa 2013: gli ordini di rotazione e gli orari (seconda giornata)

Seconda giornata di qualificazioni ai Mondiali di ginnastica artistica. Tre suddivisioni al femminile per decretare quali saranno le finaliste nel concorso generale e nelle quattro specialità.

Questi gli ordini di rotazioni in programma e i relativi orari: si parte alle 13.30 per finire addirittura alle 20.30, senza un attimo di sosta. Per l’Italia, Carlotta Ferlito e Vanessa Ferrari.

Terza suddivisione: 13.30-15.30

Seconda suddivisione: 16.00-18.00

Terza suddivisione: 18.30-20.30

 

TERZA SUDDIVISIONE – Prima rotazione (ore 13.30)

Volteggio:

Valentine Sabatou (Francia)

Paula Plichta (Polonia)

Noel Van Klaveren (Paesi Bassi)

Laura Svilpaite (Lituania)

 

Parallele asimmetriche:

Yu Chun Chen (Taipei)

Mariana Sanchez (Costa Rica)

Tatiana Nabieva (Russia)

Simone Biles (USA)

Yan Yin Ng (Hong Kong)

 

Trave:

Wei Heem Lim (Singapore)

Carlotta Ferlito (Italia)

Marisa Dick (Trinidad & Tobago)

Ivet Rojas (Venezuela)

Barbora Mokosova (Slovacchia)

Ekaterina Kislinskaya (Portogallo)

Ilaria Kaeslin (Svizzera)

 

Corpo libero:

Aruna Budda Reddy (India)

Chunsong Shang (Cina)

Norma Robertsdottir (Islanda)

Emma Lunn (Irlanda)

Kristyna Palesova (Repubblica Ceca)

 

TERZA SUDDIVISIONE – Seconda rotazione (ore 14.00)

Volteggio:

Thi Ha Thanh Phan (Vietnam)

Chunsong Shang (Cina)

Norma Robertsdottir (Islanda)

Oksana Chusovitina (Uzbekistan)

Kristyna Palesova (Repubblica Ceca)

Rucha Divekar (India)

 

Parallele asimmetriche:

Valentine Sabatou (Francia)

Noel Van Klaveren (Paesi Bassi)

Laura Svilpaite (Lituania)

Ginna Escobar (Colombia)

 

Trave:

Marlana Sanchez (Costa Rica)

Tatiana Nabieva (Russia)

Simone Biles (USA)

Yan Yin Ng (Hong Kong)

Krystyna Sankova (Ucraina)

Yu Chun Chen (Taipei)

 

Corpo libero:

Carlotta Ferlito (Italia)

Marisa Dick (Trinidad & Tobago)

Ivet Rojas (Venezuela)

Barbora Mokosova (Slovacchia)

Ilaria Kaeslin (Svizzera)

Heem Wei Lim (Singapore)

 

TERZA SUDDIVISIONE – Terza rotazione (ore 14.30)

Volteggio:

Marisa Dick (Trinidad & Tobago)

Ivet Rojas (Venezuela)

Barbora Mokosova (Slovacchia)

Ilaria Kaeslin (Svizzera)

Heem Wei Lim (Singapore)

Carlotta Ferlito (Italia)

 

Parallele asimmetriche:

Chunsong Shang (Cina)

Norma Robertsdottir (Islanda)

Kristyna Palesova (Repubblica Ceca)

Vandita Raval (India)

 

Trave:

Paula Plichta (Polonia)

Noel Van Klaveren (Paesi Bassi)

Laura Svilpaite (Lituania)

Ginna Escobar (Colombia)

Valentine Sabatou (Francia)

 

Corpo libero:

Tatiana Nabieva (Russia)

Simone Biles (USA)

Yan Yin Ng (Hong Kong)

Krystyna Sankova (Ucraina)

Yu Chun Chen (Taipei)

Marlana Sanchez (Costa Rica)

 

TERZA SUDDIVISIONE – Quarta rotazione (ore 15.00)

Volteggio:

Simone Biles (USA)

Yan Yin Ng (Hong Kong)

Yu Chun Chen (Taipei)

Marlana Sanchez (Costa Rica)

Tatiana Nabieva (Russia)

 

Parallele asimmetriche:

Ivet Rojas (Venezuela)

Barbora Mokosova (Slovacchia)

Ekaterina Kislinsaya (Portogallo)

Ilaria Kaeslin (Svizzera)

Heem Wei Lim (Singapore)

Carlotta Ferlito (Italia)

Marisa Dick (Trinidad & Tobago)

 

Trave:

Norma Robertsdottir (Islanda)

Kristyna Palesova (Repubblica Ceca)

Vandita Raval (India)

Chunsong Shang (Cina)

 

Corpo libero:

Noel Van Klaveren (Paesi Bassi)

Laura Svilpaite (Lituania)

Valentine Sabatou (Francia)

Paula Plichta (Polonia)

 

QUARTA SUDDIVISONE – Prima rotazione (ore 16.00):

Volteggio:

Teja Belak (Slovenia)

Aruna Budda (India)

Roxana Popa (Spagna)

Daria Matveieva (Ucraina)

Noemi Makra (Ungheria)

Pauline Schaefer (Germania)

 

Parallele asimmetriche:

Larisa Iordache (Romania)

Vanessa Ferrari (Italia)

Natsumi Sasada (Giappone)

Elisa Haemmerle (Austria)

Daniele Hypolito (Brasile)

 

Trave:

Toni Williams (Giamaica)

Aliya Mustafina (Russia)

Nancy Taman (Egitto)

Claudia Cummins (Sudafrica)

Elisabeth Black (Canada)

Nicole Mawhinney (Irlanda)

 

Corpo libero:

Nicolette Lim (Singapore)

Ruby Harrodl (Gran Bretagna)

Agnes Suto (Islanda)

Zhanerke Duisek (Kazakhstan)

Matte Hulgaard (Danimarca)

McKayla Maroney (USA)

 

QUARTA SUDDIVISIONE – Seconda rotazione (ore 16.30):

Volteggio:

Ruby Harrold (Gran Bretagna)

Agnes Suto (Islanda)

Zhanerke Duisek (Kazakhstan)

Matte Hulgaard (Danimarca)

McKayla Maroney (USA)

Nicolette Lim (Singapore)

 

Parallele asimmetriche:

Teja Belak (Slovenia)

Dipa Karmakar (India)

Roxana Popa (Spagna)

Daria Matveieva (Ucraina)

Noemi Makra (Ungheria)

Pauline Schaefer (Germania)

 

Trave:

Vanessa Ferrari (Italia)

Natsumi Sasada (Giappone)

Elisa Haemmerle (Austria)

Daniele Hypolito (Brasile)

Larisa Iordache (Romania)

 

Corpo libero:

Aliya Mustafina (Russia)

Claudia Cummins (Sudafrica)

Elisabeth Black (Canada)

Nicole Mawhinney (Irlanda)

Toni Williams (Giamaica)

 

QUARTA SUDDIVISIONE – Terza rotazione (ore 17.00):

Volteggio:

Claudia Cummins (Sudafrica)

Elisabeth Black (Canada)

Nicole Mawhinney (Irlanda)

Toni Williams (Giamaica)

Aliya Mustafina (Russia)

 

Parallele asimmetriche:

Agnes Suto (Islanda)

Zhanerke Duisek (Kazakhstan)

Matte Hulgaard (Danimarca)

McKayla Maroney (USA)

Nicolette Lim (Singapore)

Ruby Harrold (Gran Bretagna)

 

Trave:

Rucha Divekar (India)

Roxana Popa (Spagna)

Daria Matveieva (Ucraina)

Noemi Makra (Ungheria)

Cagla Akyol (Germania)

Teja Belak (Slovenia)

 

Corpo libero:

Vanessa Ferrari (Italia)

Natsumi Sasada (Giappone)

Elisa Haemmerle (Austria)

Larisa Iordache (Romania)

 

QUARTA SUDDIVISIONE – Quarta rotazione (ore 17.30):

Volteggio:
Natsumi Sasada (Giappone)

Elisa Haemmerle (Austria)

Larisa Iordache (Romania)

Vanessa Ferrari (Italia)

 

Parallele asimmetriche:

Claudia Cummins (Sudafrica)

Elisabeth Black (Canada)

Nicole Mawhinney (Irlanda)

Toni Williams (Giamaica)

Aliya Mustafina (Russia)

 

Trave:

Zhanerke Duisek (Kazakhstan)

Matte Hulgaard (Danimarca)

McKayla Maroney (USA)

Nicolette Lim (Singapore)

Ruby Harrold (Gran Bretagna)

Agnes Suto (Islanda)

 

Corpo libero:

Roxana Popa (Spagna)

Daria Matveieva (Ucraina)

Noemi Makra (Ungheria)

Cagla Akyol (Germania)

Teja Belak (Slovenia)

Rucha Divekar (India)

 

 

QUINTA SUDDIVISIONE – Prima rotazione (ore 18.00)

Volteggio:

Yamilet Pena Abreu (Repubblica Dominicana)

Kirsten Beckett (Sudafrca)

Hiu Wong (Hong Kong)

Valentina Rashkova (Bulgaria)

Silvia Colussi (Spagna)

Vasiliki Millousi (Grecia)

 

Parallele asimmetriche:

Giulia Steingruber (Svizzera)

Angelina Kysla (Ucraina)

Ana Martins (Portogallo)

Asuka Teramoto (Giappone)

Chantysha Netteb (Paesi Bassi)

 

Trave:

Jasmin Mader (Austria)

Mathilde Kirk (Danimarca)

Dinoza Abdusalimova (Uzbekistan)

Gaelle Mys (Belgio)

Marta Pihan-Kulesza (Polonia)

Fadwa Mahmoud (Egitto)

Tinna Odinsdottir (Islanda)

 

Corpo libero:

Shaden Wohdan (Qatar)

Sandra Izbasa (Romania)

Rosanna Ojala (Finlandia)

Catalina Escobar (Colombia)

Hannah Whelan (Gran Bretagna)

Victoria Moors (Canada)

Dipa Karmakar (India)

 

QUINTA SUDDIVISIONE – Seconda (rotazione, ore 19.00)

Volteggio.
Rosanna Ojala (Finlandia)

Catalina Escobar (Colombia)

Victoria Moors (Canada)

Dipa Karmakar (India)

Shaden Wohdan (Qatar)

 

Parallele asimmetriche:

Kirsten Beckett (Sudafrca)

Valentina Rashkova (Bulgaria)

Silvia Colussi (Spagna)

Vasiliki Millousi (Grecia)

Yamilet Pena Abreu (Repubblica Dominicana)

 

Trave:

Giulia Steingruber (Svizzera)

Angelina Kysla (Ucraina)

Ana Martins (Portogallo)

Asuka Teramoto (Giappone)

Chantysha Netteb (Paesi Bassi)

 

Corpo libero:

Mathilde Kirk (Danimarca)

Dinoza Abdusalimova (Uzbekistan)

Gaelle Mys (Belgio)

Marta Pihan-Kulesza (Polonia)

Jasmin Mader (Austria)

 

QUINTA SUDDIVISIONE – Terza rotazione (ore 19.30):

Volteggio:

Dinoza Abdusalimova (Uzbekistan)

Gaelle Mys (Belgio)

Marta Pihan-Kulesza (Polonia)

Jasmin Mader (Austria)

Mathilde Kirk (Danimarca)

 

Parallele asimmetriche:

Rosanna Ojala (Finlandia)

Catalina Escobar (Colombia)

Rebecca Downie (Gran Bretagna)

Victoria Moors (Canada)

 

Trave:

Valentina Rashkova (Bulgaria)

Silvia Colussi (Spagna)

Vasiliki Millousi (Grecia)

Yamilet Pena Abreu (Repubblica Dominicana)

Kirsten Beckett (Sudafrica)

 

Corpo libero:

Angelina Kysla (Ucraina)

Ana Martins (Portogallo)

Asuka Teramoto (Giappone)

Chantysha Netteb (Paesi Bassi)

Giulia Steingruber (Svizzera)

 

QUINTA SUDDIVISIONE – Quarta rotazione (ore 20.00).

Volteggio:
Ana Martins (Portogallo)

Asuka Teramoto (Giappone)

Chantysha Netteb (Paesi Bassi)

Giulia Steingruber (Svizzera)

Angelina Kysla (Ucraina)

 

Parallele asimmetriche:

Gaelle Mys (Belgio)

Marta Pihan-Kulesza (Polonia)

Mai Ahmes Saad (Egitto)

Tinna Odinsdottir (Islanda)

Jasmin Mader (Austria)

Mathilde Kirk (Danimarca)

Dinoza Abdusalimova (Uzbekistan)

 

Trave:

Catalina Escobar (Colombia)

Rebecca Downie (Gran Bretagna)

Victoria Moors (Canada)

Dipa Karmakar (India)

Shaden Wohdan (Qatar)

Rosanna Ojala (Finlandia)

 

Trave:

Valentina Rashkova (Bulgaria)

Silvia Colussi (Spagna)

Vasiliki Millousi (Grecia)

Yamilet Pena Abreu (Repubblica Dominicana)

Kirsten Beckett (Sudafrica)

Categorie
Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo

Ginnastica, Giorgia Campana si rompe un gomito! Addio Mondiali!

Una brutta tegola si abbatte sulla ginnastica artistica italiana. Giorgia Campana si è rotta un gomito durante un allenamento e non potrà partecipare agli imminenti Mondiali di Anversa.

La 18enne romana stava provando lo Jaeger alle parallele asimmetriche, uno dei suoi elementi preferiti sul suo attrezzo di punta, quando è caduta. Purtroppo il gomito sinistro le ha presentato il conto.

 

L’olimpica di Londra 2012, quinta nella finale di specialità agli ultimi Europei, si è subito recata in ospedale. Indispensabile l’ingessatura che, in questi casi, si tiene solitamente per 2-3 settimane abbondanti. L’addio alla rassegna iridata, in programma dal 30 settembre al 6 ottobre prossimi, è quindi matematico.

Un vero peccato perché la Campana aveva disputato fin qui una grandissima stagione, rivelandosi addirittura l’italiana più in forma in questo 2013. Un grandissimo in bocca al lupo e speriamo di rivederla in Serie A: appuntamento l’8 febbraio 2014 a Firenze.

Ora le scelte di Enrico Casella si complicano ulteriormente in vista della rassegna iridata: è venuta a mancare una delle pedine più importanti e ora la formazione sarà tutta da riscrivere. Dopo l’incontro di Vigevano contro la Germania (14 settembre) ne sapremo di più.

 

Categorie
2013 Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo

Ginnastica, PAZZESCA e STORICA Douglas! Quintuplo giro alla trave!

Ormai non abbiamo più aggettivi per descrivere quello che le ginnaste ci stanno proponendo in questa stagione. Un’invenzione dietro l’altra.

Dopo lo Skinner (cliccate qui per vederlo), dopo lo storico triplo doppio di Simone Biles (cliccate qui per ammirarla), la canadese Gabriella Douglas (attenzione, è solo una quasi omonima della campionessa olimpica Gabrielle) si è esibita alla trave con un fantascientifico, storico ed epico quintuplo giro!

 

Volgarmente sarebbe cinque piroette consecutive, una dietro l’altra senza un filo di pausa, su quei 10cm in cui è già difficile mantenere l’equilibrio in situazioni normali.

MAI nessuna ragazza era arrivata a tanto nella storia della polvere di magnesio.

Il doppio giro è un elemento di difficoltà D, il triplo (o Okino) è una E, di conseguenza il quadruplo (esibito sola dalla Murakami una volta in allenamento) dovrebbe valere F. Quindi questo galattico quintuplo della Douglas varrebbe una G!

Certo, mi direte: è molto meno rispetto alle ipotetiche I, L, M di Skinner e Biles. Verissimo, ma la Douglas è arrivata a una altissima G solo con dei semplici giri, cioè un elemento artistico, di consueto molto meno difficile (e meno valutato) di un elemento acrobatico.

Se esibito ai Mondiali di Anversa (30 settembre – 6 ottobre), il movimento entrerà nel codice dei punteggi col suo nome. La Douglas è infatti in piena lotta per la convocazione iridata, dopo un’ottima impressiona data ai Pan Am nell’ultimo weekend.

 

Categorie
2013 Federica Pellegrini Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo

Barcellona 2013, nuoto: Pellegrini e Mizzau in semifinale nei 200 sl

Ci siamo. Ottima la batteria di Federica Pellegrini nei 200 stile libero ai Mondiali 2013 di Barcellona, la gara decisa ieri sera. 1’56”79 il tempo della veneta, seconda dietro a Camille Muffat e terza in totale. Ok anche Alice Mizzau, dodicesima in 1’58”10. Nel pomeriggio si torna in vasca per le semifinali.