Categorie
Casa del Detective criminali Criminologa Serena Rossi The District Universing Zane Taylor

La Casa del Detective

clouds-dream-fantasy-house-light-Favim.com-427749

La Casa del Detective un luogo adatto non solo per i Detective ma anche per i poliziotti . Se dovevi lavorare a un caso senza che la stampa o qualche giornale si metta di mezzo questo è il posto giusto e lo ha creato Zane Taylor con Serena Rossi . Ma prima di essere la Casa del Detective era casa sua . Zane Taylor cercava un posto dove studiare i casi senza che la Stampa di Londra che stava li dentro l’ Universing ci mettesse il naso e faceva diventare quel caso enorme e quindi molto più difficile da risolvere . Ma fu grazie a Serena Rossi una Criminologa che era venuta in questo Universing e gli diedi la possibilità di trasformare casa sua in Casa del Detective e cosi operare da li e senza che la stampa sapesse cosa faceva li dentro . Zane Taylor era nato qui e quindi conosceva la casa meglio di chiunque e poi non poteva lasciarla a nessuno visto che era immortale e quindi si potevano prendere la casa solo se lui moriva o decideva di lasciarla a qualcuno o fare in modo che fosse proprietà  di The District e cosi li dentro ci poteva abitare chiunque e tutti i detective e i poliziotti che dovevano risolvere un caso andavano li e lo potevano risolvere in santa pace e senza che la stampa lo sapeva .

 

Categorie
Ada Knight Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Foto Sin City 2

Sin City – Una donna per cui uccidere

Come l’ oscurità che fa parte di noi e non ce ne possiamo sbarazzare per niente non ci possiamo liberare del peccato . Tutti vogliono provare questa cosa e tutti non riescono a controllarsi . Tutti sotto il suo effetto e nessuno riesce a farne mene . Politici , poliziotti , ballerine , assassini . Tutti sotto l’ effetto del peccato e nessuno ce la fa a farne a meno . Nessuno ci riesce visto che fa parte di noi e farne a meno e come distruggere una parte di noi stessi . Tutti lo sanno e decidono di non provarci visto che non ci riescono e per questo decidono di non provarci nemmeno . Sin City è una città davvero molto oscura e persa in questo grande fiume chiamato peccato . Tutti lo hanno provato e nessuno nè fa a meno .

 

Categorie
Ada Knight Amelia Moretti Angela Moretti Brian O' Neal Daniel Saintcall Dominatore di Poteri The District Universing Universo

Esamino la scena del crimine

 

Angela Moretti la madre di Amelia stava aspettando la figlia dentro casa e invece lei stava li a lavorare in un bar . Amelia anche in quel giorno di pioggia era andata a lavorare nel bar oppure non avrebbe avuto la paga oppure sarebbe stata pagata a metà . Sotto quella pioggia non si vide niente e tutto diventa sfocato . Per esempio stai li vicino alla finestra e vedi una persona che si avvicina a casa tua . Quando la vedi non vedi bene visto che la pioggia non ti fa vedere bene . La notte in cui Amelia era li nel bar stava piovendo davvero molto e per colpa di questa cosa Angela non aveva capito che non era Amelia . Ultima azione che fece Angela era aprire la porta e questo fu il suo ultimo gesto da viva . Angela crollo a terra e Brian era li rimasto li a vedere cosa aveva fatto , ma non era triste anzi era felice . Luca lo vedeva in volto e vedeva che era molto felice di quello che aveva fatto . Luca non si era tolto la pistola visto che non sapeva chi era e quando senti la moglie cadere a terra all’ ingresso e il colpo di pistola vide che tutto era strano . Prese la pistola e vide che era Brian O’ Neal che era li davanti al cadavere di sua moglie . Luca era pronto a mettere un bel proiettile in testa a quel bastardo che era entrato e aveva ucciso sua moglie . Si mise in un posto sicuro – Brian arrenditi . Se ti arrendi non ti uccido e forse potrai cavartela anche se hai sparato a un agente . Se mi fai vedere se è ancora viva la possiamo salvare e cosi tu non finisci in carcere per avere ucciso un agente . Uccidere un agente e come avere una vera condanna a morte e da quel cappio intorno al tuo collo non ti puoi più sbarazzare . Brian sparo un colpo e poi un altro e prima di sparare un altro aspetto che Luca era visibile . Luca prese la prima cosa che aveva in mano e attiro l’ attenzione di Luca . Brian aveva preso in mano le chiavi di Angela e le aveva buttate nel salotto . Luca le senti subito e andò li a vedere visto che pensava che era un segno della moglie tipo per dire “ Sono ancora viva . Adesso uccidi questo bastardo e poi salvami amore mio “ . Anche se non era possibile però poteva essere e cosi andò a vedere . Vide le chiavi li a terra e Brian mise la pistola vero il manico e gliela diede dietro la nuca e poi un colpo proprio dove era la ferita . Luca mori subito e Angela era morta anche lei subito con un colpo dritto al cuore . Eravamo sulla scena del crimine e quando misi la mano sul manico della porta vidi tutto questo . Sul manico c’ erano le impronte di Brian e li c’ era il sangue di Angela Moretti . Quando Brian aveva sparato il colpo dritto il cuore di Angela un po’ di sangue era schizzato sulla maniglia della porta e sulle scarpe di Brian . Quando trovavamo Brian dovevamo prendere le sue scarpe se non era troppo tardi , visto che poteva averle bruciate oppure vendute a un barbone per pochi soldi . Tutto questo era fattibile . Ada quando vide i corpi di Angela e di Luca , non vide due persone normali ma vide due colleghi che erano morti per fermare un nemico che era pronto a ucciderli . Ada inizio a vedere il cadavere di Angela e vide che l’ unico colpo era il colpo al cuore e quello era il colpo fatale . Io ero andato a vedere il cadavere di Luca che era molto peggio visto che la sua ferita dietro la testa era molto grande e anche se qualcuno avesse chiamato un ambulanza , non sarebbe rimasto illeso e avrebbe avuto dei problemi con la sua mente . Io andai vicino ad Ada senza compromettere la scena del crimine – anche se Angela e Luca non facevano parte di The District , voglio trovare la persona che ha fatto tutto questo . Voglio sapere chi ha ucciso questi due nostri colleghi che stavano cercando di fermare la droga a New York . Ada non voleva vedere la droga nelle varie strade e se non entrava dentro The District sarebbe voluta entrare dentro la Narcotici – troviamo e mandiamolo in galera a vita per aver ucciso due poliziotti . La nostra squadra che era li ci diede subito un aiuto . Un nostro uomo Antonio Neri aveva analizzato il sangue e aveva visto che era di un certo spacciatore di nome Brian O ‘ Neal . Avevamo una pista e adesso potevamo prenderlo e fare giustizia per la morte di Angela e Luca Moretti .

 

Categorie
Amelia Strong Angela Marini Daphne Strange

Amelia Strong manipola Daphne Strange

Daphne quando conobbe la persona che le ha fatto fare queste cose orribili aveva 17 anni e Daphne aveva già fatto delle cose davvero molto brutte . Tra le varie cose aveva rubato uno skateboard e sotto c’ era un disegno bellissimo cioè delle onde nere e con dei teschi messicani . Quando Daphne aveva visto tale disegno sotto la tavola lo aveva visto in un negozio e quando lo aveva visto era apparso il sole su quell’ oggetto e quello era per lei il segno di una cosa bellissima . Daphne in quel momento sembrava una gazza ladra che vedeva qualcosa di luccicante e decise di rubarlo . Daphne era andata a New York per scappare dal suo passato se ne era andata via da Londra dove stava e aveva deciso di andare li per non vedere più i suoi genitori . Daphne era andata in un negozio sulla quinta strada e li alla fine della strada c’ era il negozio di skateboard e cosi decise di andare con passo lento e senza farsi vedere dalla proprietaria . La donna che lavorare li dentro aveva 28 anni , capelli neri lunghi ma la giusta quantità ed era davvero molto bella e quindi molte persone la volevano come fidanzata . Daphne era andata verso il suo negozio e dove stava la tavola con il teschio messicano e con calma lo prese e poi con quello scappo subito . Adalind che era la proprietaria di quel negozio provo a prendere la ragazza che aveva rubato uno dei suoi skateboard i più belli che aveva e voleva riprenderselo a tutti i costi . Daphne con lo skateboard inizio a scappare il più veloce possibile e alla fine Adalind vide che era andata nel traffico visto che erano vicine alla strada . Proprio in quel momento passo un autobus e Daphne cerco di prendere la rincorsa per fare un bel salto per poi andare su quell’ autobus . Dopo un primo tentativo riusci a farcela e ce la fece perché non sapeva avrebbe fatto Adalind e quindi ci era riuscita per salvare la sua vita visto che secondo la sua mente era in pericolo . Ma Daphne non sapeva che il vero pericolo non era a terra ma era su quell’ autobus visto che si mise vicino a una persona di nome Amelia Strong che era più giovane di quando era prima . Amelia aveva visto il grande salto fatto da questo nuovo passeggero e adesso doveva riposare un po’ visto che era scappata e aveva il fiatone . Una volta riposata Amelia la prese per mano e la tenne ferma il più possibile per non farla muovere e poi si fece guardare negli occhi e poi inizio a usare il suo potere di fare manipolazioni . Gli occhi di Daphne erano di colore blu ma non di un blu normale ma molte inteso quasi magico ed erano bellissimo visto che ti potevi perdere in quei occhi blu . Amelia aveva preso il volto di Daphne con le sue forti mani e lo teneva molto stretto per non farla muovere visto che adesso dentro i suoi occhi erano dentro questo potere che era iniziato . Daphne con le sue mani cercava di togliere le mani di Amelia che sembravano deboli ma non lo era affatto . Ma non ci riusciva visto che da dietro poi apparve Angela Marini che stava tenendo fermo le mani della donna con delle catena che aveva fatto lei , queste catene erano di una lega molte forte e quindi era davvero molto difficile da togliere . Angela aveva fatto scendere tutti dall’ autobus con una pistola calibro 9 mm , sparo in aria e gridando come una pazza – scendete tutti quanti oppure ficco un proiettile in testa a tutti . Tutti iniziarono a scendere e solo Daphne non lo poteva fare visto che era ferma da Angela e dall’ altra donna nota come Amelia Strong . Amelia la teneva per la sua mandibola un po’ forte ma non troppo forte cioè la giusta forza per non farle muovere la testa e Angela aveva preso i capelli bianchi di Daphne e li teneva molto stretti visto che Daphne poteva muovere la testa all’ indietro se aveva molto forza e per questo era la teneva molto stretta . Amelia manipolo Daphne e quando lo fece arrivo la polizia che aveva chiesto alla pazza Angela di buttare la pistola e di mettere le mani dietro la schiena . Angela decise di fare come diceva loro ma nel suo modo , carico la pistola di fiamme e poi la butto sopra la macchina della polizia . La macchina della polizia che era li vicino al autobus e poi esplose con un grande botto che fece male a molti poliziotti che morirono bruciati e alcuni rimasero molto bruciati . Nessuno poteva fare niente contro Angela e alla fine con l’ aiuto di Daphne la piccola ragazzina che adesso era nelle loro mani ma non sapevano quando sarebbe potuto resistere fino a quando farla di nuovo . Quello che aveva fatto Amelia nella mente di Daphne era una cosa che non era dovuta a una sola manipolazione a più manipolazione e quindi era una cosa molto brutta visto che aveva fatto un lavoro molto grande visto che aveva creato dentro la mente di Daphne una foresta oscura dove li dentro c’ erano i ricordi che li poi avrebbe vissuto . 

Categorie
Angela Ferrante Beatrice Beatrice Ferrante Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Occhio della Fenice

Insegno a Beatrice Ferrante come funziona l’ occhio della fenice

 

Ero ritornato a casa di Angela Ferrante e li trovai Beatrice Ferrante che aveva iniziato a mangiare qualcosa visto che stava morendo di fame . Io bussai alla porta con calma , senza correre visto che doveva stare li fino a quando Beatrice non imparava a utilizzare l’ occhio della fenice bene . Beatrice mi venne ad aprire con un passo lente e lei con tutta la sua gentilezza e felicità mi fece entrare in casa sua . Quando entrai in casa io e Beatrice ci dirigemmo verso il salotto , il salotto era il luogo perfetto per far vedere a Beatrice come funziona l’ occhio della fenice . Ci sedemmo sul divano uno accanto all’altro , vicino al divano c’ era un tavolino di vetro e sopra non c’ era nessuna decorazione . Beatrice era li seduta accanto a me e voleva sapere come funziona l’ occhio della fenice , l’ abilità oculare che era perduta nel tempo , nello spazio e nei mondi – come funziona l’ occhio della fenice . Beatrice era partita con una domanda diretta , senza giri di parole o senza parlare di altro . La risposta di Beatrice merita una risposta visto che gli avevo promesso di dire a lei come funzionava per farlo funzionare quando voleva – ora fai come ti dico io e tutto andrà bene .Beatrice con i suoi capelli rossi che si mossero una volta che la sua testa si giro verso di me pronta ad ascoltarmi per capire cosa doveva fare per farlo funzionare – cosa devo fare ? .

 

Io puntai il mio dito contro il tavolino di vetro , Beatrice non capì ma poi vide delle impronte digitali sul tavolino di vetro ed erano ben visibili . Beatrice aveva saputo da sua madre Angela che le impronte si potevano vedere solo con certi metodi usati dalla polizia scientifica ma non capiva come mai lei le vedeva e visto che io ero la , vicino a lei e potevo rispondere a tutte le sue domande – come mai vedo le impronte ? .

 

Ero sempre pronte a rispondere le domande di tutti e anche quelle fatte da Beatrice e le aveva fatto la promessa di rispondere a tutte le sue domande – Ora ti spiego gli occhi della fenice ti permettono di vedere impronte , simboli e altre cose che gli occhi degli esseri umani non vedono . Beatrice mi fece capire subito che aveva capito quando mi disse con un tono calmo e il volto rivolto di me – quindi grazie agli occhi della fenice posso vedere cose che gli altri non vedono .

 

Hai capito ma se ti concentri puoi far vedere alle persone quello che riesci a vedere con i tuoi – la guardai e si vedeva che era felice di imparare visto che non aveva uno sguardo annoiato e quindi lei imparava molto velocemente visto che io glielo stavo facendo capire sul posto quelle cose e quindi lei imparava mano ,mano e non poteva dire che si scocciava visto che glielo faceva fare dopo e sotto la mia supervisione e cosi lei poteva capire tutto e se sbagliava c’ ero io che potevo intervenire . Ma Beatrice era in gamba e quindi non avrebbero sbagliato visto che era molto brava ad imparare . 

 

Categorie
Angela Ferrante Angelica Wood Angelina Daniel Saintcall Demone Demoni Dominatore di Poteri Mondo Mutaforme Shadow Black Tara Wood The District

Angelica Wood parte 8

Angelina prima di fare questa cosa con Angelica doveva trovare il luogo giusto per fare in modo che Angelica non potesse andare da nessuna parte quando perdeva la calma e stava per mangiare qualcuno per fermare la fame che l’ aveva preso il controllo del suo corpo . Ci mise molto per trovare il luogo giusto e il luogo in cui loro andarono era un magazzino abbandonato e quando entrarono Angelina chiuse la porta a chiave e Angelica disse appena lei fece questo gesto – perché siamo venuti qui ? Perché hai chiuso la porta a chiave ? . Angelina che era dietro ad Angelica – l’ ho fatto perché qui imparerai a controllare la tua fame e ci siamo chiusi dentro per fare in modo che se perdi il controllo io sono qui e ti aiuto a riprendere il controllo prima che tu butti giù la porta e faccia in modo che uccidi un sacco di persone e cosi essere colpevoli di aver fatto una strage di persona . Angelina alla fine aspetto che Angelica avesse fame e ci vollero tre ore per questo processo e alla fine Angelica provo rabbia e disse in modo molto arrabbiata – DEVO USCIRE ,FAMMI USCIRE .DEVO ANDARE A TROVARE QUALCOSA DA MANGIARE . Alla fine Angelica si arrabbio e si trasformo completamente , i suoi capelli divennero più lunghi e divennero rossi e i suoi occhi rossi fuochi e perse completamente la ragione e con la mano stava per strangola Angelina . Angelina cercava di scappare e poi fece concentrare Angelica e lei non rispondeva , Angelina inizio a parlare e alla fine vide che Angelica stava rispondendo e alla la fece concentrare e alla Angelica si concentro ed era dentro la sua mente . Li c’ era il suo lato buono e il suo lato oscuro e poi arrivo li Shadow Black e stava cercando Angelica e la trovo . Angelina ci mise poco a dire tutto quello di questa situazione molto difficile e Angelina disse a Shadow Black – devo metterti in contatto con Angelica e fare in modo che la posso calmare dal’ intero e fare in modo che non la devo uccidere per fermarla in questa situazione molto brutta . Shadow Black la mise in contatto telepatico e fare in modo che potesse parlare con lei nella sua mente . Dopo pochi minuti pure Angelina era dentro la mente di Angelica e poi le disse – Concentrati , fai come dico e tutto andrà bene . Angelica passo dopo passo fece come diceva Angelina e lei riprese il controllo del suo corpo e alla fine lei controllo la fame che aveva preso il controllo del suoi corpo e le stava facendo una cosa molto brutta ma grazie ad Angelica e a Shadow Black lei riprese il controllo e poi non aveva fatto nessuna strage . Shadow Black dopo aver lasciato andare Angelica per le strade e le aveva seguita per tutto il suo viaggio e aveva fatto in modo che Luca non scoprisse dopo loro abitavano . Shadow Black durante le sue ricerche aveva scoperto che Luca voleva avere Angelica per farci soldi e fare in modo che la sua famiglia potesse essere ricca e uscire dagli bassifondi . Shadow Black teneva informati i genitori di Angelica e Tara le disse – Shadow Black ti voglio chiedere di tenere al sicuro Angelica e fare in modo che nessuno scoprisse dove loro abitarono e non ci devi niente . Shadow Black alla fine fece di tutto per impedire che Luca , l’ uomo che voleva avere Angelica per soldi e fare in modo che potesse uscire da quella vita . Il Governatore dell’ Universing non dava soldi ma voleva solo sapere dove fosse Angelica , ma Luca non lo sapeva e come dargli torto e pure gli altri della città pensavo cosi e tutti pensavano che se trovano Angelica il Governatore avrebbe dato dei soldi ma non gli avrebbe dato niente . Angelica , Angelina e Shadow Black andarono via da li prima che qualcuno potesse arrivare li e domandare perché erano li . Se The District li avessero incontrati li , loro avrebbero cercato di capire se avevano fatto qualcosa di brutto ma solo se avessero incontrati un poliziotto buono ma se avesse incontrati un poliziotto cattivo , ma molto cattivo e avrebbero fatto una sola cosa cioè le avrebbero spaccato la testa e poi dicevano guarda lei ha fatto un po’ di forza contro l’ arresto e dicevano cosi per giustificare il fatto che avevano fatto qualcosa di molto violento . In The District ci sono poliziotti corrotti e alcuni contro i muta-forme o contro alcune persone utilizzano una violazione tale contro di loro e nessuno può dire niente e visto che non c’ e nessun testimone e visto il fatto che la persona che ha incontrato la loro violenza e molto brutta loro anche se dicono qualcosa , vengono ascoltate più le parole dei poliziotti invece delle creature che vengono li dentro . Loro fanno cosi perché alcuni razze o alcuni alieni non dicono sempre la verità e quindi alcuni non vengono ascoltati e per questo nessuno ascoltava le parole . Questo che è quello che pensavano i poliziotti corrotti ma Angela Ferrante era molto differente dagli altri capitani e per fare in modo che per essere questi poliziotti erano sicuri di quello che avevano detto e fare in modo che queste persone che sono state maltrattati da poliziotti corrotti e senza farsi vedere da questi poliziotti corrotti lo faceva nel suo ufficio chiuso a chiave e fare in modo che queste persone vanno in carcere per qualcosa di vero oppure no . In Angela Ferrante chiamo a me nel suo ufficio e mi diceva che voleva che la aiutassi a capire se queste creature hanno detto la verità oppure no . Alla fine quando tornarono a casa di Angelina , Angelica spiego a Shadow Black tutto quello che le era successo in quei quattro anni e fare in modo che anche lui oltre ad Angelina lo potesse aiutare a ottenere un futuro 

Categorie
2013 Arresto Daniel Saintcall Distintivo Dominatore di Poteri Felpa Racconto Superpoteri

Investigo un crimine vicino al Parco Serafine

Molto lontano dal luogo da dove io mi alleno c’ e un parco , li ci vanno bambini , anziani che guardano i loro nipotini che giocano tra loro o fanno altre cose . In questi parchi però ci dei ladri che vengono li solo per derubare la gente o peggio ucciderli . Io ero andato li in quel parco , che si chiama Parco di Serafine , quel parco era dato in onore di una persona che anche se non aveva nessun potere ha dato la sua vita per rendere quel parco un posto felice e un posto molto bello dove fare jogging e altre attività fisiche in santa pace senza che nessuna banda o altro venisse li a fare i proprio comodi . Io ero li a fare jogging in santa pace , nella tasca sinistra della felpa nera con sopra scritto Sweet Hearts di colore nero come la felpa , mentro facevo jogging inizai a vedere da lontano le persone che venivano nel parco . Non mi importava cosa facevano alcune persone , visto che ero li solo ad allenarmi , ma poi mentre passavo vicino a una persona che un maschio di 26 anni , capelli neri con un codino dietro la testa , lui stava pensando di uccidere un uomo con un coltello proprio dietro la schiena e poi andarsene come se no fosse mai successo niente . Come se lui non avesse fatto niente , io per il momento non potevo fare niente , anche se sapevo cosa potevo fare , lui no aveva ancora fatto niente , quindi dovevo aspettare che lui facesse quello che voleva fare cioè uccidere quell’ uomo o la persona che voleva uccidere . Cosi decisi di togliermi il capuccio dalla testa e aspettare che l’ uomo o la donna che lui aspettava venisse e sopratutto che lui andasse li a ucciderla davanti agli occhi di tutti . Arrivavano un sacco di persone nel parco , poi solo una aveva messo in agitazione la persona che tenevo d’ occhio da lontano , lui si avvicinò alla donna con passo lento e senza farsi vedere stava per uccidere la donna che era disarmata . Lei quel giorno indossava una felpa rossa , perchè pure lei era andata li a fare jogging , non sapevo per quale motivo lui voleva morta la donna che aveva 35 anni . Decisi di intervenire prima che lui stava per uccidere la donna , io presi il coltello e gielo feci cadere dalla mano , feci apparire delle manette e dissi a lui – Ti dichiaro in arresto per tentato omicidio , adesso ti portò alla centrale della Polizia Internazionale del Tempo , dello Spazio e dei Mondi . Arrivarono due poliziotti e chieserò spiegazioni , appena mi tolsi il capuccio capirono chi ero e poi mi chiserò – Daniel si può sapere che ci fai qui ? , io risposi – ogni giorni qui vengo a fare jogging , quando poi ho visto che quest’ uomo voleva uccidere questa donna , cosi sono intervenuto e l’ ho fermato in tempo e prima che potesse togliere la vita a questa donna . Gli agenti preserò in custodia la persona che voleva uccidere la donna , la donna che si chiama Daniela De Vivo , aveva 35 anni e due bambini e spesso viene a fare jogging qui al parco , perchè la fa calmare e sopratutto perchè le piace farlo .