Categorie
Ada Knight Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Foto Galleria Galleria Foto The Big Bang Theory

The Big Bang Theory – The Friendship Turbulence

Wolowitz aveva litigato con Sheldon Cooper e per ritornare ad essere amici e non essere solo quelli ma anche migliori amici . Ma noi sappiamo Sheldon come è e quindi ci vorrà l’ aiuto di Bernadette per risolvere questo grave problema visto che ci vuole molto pazienza con lui . Penny riceve un offerta di lavoro per entrare in una scena di un film però è un ruolo minore e che dovrebbe essere ridicolo e questo manda fuori dalla rabbia Leonard  visto che il film si dovrebbe fare in un altra città o stato e forse e per questo che Leonard non è molto contento di farlo . Bernadette non deve risolvere il problema tra Sheldon e Wolowitz ma anche quello tra Raji e il fatto che lui ha conosciuto una donna ma visto che ha  molto paura chiede a lei di farlo . Visto che noi siamo andati li a vedere con calma tutto quello che stava succedendo in quell’ universo e per l’occasione abbiamo portato la macchina fotografica e abbia fatto foto e video .

 

 

Categorie
2013 2014 Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

Twelve Years a Slave: prime foto del film di Steve McQueen con Michael Fassbender e Brad Pitt

Uno dei film più attesi dell’anno. Parliamo di Twelve Years a Slave, la terza fatica di Steve McQueen dopo Hunger e Shame, già descritta da qualcuno come Django Unchained senza ironia. Si tratta infatti di una pellicola sulla tratta degli schiavi, e in qualche modo si ricollega ai precedenti due film del regista inglese per il tema della “prigionia”: se in Hunger c’erano i prigionieri dell’IRA, in Shame c’era un uomo che ha tutto ma è prigioniero della sua dipendenza.

Ma Twelve Years a Slave sarà senz’altro un film inedito nella filmografia di McQueen. Tratto dal romanzo autobiografico di Solomon Northup, il film narra la storia di quest’uomo americano di origini africane nato libero, poi ingannato e reso schiavo. Cresciuto a New York, dove si sposò, Northup fu attirato, negli anni 40 del 1800, da un’offerta di lavoro a Washington, per essere quindi rapito e messo in gabbia. Lo attendevano anni di schiavitù sotto diversi padroni…

Uno degli attori del cast, Paul Giamatti, ha già avuto modo di dire perché, secondo lui, c’è da attendersi qualcosa di diverso dal regista, anche dal punto di vista stilistico:

Sembra che la portata del film sia più ampia. La sua energia mi sembra un po’ diversa. Credo pure che il modo in cui McQueen girava fosse diverso. Nelle scene che ho girato con lui, c’erano grossi movimenti di macchina che sono differenti rispetto a quel che ho visto di suo.

Il resto del cast è formato da Chiwetel Ejiofor (Northup), Michael Fassbender (per la terza volta col regista), Brad Pitt (anche produttore con la sua Plan B Entertainment), Benedict CumberbatchAdepero OduyePaul Dano e Quvenzhané Wallis, la giovanissima rivelazione di Re della Terra Selvaggia.

Twelve Years a Slave, atteso da molti a Cannes 2013, uscirà il 27 dicembre in America ed è papabile per il circuito dei festival autunnali. Nell’attesa di vederlo, ecco finalmente le primissime foto del film. E a questo punto è quasi lecito attendersi un primo teaser trailer tra non molto…

 

Categorie
2013 Alan Wake Foto Pc Videogiochi

Alan Wake: i Remedy anticipano “grandi novità” per il 2013

I Remedy hanno annunciato che il neonato anno 2013 porterà grandi cose per il loro franchise di punta Alan Wake. Innanzitutto, dalla pagina Facebook ufficiale è stato annunciato un 75% di sconto su Steam per Alan Wake e Alan Wake’s American Nightmare. L’offerta è accompagnata da una frase per nulla criptica, che promette “grandi novità da Remedy nel 2013″.

Negli scorsi mesi le indiscrezioni su un vero e proprio Alan Wake 2 (ricordiamo che American’s Nightmare non è il seguito del primo Alan Wake) si sono sprecate. La stessa Remedy aveva registrato il dominio ufficiale per il gioco, e più volte rilasciato dichiarazioni sibilline per alimentare il cosiddetto “hype”.

Nello scorso marzo, quando Alan Wake aveva raggiunto le due milioni di copie vendute, il boss dei Remedy Oskari Häkkinen aveva definito il franchise come “molto vicino ai nostri cuori”, aggiungendo che “non lo abbandoneremo, non è una cosa che dimenticheremo così facilmente”. Pochi giorni dopo, sul sito ufficiale della software house era comparsa un’offerta di lavoro per partecipare allo sviluppo di un “progetto non annunciato destinato alle console della futura generazione”.