Categorie
Ada Knight Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Emma Strauss Foto Luca Marino New York New York University Paul Lambert Peter Strauss

Aspetto di Emma Strauss

818629_QBZNLIC41W25I1DJPKOBO6DJ3PSNV5_pan-am_H100946_L

Paul Lambert non ci mise molto ad accettare il segreto di Peter . Peter adesso che aveva fatto capire a Paul come era difficile la sua questione . Lo guardo negli occhi e aveva ancora quello sguardo per accettare tutto – adesso ti faccio vedere il mio aspetto . Peter si trasformo davanti a lui in Emma e vide che era bellissima . Paul vide che Emma era una ragazza molto bella e carina – sei bellissima . Emma lo vide – grazie ma sei ci stai provando sono già fidanzata . Paul non ci voleva provare – lo so tesoro che non ci volevi provare , ma era un modo rapido per dirti che io sono fidanzata . Adesso ti voglio aiutare più che mai a togliere di mezzo Luca Marino . Emma aveva sentito la sua storia su quell’ evento successo un mese prima – che ne dici se chiamiamo Daniel Saintcall e Ada Knight . Almeno noi avremo più possibilità nel salvare le prossime vittime di Luca Marino . Emma aveva avuto una idea molto buona – vedo che anche se non sei più Peter Strauss vedo che siamo una buona compagnia . Facciamo una grande squadra . Adesso diamo inizio alla missione per togliere di mezzo una volta per tutte Luca Marino .

 

 

Categorie
Emma Strauss New York New York University Paul Lambert Peter Strauss

Peter Strauss dice il suo segreto a Paul Lambert

 

Tutti hanno dei segreti e tutti cercano di mantenerli ma adesso per colpa di Luca Marino , Peter aveva perso uno dei suoi segreti . Voleva passare il suo tempo li dentro la New York University come patologo forense . Nessuno doveva sapere dei suoi poteri ma per colpa di Luca il suo piano di mantenere il segreto sui suoi poteri era fallito miseramente . Peter era li nell’ obitorio e inizio a mettere tutto in ordine e poi inizio a curare le ferite sul braccio destro di Paul . Paul aveva visto come si era mosso Paul ed era troppo per lui . Peter prese delle bende e inizio a mettergliele intorno al braccio . Paul ci aveva pensato e ripensato nel modo in cui si era mosso e gli sembrava strana forte . Paul vide Peter allontanarsi da lui – tu non sei un uomo . Tu sei una donna . Ho detto bene . Peter si giro e sorrise a Paul – si hai ragione . Sono una donna . Il mio vero nome è Emma Strauss . Paul non capiva perché aveva quell’ aspetto e cosi si avvicino con calma verso di lei senza nessuna cattiva intenzione – posso sapere perché hai questo aspetto da uomo e non hai quello tuo reale . Emma non sapeva se dirlo oppure ma poi decise di farlo – I miei genitori Daniele e Daniela sono due agenti dell’ FBI . Quando aveva 9 anni e li ho visti fare il loro lavoro gli ho detto il mio piano . Cioè quello di essere un grande agente dell’ FBI . L’ unica cosa che hanno fatto e ridermi in faccia e dirmi che non ce la potevo fare . Dicevano che io non ci sarei mai riuscita . Dicevano che io ero inutile e che per quanto ci provavo non ci sarei mai riuscita ad entrare e farlo . Invece ce l’ ho fatta e anche li nessuno credeva mi . Mi guardavamo come tipo per dire “ togliti di mezzo . Ritirati . Questo non è il posto adatto a te “ . Cosi alla fine ho deciso di fare una cosa avere un aspetto maschile e poi alla fine far vedere a tutti che ero io Peter Strauss . Dovevi vedere che faccia hanno fatto tutti . Nessuno ci credevano che tutti quei casi erano stati risolti da me . Paul era li vicino a Emma e non capiva perché gli stava dicendo tutto questo – perché mi stai dicendo la tua storia ? . Emma era li con lo sguardo verso di lui e vedeva che aveva quello sguardo pronto a comprendere tutto anche questo evento che stava succedendo – vedo che i tuoi occhi sono ricolmi di fede . Non sei come le altre persone che non credeva a quello che dicevo io . I tuoi dicono che tu credi a tutto quello che dico io e per questo che te lo sto dicendo . Paul si mise su una sedia – per te sarà stato molto difficile stare cosi e sopratutto passare da un corpo a un altro . Ci sarà voluto una grande fiducia in se stessi . Passare da un corpo a un altro ti poteva far avere un grande esaurimento e sopratutto non poteva distinguere tra il vero te e Peter Strauss . Emma aveva scelto la persona giusta per dire tutto questo – vedo che ho trovato la persona giusta per essere accettata . E stato difficile visto che se non stavo attento potevo perdermi per sempre . Se sbagliavo potevo perdere il mio vero io e restare cosi . Ma mano male che questo lo facevo solo una volta e poi facevo vedere il mio vero aspetto a tutti . Certo alcuni erano arrabbiati per essere stati messi in tronco da una ragazza . Però tutti pensavano che i casi che risolvevo li avevo causato io per avere del lavoro da fare . E per questo che ho studiato e sono diventato medico legale . Paul sapeva che era stato difficile visto che era stata accusata da tutti i suoi colleghi di aver ucciso queste persone . Lo pensavano perché solo lei era stata capace di risolvere quei casi in poco tempo . Paul accetto Emma Strauss per quello che era – adesso ci sono io . Se mi fidavo di te quando pensavo che tu eri Peter Strauss mi fido di te anche quando mi farai vedere il tuo vero aspetto Emma .

 

Categorie
Ada Knight Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Foto Galleria Galleria Foto

Motive – They Made Me a Criminal

Quando muore una donna per annegamento non significa che non può essere stata uccisa . C’ era una festa su uno yacht e questa bellissima donna muore per annegamento . Nessuno capisce come una cosi bella donna può essere morta per tale motivo .Uno pensa che solo perchè sei cosi bella o che hai tutto dalla vita , non hai nessuna voglia di morire . Pensano che chi ha tutto sta bene se hai i soldi , anche se hai perso un genitore pensano che tu non possa soffrire e che tu sia felice perchè hai davvero molti soldi . Angie e il Sergente Cross iniziano a capire perchè lo abbia fatto e scoprono che è stata uccisa e poi si arriva a una cosa che nessuno si aspetta e che nessuno sospetta .

 

Categorie
Anna Conte Daniela Ferrari Francesco Rossi Jade Black New York New York University Patologa Forense The District

Anna Conte esamina il corpo di Alessia Olivieri

 

Quando tornarono all’ obitorio li c’ era anche la Patologa Forense Jade Black , 28 anni , capelli neri e alcuni volte di un altro colore e molto bella . Jade era li pronta a vedere il cadavere . Anna si avvicino a lei con calma – siamo venuti per vedere il cadavere . Se sei venuta qui per impedirci di scoprire se chi sappiamo noi e coinvolto ti congelo . Anna mise paura a tutti quanti visto che lo disse con una tale freddezza nel cuore . Non aveva fatto vedere nessuna emozione sul suo viso . Jade si avvicino a Roberta – che brutto scherzo questo . Non potevi dire ad Anna che venivo pure io a vedere il cadavere . Roberta si mise a ridere e poi disse – tu l’ altra volta mi hai lasciata con un cadavere che a un certo punto si è rianimato e mi toccato i seni . Questo era il mio modo per fartela pagare . Anna strinse la mano a Jade – scusami per quello che è successo . Non ti volevo minacciare , ma non sapevo se eri qui per darci una mano oppure dare un punto a Daniela e cosi non farla finire in carcere . Jade decise di accettare le scuse di Anna e disse – perché vuoi controllare il corpo ? . Roberta decise di far parlare Anna visto che tra loro due si capivano alla grande – Allora so che qualcuno ha spinto la testa di Alessia dentro la schermo del computer e voglio vedere se sulla sua testa ci possono delle abrasioni o dei segni che possono indicare questa cosa . Sulla testa non so se si potevano vedere queste cose ma se si poteva fare era un vero miracolo e un modo unico e diretto per sbattere dentro Daniela Ferrari nella BlackStorm Prison . Anna decise di unire le forze con Jade anche se erano partite con il piede giusto – ti serve aiuto per vedere questa cosa . Io non sono come Roberta o come Francesco che non sopportano l’ odore dei cadaveri . Prima che venissi tu , ho visto il cadavere di Chiara e ho scoperto che è stata spinta due volte prima di finire in piscina . Jade vide che aveva trovata una persona esperta ma non solo del campo delle indagini ma anche nel campo delle medicina forense . Jade doveva fare l’ autopsia e diede ad Anna una tunica per vedere questa cosa . Prese la lampada che era anche una lente e dietro a molti capelli vide quello che diceva Anna . Li c’ erano delle impronte digitali di entrami le mani di una donna . Jade fece cenno ad Anna di prendere la sua macchina fotografica che era li su quel tavolo operatorio vuoto . Jade gli spiego in pochi minuti come fare una foto e scatto una foto li sulla fronte di Alessia . Grazie alla grande tecnologia che abbiamo li possiamo dire subito che si tratta di Daniela Ferrari oppure no . Jade aveva una domanda sul cadavere di Chiara – hai fatto delle foto pure sul petto di Chiara oppure no . Anna non poteva dire di se visto che non aveva una macchina fotografica – no , non le ho fatte visto che non ho una buona macchina fotografica . Jade era calma e sapeva che Anna era solo una ragazzina e cosi non ci fece molto peso visto che se lo faceva prima o dopo poteva andare – visto che adesso hai in mano la mia macchina fotografica fa queste foto e poi da a me la macchina fotografica e cosi le mando alla base e cosi abbiamo delle prove per mettere in un posto dove Daniela non potrà usare i suoi poteri e farti del male . Anna era contenta di questa cosa , non voleva morire . Fece le due foto con calma e poi diede la macchina fotografica in mano a Jade – quindi pure tu provieni da un altro tempo . L’ho capito dai vostri vestiti , dal telefonino di Roberta e dalla tua macchina fotografica . Me lo potete dire non dirò niente a nessuno . Jade decise di dirlo ad Anna visto che adesso era una loro collega che la aiutava al caso . Prima di farlo vide se Roberta era d’ accordo oppure no e gli fece cenno di se – si noi proveniamo dal futuro , non ti posso dire altro . Ma ti posso dire che siamo venuti per non fermare Daniela Ferrari una volta per tutte e cosi tu e nessun altro morite per mano suo .

 

 

Categorie
Anna Conte Daniela Dr . Laura Rossi Francesco Rossi New York New York University

Anna Conte

 

Anna Conte 19 anni , originaria di New York , capelli rossi lunghi e bellissimi . Anna voleva diventare una patologa forense visto che quando vide il corpo della madre morta non vomito e non fece niente , ma rimase fredda e molto calma . Anna capiva da quell’ evento che quello era il suo destino e per questo decise di farlo . Non decise di farlo altro , visto che non voleva vedere i cadaveri saccheggiati . Anna quando vide il corpo della madre si avvicino a lei e anche se non doveva farlo , chiuse i suoi occhi e tutti videro che la ragazzina non era debole , ma era molto forte e che poteva diventare una patologa forense visto che aveva avuto la calma e la freddezza di andare vicino al corpo e di non vomitare per niente al mondo . Tutti capirono che lei era forte visto che un poliziotto che era alle prime armi avrebbe vomitato una volta visto un corpo e invece Anna non lo aveva fatto . Tutti pensavano che era strano e che aveva un problema , ma non era cosi . Lo era sempre stata cosi , anche quando vedeva un film di Horror non si spaventa , anzi rimaneva più calma di tutte le altre persone . Nel futuro Anna riusci a superare tutto questo e ad andare alla New York University . Quando trovarono i corpi senza vita di Aurora Neri , Chiara Sergi e Alessia Olivieri lei capì come erano morti . Anna capi che qualcosa non andava e decise di fare tutto il possibile per capirlo visto che tutte puntavano a un sospettato cioè Francesco . Daniela sapeva che non era stato lui , ma lei e cosi decise di fare una cosa che non voleva fare e sarebbe uccidere Anna . Anna non era fredda senza alcun motivo , ma perché era una persona che controllava il ghiaccio . Quando Daniela arrivo a a lei , sapeva che lei voleva fare qualcosa e si chiuse dentro una bolla di ghiaccio . Anna sopportava il freddo perché aveva capito che non doveva temere il ghiaccio , ma doveva possederlo e cosi poteva dominarlo e usarlo contro gli altri .

– Se mi devi dire qualcosa , me la dici mentre sono qui dentro . Daniela aveva visto che non aveva nessuna paura di lei visto che tutta la sua pelle era toccata dal ghiaccio ma non soffriva il freddo . Daniela decise di alzare le temperature con il suo telefonino e la sfera di ghiaccio si sciolse . Adesso erano faccia a faccia e nessuno poteva fare niente visto che Francesco era li per vedere cosa stava succedendo . Francesco vide se stava bene oppure Anna – Stai bene . Oppure Daniela ti ha fatto male . Anna e Francesco erano in combutta e adesso avevano capito in che modo era coinvolta Daniela in questi omicidi . Francesco andò verso di lei e con la sua espressione di furia – tu le hai uccise solo per stare con me . Quello che stai facendo , mi sta facendo sempre allontanare da te . Adesso siamo molto lontani e non ci puoi fare niente . Daniela si arrabbio e decise per il momento di non fare niente visto che non voleva fare del male a Francesco . Appena se ne andarono , dentro la palestra scoppio tutta la sua rabbia . Le porte iniziarono a sbattere sempre più forte e ogni volta che sbattevano era più forte l’ impatto e poi si ruppero le finestre . Poi si distrusse le misure di sicurezza per spegnere le fiamme dentro la palestra . Inizio a piovere proprio su Daniela e lei divento ancora di più una furia e si ruppe l’ allarme visto che adesso dentro la sua mente stava usando il suo potere al massimo . L’ allarme stava scattando in tutta la scuola e poi decise di andarsene nel suo alloggio a calmarsi . Se prima era solo un po’ arrabbiata , adesso era in una grande furia ceca e nessuno si avvicinava a lei . Daniela si mise dei vestiti puliti e cerco di trovare quella stronza che le aveva fatto fare una brutta figura di merda . Daniela la trovo in palestra e questa volta se ne sarebbe fregata se c’ era qualcuno oppure no . Daniela vide che in palestra non c’ era nessuno apparte lei . Gli occhi di Daniela erano colmi di rabbia e si poteva vedere una grande scarica elettrica nei suoi occhi , come se tutta l’ energia fosse scoppiata da un momento all’altro . Le porte si chiusero dietro di lei e adesso era in uno stato di trance e colpi con una grande scarica elettrica il cuore di Anna . Anna era morta con un solo colpo e Daniela diede un calcio al suo stomaco . Anna prima di morire aveva dato delle prove a Francesco – Daniela e una pazza omicida . Queste sono le prove di tutte le cose brutte che ha fatto . Se sei in pericolo oppure una persona a te cara sta per morire , usale e cosi puoi avere una vita lontana da qui e forse avere un futuro . Anna era morta , ma adesso ava dato a Francesco un modo per restare vivo e fu grazie a quelli che salvo Laura sua moglie .

 

 

Categorie
Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Dominatrice di Poteri Dottoressa Amelia Neri Dr Alyssa Saintcall Foto

Aspetto della Dottoressa Amelia Neri

La Dottoressa Amelia Neri ha un aspetto davvero molto bello e mi piace davvero molto e adesso vi faccio vedere il suo bello aspetto e spero che come sia piaciuto a me e a mia sorella Alyssa e a tutte le persone che l’ hanno conosciuta .

Claudia-Pandolfi-656x437

Categorie
Cornelia de Angelis Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Patologa Forense Paura Tecnologie Telefonini

Imparo da Cornelia de Angelis a distruggere le paura dei bambini

Cornelia de Angelis era bravissima a distruggere le paure dei bambini e dei ragazzi più grandi . Entrava dentro di loro e li liberava dalle loro paure , cosi da farli parlare con noi e fare in modo che noi potessimo fare il nostro lavoro e cosi mettere in carcere dei mostri che fanno del male a dei bambini o ai ragazzini . Ero deciso ed entra da Cornelia de Angelis e lei mi venne incontro e disse – che posso fare per Daniel ? , io le dissi – mi devi aiutare , voglio imparare a distruggere le paure che sono dentro la gente e le impediscono di parlare . Mi puoi aiutare ? .

Cornelia mi chiese – Perché ? , io la guardai negli occhi e le dissi – metti un attimo che sono uno dei miei viaggi e io devo far coraggio a un bambino che è stato violentato . Lo posso far parlare la e fare in modo di sconfiggere un mostro senza sentimenti . Che ne dici di darmi una mano . Cornelia ci penso e disse – Ok , se ti serve per aiutare i bambini allora si ti aiuto . Cornelia chiuse un attimo il reparto e si tolse il camice e io le diedi la mano e cosi copia la sua capacita e lei mi disse – prova con me e ti aiuto passo dopo passo . Io misi le mani sulle spalle di Cornelia de Angelis e mi concentrai ed entrai dentro di lei e io misi a cercare la sua paura e vidi che vicino alla zona dove lei aveva paura dei cani ce ne erano un sacco . Io allora feci comparire la mia spada e liberai quella zona e alla fine io tornai da lei e lei disse – Daniel che paura mi hai tolto ? e io le dissi – non te lo dico , lo dovrai scoprire da sola . Quando torno a casa e vide un cane , lei non aveva più paura dei cani e mi lascio un messaggio sul mio telefonino – grazie per avermi tolto la paura verso i cani e io risposi – non c’ e di che e grazie a te che mi hai insegnato questa capacità .

Categorie
Cornelia de Angelis Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Patologa Forense Universing Universo

Cornelia de Angelis

Cornelia de Angelis 28 anni , una donna davvero molto bella e carina e piace a tutti i bambini . I capelli di Cornelia sono castano rosso , un fisico atletico e lei è bravissima come patologa forense , possiamo dire che è la migliore nell’ Universing e alcune volte io e lei non andiamo d’ accordo perché vuole essere lei a dire come è morto la vittima e non io che dico ad Ada Knight e gli altri agenti come è morto il cadavere o se ce ne sono più . Mi ricordo di quando quella ragazzina d cinque anni e morta per colpa di uno stupro , appena io dissi a loro prima di Cornelia mi guardo storto e poi mi si avvicino e disse – smettila di soffiarmi il mestiere . Sono io la patologa forense , tu sei un detective e quindi fallo , ma smettila di fare il mio lavoro . Io in quella occasione dissi a lei – Va bene , Cornelia ma calmati noi dobbiamo risolvere un crimine e non fare in modo per colpa di questo piccolo battibecco un mostro se la cava . Quindi che ne dici se facciamo finta che questa cosa non è successa e tu puoi capire se ci sono o no , tracce di sperma sul cadere vi questo piccolo angioletto morto e io invece cerco di scoprire qualcosa su di lei .

Cornelia era molto protettiva e se qualcuno entrava nel suo campo di azione e le voleva togliere il lavoro , lei faceva di tutto per tenere quel caso . Non ho mai conosciuto un patologo forense più ossessionata di lei , era davvero molto testarda e doveva fare di tutto per capire come è morta la persona che era sul suo tavolo operatorio . Cornelia era anche molto sociale e cordiale e se doveva parlare con una ragazzina , lei non so come faceva o in che modo agiva ma in cinque minuti lei li conquistava e subito iniziavano a parlare con lei . Cornelia aveva visitato davvero molti bambini e alcune volte e ragazze e che fossero sotto shock lei li faceva scogliere e riusciva a far quello che andava fatto per fare in modo che loro parlassero . Una volta ci ho provato , mi ero messo dietro la porta e con l’ occhio della fenice volevo vedere come faceva . Ma non so in che modo ma lei capì che io ero li , apri la porta e mi disse – non mi piace essere osservata da dietro e se vuoi capire come faccio scogliere i bambini che vengono da me .Invece di stare dietro questa porta e vedere da dietro , entra e vedi . Io dissi a Cornelia – mi dispiace non volevo spiarti , ma tu per me sei un mistero e hai questo mistero modo di far parlare i ragazzi di tutte le età e io volevo capire come facevi .

Io alla fine entrai e capì come faceva Cornelia , cioè entrava dentro di lei e in qualche modo particolare e distruggeva dall’ interno quel senso di paura che hanno e fare in modo che non dissero niente perché hanno troppa paura di dire una cosa . Lei entrava dentro la loro mente e cercava come un detective la loro paura e poi con la spada della luce distruggeva i loro peccati . Questa cosa era abbastanza pericolosa e se non veniva fatta con calma e con attenzione la persona che faceva tale cosa o la persona a cui veniva fatta poteva morire oppure in casi davvero molto rari uno si poteva prendere la paura che aveva la persona che stava provando a curare .