Categorie
1996 2013 Mondi Fantastici Mondo Nexus Racconto Raven City

Una lettera per me e mia sorella Alyssa

Alcune volte quando non ho niente da fare vado a nel mondo di Nexus , sopratutto nella città di Raven City . Come vi ho già detto Raven City è un luogo pericoloso e spesso maggior parte delle persone vengono aggredite oppure uccise . Questa gente vive nella paura e per questo loro fanno finta di non aver visto niente e non dicono niente , perché hanno paura e come dargli torto . Se parlano per loro è peggio , perché vengono trovate da criminali con superpoteri e li uccidono in modi che preferisco non dire . Io spesso vado nella Sala degli Eroi che si trova nella parte alta di Raven City , li tra le varie statue c’ e quella dei miei genitori . Un giorno più precisamente il 25 novembre 1996 io e mia sorella andammo a vedere la statua dei nostri genitori Alukard e Helena Saintcall , Dominatore e Dominatrice di Poteri e degli Elementi , Eroi degli Eroi di Nexus . I nostri genitori erano geniali e come ultima disposizione avevano deciso di fare una cosa , cioè mettere un messaggio sotto la loro statua . Noi non l’ avevamo mai notata , ma poi io guardai con la vista a raggi x e notai che sotto la statua c’ era un messaggio , era un foglio vuoto . Comunque io guardai mia sorella negli occhi e le dissi in modo serio – senti ho visto che sotto la statua dei nostri genitori , c’ e qualcosa . Alyssa mi guardò in modo molto serio e disse – dici davvero , io la guardai nei suoi occhi che erano colmi di speranza , forse in quella cosa sotto la statua dei nostri genitori potevamo avere qualche risposta o altro ancora . Io volevo prenderla , cosi mi concentrai e cosi con la mia mano potevo attraversare le pareti , iniziai con calma e presi il foglio che era sotto la statua dei nostri genitori . Quando le persone mi guardarono fare questa cosa non rimasero stupiti , ma quando videro che avevo trovato un foglio sotto la statua dei genitori miei e di mia sorella Alyssa rimasero un po’ sorpresi . Il Direttore della Stanza degli Eroi si avvicino a me , il Direttore era una persona alta , pochi capelli in testa , un vestito molto elegante non aveva neanche un po’ di sporco su quel vestito . Si avvicino a me , mi guardò negli occhi e con sguardo serio – dove hai preso quel foglio ? , io lo guardai negli occhi e dissi – l’ ho preso sotto la statua dei miei genitori . Il Direttore all’ inizio non capì chi ero , ma poi riconobbe alcune somiglianze , i capelli neri , gli occhi rossi , stesso vestito di Alukard , poi guardò mia sorella Alyssa . In lei vide tutte le somiglianze di mia madre Helena , capelli rossi , occhi rossi e la sua bellezza, il direttore aveva capito chi era , invece di gridare ai quattro venti chi eravamo noi due . Si avvicinò a noi e disse in modo serio e guardandoci tutte e due negli occhi – venite con me , con molta calma e senza attirare l’attenzione di nessuno . Noi eravamo molto bravi a non farci vedere ad attirare l’ attenzione su di noi , seguimmo il Direttore , il nome del direttore era Francesco aveva 27 anni . Francesco ci portò nella stanza degli studi , li voleva vedere il foglio che avevamo preso sotto la statua di Alukard e Helena Saintcall . Una volta arrivati , li era grandissimo e c’ erano infiniti documenti e moltissime cose , li c’ era anche un grande tavolo in cui accanto c’ erano gli Studiosi che studiavano e traducevano ogni documento . Io e Alyssa ci avvicinammo al tavolo e diedi il documento a Francesco , appena vide quel foglio capì tutto . C’ e una cosa vi devo di Alukard e Helena , loro non comunicavano con lettere normali , loro comunicavano con lettere interdimensionali , erano lettere con un segnale che poteva essere toccato da una persona o due persone e dentro c’ era un messaggio . In questo particolare caso il messaggio poteva essere aperto solo da me e da mia sorella Alyssa . Francesco aveva visto in noi i dettagli dei nostri genitori , perché era il suo compito analizzare e osservare , capire se un oggetto era vero oppure un falso e se vedeva dei dettagli uguali a quelle delle statue nelle persone che incontrava capiva subito chi era . Francesco appena vide la lettera capi cosa era subito , anche se tale cosa non lo vedeva da tantissimo tempo , vide subito che era una lettera interdimensionale . Francesco con sguardo incredulo disse – questa è una lettera interdimensionale ed è destinata a voi due ? . Noi lo guardammo con uno sguardo tipo per dire che cosa sono queste lettere interdimensionali . Francesco allora ci guardò e disse – queste lettere sono state create dai vostri genitori , un modo per comunicare con le altre persone in qualunque parte del mondo o altre parti . Queste lettere possono essere lette soltanto a cui destinata la lettera , in questo caso particolare questa è destinata a voi due e soltanto voi potete aprirla . Noi lo guardammo e dicemmo insieme – come si attiva ? , Francesco disse – si attiva mettendo la mano sul foglio , visto che destinata a voi due , la dovete mettere insieme e dovete essere sincronizzati . Francesco mise il foglio sul lungo tavolo , io e mia sorella Alyssa mettemmo la mano nello stesso momento , il foglio che sembrava un semplice foglio si trasformò in un portale che si portava chissà dove . L’ unico modo per saperlo era entrare e capire da soli dove eravamo , entrammo nel portale . Il mondo in cui entrammo era come un mondo vuoto e inizialmente senza nessuno , ma poi apparirono i nostri genitori . Alukard alto 1.85 , capelli lunghi neri e un aspetto bellissimo , i suoi occhi erano rossi , lui portava degli abiti davvero bellissimi . Invece mia madre Helena alta 1.65 , capelli rossi e molto lunghi , lei li aveva cosi perché lei li utilizzava come armi , i suoi occhi erano rossi . Subito ci riconobbero e inizio mio padre e con sguardo serio disse a noi – Benvenuti figli nostri , avete trovato la nostra lettera che abbiamo lasciato sotto la nostra statua , ci dispiace non essere li a vedere tutto quello che vi succede ed aiutarvi a risolvere tali problemi e situazioni , però noi siamo qui per dirvi una cosa . Noi siamo stati uccisi da una razza che si chiamano i Distruttori , sono molto potenti e cercheranno di uccidervi tutti e due . Poi si avvicino a me e mi disse guardandomi negli occhi – Quindi tu e tua sorella cercate di fare attenzione , possono essere in qualunque parte del mondo o altro , quindi prestate molto attenzione . Alyssa andò ad abbracciare mia madre e disse in molto felice – quanta ti sei fatta grande , mia sorella si imbarazzo un po’ e disse in maniera molto felice – sono molto felice di vederti . Mia madre disse a lei , mentre la teneva abbracciata – Ti sarò sempre accanto , figlia mia , anche nei momenti più brutti pensa a me e io verrò a te . Ora però ti dico ti stare attenta , la fuori ci sono molto pericoli , ma ci sono i Distruttori e tu e tuo fratello dovete stare molto attenti . Dopo aver parlato con mio padre , andai da mia madre anche se ero cosi cambiato lei mi guardava ancora come se fossi quel piccolo bambino che si allenava con i suoi poteri .Mi avvicinai a mia madre e mi abbraccio con tutto il suo affetto e disse – Sono tanto contenta di incontrati Daniel , è da tantissimo tempo che non ci vediamo , ci dispiace che non siamo stati con te . Io poi dissi a lei – vedervi adesso già è una grande soddisfazione . Poi Alukard mi guardò e disse – ora dovete andare , tornate nel vostro mondo e continuate a fare del bene . Dopo tornammo nella stanza e raccontammo tutto a Francesco , quello esperienza fu talmente tanto bella e ci rese felice , avevamo incontrati i nostri genitori , anche solo per qualche minuto , ma ci bastava . 

Categorie
2013 Dominatore di Poteri eroi Fenice Fenix Mondi Fantastici Mondo Notizie Notizie dal Mondo Parlare con Sarah Racconto

Sarah la Fenice Rossa mi porta nel mondo di Nexus .

Nel mondo di Nexus ci sono venuto la prima volta con Sarah la Fenice Rossa , i miei poteri si erano rivelati e io non le avevo detto niente , volevo provare da solo a controllare i miei poteri . Vi chiedete come Sarah la Fenice Rossa abbia scoperto questa cosa , devo ringraziare un Osservatore di nome Ottobre , che senza che io lo sapessi mi stava osservando già da un bel po’ di tempo . Ottobre andò cercare Sarah la Fenice Rossa che era in un posto molto lontano , per essere più precisi a Nexus . Ottobre la trovò li mentre era un po’ in giro a vedere se poteva trovare qualcosa da fare . L’ osservatore si avvicino a lei e Sarah lo guardò e disse – cosa posso fare per te Osservatore ? , Ottobre mantenendo il suo sangue freddo e non facendo uscire nemmeno una emozione – Daniel Saintcall , cioè L’ Ultimo Dominatore di Poteri , sta cercando di controllare da solo i suoi poteri , senza dirti niente . Sarah rimase un po’ stupita da questa cosa e guardò l’ Ottobre e gli chiese – puoi dirmi dove si trova . Ottobre sapeva che sarebbe dovuta andare , prima di prendere quella decisione , aveva visto tutto quello succedeva negli altri universi e poi gli diede il luogo . Dove mi stavo allenando io era un capanno abbandonato , un luogo completamente abbandonato , un luogo dove io non potevo far del male a nessuno . Sarah la Fenice Rossa arrivò dietro le mie spalle – Daniel perché non mi hai detto niente di quello che stai facendo qui dentro ? , io risposi – volevo provare da solo , cercare di controllare da solo i miei poteri , cercare di fare da solo . Certo lo so che tu sei qui e c’ e pure mia sorella Alyssa , però volevo provare a fare da solo . Sarah la Fenice Rossa mi guardo e disse – non sono arrabbiata , però volevo solo sapere dove eri andato e cosa stavi facendo , non lo dovevo sapere da un Osservatore . Dopo Sarah mi disse – se vuoi puoi continuare con me allenamento in un posto migliore, io la guarda in faccia e dissi – si , vengo con te . Quel posto abbandonato dove ero andato era il posto giusto come dicevo , però li era pericoloso , perché se le persone avrebbero scoperto che io mi allenavo li , mi avrebbero potuto scambiare per un mutante o qualcosa di peggio . Prendimi la mano- io feci come diceva lei e ci teletrasportammo nel mondo di Nexus , proprio nella città di Raven City . Questa città è molto grande e molto bella , le case per ognuno che ci abitava era diversa ed molto bella e alcune facevano venire i brividi e alcune erano talmente fatte bene che facevano veramente paura . Maghi e Streghe vivano li pacificamente , ma in quella città che era molto grande non c’ erano solo maghi , streghe , ma c’ erano anche moltissime creature . Sarah mi disse – Daniel , benvenuto in Raven City , questa città ospita tantissime persone come maghi , streghe , lupi mannari , Wendigo , Hexenbiest , Alieni e molte altre creature . Raven City è vicino a una montagna , che era davvero molto paurosa è alta 7 metri e 20 . Il nome di questa montagna si chiama ancora tuttora La Montagna del Terrore , si chiama cosi perché quando porti i tuoi occhi a vedere tale montagna , il cielo diventa nero e arrivano fulmini e tuoni e sembra quasi che la montagna si anima e da lei inizia a uscire una faccia malefica , tanto che ti fa davvero venire paura . Raven City è una città davvero molto bella e molto popolare , Sarah la Fenice Rossa si girò verso di me e mi disse – ora ascoltami, ti dirò un po’ di cose su Raven City , tiene le orecchie aperte . Io ero pronto ad ascoltarla visto che lei né sapeva molto di più di questa città – Raven City è città molto grande e molto popolare , molte persone famose sono venuti qui anche alieni . Io chiesi a lei perché ero curioso di sapere qualcosa sui i miei veri genitori – Pure i miei genitori venivano qui , ed erano famosi in questa città oppure no . Sarah la Fenice Rossa si volto e mi guardò nei miei occhi che volevano sapere se i miei genitori che erano morti su Maraxus erano noti qui oppure no . Sarah alla fine disse – si , loro erano molto conosciuti in questa città , ma non solo in questa ma anche nel tempo , nello spazio e nei mondi . Adesso ti faccio vedere una cosa , la Stanza degli Eroi dove vengono fatte statue di cera degli eroi che sono ancora vivi , ma anche di eroi che sono deceduti nel tempo , nello spazio e nei mondi . Sarah la Fenice Rossa mi portò nella stanza degli eroi che era accanto al Museo Internazionale del Tempo , dello Spazio e dei Mondi dove li c’ erano tutte le storie passate degli eroi passati e degli eroi che sono venuti nel mondo e sopratutto delle invenzioni tecnologiche . Sarah la Fenice Rossa mi portò li dentro e andammo verso le statue degli eroi caduti e tra le persone più importanti c’ erano i miei genitori che erano morti sul pianeta Maraxus , sotto la loro statua c’ era scritto Alukard e Helena Saintcall , Dominatore e Dominatrice di Poteri e degli Elementi , Eroi degli Eroi di Nexus . Vederli da cosi lontano mi fece un po’ soffrire , ma dovevo pur conoscere la verità sui miei veri genitori e se erano noti li oppure . Dopo avermi fatto vedere quel posto , noi uscimmo con molta calma e ci dirigemmo dove eravamo diretti , cioè il campo base di Sarah la Fenice Rossa . Sarah la Fenice Rossa aveva creato quel posto per essere al sicuro , un posto da chiamare casa anche se non lo era , però se era in pericolo o doveva fare altre cose andava li . Prima di andare nel suo campo base , si girò verso di me e mi parlò delle due cose che si occupano di portare giustizia e leggi nel mondo di Nexus e in altre parti dell’ Universo – Qui a Raven City ci sono due cose che portano giustizia e leggi nel mondo di Nexus e in altre parti del mondo , del tempo e dello Spazio , cioè il Ministero della Magia e La Polizia Internazionale del Tempo , dello Spazio e dei Mondi . Adesso ti spiego la differenza tra questa due . La Differenza tra queste due e che Il Mistero della Magia non può attuare leggi ad alieni e altre creature invece , io intervenni io – Invece la Polizia Internazionale del Tempo , dello Spazio e dei Mondi può intervenire sia su maghi , streghe , lupi mannari e altre creature e dare leggi pure a loro . Prima di portarmi nella sua casa che lei aveva l’ aveva decorata come il suo pianeta natale Fenix , su questo pianeta lei era la regina del suo popolo . Ma i Distruttori vennero li e distrussero interamente il suo pianeta , tutti quanti combatterono e cercavano di mettere al sicuro i più piccoli , ma niente solo Sarah la Fenice Rossa sopravvisse a questa terribile tragedia . Come stavo dicendo lei mi portò nel Bar Luna Rossa , li ci potevano stare 200 o 300 persone al massimo . In quel bar si poteva bere , si poteva mangiare , si poteva giocare a diversi sport e fare scommesse sportive su qualsiasi gioco anche poker . Dopo lei mi portò a casa sua che era davvero molto grande , lei in verità ci stava molto poco , visto che li dentro era da sola anche se in diverse occasioni veniva qualcuno li sia per allenarsi , sia perché aveva causato qualche problema e li aiutava . Adesso Sarah la Fenice Rossa doveva aiutare me a diventare il Dominatore di Poteri e degli Elementi , cioè l’ eroe che avrebbe sostituito i miei genitori . Loro non famosi e conosciuti solo nel mondo di Nexus , loro erano conosciuti in tutti gli universi , i tutti i mondi e conoscevano moltissime persone . Quando morirono , tutti quanti nella città di Raven City , chi riusciva a vedere il bene , adesso vedeva solo il male , non tantissimo ma poco . Alcuni eroi resistevano , ma i puoi forti erano i miei genitori , adesso toccava a me fare qualcosa , diventare il Dominatore di Poteri e degli Elementi e essere un grande eroe . Alla fine Sarah la Fenice Rossa mi portò a casa sua , mi fece fare un giro , iniziammo prima dalla cucina e poi dalle altre parti e poi ci dirigemmo verso la Stanza degli Allenamenti , dove li mi potevo allenare sia con i miei poteri che senza e potevo usarla quando volevo . Visto che ero li in quel posto , decisi di iniziare ad allenarmi con la superforza e altri superpoteri , Sarah la Fenice Rossa vide che io mi ero già messo a fare allenamento per controllare tutti i miei poteri e tutti gli elementi .