Categorie
Ada Knight Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Foto

Black Box – Sing Like Me

A tutti piace la musica e alcune volte succede una cosa molto brutta . Un uomo è stato colpito da un fulmine e adesso non riconosce più le note musicali e questa è conosciuta come la Sindrome di Sevant e forse potrebbe riuscire a curare questo uomo . Non è giusto che un uomo del genere abbia questa malattia non può sentire la musica o se la sente non la riconosce . Per trovare una cura spesso dobbiamo andare dalle persone da cui noi non vogliamo andare . Catherine per curare il suo bipolarismo deve andare da una persona che odia ma non so se vuole farsi curare oppure se ne va perchè quella malattia fa parte della sua natura . Bickman decide di chiedere a Catherine una cosa davvero molto importante e forse le vuole chiedere di sposarla . Adesso dobbiamo vedere che vuole fare perchè se non fa quella cura i suoi bambini possono essere bipolari come lei . Per questa decisione potrebbe iniziare a fare in modo che lei non sia più cosi e tornare ad avere una vita normale come ce l’ aveva un tempo .

 

Categorie
2013 Carolina Kostner Foto Mondo Notizie Notizie dal Mondo Pattinaggio sul Ghiaccio Spazio Sport Tempo

Pattinaggio Artistico, Carolina Kostner festeggia l’oro europeo: “Ho rischiato ma è andata bene”

Intervistata da La Gazzetta dello Sport, Carolina Kostner ha festeggiato l’ultimo oro conquistato agli Europei di Zagabria, che si sono svolti lo scorso 26 e 27 gennaio. Un’edizione particolarmente fortunata per i nostri colori: l’Italia, infatti, è giunta al secondo posto nel medagliere con 3 medaglie contro le 5 conquistate dalla Russia.

Oltre alla vittoria della Kostner, quinto oro europeo conquistato in carriera, ci sono da segnalare le medaglie di bronzo vinta dalla coppia formata da Stefania Berton e Ondrej Hotarek e dalla coppia Anna Cappellini e Luca Lanotte e anche l’ottimo quarto conquistato da Valentina Marchei.

Tornando a Carolina Kostner, parlando della sua ultima impresa sportiva, la pattinatrice bolzanina ha concesso le seguenti dichiarazioni:

Ho avuto programmi ricchi di insidie ed esigenti. Ho rischiato, è andata bene. Ma quanta fatica…

Riguardo la scelta di continuare, Carolina Kostner, a posteriori, si è resa conto di aver preso la decisione giusta:

In qualche modo è stato un salto nel buio, poteva finire diversamente. Ormai ho centrato tutti gli obiettivi che mi ero posta. Se sono ancora qui è perché ora riesco a pattinare col sorriso sulle labbra e mi sento felice. Mia cugina Isolde mi ha detto che il giorno di smettere arriva quando nel fare quel che si fa non si prova più gioia. Per me quel giorno non è ancora arrivato.

Nonostante l’abitudine, ormai, a salire sul podio, la pattinatrice ammette di avvertire sempre la stessa emozione:

Emozioni enormi e quando partono le note dell’inno di Mameli ancora di più. Non ci si abitua mai.

Questi, infine, sono i programmi di Carolina per il prossimo futuro:

Torno a Oberstdorf una settimana, poi mi concederò qualche giorno a casa, in Val Gardena. Quindi comincerò la preparazione per i Mondiali in Canada di metà marzo. Può darsi mi raggiunga la mia coreografa Lori Nichol, può darsi che, tra Vienna e L’Aia, ci metta in mezzo un’altra gara.