Categorie
Ada Knight Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Foto Galleria Galleria Foto

Destiny

Noi non sappiamo se le persone sono arrivate oppure no su Marte o sulla Luna . Ma dalle foto che io e Ada abbiamo fatto posso dire di si . Sulla Luna e su Marte le persone sono arrivate però da molto tempo visto che gli oggetti che abbiamo visto sono davvero molto vecchi . Lo possiamo dire visto che li ci sono delle cose rotte e poi le abbiamo toccato e li abbiamo visto che stato davvero tanto tempo fa . Sul pianeta rosso abbiamo visto una grande struttura a forma di grande nave . Su Marte sembrava che c’ era una antica stazione spaziale per far atterrare le navi che arrivano da altri pianeti . Invece quello che abbiamo visto sulla Luna non ho ben capito cosa era . Sembra fatto da una civiltà antica e che non abbiamo capito cosa era e sopratutto se è ancora in funzione oppure no .

 

Categorie
Mondo Mondo dei Videogiochi Notizie Notizie dal Mondo Pc Ps Vita Ps3

Videogiochi in uscita dal 29 luglio al 4 agosto: CastleStorm, Rise of the Triad, Take on Mars

Salve a tutti e bentornati alla nostra consueta rubrica del lunedì dedicata ai titoli e ai maggiori contenuti aggiuntivi previsti in uscita sulle più importanti piattaforme fisse e portatili da qui sino a domenica prossima. Senza indugiare oltre, quindi, partiamo subito con la lista (comprensiva delle piattaforme e della data di lancio) dei tre titoli più attesi che verranno commercializzati entro il 4 agosto:

  • CastleStorm (29 luglio, PC) – realizzata per bissare il successo di pubblico e di critica conseguito su Xbox Live, la versione PC dello strategico degli Zen Studiossi approda su Steam per permettere agli appassionati di titoli “castle Vs castle” di cimentarsi in una battaglia all’ultimo assedio attraverso la costruzione e la gestione delle difese e delle unità da contrapporre ai feudi guidati dal nemico, sia esso rappresentato dalla CPU o da un giocatore in carne, catapulte ed ossa
  • Rise of the Triad (26 luglio, PC) – rifacimento indipendente del frenetico sparatutto dato alle stampe nel 1994 dagli Apogee Software (ex 3D Realms), la nuova fatica degli Interceptor Software si propone agli appassionati di lungo corso con una veste grafica completamente nuova e un impianto di gioco praticamente immutato
  • Take on Mars (1 agosto, PC) – il nuovo videogioco simulativo degli esperti studios polacchi di Bohemia Interactive promette di farci vivere un’esperienza unica catapultandoci virtualmente sul Pianeta Rosso per permetterci di guidare sulla nuda roccia del nostro vicino interplanetario una flotta di robot automatizzati ispirata alle sonde lanciate dalla NASA e dall’ESA negli ultimi anni

Qui di seguito potete scorrere la lista dei restanti titoli e dei DLC attesi al lancio nel periodo compreso tra il 29 luglio e il 4 agosto:

  • PixelJunk Monsters: Ultimate HD (31 luglio, PS Vita)
  • Realms of Arkania: Blade of Destiny (30 luglio, PC)
  • Superfrog HD (31 luglio, PS3, PS Vita)

Vi ringraziamo per averci seguito e vi diamo appuntamento alla prossima settimana!

 

Categorie
2013 Alieni Dominatore di Poteri Dominatrice di Poteri Lingue Lingue Aliene Mondo Racconto ShadowHunters Signori del Tempo Switched

Gli Switched

Gli Switched sono nate all’ inizio del tempo stesso , sono chiamati come ” I Multirazze ” perchè loro sono riusciti ad avere i poteri di moltissime razze aliene . Il loro pianeta è rosso come il fuoco , per quando riguarda il loro aspetto è uguale a quello degli umani . Quando hanno ottenuto i poteri e sia gli elementi delle altre razze , è successo questo al loro potere , una sfera rossa con i simboli sia di tutti gli elementi sia di tutti i poteri ha circondato l’ intero pianeta e ha fatto in modo che loro ottenneserò sia i poteri sia gli elementi delle razze . Ma tra quelli nè spicca pure uno che non è proprio un potere , ma è il potere della sapienza , cioè il potere della conoscenza , grazie a quello la razza degli Switched conosce sia le lingue di tutti i vari popoli da cui hanno ottenuto i poteri e gli elementi . Gli Switched scelgono con molta attenzione le persone che possono far parte della loro razza . Scelgono persone che nella loro vita hanno quasi perso tutto e nella loro vita hanno sofferto moltissimo , hanno visto molte atrocità ma non hanno potuto fare niente per impedire tali cose . Gli Switched prima di sceglierli come candidati per entrare nella loro grande razza , vedono se loro dopo tutto quello che hanno passato riescono ad andare in avanti , anche se hanno subito il dolore più forte o quello più debole , vedono se quella persona non si arrende mai davanti ai problemi sia grandi sia piccoli . La loro rigenerazione è completamente diversa da quella dei Signori del Tempo , a loro succede questo , una sfera rossa con tutti i simboli sia di tutti i poteri sia di tutti gli elementi circonda lo Switched ferito , li inizia la rigenerazione . Ci stanno tutti i simboli sia di tutti i poteri sia di tutti gli elementi e anche quello della conoscenza , dopo inizia la rigenerazione e mentre le altre curano solo le ferite sia quelle piccole sia quelle mortali , la prima cura sia tutte le ferite ma poi cambia il tuo aspetto e cosa più bella quello rimarra il tuo aspetto per sempre . La Rigenerazione dentro quella cosa senti tutto freddo , luce , oscurità , occhio della fenice , li dentro senti tutto e poi la rigenerazione ti fa una cosa cioè sul tuo corpo ti appaiono i tatuaggi alcuni diversi e sono tutti bellissimi . Questa razza è davvero unica , una delle razze più meravigliose dell’ intero universo , cioè possiamo dire sono uniche e incredibili . Lo dico perchè io li incontrati , sono stati molto duri con me , durante tutto l’ addestramento , alcuni non lo erano , altri invece lo erano . Lo erano perchè io dovevo diventare una grande forza del bene e per questo loro era davvero molto duri e per questo mi mettvano davvero sotto . Quando inizai a migliorare loro deciserò di andarci un pò piano e sopratutto loro iniziare a socializzare con me e mi iniziarono a trattare bene .

Categorie
2013 Foto Marte Mondo Notizie dal Mondo Pianeti Spazio Storia Universo

Nuovo Messico, scoperto meteorite di Marte ricco d’acqua

WASHINGTON

Un meteorite marziano vecchio di oltre due miliardi di anni e ritrovato recentemente nel Nordafrica, mostra alcune caratteristiche che lo rendono unico rispetto alle roccia analizzate dalle sonde della Nasa su Marte. Questo meteorite infatti è incredibilmente ricco di acqua, rivelo uno studio pubblicato sull’ultimo numero di Science, datato oggi.

 

«La roccia basaltica – lava raffreddata – contenuta in questo meteorite è simile alla composizione della crosta marziana”, spiega Carl Agee, dell’università del Nuovo Messico, sud-ovest degli Stati Uniti. L’abbondanza di molecole d’acqua in questo meteorite, circa dieci volte superiore a quelle degli altri meteoriti marziani finora conosciuti, fa pensare che esso si trovasse sulla superficie di Marte circa 2,1 miliardi di anni fa».

 

Denominato NWA (Northwest Africa) 7034 e soprannominato “Bellezza nera” (Black Beauty), il meteorite pesa 320 grammi e «racconta come erano i vulcani su Marte due miliardi di anni fa – riassume Agee – Ci ha fornito un’idea delle condizioni ambientali sulla superficie di Marte come nessun altro meteorite aveva fatto prima», prosegue il comunicato dell’Agenzia spaziale americana.

Categorie
2012 Foto Foto del Giono Galassia Pianeti Presentazione Racconto Spazio

Foto del Giorno . Serpente Marziano

(NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona ).

Cosa ci fa un serpente su Marte? Devono esserselo chiesto gli scienziati della NASA che per primi hanno visto queste spettacolari immagini riprese dalla telecamera ad alta risoluzione HiRISE (High Resolution Imaging Science Experiment) della Mars Recoinnaissance Orbiter. In realtà quello che sembra un serpente è l’ombra proiettata sulla superficie del pianeta rosso da un immenso vortice di polvere alto circa 800 metri e largo 30.
I turbini di vento, noti anche come Dust Devils, non sono rari su Marte, ma quello ripreso dall’Obiter della NASA nella regione Amazonis Planitia, emisfero nord del pianeta, è davvero gigantesco: guardalo in questo incredibile video della NASA.

Era il 16 febbraio scorso, nel periodo dell’anno in cui Marte è più lontano dalla nostra stella, eppure nonostante l’esposizione ai raggi solari tenda a diminuire (come sulla Terra, i venti sono alimentati dal riscaldamento del Sole), i vortici di polvere continuano a spazzare il pianeta lasciando dietro di sé lunghe striature sulla sua superficie polverosa (guarda il suolo di Marte visto da Spirit, il rover della NASA).

 

Categorie
2012 Alieni Bacino Hellas Curiosità Foto

Resti di ghiacciai marziani

Il Bacino Hellas (Hellas Planitia) con i suoi circa 2.300 km di diametro, è il maggiore dei crateri da impatto presenti sulla superficie marziana ed uno dei più grandi di tutto il Sistema Solare. Situato nell’emisfero australe del pianeta, presenta una superficie di notevoli dimensioni che fecero inizialmente pensare ad una pianura depressa, da cui deriva la denominazione “Planitia”, o un bacino simile ai mari lunari. Si tratta di un cratere risalente a 3,5 – 4 miliardi di anni fa e quindi alle prime fasi evolutive del pianeta rosso. Lo scorrere del tempo ha degradato l’intera struttura segnata da numerosi crateri minori e modellata ed erosa dagli agenti atmosferici. Tuttavia è ancora visibile il bordo settentrionale della catena montuosa formatasi con l’impatto mentre mancano intere zone dei bordi nordorientale e sudoccidentale.
Il vasto interno del cratere si trova ad una profondità di oltre 7.000 metri rispetto al “livello del mare” marziano, per cui è spesso avvolto da nebbie e nubi di polvere che rendono difficile la sua osservazione.

Questa strana formazione, denominata “lampada di lava”, sembra non avere niente a che fare con un’attività di tipo vulcanico. La sua origine, molto probabilmente è da addebitare ai ghiacci che in passato occupavano il fondo del bacino da impatto Hellas Planitia. (NASA/JPL/University of Arizona).

Adesso, grazie alle immagini ad altissima risoluzione ottenute dalla telecamera HiRISE (High Resolution Imaging Science Experiment) a bordo della sonda della NASA Mars Recognition Orbiter (MRO), sono state riprese delle strane morfologie sinuose che rivelano l’esistenza in un passato non molto remoto di qualche processo geologico che ha dato origine a queste strane formazioni, a cui, per la loro forma, quando furono scoperte, fu dato il nome di “lava lamp” (lampada di lava). Questo tipo di strutture, che si trovano per lo più nella zona nord-occidentale, che è anche la parte più profonda di Hellas Planitia, è uno dei molti terreni che caratterizzano questo vasto bacino da impatto. Se in passato sulla superficie di Marte è esistita l’acqua allo stato liquido, questa regione sarebbe stata senz’altro sommersa.

Un altro esempio di terreno che ha assunto questa forma a causa dell’azione di antichi depositi di ghiaccio. (NASA/JPL/University of Arizona/N. Thomas et al.).

Anche se l’aspetto in un primo momento può trarre in inganno e far pensare ad estese colate di lava, un più attento esame mostra che in realtà si tratta dei resti di antiche colate di ghiaccio, dei veri e propri ghiacciai, per molti aspetti simili a quelli terrestri, i quali occuparono queste aree dopo che l’abbassamento delle temperature del pianeta avevano trasformato in ghiaccio l’acqua presente nelle parti più basse di Hellas Planitia. A supporto di questa ipotesi, infatti, c’è l’assoluta mancanza di caldere o bocche vulcaniche da cui la lava potrebbe essere stata eruttata
Esistono immagini molto interessanti di questa zona e si sta cercando di ottenere più dati (compresi immagini stereoscopiche) per cercare di stabilire quale processo sia stato responsabile per le numerose caratteristiche bizzarre che si osservano in questa regione.