Categorie
Carlotta Ferlito Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo Vanessa Ferrari

Ginnastica, sabato torna la Coppa del Mondo! Tutto quel che dovete sapere…

Questo weekend torna la Coppa del Mondo di ginnastica artistica. A Stoccarda (Germania) appuntamento con la prima tappa (di quattro) del circuito internazionale: in palio la Deutscher Pokal e i consueti punti per la Sfera di Cristallo generale.

Si volerà poi a Glasgow (Scozia) il prossimo weekend. Ultime due tappe in programma nella prossima primavera: American Cup a Greensboro e Japan Cup a Tokyo.

 

Di seguito tutto quelle che dovete sapere sull’appuntamento di Stoccarda e sulla Coppa del Mondo in generale. Per un articolo più discorsivo sulle favorite, sull’analisi delle ragazze, sui pronostici e sulla presentazione delle azzurre in gara vi rimandiamo all’articolo di domani.

 

IL PROGRAMMA DI STOCCARDA:

Venerdì 29 Novembre: Qualificazioni dei concorsi a squadre (maschile e femminile)

Sabato 30 Novembre, ore 12.30: CONCORSO GENERALE INDIVIDUALE FEMMINILE

Sabato 30 Novembre, a seguire: Finale a Squadre maschile.

Domenica 1° Dicembre, ore 12.30: CONCORSO GENERALE INDIVIDUALE MASCHILE

Domenica 1° Dicembre, a seguire: Finale a Squadre femminile.

 

DOVE VEDERE LE GARE?

Non è prevista diretta televisiva in Italia. La FIG ha stretto degli accordi per distribuire in maniera più regolare la Coppa del Mondo, ma non sono ancora attivi nel 2013.

Sarà in diretta televisiva in Germania, ma difficile che si possa vedere nel nostro Paese. In caso di qualche eventuale streaming vi faremo sapere.

Il sito di riferimento della competizione è http://www.dtb-online.de. Da lì sarà possibile avere informazioni e dovrebbe essere attivo una diretta scritta della gara (in tedesco).

 

PARTECIPANTI A STOCCARDA (femminilie):

Carlotta Ferlito (Italia),

Vanessa Ferrari (Italia),

Ruby Harrold (Gran Bretagna),

Larisa Iordache (Romania),

Elizabeth Price (USA),

Elisabeth Seitz (Germania),

Giulia Steingruber (Svizzera),

Briannah Tsang (Canada).

 

PARTECIPANTI A STOCCARDA (maschile):

Marcel Nguyen (Germania),

Fabian Hambuechen (Germania),

Oleg Verniaev (Ucraina),

Daniel Purvis (Gran Bretagna),

Fabian Gonzalez (Spagna),

Andreas Toba,

John Orozco (USA),

Andrei Likhovitskiy (Bielorussia),

Yuya Kamoto (Giappone)

 

SQUADRE PARTECIPANTI A STOCCARDA (maschile): Austria, Brasile, Bulgaria, Cina, Francia, Gran Bretagna, Giappone, Russia, Svizera, Ucraina, USA

SQUADRE PARTECIPANTI A STOCCARDA (femminile): Austria Canada, Cina, Germania, Giappone, Paesi Bassi, Russia e Svizzera. Da annotare grandissime presenze a livello individuale per la russia: Aliya Mustafina, che ha deciso all’ultimo minuto di rinunciare alla gara AA per concentrarsi sul concorso a squadre, Tatiana Nabieva, Anna Rodionova ed Ekaterina Kramarenko.La Cina è capitanata da Huang Huidan.

 

REGOLAMENTO. A ciascun appuntamento partecipano otto ginnaste che gareggiano in un concorso generale individuale (all-around), al termine viene stilata una classifica. Alla vincitrice vanno 50 punti e poi si scala di cinque in cinque per ogni posizione (l’ottava ne prende 15).

CLASSIFICA FINALE. Ogni ginnasta somma i punti presi in ogni singola tappa a cui ha partecipato (i migliori tre risultati). Chi ne ha di più conquista la Sfera di Cristallo, il Trofeo Finale.

PREMI. Ricchissimi, molto più che a un Mondiale. Per saperne di più vi rimando ai prossimi articoli.

 

Categorie
Carlotta Ferlito Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo Vanessa Ferrari

Anversa 2013: gli ordini di rotazione e gli orari (seconda giornata)

Seconda giornata di qualificazioni ai Mondiali di ginnastica artistica. Tre suddivisioni al femminile per decretare quali saranno le finaliste nel concorso generale e nelle quattro specialità.

Questi gli ordini di rotazioni in programma e i relativi orari: si parte alle 13.30 per finire addirittura alle 20.30, senza un attimo di sosta. Per l’Italia, Carlotta Ferlito e Vanessa Ferrari.

Terza suddivisione: 13.30-15.30

Seconda suddivisione: 16.00-18.00

Terza suddivisione: 18.30-20.30

 

TERZA SUDDIVISIONE – Prima rotazione (ore 13.30)

Volteggio:

Valentine Sabatou (Francia)

Paula Plichta (Polonia)

Noel Van Klaveren (Paesi Bassi)

Laura Svilpaite (Lituania)

 

Parallele asimmetriche:

Yu Chun Chen (Taipei)

Mariana Sanchez (Costa Rica)

Tatiana Nabieva (Russia)

Simone Biles (USA)

Yan Yin Ng (Hong Kong)

 

Trave:

Wei Heem Lim (Singapore)

Carlotta Ferlito (Italia)

Marisa Dick (Trinidad & Tobago)

Ivet Rojas (Venezuela)

Barbora Mokosova (Slovacchia)

Ekaterina Kislinskaya (Portogallo)

Ilaria Kaeslin (Svizzera)

 

Corpo libero:

Aruna Budda Reddy (India)

Chunsong Shang (Cina)

Norma Robertsdottir (Islanda)

Emma Lunn (Irlanda)

Kristyna Palesova (Repubblica Ceca)

 

TERZA SUDDIVISIONE – Seconda rotazione (ore 14.00)

Volteggio:

Thi Ha Thanh Phan (Vietnam)

Chunsong Shang (Cina)

Norma Robertsdottir (Islanda)

Oksana Chusovitina (Uzbekistan)

Kristyna Palesova (Repubblica Ceca)

Rucha Divekar (India)

 

Parallele asimmetriche:

Valentine Sabatou (Francia)

Noel Van Klaveren (Paesi Bassi)

Laura Svilpaite (Lituania)

Ginna Escobar (Colombia)

 

Trave:

Marlana Sanchez (Costa Rica)

Tatiana Nabieva (Russia)

Simone Biles (USA)

Yan Yin Ng (Hong Kong)

Krystyna Sankova (Ucraina)

Yu Chun Chen (Taipei)

 

Corpo libero:

Carlotta Ferlito (Italia)

Marisa Dick (Trinidad & Tobago)

Ivet Rojas (Venezuela)

Barbora Mokosova (Slovacchia)

Ilaria Kaeslin (Svizzera)

Heem Wei Lim (Singapore)

 

TERZA SUDDIVISIONE – Terza rotazione (ore 14.30)

Volteggio:

Marisa Dick (Trinidad & Tobago)

Ivet Rojas (Venezuela)

Barbora Mokosova (Slovacchia)

Ilaria Kaeslin (Svizzera)

Heem Wei Lim (Singapore)

Carlotta Ferlito (Italia)

 

Parallele asimmetriche:

Chunsong Shang (Cina)

Norma Robertsdottir (Islanda)

Kristyna Palesova (Repubblica Ceca)

Vandita Raval (India)

 

Trave:

Paula Plichta (Polonia)

Noel Van Klaveren (Paesi Bassi)

Laura Svilpaite (Lituania)

Ginna Escobar (Colombia)

Valentine Sabatou (Francia)

 

Corpo libero:

Tatiana Nabieva (Russia)

Simone Biles (USA)

Yan Yin Ng (Hong Kong)

Krystyna Sankova (Ucraina)

Yu Chun Chen (Taipei)

Marlana Sanchez (Costa Rica)

 

TERZA SUDDIVISIONE – Quarta rotazione (ore 15.00)

Volteggio:

Simone Biles (USA)

Yan Yin Ng (Hong Kong)

Yu Chun Chen (Taipei)

Marlana Sanchez (Costa Rica)

Tatiana Nabieva (Russia)

 

Parallele asimmetriche:

Ivet Rojas (Venezuela)

Barbora Mokosova (Slovacchia)

Ekaterina Kislinsaya (Portogallo)

Ilaria Kaeslin (Svizzera)

Heem Wei Lim (Singapore)

Carlotta Ferlito (Italia)

Marisa Dick (Trinidad & Tobago)

 

Trave:

Norma Robertsdottir (Islanda)

Kristyna Palesova (Repubblica Ceca)

Vandita Raval (India)

Chunsong Shang (Cina)

 

Corpo libero:

Noel Van Klaveren (Paesi Bassi)

Laura Svilpaite (Lituania)

Valentine Sabatou (Francia)

Paula Plichta (Polonia)

 

QUARTA SUDDIVISONE – Prima rotazione (ore 16.00):

Volteggio:

Teja Belak (Slovenia)

Aruna Budda (India)

Roxana Popa (Spagna)

Daria Matveieva (Ucraina)

Noemi Makra (Ungheria)

Pauline Schaefer (Germania)

 

Parallele asimmetriche:

Larisa Iordache (Romania)

Vanessa Ferrari (Italia)

Natsumi Sasada (Giappone)

Elisa Haemmerle (Austria)

Daniele Hypolito (Brasile)

 

Trave:

Toni Williams (Giamaica)

Aliya Mustafina (Russia)

Nancy Taman (Egitto)

Claudia Cummins (Sudafrica)

Elisabeth Black (Canada)

Nicole Mawhinney (Irlanda)

 

Corpo libero:

Nicolette Lim (Singapore)

Ruby Harrodl (Gran Bretagna)

Agnes Suto (Islanda)

Zhanerke Duisek (Kazakhstan)

Matte Hulgaard (Danimarca)

McKayla Maroney (USA)

 

QUARTA SUDDIVISIONE – Seconda rotazione (ore 16.30):

Volteggio:

Ruby Harrold (Gran Bretagna)

Agnes Suto (Islanda)

Zhanerke Duisek (Kazakhstan)

Matte Hulgaard (Danimarca)

McKayla Maroney (USA)

Nicolette Lim (Singapore)

 

Parallele asimmetriche:

Teja Belak (Slovenia)

Dipa Karmakar (India)

Roxana Popa (Spagna)

Daria Matveieva (Ucraina)

Noemi Makra (Ungheria)

Pauline Schaefer (Germania)

 

Trave:

Vanessa Ferrari (Italia)

Natsumi Sasada (Giappone)

Elisa Haemmerle (Austria)

Daniele Hypolito (Brasile)

Larisa Iordache (Romania)

 

Corpo libero:

Aliya Mustafina (Russia)

Claudia Cummins (Sudafrica)

Elisabeth Black (Canada)

Nicole Mawhinney (Irlanda)

Toni Williams (Giamaica)

 

QUARTA SUDDIVISIONE – Terza rotazione (ore 17.00):

Volteggio:

Claudia Cummins (Sudafrica)

Elisabeth Black (Canada)

Nicole Mawhinney (Irlanda)

Toni Williams (Giamaica)

Aliya Mustafina (Russia)

 

Parallele asimmetriche:

Agnes Suto (Islanda)

Zhanerke Duisek (Kazakhstan)

Matte Hulgaard (Danimarca)

McKayla Maroney (USA)

Nicolette Lim (Singapore)

Ruby Harrold (Gran Bretagna)

 

Trave:

Rucha Divekar (India)

Roxana Popa (Spagna)

Daria Matveieva (Ucraina)

Noemi Makra (Ungheria)

Cagla Akyol (Germania)

Teja Belak (Slovenia)

 

Corpo libero:

Vanessa Ferrari (Italia)

Natsumi Sasada (Giappone)

Elisa Haemmerle (Austria)

Larisa Iordache (Romania)

 

QUARTA SUDDIVISIONE – Quarta rotazione (ore 17.30):

Volteggio:
Natsumi Sasada (Giappone)

Elisa Haemmerle (Austria)

Larisa Iordache (Romania)

Vanessa Ferrari (Italia)

 

Parallele asimmetriche:

Claudia Cummins (Sudafrica)

Elisabeth Black (Canada)

Nicole Mawhinney (Irlanda)

Toni Williams (Giamaica)

Aliya Mustafina (Russia)

 

Trave:

Zhanerke Duisek (Kazakhstan)

Matte Hulgaard (Danimarca)

McKayla Maroney (USA)

Nicolette Lim (Singapore)

Ruby Harrold (Gran Bretagna)

Agnes Suto (Islanda)

 

Corpo libero:

Roxana Popa (Spagna)

Daria Matveieva (Ucraina)

Noemi Makra (Ungheria)

Cagla Akyol (Germania)

Teja Belak (Slovenia)

Rucha Divekar (India)

 

 

QUINTA SUDDIVISIONE – Prima rotazione (ore 18.00)

Volteggio:

Yamilet Pena Abreu (Repubblica Dominicana)

Kirsten Beckett (Sudafrca)

Hiu Wong (Hong Kong)

Valentina Rashkova (Bulgaria)

Silvia Colussi (Spagna)

Vasiliki Millousi (Grecia)

 

Parallele asimmetriche:

Giulia Steingruber (Svizzera)

Angelina Kysla (Ucraina)

Ana Martins (Portogallo)

Asuka Teramoto (Giappone)

Chantysha Netteb (Paesi Bassi)

 

Trave:

Jasmin Mader (Austria)

Mathilde Kirk (Danimarca)

Dinoza Abdusalimova (Uzbekistan)

Gaelle Mys (Belgio)

Marta Pihan-Kulesza (Polonia)

Fadwa Mahmoud (Egitto)

Tinna Odinsdottir (Islanda)

 

Corpo libero:

Shaden Wohdan (Qatar)

Sandra Izbasa (Romania)

Rosanna Ojala (Finlandia)

Catalina Escobar (Colombia)

Hannah Whelan (Gran Bretagna)

Victoria Moors (Canada)

Dipa Karmakar (India)

 

QUINTA SUDDIVISIONE – Seconda (rotazione, ore 19.00)

Volteggio.
Rosanna Ojala (Finlandia)

Catalina Escobar (Colombia)

Victoria Moors (Canada)

Dipa Karmakar (India)

Shaden Wohdan (Qatar)

 

Parallele asimmetriche:

Kirsten Beckett (Sudafrca)

Valentina Rashkova (Bulgaria)

Silvia Colussi (Spagna)

Vasiliki Millousi (Grecia)

Yamilet Pena Abreu (Repubblica Dominicana)

 

Trave:

Giulia Steingruber (Svizzera)

Angelina Kysla (Ucraina)

Ana Martins (Portogallo)

Asuka Teramoto (Giappone)

Chantysha Netteb (Paesi Bassi)

 

Corpo libero:

Mathilde Kirk (Danimarca)

Dinoza Abdusalimova (Uzbekistan)

Gaelle Mys (Belgio)

Marta Pihan-Kulesza (Polonia)

Jasmin Mader (Austria)

 

QUINTA SUDDIVISIONE – Terza rotazione (ore 19.30):

Volteggio:

Dinoza Abdusalimova (Uzbekistan)

Gaelle Mys (Belgio)

Marta Pihan-Kulesza (Polonia)

Jasmin Mader (Austria)

Mathilde Kirk (Danimarca)

 

Parallele asimmetriche:

Rosanna Ojala (Finlandia)

Catalina Escobar (Colombia)

Rebecca Downie (Gran Bretagna)

Victoria Moors (Canada)

 

Trave:

Valentina Rashkova (Bulgaria)

Silvia Colussi (Spagna)

Vasiliki Millousi (Grecia)

Yamilet Pena Abreu (Repubblica Dominicana)

Kirsten Beckett (Sudafrica)

 

Corpo libero:

Angelina Kysla (Ucraina)

Ana Martins (Portogallo)

Asuka Teramoto (Giappone)

Chantysha Netteb (Paesi Bassi)

Giulia Steingruber (Svizzera)

 

QUINTA SUDDIVISIONE – Quarta rotazione (ore 20.00).

Volteggio:
Ana Martins (Portogallo)

Asuka Teramoto (Giappone)

Chantysha Netteb (Paesi Bassi)

Giulia Steingruber (Svizzera)

Angelina Kysla (Ucraina)

 

Parallele asimmetriche:

Gaelle Mys (Belgio)

Marta Pihan-Kulesza (Polonia)

Mai Ahmes Saad (Egitto)

Tinna Odinsdottir (Islanda)

Jasmin Mader (Austria)

Mathilde Kirk (Danimarca)

Dinoza Abdusalimova (Uzbekistan)

 

Trave:

Catalina Escobar (Colombia)

Rebecca Downie (Gran Bretagna)

Victoria Moors (Canada)

Dipa Karmakar (India)

Shaden Wohdan (Qatar)

Rosanna Ojala (Finlandia)

 

Trave:

Valentina Rashkova (Bulgaria)

Silvia Colussi (Spagna)

Vasiliki Millousi (Grecia)

Yamilet Pena Abreu (Repubblica Dominicana)

Kirsten Beckett (Sudafrica)

Categorie
Mondo Mondo dei Videogiochi Notizie Notizie dal Mondo Xbox One

Xbox One rinviata al 2014 in otto paesi

A conferma del rumor affiorato improvvisamente in rete nella giornata di ieri, Microsoft ha rinviato il lancio di Xbox One al 2014 in otto paesi.

Si tratta per la precisione di Russia, Belgio, Paesi Bassi, Svizzera, Svezia, Norvegia, Finlandia e Danimarca.

“Vogliamo assicurarci che i nostri utenti possano sperimentare con Xbox One la miglior esperienza dal primo giorno in cui la console sarà disponibile”, ha dichiarato un portavoce di Microsoft. “Per soddisfare la richiesta iniziale limiteremo il lancio di novembre a 13 paesi invece che ai 21 previsti in origine”.

“Xbox One verrà lanciata prima in USA, Canada, Messico, Brasile, Australia, Nuova Zelanda, Inghilterra, Francia, Germania, Spagna, Italia, Irlanda e Austria nel novembre del 2013. Il sistema sarà disponibile in altri mercati, compresi Russia, Belgio, Paesi Bassi, Svizzera, Svezia, Norvegia, Finlandia e Danimarca, a partire dal 2014”.

Per compensare l’attesa, Microsoft offrirà un gioco gratis a chi ha già preordinato la console nei paesi affetti dal ritardo.

“Siamo coscienti di come ciò sia una delusione per i nostri fan nei paesi citati. Per dimostrare quanto apprezziamo la loro pazienza, chi ha già prenotato l’edizione Xbox One Day One prima di oggi in questi paesi riceverà un gioco insieme alla console, a seconda della disponibilità”.

 

Categorie
2013 Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo

Ginnastica, cosa ci aspetta nei prossimi mesi? Il calendario!

Il mese di luglio è quello in cui le ginnaste staccano un attimo dagli allenamenti (non più di due settimane), per poi preparare al meglio il rush finale che porta all’appuntamento clou: i Mondiali di Anversa (30 settembre – 6 ottobre), dove non vedremo la competizione a squadre.

 

Ora le nostre eroine sono praticamente tutte tornate in palestra (o stanno per farlo) pronte ad affrontare le competizioni dei prossimi quattro mesi.

Le prime a tornare in pedana saranno le statunitensi, con il loro campionato nazionale: a Ferragosto ci sarà l’attesissimo P&G di Hartford (Connecticut) dove Martha Karolyi selezionerà la formazione che parteciperà alla rassegna iridata. Preceduto dal Classics in programma sabato.

L’Italia scoprirà le carte nell’incontro internazionale del 14 settembre contro la Germania. A Vigevano, Enrico Casella farà l’ultima valutazione prima di rendere noti i quattro fatidici nomi, aiutatoanche da quanto avrà visto durante il collegiale a Brescia (12-17 agosto).

Il calendario internazionale, però, prevede anche altri appuntamenti, utili proprio in preparazione al Mondiale.

 

Dopo il Mondiale il calendario, però, non si ferma e prevede i classici gala tra cui spicca il nostro Grand Prix in programma a Modena il 9 novembre. Il calendario italiano ha in serbo anche il campionato di serie C (dedicato alle allieve), i campionati di categoria e di specialità. Quello internazionale invece si concentrerà sulle prime due tappe della Coppa del Mondo 2013/2014: Stoccarda e Glasgow le sedi, come ormai da tradizione.

Ma per le juniores il clou della stagione sarà a dicembre con le Gymnasiadi!

Tutte, invece, dovranno puntare un occhio su quanto succederà alle varie riunioni della Federazione Internazionale: in ballo il futuro delle parallele asimmetriche (potrebbero essere alzate di 10 centimetri) e del sistema di qualificazione ai Giochi Olimpici.

 

Di seguito tutto il calendario dettagliato (internazionale e nazionale).

DATA

LOCALITA’

EVENTO

27 luglio

Chicago (USA)

US Classics

8-11 agosto San Juan (Portorico) Pan-American Senior Cup
15-18 agosto Hartford (USA) P&G USA Gymnastics Championship (Trials)
23-24 agosto Mogilev (Bielorussia) Scherbo Cup
31 agosto Alphen (Paesi Bassi) The Dutch Invitational
6-8 settembre Szombothely (Ungheria) Grand Prix di Ungheria
13-15 settembre Osijek (Croazia) Coppa del Mondo di specialità 2013 – Ultima tappa
14 settembre Vigevano (Italia) Incontro Internazionale Italia – Germania
30 settembre – 6 ottobre Anversa (Belgio) XLIV Campionati del Mondo
30 ottobre Morges (Svizzera) XXX Memorial Gander
1-3 novembre Liberec (Rep. Ceca) The Olympic Hope’s Cup
9 novembre Modena (Italia) Grand Prix
16-17 novembre Sedi varie Interregionali Serie C
20-21 novembre Symposium della Federazione Internazionale
23-24 novembre Mortara (Italia) Campionato Nazionale di categoria (maschile)
23-24 novembre Biella (Italia) Campionato Nazionale di categoria (femminile)
26-30 novembre Acapulco (Messico) III Abierto Mexicano
27 novembre – 4 dicembre Brasilia (Brasile) XV Gymnasiadi
30 novembre – 1° dicembre Stoccarda (Germania) Coppa del Mondo generale 2013/2014 – Prima tappa
30 novembre – 1° dicembre Jesolo (Italia) Finale Nazionale Serie C
7 dicembre Glasgow (Scozia) Coppa del Mondo generale 2013/2014 – II tappa
7-8 dicembre Civitavecchia (Italia) Campionato Nazionale di Specialità (maschile)
7-8 dicembre Mortara (Italia) Campionato Nazionale di Specialità (femminile)
Categorie
2013 Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo

Ginnastica, EYOF 2013: tutte le qualificate per le finali

Ieri pomeriggio una super Russia (parallele escluse) vinceva il concorso a squadre agli EYOF 2013. A Utrecht (Paesi Bassi) la competizione valeva anche come qualificazione per le finali individuali.

Ecco il quadro completo delle ragazze che rivedremo oggi pomeriggio (all-around, in diretta streaming sul sito ufficiale della competizione a partire dalle ore 17.00) e venerdì (finali di specialità).

 

Per quanto riguarda l’Italia: Tea Ugrin e Lara Mori entrano col decimo e undicesimo posto nell’all-around; al corpo libero la campionessa italiana è in ottava posizione, mentre è quarta alle parallele asimmetriche dove parteciperà insieme a Martina Rizzelli (quinta). La comasca parteciperà anche all’atto conclusivo del volteggio. Lara seconda riserva alla trave.

 

CONCORSO GENERALE INDIVIDUALE:

1.         Tyesha Mattis (Gran Bretagna)          54.700

2.         Maria Kharenkova (Russia)                54.600

3.         Laura Jurca (Romania)                       54.400

4.         Elissa Downie (Gran Bretagna)         54.300

5.         Louise Vanhille (Francia)                   54.200

6.         Maria Bondareva (Russia)                  53.850

7.         Kim Janas (Germania)                       53.450

8.         Emma Larsson (Svezia)                     53.200

9.         Claire Martin (Francia)                      53.150

10.       Lara Mori (Italia)                            52.950

11.        Tea Ugrin (Italia)                            52.950

12.       Eythora Thorsdottir (Paesi Bassi)      52.350

13.       Kim Singmuang (Svezia)                    52.300

14.       Dayana Hryhoryeva (Bielorussia)       51.850

15.       Berengere Fransolet (Belgio)              51.650

16.       Cindy Vandenhole (Belgio)                51.200

17.       Argyro Afrati (Grecia)                          51.150

18.       Leah Griesser (Germania)                  51.100

19.       Tutya Yilmaz (Turchia)                      51.050

20.       Yana Fedorova (Ucraina)                   50.300

21.       Dana De Groot (Paesi Bassi)             49.750

22.       Natalia Ros (Spagna)                          49.300

23.       Laura Gamell Villa (Spagna)              49.050

 

Martina Rizzelli (12esima, 52.900), la britannica Amy Tinkler (13esima, 52.450), la belga Rune Hermans (50.65, 22esima), la francese Laura Longueville (50.500, 23esima), la tedesca Nadja Schulze (49.750, 26esima) non potranno partecipare alla finale per la regola dei passaporti.

 

TRAVE:

1.         Maria Kharenkova (Russia)    15.050

2.         Maria Bondareva (Russia)      14.850

3.         Andreea Iridon (Romania)      14.550

4.         Kim Janas (Germania)             14.450

5.         Eythora Thorsdottir (Paesi Bassi)      14.150

6.         Claire Martin (Francia)            13.950

7.         Louise Vanhille (Francia)       13.900

9.         Tyesha Mattis (Gran Bretagna)          13.850

Lara Mori seconda riserva (13.600)

 

CORPO LIBERO:

1.         Maria Kharenkova (Russia)    13.850

2.         Kim Janas (Germania)            13.700

3.         Silvia Zarzu (Romania)          13.600

4.         Andreea Iridon (Romania)      13.550

5.         Amy Tinkler (Gran Bretagna) 13.400

6.         Mara Titarsolej (Paesi Bassi)  13.350

7          Emma Larsson (Svezia)          13.300

8.         Maria Bondareva (Russia)      13.200

8.         Tea Ugrin (Italia)                13.200

Martina Rizzelli seconda riserva (13.100)

 

PARALLELE ASIMMETRICHE:

1.         Louise Vanhille (Francia)                 13.600

1.         Victoria Kuzmina (Russia)                13.600

3.         Tyesha Mattis (Gran Bretagna)        13.400

4.         Tea Ugrin (Italia)                          13.300

5.         Martina Rizzelli (Italia)              13.250

6.         Elissa Downie (Gran Bretagna)         13.100

6.         Emma Larsson (Svezia)                      13.100

6.         Dayana Hryhoryeva (Bielorussia)     13.100

 

VOLTEGGIO:

1.         Elissa Downie (Gran Bretagna)         14.500 (media: 14.800 e 14.200)

2.         Tyesha Mattis (Gran Bretagna)        14.375 (media: 14.750 e 14.000)

3.         Laura Jurca (Romania)                     14.225 (media: 14.500 e 13.950)

4.         Emma Larsson (Svezia)                     13.950 (media: 14.150 e 13.750)

5.         Ana Derek (Croazia)                          13.950 (media: 14.000 e 13.900)

6.         Kim Janas (Germania)                      13.925 (media: 14.000 e 13.850)

7.         Martina Rizzelli (Italia)              13.850 (media: 13.900 e 13.800)

8.         Yana Fedorova (Ucraina)                   13.800 (media: 14.050 e 13.550)

 

Categorie
2013 Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo

Ginnastica, EYOF 2013: Italia, ecco gli orari e l’ordine di rotazione

Il grande giorno è arrivato per le nostre juniores, attese dall’uscita più importante della loro carriera. A Utrecht (Paesi Bassi) la campionessa italiana Tea Ugrin, Lara Mori e Martina Rizzelli saranno impegnate nel concorso a squadre degli EYOF, il Festival Olimpico della Gioventù Europea.

 

L’Italia è stata inserita in terza suddivisione, la stessa della Gran Bretagna con cui ci giocheremo una posizione sul podio, e gireranno insieme a un gruppo misto.

Le azzurrine inizieranno il loro percorso dalla trave alle 14.40. Si trasferiranno poi al corpo libero (alle 15.10), prima di presentarsi ai venticinque metri dove correranno verso la tavola del volteggio (ore 15.40). Le nostre tre ragazze chiuderanno le loro fatiche agli staggi (ore 16.10).

 

A quel punto, però, per scoprire di che colore sarà l’eventuale medaglia dovremo aspettare le 19.00 quando si concluderà la quarta suddivisione in cui è stata inserita la Russia. La Romania è invece in seconda suddivisione insieme alla Germania (ore 11.30), Francia e Spagna aprono la giornata (ore 9.50).

 

Ricordiamo che non sono previste delle dirette né in televisione né in streaming.

Categorie
2013 Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo

Ginnastica, ecco le convocate per l’EYOF!

Enrico Casella ha diramato le convocazioni per gli EYOF, Il Festival Olimpico della Gioventù Europea, in programma a Utecht (Paesi Bassi) la prossima settimana.

Tea Ugrin,

Martina Rizelli,

Lara Mori

I tre nomi di spicco che erano presenti al collegiale di questa settimana sono stati convocati.Vedremo quindi in scena la Campionessa Italiana (Ugrin), una favolosa volteur (Rizzelli) e il graditissimo rientro sul palcoscenico internazionale della Mori dopo l’operazione al ginocchio di questo inverno.

 

Al maschile già tutto deciso da tempo:

Nicola Bartolini,

Marco Sarrugerio,

Carlo Macchini.

 

Categorie
2013 Foto Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo

Ginnastica, Europei: le Top, i momenti migliori, i nostri premi

Si è conclusa ieri una grande settimana di ginnastica artistica. Gli Europei di Mosca vanno in archivio dopo cinque giorni di gara davvero intensi e spettacolari. Come di consueto, Olimpiazzurra analizza i momenti clou dell’evento, valuta le migliori ginnaste e dà le proprie pagelle. Queste le nostre promesse, i nostri premi, una riflessione finale e tanto altro. All’Italia dedicheremo un articolo specifico nella giornata di domani (e non solo).

 

Al primo posto Aliya Mustafina. L’unica atleta a conquistare due ori in questa rassegna. La russa lo ha fatto in casa, come si addice alle vere campionesse: vincere sul suolo natio è un onore reso solo alle numero 1 dello sport. L’impresa nel concorso generale individuale: indietro di un punto rispetto a Larisa Iordache a metà gara, quando tutto sembrava perduto, la tartara si inventava un numero d’alta classe e si rendeva semplicemente protagonista di una delle rimonte più belle della storia della ginnastica artistica moderna. Superlativa al volteggio e poi sugli staggi volava letteralmente verso l’oro.

Dopo due anni da quel bruttissimo infortunio al ginocchio durante gli Europei 2010, arriva la rivincita e un nuovo preziosissimo alloro da affiancare al Mondiale 2011 e al bronzo olimpico di Londra: Aliya è una delle più grandi (e vincenti) ginnaste degli ultimi dieci anni. A questo va aggiunto un meritato oro alle amate parallele: dopo la defezione della Grishina all’attrezzo è stato davvero un gioco da ragazze, un dominio imbarazzante sulle avversarie. Ciliegina sulla torta: la cortesia di lasciare il posto proprio alla Grishina nella finale al corpo libero. Non sappiamo se lo ha fatto per qualche acciacco (non stava benissimo) o proprio per “amicizia”, ma tant’è.

 

Al secondo posto Larisa Iordache. Lo rumena è la più medagliata della rassegna (ben quattro podi su cinque gare), ma anche la più sfortunata: conquista addirittura tre argenti. Nel generale si è fatta rimontare incredibilmente dalla Mustafina, al corpo libero si è inchinata di fronte alla grazia di Ksenia Afanaseva non confermando il titolo conquistato a Bruxelles 2012, al volteggio non è riuscita a contenere al super potenza della specialista Giulia Steingruber.

Per fortuna è arrivato il titolo alla trave: sui 10cm davvero non ha eguali nel Vecchio Continente e può seriamente lottare a livello mondiale. Lo scricciolo di Bucarest riscatta ampiamente la delusione per Londra (ma ricordiamo che era infortunata) e mette le basi per un nuovo rilancio su cui nessuno poteva avere dubbi: la sedicenne è un vero talento, uno dei più limpidi a livello planetario.

 

Al terzo posto la Russia. Semplicemente una forza della natura. Gareggiavano in casa e non erano ammesse figuracce. Un successione per una delle grandi Patrie della ginnastica artistica. Primo posto nel medagliere complessivo (10, 6 ori), primo posto in quello femminile (6, 3 ori), primo in quello maschile (4, 3 ori). Almeno un atleta sul podio in otto finali su dodiciconquistati entrambi i titoli individuali. Numeri da capogiro che parlano da soli. E dire che mancava Viktoria Komova, vicecampionessa olimpica… E pensare che non sono brillati agli anelli.

 

Il momento più bello. Indubbiamente la rimonta di Mustafina. Ma ne segnaliamo un altro davvero meritevole: la grande lotta nella finale agli anelli. Sei ragazzi racchiusi in soli 66 millesimi di punto: un vero spettacolo. Tre pari meriti, quattro atleti sul podio, argento non assegnato. Siamo certi che le statistiche se ne ricorderanno a lungo.

Il momento più brutto. L’uscita in barella di Gabrielle Jupp durante le qualificazioni. Un brutto infortunio. Speriamo si riprenda davvero presto: vogliamo rivedere la fortissima britannica alla prima occasione utile.

 

Premio sorpresa a Jonna Adlterg. Alzi la mano chi si aspettava una medaglia da questa semi-sconosciuta. Una svedesina sbucata fuori dal nulla faceva l’impresa alle parallele, conquistando un incredibile argento dietro a sua maestà Mustafina, ma davanti addirittura alla Paseka e alle britanniche, e portando a casa una delle medaglie meno prevedibili di tutta la rassegna. Fortunato chi ha scommesso su di lei. Stesso discorso per lo svizzero Lucas Fischer, sorprendente argento alle parallele pari.

Premio “comunicazione” allo streaming della Federazione Europea. Uno strumento che ha consentito davvero a TUTTI di vedere TUTTE le finali, senza pagare abbonamenti e canoni vari, con una qualità eccellente delle immagini, senza rilevanti ritardi nella trasmissione del segnale, con un audio coinvolgente. Senza dover dipendere dal ginepraio televisivo: sabato niente diretta per gli anelli di Morandi su RaiSport e domenica niente trave con impegnate Ferlito e Meneghini; su Eurosport niente diretta nella giornata di domenica e parziale in quella del sabato.

 

Applauso della settimana all’Olympiskiy. Avrà sì trentatré anni (costruito per le Olimpiadi 1980, quelle del famoso boicottaggio statunitense), ma il fascino è sempre immenso.

La nota stonata. La ginnastica artistica ha praticamente sempre convissuto con la regola dei passaporti (solo due connazionali in finale) per evitare che i podi si tingano di una sola bandiera. Ma è un vero peccato: l’Italia aveva qualificato quattro ginnaste alla finale alla trave (cioè l’intera formazione!), ne ha potute schierare solo due e non ha preso nemmeno una medaglia… Si potrebbe cambiare? Molto difficile. Ah, sia chiaro: ieri ha detto male al nostro Paese, ma sono cose che succedono molto spesso ad altre Nazioni.

 

LA RIFLESSIONE FINALE. Gli Europei di Mosca hanno chiuso il primo quadrimestre del 2013, un anno post olimpico che porta con sé molte difficoltà ed è sempre particolare da decifrare. Subentra un nuovo codice di punteggi, molte ginnaste prendono un periodo di stacco dalle gare e meditano sul loro futuro. Chi invece continua lo fa cercando di porre delle basi per il quadriennio appena iniziato che porta ai successivi Giochi Olimpici.

Non c’è da meravigliarsi se (al femminile, perché al maschile il livello è stato mostruoso) si è andati a medaglia con punteggi “normali”, se non si sono visti azzardi particolari in gara (al di là di un paio di movimenti che potrebbero entrare nel codice, ma ci torneremo sopra) e se lo stato di forma non era propriamente al top per tutte. Lo spettacolo c’è stato e possiamo esserne ben contenti; il bilancio è complessivamente positivo e l’Olympiskyi può chiudere soddisfatto i propri battenti.

Ora gli atleti hanno di fronte cinque mesi di fuoco per arrivare ben preparati all’appuntamento clou della stagione: i Mondiali di Anversa ad inizio ottobre. Ricordiamo che l’Italia passerà prima dai Giochi del Mediterraneo (Mersin, Turchia, 24 giugno – 3 luglio), senza dimenticare che le juniores avranno gli EYOF ad Utrecht (Paesi Bassi).

 

Questo è solo l’antipasto di una settimana in cui analizzeremo a fondo tutto quanto è emerso dall’evento in Russia: un bilancio sull’Italia (domani), il futuro del nostro Paese in base anche alle parole del nostro Direttore Tecnico Enrico Casella (mercoledì), tanto per iniziare. E sveleremo anche il nome del vincitore del concorso sui pronostici podio…

 

Categorie
2013 Carlotta Ferlito Foto Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo Storia

Ginnastica, Europei: tutti i podi e i medaglieri finali

Si è conclusa una grande settimana di ginnastica artistica a Mosca. Gli Europei di ginnastica artistica sono appena terminati. Di seguito tutti i podi della competizione, i piazzamenti degli italiani e i vari medaglieri finali. Mentre noi vi rimandiamo a domani e ai prossimi giorni per approfondire tutto quanto è emerso da questa rassegna continentale.

 

CONCORSO GENERALE INDIVIDUALE (femminile):

1.         Aliya Mustafina (Russia)

2.         Larisa Iordache (Romania)

3.         Anastasia Grishina (Russia)

7.         Elisa Meneghini (Italia)

11.        Giorgia Campana (Italia)

 

CONCORSO GENERALE INDIVIDUALE (maschile):

1.         David Belyavskiy (Russia)

2.         Max Whitlock (Gran Bretagna)

3.         Oleg Verniaiev (Ucraina)

13.       Ludovico Edalli (Italia)

17.       Paolo Principi (Italia)

 

CORPO LIBERO (femminile):

1.         Ksenia Afanaseva (Russia)

2.         Larisa Iordache (Romania)

3.         Diana Bulimar (Romania)

5.         Carlotta Ferlito (Italia)

 

TRAVE:

1.         Larisa Iordache (Romania)

2.         Diana Bulimar (Romania)

3.         Anastasia Grishina( Russia)

4.         Carlotta Ferlito (Italia)

7.         Elisa Meneghini (Italia)

 

VOLTEGGIO (femminile):

1.         Giulia Steingruber (Svizzera)

2.         Larisa Iordache (Romania)

2.         Noel Van Klaveren (Paesi Bassi)

 

PARALLELE ASIMMETRICHE:

1.         Aliya Mustafina (Russia)

2.         Jonna Adlerteg (Svezia)

3.         Maria Paseka (Russia)

5.         Giorgia Campana (Italia)

 

CORPO LIBERO (maschile):

1.         Max Whitlock (Gran Bretagna)

2.         Alexander Shatilov (Israele)

3.         Andrea Cingolani (Italia)

 

ANELLI:

1.         Samir Ait Said (Francia)

1.         Igor Radivilov (Ucraina)

3.         Matteo Morandi (Italia)

3.         Danny Pinheiro-Rodrigues (Francia)

 

CAVALLO CON MANIGLIE:

1.         Daniel Keatings (Gran Bretagna)

2.         Krisztian Berki (Ungheria)

3.         Max Whitlock (Gran Bretagna)

4.         Alberto Busnari (Italia)

 

VOLTEGGIO (maschile)

1.         Denis Ablyazin (Russia)

2.         Flavius Koczi (Romania)

3.         Artur Davtyan (Armenia)

 

SBARRA:

1.         Ermin Garibov (Russia)

2.         Sam Oldham (Gran Bretagna)

3.         Aliaksandr Tsarevich (Bielorussia)

 

PARALLELE PARI:

1.         Oleg Stepko (Ucraina)

2.         Lucas Fischer (Svizzera)

3.         David Belyavskiy (Russia)

 

MEDAGLIERE FEMMINILE:

1.         Russia             3 ori     0 argenti          3 bronzi           TOTALE: 6

2.         Romania          1 oro    4 argenti          1 bronzo          TOTALE: 6

3.         Svizzera          1 oro    0 argenti          0 bronzi           TOTALE: 1

4.         Paesi Bassi      0 ori     1 argento         0 bronzi           TOTALE: 1

4.         Svezia             0 ori     1 argento         0 bronzi           TOTALE: 1

 

MEDAGLIERE MASCHILE:

1.         Russia             3 ori     0 argenti          1 bronzo          TOTALE: 4

2.         Gran Bretagna 2 ori     2 argenti          1 bronzo          TOTALE: 5

3.         Ucraina           2 ori     0 argenti          1 bronzo          TOTALE: 3

4.         Francia            1 oro    0 argenti          1 bronzo          TOTALE: 2

5.         Israele             1 oro    0 argenti          0 bronzi           TOTALE: 1

6.         Ungheria         0 ori     1 argento         0 bronzi           TOTALE: 1

6.         Romania          0 ori     1 argento         0 bronzi           TOTALE: 1

6.         Svizzera          0 ori     1 argento         0 bronzi           TOTALE: 1

9.         Italia               0 ori    0 argenti        2 bronzi         TOTALE: 2

10.       Armenia          0 ori     0 argenti          1 bronzo          TOTALE: 1

10.       Bielorussia      0 ori     0 argenti          1 bronzo          TOTALE: 1

 

MEDAGLIERE COMPLESSIVO:

1.         Russia             6 oro    0 argenti          4 bronzi           TOTALE: 10

2.         Gran Bretagna 2 ori     2 argenti          1 bronzo          TOTALE: 5

3.         Ucraina           2 ori     0 argenti          1 bronzo          TOTALE: 3

4.         Romania         1 oro    5 argenti          1 bronzo          TOTALE: 7

5.         Svizzera          1 oro    1 argento         0 bronzi           TOTALE: 2

6.         Francia            1 oro    0 argenti          1 bronzo          TOTALE: 2

7.         Israele             1 oro    0 argenti          0 bronzi           TOTALE: 1

8.         Ungheria         0 ori     1 argento         0 bronzi           TOTALE: 1

8.         Paesi Bassi      0 ori     1 argento         0 bronzi           TOTALE: 1

8.         Svezia             0 ori     1 argento         0 bronzi           TOTALE: 1

11.        Italia               0 ori    0 argenti        2 bronzi         TOTALE: 2

12.       Armenia          0 ori     0 argenti          1 bronzo          TOTALE: 1

12.       Bielorussia      0 ori     0 argenti          1 bronzo          TOTALE: 1

 

PLURIMEDAGLIATE INDIVUALI (femminile):

1.         Aliya Mustafina (Russia)                    2 ori     0 argenti          0 bronzi           TOTALE: 2

2.         Larisa Iordache (Romania)                 1 oro    3 argenti          0 bronzi           TOTALE: 4

3.         Diana Bulimar (Romania)                   0 ori     1 argento         1 bronzo          TOTALE: 2

4.         Anastasia Grishina (Russia)                0 ori     0 argenti          2 bronzi           TOTALE: 2

 

PLURIMEDAGLIATI INDIVIDUALI (maschile):

1.         Max Whitlock (Gran Bretagna)          1 oro    1 argento         1 bronzo          TOTALE: 3

2.         David Belyavskyi (Russia)                  1 oro    0 argenti          1 bronzo          TOTALE: 2

 

Categorie
2013 Foto Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo Vanessa Ferrari

Ginnastica, Europei: sogno Cingolani! Che bronzo al corpo libero

Questo è un Cingolani spettacolare. Straordinario. Superlativo. E soprattutto sorprendente. Prevedere una medaglia al corpo libero una settimana fa non era certo una delle missioni più facili.Andrea, con una abnegazione totale, conquista un bronzo al quadrato magico toccando il punto più alto della sua giovanissima carriera alla prima vera finale importante.

 

Il ventiduenne si rende protagonista di una prestazione perfetta, senza delle sbavature di rilievo, con atterraggi dai salti stoppati nel migliore dei modi, mostrando una convinzione incredibile. L’emozione se l’è tenuta dentro di sé, e l’ha tirata fuori solo al termine dell’esercizio che gli ha consegnato 14.900 punti.

Due avvitamenti, poi flick più Thomas, due avvitamenti indietro e salto, avvitamento e mezzo indietro più un teso, poi ancora uno Tsukahara raccolto, una croce in verticale, e una chiusura con tre avvitamenti che ha messo la firma su una giornata di grazia.

Il marchigiano, fresco scudettato con Macerata e fidanzato con Vanessa Ferrari, è davvero maturato tantissimo, non solo dal punto di vista tecnico ma anche da quello mentale, il cui connubio è fondamentale per raggiungere grandi traguardi. Abbiamo trovato un giovane per il futuro, ne abbiamo avuto la conferma.

 

Certo si è sfruttata al meglio una giornata non eccellente degli avversari che hanno pasticciato parecchio e sono caduti. Il rumeno Koczi è caduto sul doppio carpio avanti, l’olandese Wammes ha sbagliato il Tabak Carpio, Oldham è finito pesantemente fuori pedana, Fahrig è caduto in prima diagonale. L’oro va parimerito al britannico Whitlock e all’israeliano Shatilov che si spingono fino a 15.333. Alexander è risultato migliore per esecuzione, ma non siamo all’Olimpiadi: qui le medaglie si possono giustamente condividere.

 

Questo il dettaglio di tutti i punteggi:

1.         Max Whitlock (Gran Bretagna)          15.333

2.         Alexander Shatilov (Israele)               15.333

3.         Andrea Cingolani (Italia)                    14.900

4.         Flavius Koczi (Romania)                   14.666

5.         David Belyavskiy (Russia)                 14.400

6.         Sam Oldham (Gran Bretagna)          14.400

7.         Matthias Fahrig (Germania)               13.733

8.         Jeffrey Wammes (Paesi Bassi)            13.666