Categorie
2013 Mondo Mondo dei Videogiochi Notizie Notizie dal Mondo Pc Videogiochi Wiiu

Shadow of the Eternals: Precursor Games spiega perché ha bloccato la raccolta fondi

Poche ore fa i Precursor Games hanno momentaneamente interrotto la raccolta fondi per il loro attesissimo survival horror Shadow of the Eternals, seguito “più che spirituale” di Eternal Darkness, gioco di culto uscito su GameCube.

Molti hanno visto questa cosa come una mossa per salvarsi la faccia: i fondi raccolti su Kickstarter e in parallelo sul sito ufficiale del gioco erano ben distanti da raggiungere gli obiettivi prefissati dalla software house. Il CEO Paul Caporicci ha spiegato dalle pagine di Polygon che non è assolutamente questo il caso:

«A causa del grande supporto che abbiamo ricevuto nel corso della campagna, sono affiorate nuove ed emozionanti opportunità per rendere il gioco addirittura migliore di quel che speravamo. Il miglior modo per integrare queste opportunità è di interrompere temporaneamente la raccolta fondi di Shadow of the Eternals sia su Kickstarter che sulla nostra pagina ufficiale. Presto condivideremo con voi e con la community i dettagli, appena queste opportunità saranno divenute certe»

Caporicci non ha voluto chiarire quali sarebbero queste “interessanti opportunità”, ma ha promesso di fornire tutti i dettagli entro qualche settimana. Così sui due piedi potrebbe venirci in mente che il gioco possa passare da essere indipendente a venire prodotto da un publisher importante, che ha intravisto le potenzialità del progetto. Questa ipotesi, però, non sarebbe compatibile con il fatto che la sospensione della raccolta fondi è stata definita “temporanea”. Ma d’altra parte, anche quest’ultima dichiarazione potrebbe essere solo una sorta di depistaggio in attesa che un’eventuale acquisizione da parte di una “major” dell’industria videoludica si concretizzi o meno.

Messo davanti al fatto che la raccolta fondi stava andando piuttosto male, Caporicci ha poi continuato con argomentazioni che ci sembrano piuttosto vaghe e contraddittorie:

«In realtà abbiamo visto un grandissimo supporto da parte della nostra community, e ciò si è dimostrato uno delle nostre risorse più importanti. È grazie a questo supporto che ci è stata data la possibilità di rendere migliore questo gioco, meglio di quel che avevamo immaginato all’inizio. Abbiamo già raccolto una tonnellata di feedback dai nostri fan e crediamo che la nostra abilità di soddisfare e superare le loro aspettative sia cruciale per il futuro della raccolta fondi e per il successo finale del gioco»

Quindi una raccolta fondi che andava oggettivamente male è stata sospesa per motivi ignoti, ma al tempo stesso il supporto della community è stato “grandissimo” (allora perché così poca gente ha sborsato soldi?). Per ricapitolare, i Precursor Games avevano lanciato la raccolta fondi prima sul loro sito ufficiale, lo scorso 6 maggio, chiedendo 1,5 milioni di dollari per il primo capitolo della serie episodica. Il 13 maggio, poi, era stata lanciata anche la campagna su Kickstarter, dove l’obiettivo era invece di 1 milione e 350mila dollari. Prima dell’interruzione delle due campagne, poche ore fa, gli obiettivi erano lontanissimi: su Kickstarter, ad esempio, si erano raccolti solo 128.000 dollari, meno di un decimo del richiesto.

In ogni caso, continuiamo a sperare che questo gioco si farà, e che avrà il budget più ampio possibile: stiamo parlando del seguito di uno fra i migliori giochi della sua generazione, una vera e propria pietra miliare per ogni possessore della console cubica targata Nintendo. Ricoridamo che Eternal Darkness: Sanity’s Requiem era un gioco ispirato ai racconti di H.P. Lovecraft, un titolo che mescolava elementi di azione, avventura e survival horror. Uscì nel 2002 in esclusiva GameCube.

Non riusciamo, sinceramente, a capire come le due raccolte fondi parallele per Shadow of the Eternals possano essere andate così male. Almeno finora…

Il primo episodio di Shadow of the Eternals dovrebbe vedere la luce nel 2014 su PC e Wii U. Versioni per le altre console non sono confermate ma nemmeno escluse a priori dallo sviluppatore.