Categorie
2013 Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo

Ginnastica, Universiadi 2013: che finali di specialità!

Giornata dedicata alle finali di specialità alle Universiadi 2013. A Kazan, Mustafina brilla ancora, anche se non al 100%: conquista le solite amate parallele con un eccellente 6.3 di D Score, poi prende un comunque buon argento alla trave ma manca al corpo libero.

Al quadrato magico sbaglia di tutto, esce due volte di pedana e non presenta diverse difficoltà: addirittura ultima (12.875)! Non può ambire alla terza medaglia di giornata, la quarta dopo il titolo all-around di ieri. Al corpo libero, dunque, l’oro va a Kseniia Afanaseva come largamente previsto, nonostante un paio di gravi errori (penalità 0.40).

La nordcoreana Jong Un Hong esibisce due ottimi volteggi per difficoltà e vince l’oro di specialità insieme proprio a Kseniia (a sorpresa e con ottime esecuzioni).

La trave è della cinese Zhang, non certamente una prima linea. Stecca la Dementeva, dopo una spettacolare qualifica.

 

Al maschile brillano i campioni olimpici: Zanetti agli anelli e Yang al volteggio. Kuksenkov, fresco del titolo generale, si prende il cavallo; Garibov le amate parallele. Stepko e Beliyavskiy vanno via senza ori!Paolo Principi, unico italiano in gara, chiude al settimo posto nella finale alla sbarra.

Dieci finali, solo Garibov e Afanaseva fanno doppietta.

 

Di seguito tutti i podi e i punteggi dettagliati:

VOLTEGGIO (femminile):

1.         Jong Un Hong (Corea del Nord)         15.125

2.         Kseniia Afanaseva (Russia)                15.125

3.         Maria Paseka (Russia)                        14.950

 

PARALLELE ASIMMETRICHE:

1.         Aliya Mustafina (Russia)                    15.200

2.         Tatiana Nabieva (Russia)                   14.525

3.         Lisa Hill (Germania)                          14.500

 

TRAVE:

1.         Yelinzi Zhang (Cina)                          15.150

2.         Aliya Mustafina (Russia)                    14.525

3.         Elisabeth Black (Canada)                   14.400

5.         Anna Dementeva (Russia)                 13.725

 

VOLTEGGIO (maschile):

1.         Hak Seon Yang (Corea del Sud)         15.787

2.         Denis Ablyazin (Russia)                     15.350

3.         Igor Radivilov (Ucraina)                    15.237

 

CORPO LIBERO (femminile):

1.         Kseniia Afanaseva (Russia)                14.350

2.         Elisabeth Black (Canada)                   13.750

3.         Elsa Garcia (Messico)                        13.750

 

CAVALLO CON MANIGLIE:

1.         Nikolai Kuksenkov (Russia)              15.050

2.         Daniel Corral (Messico)                      14.975

3.         Oleg Stepko (Ucraina)                       14.850

 

CORPO LIBERO (maschile):

1.         Ryohei Kato (Giappone)                    15.450

2.         Fabian Hambuechen (Germania)       15.275

3.         David Belyavskiy (Russia)                 15.250

 

ANELLI:

1.         Arthur Zanetti (Brasile)                      15.875

2.         Denis Ablyazin (Russia)                     15.550

3.         Igor Radivilov (Ucraina)                     15.525

 

PARALLELE PARI:

1.         Emin Garibov (Russia)                      15.875

2.         David Belyavskiy (Russia)                 15.625

3.         Oleg Verniaiev (Ucraina)                   15.575

 

SBARRA:

1.          Emin Garibov (Russia)                   16.025

2.          Yusuke Tanake (Giappone)           15.550

3.          Ryohei Kato (Giappone)                15.275

7.          Paolo Principi (Italia)                     14.575

 

Categorie
2013 Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo

Ginnastica, Universiadi 2013: i qualificati per le finali individuali

Ieri pomeriggio la Russia vinceva il concorso a squadre anche nel settore maschile dominando sempre più le Universiadi. Di seguito tutte le classifiche e i qualificati alle finali individuali: oggi pomeriggio il concorso generale, domani quelle di specialità.

 

CONCORSO GENERALE INDIVIDUALE:

1.         Oleg Verniaiev (Ucraina)       90.500

2.         Kato Ryohei (Giappone)        90.250

3.         Oleg Stepko (Ucraina)                        90.050

4.         David Belyavskiy (Russia)      89.750

5.         Nikolai Kuksenkov (Russia)  89.500

6.         Yusuke Tanaka (Giappone)   88.750

7.         Fabian Hambuechen (Germania)       88.300

8.         Artur Oyakawa (Brasile)        86.300

9.         Guillaume Augugliaro (Francia)         85.400

10.       Paolo Principi (Italia)             85.300

11.       Yang Zhang (Cina)                 85.300

12.       Cristian Bataga (Romania)      85.300

13.       Wentian Lu (Cina)                  84.700

14.       Paolo Ottavi (Italia)               84.650

15.       Gustavo Palma (Portogallo)   84.550

16.       Matthew Firth (Gran Bretagna)          84.550

17.       Francisco Barreto (Brasile)     84.250

18.       Kevin Rossi (Svizzera)                       84.150

19.       Kevin Antoniotti (Francia)     83.750

20.       Bence Talas (Ungheria)          83.200

21.       Sangwook Lee (Corea Sud)    83.200

22.       Andreas Bretscheinder (Germania)    83.100

23.       Simon Nuetzi (Svizzera)         83.050

24.       Minsoo Park (Corea Sud)       83.050

Il russo Nikita Ignatyev (sesto, 88.850), il giapponese Shogo Nonomura (nono, 87.650), l’italiano Ludovico Edalli (19esimo, 84.500), il cinese Leyang Zhang (21esimo, 84.200), l’ucraino Petro Pakhnyuk (23esimo, 84.050), il francese Kevin Antoniotti (25esimo, 83.300) non potranno partecipare alla finale per la regola dei passaporti.

 

CORPO LIBERO:

1.         Denis Ablyazin (Russia)         15.650

2.         David Belyavskiy (Russia)      15.300

3.         Fabian Hambuechen (Germania)       15.250

4.         Ryohei Kato (Giappone)        15.150

5.         Oleg Verniaiev (Ucraina)       15.100

6.         Yusuke Tanaka (Giappone)   15.050

7.         Michael Meier (Svizzera)        15.000

8.         Thomas Taranu (Germania)   15.000

Il russo Nikita Ignatyev (terzo, 15.100) non parteciperà alla finale per la regola dei passaporti.

 

VOLTEGGIO:

1.         Hak Seon Yang (Corea Sud)   15.525

2.         Denis Ablyazin (Russia)         15.375

3.         Igor Radivilov (Ucraina)         15.300

4.         Tomi Tuuha (Finlandia)         14.900

5.         Stanislav Valiyev (Kazakhstan)         14.850

6.         Marek Lyszczarz (Polonia)     14.800

7.         Viktor Kocherin (Kazakhstan)           14.800

8.         Hee Hoon Kim (Corea Sud)   14.725

 

SBARRA:

1.         Fabian Hambuechen (Germania)       15.500

2.         Emin Garibov (Russia)           15.300

3.         Yusuke Tanaka (Giappone)   15.200

4.         Ryohei Kato (Giappone)        15.150

5.         Arthus Oyakawa (Brasile)      15.100

6.         Maksym Semiankiv (Ucraina) 14.900

7.         David Vecsernyes (Ungheria) 14.750

8.         Paolo Principi (Italia)             14.700

 

ANELLI:

1.         Arthur Zanetti (Brasile)          15.900

2.         Denis Ablyazin (Russia)         15.700

3.         Chih Yu Chen (Taipei)                       15.550

4.         Nikita Ignatyev (Russia)         15.350

5.         Guanhua Wu (Cina)                15.300

6.         Igor Radivilov (Ucraina)         15.300

7.         Shogo Nonomura (Giappone)            15.200

8.         Thomas Taranu (Germania)   15.000

Il russo Nikolai Kuksenkov (ottavo, 15.050) non parteciperà alla finale per la regola dei passaporti.

 

CAVALLO CON MANIGLIE:

1.         Oleg Verniaiev (Ucraina)       15.650

2.         Oleg Stepko (Ucraina)                        15.500

3.         Nikolai Kuksenkov (Russia)  15.350

4.         Filip Ude (Croazia)                 15.250

5.         Emin Garibov (Russia)           15.100

6.         Pericles Fouro (Brasile)          15.100

7.         Daniel Corral (Messico)          15.050

8.         Shogo Nonomura (Giappone)            14.950

 

PARALLELE PARI:

1.         Oleg Verniaiev (Ucraina)       15.900

2.         Oleg Stepko (Ucraina)                        15.700

3.         Ryohei Kato (Giappone)        15.600

4.         David Belyavskiy (Russia)      15.550

5.         Andrei Muntean (Romania)    15.500

6.         Emin Garibov (Russia)           15.450

7.         Yusuke Tanaka (Giappone)   15.450

8.         Yang Zhang (Cina)                 15.350

Il russo Nikolai Kuksenkov (ottavo, 15.350) non potrà partecipare alla finale per la regola dei passaporti.

 

Categorie
2013 Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo

Ginnastica, Universiadi -4: il programma. Dove vedere le gare?

Ieri abbiamo presentato le Universiadi, la competizione multi sportiva che inizierà sabato 6 luglio. Vi abbiamo spiegato cosa siano, come si sviluppa la competizione e vi abbiamo nominato le grandi ginnaste che vi parteciperanno (cliccate qui per leggere l’articolo).

Oggi vi regaliamo il programma dettagliato della ginnastica artistica. Gli orari sono italiani, ricordandovi che a Kazan (Russia) sono due ore avanti a noi. Le gare saranno visibili su Eurosport (canali 211 e 212 della piattaforma Sky), ma dovrebbero essere trasmette anche in streaming sul canale Youtube a questo link. http://www.youtube.com/watch?v=X6L897FkwN8

 

DOMENICA 7 LUGLIO:

12.00   Concorso a squadre femminile – Prima Suddivisione (valido anche come qualifica individuale)

13.30   Concorso a squadre femminile – Seconda Suddivisione (valido come qualifica individuale)

16.00   Concorso a squadre femminile – Terza Suddivisione (valido anche come qualifica individuale)

17.30   Concorso a squadre femminile – Quarta Suddivisione (valido anche come qualifica individuale)

 

LUNEDÌ 8 LUGLIO:

08.00   Concorso a squadre maschile – Prima Suddivisione (valido anche come qualifica individuale)

09.40   Concorso a squadre maschile – Seconda Suddivisione (valido anche come qualifica individuale)

13.00   Concorso a squadre maschile – Terza Suddivisione (valido anche come qualifica individuale)

14.40   Concorso a squadre maschile – Quarta Suddivisione (valido anche come qualifica individuale)

16.20   Concorso a squadre maschile – Quinta Suddivisione (valido anche come qualifica individuale)

 

MARTEDÌ 9 LUGLIO:

13.00   Finale concorso generale individuale (femminile)

17.00   Finale concorso generale individuale (maschile)

 

MERCOLEDÌ 10 LUGLIO:

13.30   Finale parallele asimmetriche

13.30   Finale corpo libero (maschile)

13.30   Finale cavallo con maniglie

13.30   Finale volteggio (femminile)

13.30   Finale anelli

17.00   Finale volteggio (maschile)

17.00   Finale parallele pari

17.00   Finale sbarra

17.00   Finale trave

17.00   Finale corpo libero (femminile)

 

Categorie
2013 Carlotta Ferlito Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo Vanessa Ferrari

Ginnastica, Giochi del Mediterraneo -6: tutto il programma

I Giochi del Mediterraneo si avvicinano: mancano solo sei giorni! Il Coni ha annunciato la compagine azzurra che ci rappresenterà a Mersin, ma per quanto riguarda la ginnastica artistica siamo ancora in attesa dell’ufficialità della Federazione Ginnastica d’Italia.

Stando a quanto afferma il massimo organo sportivo italiano, le nostre due Nazionali saranno composte da:

Vanessa Ferrari, Giorgia Campana, Elisabetta Preziosa, Giulia Leni, Chiara Gandolfi al femminile;

Andrea Cingolani, Ludovico Edalli, Enrico Pozzo, Paolo Principi, Paolo Ottavi al maschile (già ufficializzata dalla FGI).

 

Questo il programma dettagliato dell’evento, precisando che le gare sono state slittate di due giorni rispetto al programma originario (su cui ci eravamo soffermati tre giorni fa). Le nostre delegazioni partiranno lunedì 17 giugno. Ricordiamo che gli orari pubblicati sono italiani, ma in Turchia sono avanti di un’ora rispetto all’Italia. Al momento non sappiamo ancora dirvi se ci saranno streaming o dirette televisive.

 

VENERDÌ 21 GIUGNO:

09.00   1° girone Prova a squadre – Donne (valido anche come qualificazione individuale)

12.00   2° girone Prova a squadre – Donne (valido anche come qualificazione individuale)

14.30   Finale Prova a squadre – Donne

 

SABATO 22 GIUGNO:

8.30     1° girone Prova a squadre – Uomini (valido anche come qualificazione individuale)

12.00   2° girone Prova a squadra – Uomini (valido anche come qualificazione individuale)

14.45   Finale Prova a squadre – Uomini

 

DOMENICA 23 GIUGNO:

09.00   1° girone Finale concorso generale – Donne

11.15   Finale concorso generale – Donne

14.30   1° girone Finale concorso generale – Uomini

17.15   Finale concorso generale – Uomini

 

LUNEDÌ 24 GIUGNO: Finali di Specialità

10.00   Corpo libero – Uomini

10.30   Volteggio – Donne

10.30   Cavallo con maniglie

11.00   Parallele asimmetriche

11.00   Anelli

13.00   Trave

13.00   Volteggio – Uomini

13.30   Corpo libero – Donne

13.30   Parallele pari

14.00   Sbarra

 

REGOLAMENTO. Ogni Nazione ha diritto a portare cinque atleti; quattro saliranno su ciascun attrezzo, ma solo i tre migliori punteggi verranno conteggiati ai fini della classifica finale. Il concorso a squadre è valido anche come qualificazione per i concorsi individuali: all’all-around accederanno i migliori 24 ginnastici; alle singole finali di specialità i migliori otto.

 

Categorie
2013 Carlotta Ferlito Foto Ginnastica Artistica Mondi Fantastici Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo Vanessa Ferrari

Ginnastica, Europei: gamba ragazze! Carlo e Mini per le medaglie

Ultima giornata di gare per gli Europei di ginnastica artistica. Cinque finali di specialità per abbassare il sipario su una bella rassegna continentale. All’Olympiskyi di Mosca si parte tra poche ore (11.30 italiane) e l’Italia si gioca due carte pesanti: Carlotta Ferlito ed Elisa Meneghini. Per provare a replicare le due favolose medaglie di ieri portate a casa da Andrea Cingolani e Matteo Morandi.

 

TRAVE (alle 12.10):

Carlotta Ferlito ci entra col terzo punteggio, Elisa Meneghini col quarto: l’Italia può sognare. Una medaglia sembra quasi certa, ma le insidie sono sempre dietro l’angolo. Possiamo riassumere tutto in una sola frase: la siciliana deve preoccuparsi solo di se stessa, la comasca prova l’impresa.

Per la diciottenne si presenta una ghiottissima occasione per replicare l’incredibile argento di Berlino 2011: le avversarie sono ridotte davvero all’osso, il suo personale stato di forma è eccellente e la sensazione è che l’esecuzione sui 10cm possa migliorare rispetto a quella di tre giorni fa dove non è stata precisa come sa fare. Se non sentirà la pressione e rimarrà concentrata potrebbe salire abbastanza agevolmente sul podio. Le diamo un 70% di possibilità per come stanno le cose al momento.

Si parla di un bronzo chiaramente perché immaginarsi qualcosa di più risulta davvero difficile. Il duo rumeno ha in mano le prime due posizioni: Larisa Iordache ha l’oro già al collo e dopo i due amari argenti nel generale (rimonta subita dalla Mustafina) e a volteggio, non vorrà farsi scappare questa opportunità; Diana Bulimar, se non commetterà evidenti errori, sarà seconda.

Individuiamo solo una concreta avversaria per Carlotta: un idolo di casa che porta il nome di Anastasia Grishina. La russa è rientrata in finale grazie alla rinuncia di Gabrielle Jupp: la britannica è uscita in barella durante le qualificazioni e ha dovuto alzare bandiera bianca. Il ripescaggio di Nastia potrebbe creare non pochi problemi, sia perché il suo esercizio di qualità sia perché gioca nella sua arena e bisogna sempre tenerne conto in fase di valutazioni… Un occhio anche all’altra britannica Harrold e all’ucraina Vasylieva, che può sempre riservare qualche sorpresa. Ma non allarmiamoci per niente. Fuori dai giochi la polacca Jurkowska.

 

E la Meneghini? L’anno scorso conquistò un bel bronzo nella rassegna continentale dedicata alle juniores. Sostanzialmente al debutto tra le grandi (Coppa del Mondo a Tokyo esclusa) la quindicenne si è molto ben comportata: straordinario settimo posto nel generale e questa qualifica alla finale di specialità (scelta da Enrico Casella dopo il pari merito con Giorgia Campana). Che sia anche lei un’avversaria di Ferlito? Sicuramente sulla carta ne ha le potenzialità, ma dipenderà da tanti fattori.Come prima cosa non dovrà sentire la tensione del momento, non sbilanciarsi troppo (il costale nel concorso generale va ricordato) e mostrare sicurezza nelle combinazioni. Nella speranza che venga valutata nella maniera migliore. Poi vedremo cosa succederà. Noi speriamo solo una cosa: che una medaglia si tinga d’azzurro…

Questo l’ordine in cui le ragazze saliranno sull’attrezzo: Harrold, Vasylieva, Bulimar, Ferlito, Meneghini, Grishina, Iordache, Jurkowska.

 

CORPO LIBERO (alle 13.30):

La finale che doveva essere di Vanessa Ferrari e che non sarà. Ci proverà Carlotta Ferlito a tenere alto l’orgoglio del nostro Paese col suo nuovo esercizio, ma sarà davvero difficilissima. La siciliana arriva col sesto punteggio e una serie di sbavature. Potrebbe avere nelle corde magari anche una quinta posizione, non di più (anche se la speranza è l’ultima a morire).

La russa Ksenia Afanaseva parte con tutti i favori del pronostico per conquistare l’oro, ma attenzione al colpo di coda di Larisa Iordache, campionessa in carica. La rumena sarà affaticata dello sforzo alla trave e la prestazione sui 10cm sarà fondamentale per capire quello che la sedicenne potrà dare solo mezzora dopo. La notizia del giorno, però, è l’assenza di Aliya Mustafina: la russa ha deciso di ritirarsi dalla finale per dare spazio alla connazionale Anastasia Grishina, forse più performante al momento sul quadrato magico. Potrebbe lottare con Diana Bulimar per un posto sul podio. Insidia Steingruber:chissà che non riesca in un miracolo sportivo dopo il meritatissimo oro di ieri al volteggio.

Ordine di salita all’attrezzo: Sankova, Grishina, Steingruber, Bulimar, Afanaseva, Popa Nedelcu, Iordache, Ferlito.

 

In programma anche le ultime tre finali maschili senza italiani in gara.

VOLTEGGIO (ore 11.30):

Ordine di salita all’attrezzo: Ablyazin, Ravilov, Davtyan, Verniaiev, Fahrig, Wammes, Laulumaa, Koczi.

PARALLELE PARI (ore 12.50):

Ordine di salita all’attrezzo: Muntean, Verniaiev, Belyavskiy, Stepko, Bucher, Nguyen, Garibov, Fischer.

SBARRA (ore 14.10):

Ordine di salita all’attrezzo: Tsarevich, Watson, Hambuechen, Garibov, Moznik, Likhovitskiy, Oldham, Shatilov.