Categorie
Cinema Film Foto Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

Big Sur: nuovo trailer e foto del dramma tratto da Jack Kerouac

Disponibili online un nuovo trailer e una manciata di  immagini per l’adattamento di Michael Polish. Il film si svolge nei primi anni ‘60 dopo il successo di Kerouac con On the Road e racconta la lotta dell’autore contro l’alcolismo e la depressione.

La visione di On the road non mi ha lasciato particolarmente colpito, ma questo nuovo adattamento tratto da Kerouac sembra aver colto l’atmosfera giusta e la performance di Jean-Marc Barr nei panni dello scrittore sembra davvero promettente, senza contare il solido cast di supporto che include Kate Bosworth, Josh Lucas, Anthony Edwards, Radha Mitchell, Stana Katic e Patrick Fischler.

La trama di Big Sur:

Impossibilitato a far fronte ad un pubblico di lettori sempre più esigente e per combattere l’alcolismo che lo affligge ormai da anni, Jack Kerouac chiede tregua e si rifugia per un breve periodo in un cottage a Big Sur, tre giorni che porteranno alla luce il suo deterioramento fisico e mentale.

L’incipit del romanzo:

La chiesa sta facendo squillare con le campane una malinconica Kathleen spazzata dal vento nei quartieri miserabili del vizio, mentre io mi sveglio tutto mesto e inebetito, gemebondo dopo l’ennesima sbornia e gemebondo soprattutto perché ho rovinato il mio “ritorno segreto” a San Francisco ubriacandomi stupidamente mentre mi nascondevo nei vicoli con i vagabondi per poi marciare fino a North Beach e farmi vedere da tutti benché Lorenz Monsanto ed io ci fossimo scambiati lettere interminabili e avessimo stabilito che sarei arrivato di nascosto, che lo avrei chiamato al telefono servendomi di un nome in codice come Adam Yulch o Lalagy Pulvertaft (scrittori anche loro) e poi lui segretamente mi avrebbe portato in macchina alla sua capanna nei boschi di Big Sur dove sarei rimasto solo e indisturbato per sei settimane, limitandomi a spaccar legna, attingere acqua, scrivere, dormire, vagabondare, eccetera eccetera… Ma invece non ti salto dentro alticcio nella sua libreria City Lights mentre più ferve il lavoro del sabato sera? E tutti mi hanno riconosciuto (sebbene portassi il mio quasi-mascheramento: cappello e giacca da pescatore, calzoni impermeabili) e tutto è finito con una gran sbronza in ogni famoso bar il “Re dei Beatniks” accidenti a lui è di nuovo in città e offre da bere a tutti…

Se volete vedere il trailer di Big Sur : http://www.cineblog.it/post/107107/big-sur-nuovo-trailer-e-foto-del-dramma-tratto-da-jack-kerouac

 

Categorie
2013 Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

Cani Sciolti: recensione in anteprima del film con Mark Wahlberg e Denzel Washington

Denzel Washington e Mark Wahlberg sono in formissima in Cani Sciolti, il film d’azione cheapre il Festival di Locarno 2013 e che è da pochi giorni uscito negli States. Basato sulla graphic novel di Steven Grant, è un buddy cop movie che ogni tanto sa di anni 80 e che funziona soprattutto grazie ai suoi due protagonisti, coppia di spacconi che trascina la pellicola.

Per una volta il titolo italiano non è così idiota come può sembrare a prima vista. Perché gli agenti interpretati da Washington e Wahlberg sono davvero due “cani sciolti”. Prima in missione in incognito, poi abbandonati da tutti in un marasma in cui DEA, Marines, CIA e cartelli della droga sono tutti contro tutti…

Durante gli ultimi 12 mesi, l’agente della DEA Bobby Trench (Washington) e l’ufficiale dell’Intelligence della Marina degli Stati Uniti, Marcus Stigman (Wahlberg), hanno lavorato fianco a fianco in incognito come membri di una gang di trafficanti di droga. Ma sono diffidenti l’uno verso l’altro proprio come lo sono nei confronti dei criminali che sono tenuti a smascherare ed arrestare: perché nessuno sa la vera identità dell’altro.

Quando il loro tentativo di infiltrarsi in un cartello di droga messicano con il conseguente recupero di milioni di dollari va in fumo, Trench e Stigman vengono immediatamente sconfessati dai loro superiori. Ora che tutti li vorrebbero o in carcere o morti, possono contare soltanto l’uno sull’altro…

Un tempo Baltasar Kormákur, regista islandese qui alla sua terza prova americana (la seconda assieme a Wahlberg dopo Contraband), era considerato una delle giovani promesse del cinema europeo. Poi Hollywood l’ha chiamato e la critica ne ha preso subito le distanze: e infatti le sue prove americane mostrano i suoi limiti rispetto ai lavori in patria.

Però c’è da dire che con Cani Sciolti, scritto da Blake Masters (ideatore di Brotherhood e Law & Order: Los Angeles), azzecca finalmente una prova piuttosto onesta che come unico scopo ha quello di intrattenere lo spettatore. E, nel suo piccolo, il film riesce a non insultare mai lo spettatore, divertendo a sufficienza grazie a riuscite scene d’azione e ad una sceneggiatura più brillante del previsto per quel che riguarda il reparto dialoghi.

Ci sono almeno un paio di sequenze che valgono il prezzo del biglietto: un inseguimento in macchina fra i due protagonisti (con tanto di boss tenuto in ostaggio in uno dei bauli), e una caccia all’uomo in un appartamento con tanto di cecchino. Nulla di eccezionale, per carità: ma almeno la professionalità c’è. Anche perché le cosette che mettono il sorriso non sono poche.

La storia è ricca di twist e sorprese, tanti quanto bastano per far sì che Washington e Wahlberg portino a casa due ottime prove fisiche e con sfumature da commedia a tratti molto efficaci. Wahlberg poi, tutto “occhiolino alle ragazze” e gomma perennemente in bocca, è sinceramente irresistibile. I due protagonisti non si prendono mai sul serio, e così fa il film stesso: è qui cheCani Sciolti trova la sua giusta dimensione.

E se la prova dei due protagonisti supera alla grande l’esame, sono supportati da un cast secondario che fa il proprio dovere con altrettanta ironia. Bill Paxton è un folle e “cattivissimo” agente della CIA disposto a tutto pur di ritrovare i suoi soldi rubati in banca, mentre un’intrigantePaula Patton dà la giusta carica sexy alla pellicola. E non pare un caso che Edward James Olmos (qui Papi Greco) lo rivedremo in Machete Kills

C’è anche da dire che Cani Sciolti si regge bene per un’oretta. Poi sceneggiatura e regia iniziano un po’ a deragliare, non mantenendo lo standard di divertimento onesto e “corretto” che ci era stato offerto in precedenza. Tutto sembra un po’ andare all’aria verso la fine: ma a questo punto è meglio la caciara della seconda parte di Cani Sciolti che quella di In Trance, per capirci. Tra poco del film ce ne scorderemo, vero: ma attenzione al probabile sequel…

Voto di Gabriele: 6

Cani sciolti (2 Guns, USA 2013, azione 109′) di Baltasar Kormákur; con Mark Wahlberg, Denzel Washington, Paula Patton, Bill Paxton, James Marsden, Fred Ward, Edward James Olmos, Robert John Burke, Patrick Fischler, Tenaj L. Jackson, Evie Thompson, Lucky Johnson.Qui il trailer italianoUscita in sala il 24 ottobre 2013.