Curiosità su Jennifer Avery

Jennifer Avery per tutta la sua vita ha pensato di avere un solo potere visto che lei si era concentrata solo sul potere della natura. Invece lei ha due potere e il secondo la sta facendo vivere per molto tempo e lo ha saputo solo quando ci siamo incontrati nel 2013 dopo che Poison Ivy mi ha parlato di lei. Io deciso di andare da lei per capire di più di questi poteri, non dico che Poison Ivy non mi ha messo sulla strada buona per usare questi poteri per l’utilizzo che ci voglio fare io, ma volevo capire cosa altro potevo fare con questi poteri e forse lei mi poteva dare una mano che Poison Ivy e nessuno mi poteva dare. Per salvare le piante e per salvare la Foresta di Nibel nel 2017 io dovevo imparare a capire tutti i poteri della natura che potevo fare e quindi andai da lei per capire cosa potevo fare e come usarli per salvare un piccolo parco o rendere un pianeta un posto distrutto, rigoglioso e fantastico e con tantissime piante che sono li per far crescere frutti. Io e Jennifer Avery ci siamo incontrati due volte, la prima volta nel 2014 per darle una mano con la faccenda di Erin Miller e cosi loro due potevano diventare una famiglia cioè sorelle. Io le ho portato nell’ Universing per fare le carte da presentare a un giudice e cosi loro due potevano diventare una famiglia anche se tra loro non c’ era nessun legame di parentela. La seconda volta nel 2013 io sono andato da lei dopo essermi finito di allenare con Poison Ivy e sono andato nel Parco della Vittoria e l’ ho trovata li che stava seduta sull’ altalena e si faceva dondolare dal vento e ogni tanto guardava quello che succedeva attorno a lei. Io mi misi vicino a lei senza fare troppo rumore e mentre mi facevo dondolare iniziai a parlare con – so che tu hai allenato Poison Ivy. Io sono Daniel Saintcall e vorrei essere allenato da te. Jennifer Avery fermo la sua altalene e mi inizio a guardare dall’ alto verso il basso per capire se io potessi essere il figlio di Helena Saintcall e guardo i miei occhi che erano rossi come il fuoco – cosi tu sei il figlio di Alukard e di Helena e vuoi che io ti insegni a controllare il potere della natura. Io fermai la mia altalena e la guardai con una faccia sera, attorno a noi l’ aria era divenuta cosi fredda che li si poteva capire in un momento che tutto poteva in una maniera orribile in pochi minuti. Io scesi e mi misi davanti a lei – allora mi dai una mano a controllare questo potere ? . Jennifer scese dalla sua altalena con tanta grazia e calma – si ma a una condizione ?. Io ero li fermo a sentire questa condizione visto che volevo a tutti i costi controllare tale potere visto che nel futuro mi serve. Jennifer Avery aveva compiuto da poco 21 anni e pure era rimasta con tale altezza e con tale bellezza e adesso voleva sapere da me se lei ha un altro potere oppure no. Ci mise pochi minuti a chiedermelo e lo fece senza pensarci due volte visto che lei lo voleva sapere da quando aveva 19 anni  – vorrei sapere se io ho un altro potere oppure no ? .  Io decisi di darle subito quella risposta, usai gli occhi della fenice su di lei e vidi un aria verde molto grande ed era dentro tutte le sue vene. Usando gli occhi della fenice vidi che il potere pompava dal suo cuore forte e grande a tutte le sue vene e pure dentro il suo cervello. Dopo pochi minuti la guardai in faccia – si tu hai un altro potere e pompa dentro di te anche adesso mentre stiamo parlando. Jennifer Avery voleva sapere di che potere stavo parlando e mentre stavamo andando vicino a un bar, lei si mise vicino a me – di che potere stiamo parlando ? . Io lo sapevo già di che potere si trattava e lo avevo saputo dopo un rapido esame alla mia scuola. Una dottoressa mi aveva visitato usando la sua abilità oculare e vide che il potere della rigenerazione cellulare accelerata pompava dentro i miei due cuori e dentro tutti i miei organi. Io senza girarci intorno lo dissi subito a Jennifer Avery – tu hai il potere della rigenerazione cellulare accelerata e secondo me proviene dalla parte paterna cioè da tuo padre o da tua madre. Jennifer aveva visto che io ero in gamba e che sapevo cosa fare e come usare i miei poteri e dopo aver bevuto un aranciata – va bene ti alleno nel controllare tale potere ma dovrai fare dico io. Io provavo a fare come dicono gli altri ma ogni tanto senza che loro mi guardavano io provavo a fare cose uniche e che potevano essere pericolose per me e per gli altri. Lo facevo perchè ogni tanto quando dormivo mi svegliavo e in qualche maniera avevo delle tattiche che erano andate perdute nel tempo e nello spazio e io non sapevo come mai ma le avevo dentro la mia mente.

Venere da un nuovo potere a Pandora

533t (1)

Pandora stava andando a osservare da lontano la dea Atena per capire cosa faceva ; dove andava e sopratutto se faceva qualcosa di molto oscuro nel suo tempio oppure no . Ma Venere la fermo di nuovo e Pandora quando la vide davanti a se – perché adesso non andiamo a vedere cosa fa Atena per capire un po più su di lei e su quello che fa nella Antica Grecia . Venere era li ferma davanti a Pandora – no ; perché adesso ti devo dare un nuovo potere e serve a capire se noi l abbiamo persa oppure no . Se l abbiamo persa io da lontano ti posso dire dove e se si trova dietro di te e se cerca di ucciderti . Pandora decise di restare li ferma e far fare a Venere quelli che doveva fare senza nessun problema . Venere si avvicino a Pandora ; cin calma e senza nessuna fretta mise la mano destra sulla fronte di Pandora e poi gli diede il potere di leggere la mente delle persone . Venere lo fece in pochi minuti . Pandora dopo cinque minuti senti quello che stava pensando ” Pandora ha delle bellissime guance ; vorrei andare da lei e toccargliele ” . Pandora guardo Venere – so che vuoi toccare le mie guance ; ti permetto di farlo visto che sei mia zia . Venere era già vicino a Pandora e tiro un po le guance di Pandora . Una volta toccate vide che erano le più belli e delicate che aveva mai visto . Poi Pandora dopo cinque minuti senti moltissimi pensieri ; alcuni erano belli e altri erano bruttissimo e molto cattivi .

Serena aiuta Raina

 

Eva aveva portata Serena nel suo alloggio e aveva chiuso la porta a chiave dopo essere entrata . Prese la chiave e se la mise in mano e cosi non poteva far uscire Serena . Serena voleva sapere perché era qui – perché sono qui dentro ? . Eva vide che Serena era agitata e mentre si mise la chiave nella sua cintura che era vicino alla vita – lo saprai presto Serena . Un uomo busso alla porta e aveva portato per Serena un vestito che era un corpetto e poi un costume davvero molto oscuro e li c’ era una frusta . Eva una volta prese in mano queste cose , le mise in mano a Serena e disse – metti queste cose addosso e non fare scherzi oppure questa frusta la utilizzo su di te . Serena vide che li c’ era un piccolo siparietto dove mettersi li . Inizio a mettersi nuda e poi con calma inizio a mettersi quella roba e faceva con calma visto che stava pensando a un piano per salvare Raina e per salvare Eric e Diana . Serena vide che Eva adesso lei era impazzente e decise di andare a vedere cosa stava facendo Serena . Vide che non si era ancora messa la parte di sopra e alla fine decise di fare a modo suo . Prese il corpetto glielo mise addosso e poi glielo mise in modo molto stretto e gli stava facendo mancare l’ aria e i suoi pensiero si fermarono . Eva la prese per i capelli e disse – smetti di pensare ai tuoi amici , non li puoi salvare e non puoi salvare nemmeno te . Adesso te lo metto meno stretto e prova a fare qualcosa e io utilizzo questa frusta non solo per darti qualche frustata ma anche per toglierti le ultime quantità di ossigeno . Eva glielo mise meno stretto e poi che Serena era bellissima con quel costume . Serena anche se aveva poco fiato penso a cosa fare e riusci a trovare un modo perfetto per dire a Raina tutto quanto . Raina era in manette e fu portata dentro un grande spazio e li vide Serena con quel vestito e poi quando l’ abbraccio , il suo abbraccio su respinto da un colpo in faccia . Serena vide Raina scappare dentro questo grande campo che era stato messo a uso per lei . Serena la andò a prendere e poi le diede un pugno nello stomaco e poi disse – Raina mi dispiace per questo che ti sto facendo ma lo devo fare oppure noi due moriamo . Io ho fatto un piano e sarebbe che tu mi dirai delle false informazioni ma dopo un sacco di ore di tortura e cosi poi ti porto a casa di Eric e Diana e poi li dirai tutto a loro e cosi tu potrai aiutarli a prepararsi all’ assalto dei Figli della Notte . Serena la diede un pugno in pieno volto e poi un pugno nello stomaco e le fece perdere un po’ di sangue . Serena dovette continuare per ore e alla fine Raina disse tutto ai Figli della Notte ma non era la verità ma visto che aveva sofferto per tante ore capirono che era la verità – Vi dirò tutto quello che so . Raina aveva la faccia coperta di lividi e dalla bocca gli usciva del sangue e disse – Eric e Diana stanno cercando di far passare un Druido dalla nostra parte . Cercano di condizionarlo e cosi noi possiamo avere una possibilità di sconfiggerli . Ma non vi ho potuto dirlo subito perché si sono nascosti e mi avevano detto di non dirlo , perché non sapevano se ci sarebbero riusciti oppure no . Eva Strong e gli altri non sapevano se Raina diceva la verità oppure no e alla fine scese andò nel campo e col il suo dito incise sul petto di Raina il numero 7 . Eva disse al suo orecchio – ti conviene che questa sia la verità oppure non solo Eric e Diana moriranno ma pure tu . Serena invece aveva mostrato la sua vera natura li dentro e Eva la vide – lascia andare questa natura che hai fatto vedere oggi e potresti avere un grande futuro e forse non essere solo un invocatrice ma anche una Figlia della Notte . Serena ci doveva pensare e prima di lasciarla andare , fu fermata da Eva – tu non la curi , ma la porti cosi ridotta a casa di Eric e Diana e poi lei dirà a loro che noi andiamo a casa loro tra sette giorni e se questa puttana di amica ci ha detto una bugia , lei morirà insieme a loro e se invece stai dalla loro parte allora pure tu muori ma se stai con noi allora li potrai uccidere con le tue mani .

 

Daphne Strange decise di uccidersi

Dopo che L’ Ombra aveva fatto calmare un po’ Daphne visto che erano tutti e due sul lettino abbracciati l’ uno all’ altro visto che era molto triste . Le sue grandi lacrime stavano andando sul lettino che era sulla destra ed era vicino al lettino dove la Dottoressa Amelia Neri stava dormendo . Non sentiva il suo pianto visto che era nel suo sonno profondo e per questo era meglio cosi un modo per dormire e non sentire niente . Dopo essersi alzata dal lettino decise di andare in un posto dove poteva trovare pace e cosi pensare sul suo futuro ma non solo per il suo ma anche quello degli altri . Anche se L’ Ombra gli aveva detto che non era colpa sua del fatto che era stata manipolata e del fatto che aveva rapito quelle ragazzine indifese . La sua mente non la pensava cosi visto che secondo lei era stata colpa sua se le ragazze erano state rapite . Daphne era cosi che la pensava cosi visto che per colpa sua le ragazzine erano state rapite e adesso non sapeva cosa fare visto che aveva fatto del male ma solo poco ma adesso aveva fatto rapimento . Era stata manipolata visto che per quello che le era successo durante tutta la sua infanzia e la sua adolescenza . Durante la sua vita aveva visto un sacco di cose e per colpa di questa situazione lei aveva una mente debole visto che agli altri dava l’ impressione di essere forte . Daphne rubava soltanto e non voleva fare troppo male alle persone ma adesso lo aveva fatto a 12 ragazzine che non avevano fatto niente di male . Daphne dopo che se ne era andato dall’ Infermeria visto che voleva stare da sola visto che voleva andare in un posto dove pensare con calma . Una volta messe a camminare inizio a farlo dentro i corridoio e poi trovo una stanza vuota e aveva visto che li non ci doveva stare nessun studente . Non era una stanza ma un soggiorno visto che gli studenti una volta entrati in quella scuola ci poteva stare li per parlare con gli altri e fare molte altre cose . Si mise li seduta su un bel divano a sentire i suoi pensieri sul fatto di cosa fare in quella brutta situazione . Daphne aveva le mani tra i suoi bellissimi capelli bianchi e cercava di capire cosa fare visto che era in una situazione molto complessa . Aveva rapito delle ragazzine in uno stato di manipolazione e se non lo ricordava per niente e per tutto questa situazione la sua mente era piena di oscurità . Una volta che era seduta sul divano con le gambe accavalcate e non più con le mani non più dentro i suoi capelli bianchi visto che poco dopo capì cosa fare . Non voleva scappare ma voleva fare un ‘ altra cosa secondo lei avrebbe facilitato il compito all’ Ombra , alla Guerriera Oscura e alla Pistolera Oscura cioè uccidersi . Una volta presa questa decisione torno in infermeria con passi lenti e senza fare nessun rumore prese un po’ di morphina . Amelia teneva la morfina dentro una teca di vetro e se c’ era qualcuno che poteva scassinarla quella era Daphne . Una volta presa i suoi ferri del mestiere cioè i ferri con il quale ha rubato in un sacco di casa e li inizio ad aprire la teca di vetro e poi prese una siringa che era sempre dentro la teca di vetro che non era molto lontano dalla morphina . Amelia aveva messo cosi per facilitare il suo compito se aveva bisogno di utilizzarla se i suoi poteri di guarigione non funzionavano . Daphne mise l’ ago dentro la fiala di morphina che aveva preso dalla teca di vetro che era davanti al letto dove lei prima era stesa da sola e non con L’ Ombra . Una volta presa un po’ ma la giusta quantità per morire visto che secondo lei non meritava di vivere visto che aveva fatto tanto male a delle ragazzine . Una volta che la siringa era piena di tutta la morphina se la inietto nel cuore , si fece un po’ male ma alla fine secondo lei era la giusta decisione non solo per lei ma anche per tutti quanti gli altri . Secondo lei era l’ unico modo per avere più pesi e cosi non aveva più il peso di quelle 12 ragazzine dentro la sua mente . Da quando l’ Ombra glielo aveva detto non aveva dormito un solo momento e non aveva smesso di pensare a quella cosa visto che secondo lei morire era l’ unica possibilità per non avere più pesi nella sua vita e cosi stare in pace non solo con lei ma anche con il mondo . 

Chiedo a Valentina Nora di allenarmi nel leggere la mente

Visto che mancava poco tempo nel funerale di Serena Rafferty e cosi decisi di andare da una persona che mi poteva aiutare a controllare il mio potere di leggere la mente . La lettura del pensiero era bello ma non mi stava piacendo poi cosi tanto visto che il mio potere di leggere il pensiero non lo controllava e se non lo controllava la cosa mi poteva andare molto male . Per controllare decisi di andare da una persona che sapeva farlo alla grande cioè Valentina Nora che era in gamba e quindi lei mi poteva aiutare a leggere la mente delle persone . Valentina Nora era in biblioteca a studiare , una persona sapeva che io non la riuscivo a trovare e una persona di cui non mi volle dire il nome per il momento ma sapevo chi era cioè un certo Roberto Auditore e sapeva che io ero nei guai e sapeva che io ero il Dominatore di Poteri visto che aveva letto i miei pensieri come se fosse niente e aveva visto la mia memoria e cosi capì che io provenivo da Maraxus e visto che io ero il bene e cosi lui decise di aiutarmi . Roberto mi disse in modo telepatico in modo molto forte e ben preciso – Valentina Nora si trova in biblioteca . Io anche se la testa mi stava scoppiando e cosi andai in biblioteca e trovai Valentina Nora che stava leggendo un libro di incantesimi ed era seduta in modo molto comodo . Valentina Nora mi vide con le mani in testa e avevo le mani tra i capelli visto che la testa mi stava scoppiando per colpa di tutti i pensieri delle persone che non solo erano li ma anche dell’ intera scuola . Valentina poso il libro di incantesimi e venne verso di me e capì subito cosa mi era successo visto che quando il suo potere si era rivelato gli era successa la stessa cosa che adesso era successa a me quel giorno . Valentina mi fece sedere su una sedia e poi mi disse – Daniel pensa con il cuore e controlla i tuoi poteri , decisi di fare come disse Valentina e con calma riusci a controllare il potere di leggere il pensiero . Con calma la mia testa inizio a sentirsi più leggera e con calma riuscivo a leggere i pensieri delle persone ma con calma li riuscivo a gestire e senza che la mia testa scoppiasse . Valentina si mise seduta dove era prima e controllava sempre me per vedere se stavo bene oppure no . Alla fine tocco a me , anche se stava studiano glielo dovevo chiedere visto che mia sorella stava facendo altro e pure Sarah Saintcall e quindi solo Valentina Nora mi poteva aiutare a controllare il potere di leggere la mente . Guardai Valentina Nora e lei inizio a guardare me negli occhi e capì subito cosa volevo chiederle come se fosse nell’ esercito mi disse con un tono non troppo forte – Daniel se mi vuoi chiedere di allenarti nel controllo del lettera del pensiero , chiedimelo e basta . Alla fine decisi di fare come aveva detto Valentina che aveva posato il libro sul tavolo , si era messa il mono-spalla che poteva portare un sacco di cose e visto che era allenata le poteva portare senza fare lamenti o dire “ è troppo pensate “ visto che quando era nella sua squadra lei portava il doppio del peso che è adesso nel suo mono-spalla . Mi alleni nel leggere la mente – dissi a Valentina in modo diretto e senza fare troppi giri di parole . Speravo che mi avrebbe detto di se oppure la mia testa in un giorno o due sarebbe scoppiata in mille pezzi . Io vidi che Valentina se ne stava andando e poi si giro verso di me e mi dissi – certo , adesso vieni oppure non ti alleno . Alla fine per il nostro allenamento ce ne andammo in palestra visto che per il momento li non c’ era nessuno e poi era il posto migliore per fare tutti gli allenamenti possibili e quello era il luogo giusto per allenarsi nel controllo mentale . 

Angelica Wood parte 46

Domino Harvey aveva cercato ovunque il nome di Shadow Black e aveva trovato un sacco di cose ma quello che non aveva trovato era se si poteva fidare di lui . Shadow Black vide che Domino Harvey era ancora nello stesso bar dove aveva parlato con lei l’ ultima volta . Shadow Black si era messo sul tetto e fece una nuova conversazione mentale con Domino Harvey e lesse i suoi pensieri . La mente di Domino era come un vicolo e le disse avvicinandosi a lei – ho visto che mi hai cercato trovato delle cose interessanti . Domino si giro e vide che era lui e che sapeva delle sue ricerca e non capiva come aveva fatto a capirlo .Shadow Black era molto in gamba e leggere la mente di Domino era un giochetto per , come scogliere un ghiacciolo con il fuoco . Prima di parlare con Domino , Shadow Black si era intrufolato nella mente della donna che era vestita come una cacciatrice di taglie ma non era sporca visto che si faceva la doccia ogni giorno e stava sempre con tale vestito . Shadow Black poteva leggere la mente di Domino come un foglio e non come un libro che tiene nascosto tutte le informazioni . Domino una volta visto che lui era li davanti a lei con lo sguardo puntato sul suo corpo per vedere se voleva fare qualcosa contro di lui tipo dargli uno schiaffo per aver sentito alcuni dei suoi pensieri , utilizzare una pistola . In quella situazione in cui erano tutto poteva succedere ma Domino non fece niente apparte chiedere con una certa calma –cosa vuoi da me adesso ? .

Shadow Black che dalla tasca del suo giaccone aveva preso una sigaretta e la fumava come se fosse niente e poi con la risposta da dare a Domino Harvey dopo aver lanciato un po’ di fumo dalla sua bocca – Sono qui per dirti del nostro piano . Domino sapeva del piano per uccidere i Collezionisti ma da quando Shadow Black aveva detto la cosa voleva fatti e voleva sapere come doveva procedere . Domino era tutto orecchie e se era un piano per uccidere i Collezionisti allora lo voleva fare , avrebbe fatto di tutto per non catturare Angelica Wood e sopratutto per salvare la sua stessa vita .

Shadow Black fece apparire li un tavolo con la mappa dove si sarebbe svolto il posto dello scontro tra Domino Harvey e Angelica Wood ed era tutto progettato da Shadow Black . Domino Harvey era curioso di sapere cosa fare per far sembrare tutto il più vero possibile e cosi mettere nel sacco i Collezionisti – cosa devo fare per far sembrare tutto vero ? . Shadow Black sapeva che Domino non voleva far del male ad Angelica , ma si doveva fare visto che per sembrare uno scontro vero doveva essere vero e quindi loro due si comportavano in modo normale , anche se quello che stava per dire non gli piaceva per niente e se fosse stato per lui si sarebbe dato un pugno – Senti se vogliamo che sia vero , devi farlo davvero . Nel senso che dovrai picchiare Angelica per davvero ma non devi ucciderla e cosi tu un po’ sanguinante la porti dai Collezionisti .

Domino quando seppe che doveva picchiare una ragazzina di 16 anni stava per dire no ma dopo che Shadow Black le disse che doveva farlo per non mandare a monte il piano che Shadow Black aveva fatto e cosi dopo una lunga decisione di accettare il piano di Shadow Black .

Tutti gli altri piani non avrebbero funzionati e questo era l’ unico piano abbastanza fattibile per far cadere i Collezionisti in trappola e cosi noi tutti potevamo uccidere i Collezionisti .  

Shadow Black dona a Gabriella un gunblade

Shadow Black sapeva che Gabriella voleva una spada e una pistola , voleva queste due cose per difendersi dai nemici che l’ avrebbero attaccata in chissà quale momento brutto . Gabriella non aveva paura di chiedere questa cosa ma non sapeva quando chiederla visto che Shadow Black doveva sempre riparare la Cattedrale visto che era davvero molto danneggiata e quindi aveva davvero molto tempo da lavorare . Alla fine Shadow Black lesse i pensieri di Gabriella e vide che lei si stava concentrando su cose molte belle ma non solo per lei ma anche per la salvezza di Shadow Black . Shadow Black aveva saputo in modo accidentale che Gabriella voleva una spada e una pistola e alla fine lui decise di fare questo . Tra qualche giorno si avvicinava il compleanno di Gabriella e avrebbe compiuto gli anni e Shadow Black fece finta di non sapere che era il suo compleanno .

Un giorno andò nell’ Universing e andò nel negozio di gunblade e ne vide molti e tutti erano belli e davvero molto ben fatti . Il negozio era molto grande ed era di una donna di 29 anni con un ferita sull’occhio sinistro . Il suo occhio sinistro era verde e pure il suo altro occhio era verde ma adesso non si poteva vedere più dopo la ferita . Il nome di questa donna molto bella era Daniela .

Il giorno del compleanno di Gabriella era arrivato e Shadow Black fece finta che non lo era e fece – ma davvero oggi è il tuo compleanno . Alla fine Gabriella vide una spada li sul tavolo e Gabriella smise un attimo di mangiare e la prese in mano ed era molto ben affilata .

Shadow Black vide che Gabriella aveva la spada in mano e la teneva molto bene in mano e non era né troppo pesante e cosi non le cadeva tra le mani – ti piace questa spada ? . Gabriella era felice di sapere che Shadow Black si era ricordato del suo compleanno e gli aveva fatto un bel regalo e pianse un po’ – grazie , era proprio quello che volevo . Gabriella vide che sulla spada c’ era un pulsante lo inizio a premere con molta calma e la spada davanti agli occhi increduli di Gabriella divento una pistola . Gabriella era davvero molto felice di avere queste due cose che voleva da tempo . Shadow Black prese la spada dalle mani di Gabriella e le disse con la spada in mano – senti prima di fare tutto con questa spada devi imparare a capire come farla funzionare e devi imparare a combattere molto bene e poi alla fine te la faccio tene ma per il momento la tieni in camera tua e stai molto attenta . Gabriella sembrava di sentire sua madre e per rassicurare Shadow Black – va bene starò attenta , se mi faccio male con questa spada muoio . Alla fine Gabriella con la spada in mano la mise vicino al suo letto e fece stare molto attenzione nel suo uso oppure il suo regalo di compleanno sarebbe scomparso .  

Kira King capisce che deve giocare sporco

Io e Kira ci eravamo allenati per un sacco di tempo , con la spada e anche in molti campi sopratutto quello di giocare sporco . Kira non voleva giocare sporco e quando le mi disse- no , io le dissi – ascoltami lo so che che non vuoi giocare sporco ma che ti pensi e che quando affronterai Angela Neri sarai tu e lei li nel Colosseo e Kira in modo spontaneo – si . Io allora le dissi – sai ultimamente ho avuto diverse visioni e ho visto diverse cosa e sai cosa ho visto . Ho visto la tua resa a lei e lei ti strappava il cuore ancora pulsate e se lo mangiava davanti a tutti quanti . Kira stava dicendo – non posso perdere , non nemmeno cominciato lo scontro e tu mi dici che perderò . Io misi la mia mano sulla sua spalla e lei dissi – non sto dicendo che perdi ma sto dicendo che questo potrebbe avvenire se da oggi non decidi di giocare sporco come fa Angela Neri e gli altri demoni . In quel momento dall’ altra parte Angela Neri decise di mandare tre demoni per mettere fuori combattimento Kira , spezzate le sue gambe . Non deve vincere l’ incontro per nessun motivo logico . Io ero vicino alla parete e vicino c’ era una finestra e da li vidi tre demoni armati fino ai denti ed erano pronti ad entrare in casa e a mettere fuori gioco Kira . Io presi Kira e le misi la mano davanti alla bocca e lei poi mi chiese  – che succede ? .

Ti ricordi del fatto di non giocare pulito , Angela Neri ha pagato tre demoni che sono molto ben armati a spezzarti le gambe – dissi a lei serio .  Ero entrato nei loro pensieri e avevo capito che volevano fare e visto che erano demoni avevano deciso di fare di testa loro e non avevano deciso solo di spezzare le gambe a Kira ma anche di ucciderla e uccidere me . Io tolsi la mano dalla bocca di Kira e io dissi a lei – tu rimani nascosta qui , io invece adesso li prendo alla sprovvista e li sconfiggo . Kira voleva venire pure lei ma io le dissi – tu non sei pronta e loro faranno di tutto per ucciderti , quindi rimani qui e cerca di fare il minor rumore possibile o ti sentono e tu sei morta . Io mi teletrasporti dietro di lei e iniziai a duellare con loro , KIra vide dalla finestra che io tenevo testa a tre demoni in contemporanea e poi decisi di fare sul serio , distrussi le loro spada con un colpo della mia e poi li uccisi e poi un bel lancio le loro testa arrivano ai piedi di Angela e per colpa mia le sue scarpe erano piene di sangue. Io entrai in casa e Kira disse – quindi secondo te durante lo scontro combatto contro con Angela Neri lei farà di tutto per impedirmi di vincere lo scontro e io fui sincero , dovevo e dissi a lei – si purtroppo e adesso non ti puoi più ritirare . Sentivo che il cuore di Kira stava scoppiando e stava scorrendo in una maniera incredibile e io la rassicurai – Se ti alleni tutti i giorni e giochi sporco ce la puoi fare a sconfiggerla. Kira alla fine credette in me e disse – Ok .

Dico a Kratos e a Pandora cosa possono trovare su Youtube

Dopo aver detto sia a Kratos sia a Pandora tutto su Wikipedia e cosa avrebbero potuto trovare li , cioè dagli eventi storici alle cose che gli avevo spiegato , io dissi a loro – adesso sempre su Mozilla Firefox , cliccate su quel segno più vicino alla scheda aperta e si apre una scheda nuova . Loro videro il segno più e lo cliccarono e si apri una nuova scheda  , io gli dissi – scriveteci Youtube e poi alla prima cosa che trovate cliccateci  . Kratos e Pandora scrissero Youtube e cliccarono come gli avevo detto io e si trovarono sulla Homepage di Youtube . Io dissi a loro – allora Youtube è un sito per vedere e caricare i video e Kratos disse – quindi quei video musicali li hai presi da qui e io dissi – si . Poi io dissi a loro – allora come video qui sopra ci potete trovare di tutto da come fare le cose , pensieri , video musicale , tutorial per truccarsi e altro ancora .

ioinviaggiodue

ci guadagno il colore del grano...

Mile Sweet Diary

diario semiserio di una aspirante pasticcera

Illustra.

magazine

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

Wikinerd

NERD e dintorni ;)

ioinviaggio

Ti disegno un cuore per riempirlo di emozioni, ti disegno un sorriso perché tu sia felice, e due ali libere per volare via, ti coloro di blu trapuntato di stelle per amarti ogni notte guardando il cielo.

Evaporata

Non voglio sognare, voglio dormire.

Racconti ondivaghi che alla fine parlano sempre di amore

“Ships are safe in a harbour, but that’s not what ships are made for”

VOLO SOLO PER TE

Io e la mia vita...sul mio blog troverai parole che in questi angoli di paradiso potranno rasserenarti e regalarti se vorrai un momento di dolcezza..E se vorrai lasciarmi un commento sara' gradito da parte mia

Piccole Storie d'Amore

Vivo i giorni nella solitudine

NON SOLO MODA

La moda, uno strumento per essere positiva, negativa , simpatica, antipatica...semplicente TU

la musica è un luogo

Ogni pensiero risuona come una canzone.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: