Categorie
Abigal Walker Erica Fenice Fenix New Orleans

Abigal Walker da a Erica un nuovo look

 

Erica abitava per la strada visto che adesso non aveva nessuno nella sua vita . Il giorno in cui Fenix esplose perse tutto . Perse i suoi amati genitori che gli avrebbero dovuto insegnare a essere una grande fenice come le altre ragazze della sua età . Invece adesso era sulla Terra a vivere per le strade di New Orleans e doveva cercare di capire come usare i suoi poteri da sola . Quando sei sola e nessuno che ti sa come spiegare ad usare i tuoi poteri e più dura imparare a usarli visto che tu non né hai la più pallida idea di come funzionano . Abigal che adesso era sua sorella maggiore decise di fare alcune cose prima che poteva insegnare a Erica a vivere in questo mondo dove le persone con i poteri possono anche fare una brutta fine . Alcune di queste persone sono viste con odio e disprezzo e alcuni vogliono ucciderli visto che sono degli abomini dentro questa società linda e pulita . Abigal era dentro la casa di Erica che era molto bella . Non era veramente la casa di Erica , ma una casa che era stata abbandonata per colpa di uno spettro . Visto che Erica e Abigal non potevano vedere i fantasmi erano al sicuro fino a quando non decideva lui di apparire e cosi dare inizio al loro terrore . Abigal vedeva che Erica era sporca e non solo un po’ e non aveva neanche un buon odore visto che quando l’ aveva trovata era vicino a un bidone della spazzatura . Erica li vicino all’ ingresso con Abigal – oggi che mi insegni sorella ? . Abigal vedeva che Erica era molto felice di imparare qualcosa di nuovo e cosi poteva restare viva dentro questo mondo cosi oscuro – oggi non ti insegno niente . Oggi ti insegno a essere una bella signorina pulita e linda . Oggi ti trasformo in una vera signorina . So che vuoi aiutare le persone , ma se ti fai vedere cosi sporca nessuno ti si avvicina . Erica vide che li vicino all’ ingresso c’ era uno specchio che era molto grande e vide che la sua faccia era tutta sporca e pure tutto il suo corpo e pure il vestito nero era sporco . Erica vide che sua sorella aveva ragione – sono nelle tue mani sorella . Abigal prese per mano Erica e la porto in bagno che era al secondo piano , ultima stanza a destra . Abigal aiuto a Erica a lavarsi e cosi il suo viso era pulito e lindo e poi pure il suo corpo torno ad essere pulito come non mai . Erica non capiva perché si doveva fare una doccia – perché mi devo fare la doccia ? . Abigal era li vicino e non si allontanava visto che voleva essere sicura che sua sorella si lavava bene e non per finta – Senti anche se hai dei poteri nessuno lo può sapere fino a quando non li utilizzi . Se tu hai un aspetto cosi orribile e un odore cosi brutto nessuno ti chiede una mano . Anzi se ne scappa e tu non ottiene altro che non essere chiamata mostro ma anche sporca . Quindi per favore lavati molto bene e lo devi fare tutti i giorni e se non lo fai , ti ci butto io dentro la doccia . Erica vide che sua sorella maggiore era dura ma vide che capiva cosa significava essere accettata dagli altri . Erica era li nuda – come sai queste cose ? . Abigal le aveva provate su di se queste cose – le ho provate di persone e ancora oggi mi succede . Voglio dire che io vivo con delle persone che fanno uso di droghe e di alcol e visto che queste cose hanno un cattivo odore , io mi devo fare la doccia e solo cosi posso avere la possibilità di aiutare persone come te e non essere allontanate per colpa dell’ odore di sigaretta o di droga dei miei . Erica inizio a fidarsi sempre di più di Abigal . Una volta uscita dalla doccia Abigal mise un asciugamano su Erica e le fece mettere dei vestiti adatti a lei . Poi la fece vedere in uno specchio ed era bellissima . Erica vide che adesso era una ragazzina magnifica , si giro verso Abigal – quindi se mi faccio la doccia e faccio tutto quello che mi dici tu potrò essere bella sempre come adesso . Abigal inizio a pettinare i capelli di Erica con calma e con dolcezza – si , tesoro . Se fai come ti dico io sarà bellissima sorella mia .

 

 

Categorie
Arya Strong Carmilla Demone Invocatrice Roberta Olivieri

Arya Strong parla con Carmilla

 

Arya odiava fare accordi con i demoni , anche se aveva con se alcuni demoni non voleva fare accordi con loro visto che sono primi a non mantere un accordo . I demoni fanno di tutto per distruggere il patto che hai fatto con loro . Fanno questa cosa in modo normale come se lo avesse fatto da moltissimo e sopratutto perché questa cosa fa parte della loro natura . Arya non gli piaceva fare patti con i demoni , ma era in gioco la vita di una bambina di 11 e per questa occasione si doveva fare . Arya sapeva che era stata Roberta a provocare l’ incendio in casa sua e fu lei a uccidere i suoi genitori , ma se tutti l’ avessero vista in quel modo tutti avrebbero deciso di ucciderla visto che non volevano che lei facesse una cose del genere . Arya non voleva far andare in galera una ragazzina di 11 e non voleva che nemmeno che un agente di polizia che aveva paura dei suoi poteri da invocatrice , li potesse vedere e per paura prendesse la pistola e gli sparasse . Arya doveva trovare un modo per distruggere le prove che aveva visto li e cosi dare a qualcuno altro la colpa di quello che era successo li dentro . Arya con la sua macchina era arrivata all’ ospedale dove era stata ricoverata Roberta . Una volta arrivata vicino a una delle infermeria disse in modo molto calmo e senza nessuna fretta – sapete dove posso trovare Roberta Olivieri ? . Filomena che era amica di Roberta da quando era stata ricoverata li dentro , decise di rispondere – chi la cerca ? . Arya prese il suo distintivo da detective che era nella tasca destra dei suoi pantaloni neri – io sono il Detective Arya Strong . So che Roberta e stata trovata vicino alla strada e so che la sua famiglia e morta in un incendio e io voglio vedere se Roberta mi può dare delle informazioni sulla persona che ha provocato tanto dolore alla sua famiglia . Filomena era entrata con Arya e poi indico con il dito – questa donna sulla sedia e la sorella maggiore di Roberta . Carmilla era seduta e vide Arya negli occhi e vide che erano di colore nero come la pece ed erano molto oscuri . Arya vide Carmilla e disse con un tono calmo – possiamo parlare fuori . Ti devo dire alcune cose su Roberta e sulla sua situazione . Carmilla si alzo dalla sedia con calma e andò verso la porta e poi usci Arya e chiuse la porta e poi insieme andarono verso la macchinetta del caffè – Io sono Arya Strong e sono una invocatrice come Roberta . Adesso mi puoi dire perché tu demone fai finta di essere la sorella di Roberta . Carmilla sapeva che prima o poi doveva dire la verità e adesso era arrivato quel momento – ora ti spiego , non lo ho mai detto a Roberta ma io sono veramente sua sorella maggiore , ma non lo sa ancora . Arya sapeva che Roberta aveva bisogno dell’ aiuto di tutti quanti – ora ti spiego io sono qui per aiutare Roberta a uscire fuori da questa storia in modo pulito . Anche se non mi piace sono qui per chiedere il tuo aiuto . Ho bisogno del tuo aiuto per togliere tua sorella dai casini . Carmilla avrebbe fatto di tutto per sua sorella minore – cosa posso fare per aiutare Roberta . Arya era li davanti a Carmilla – ora ti spiego visto che tu sei la sorella maggiore di Roberta , devi dire a Roberta di dire tutta la verità su quello che è successo quel giorno e poi insieme cerchiamo di creare una falsa testimonianza e grazie a quella possiamo dare inizio alla prossima fase del nostro piano . Carmilla non so in che modo ma sapeva che nella prossima fase centrava lei .