Categorie
2013 Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

Open Grave – trailer italiano e locandina dell’horror con Sharlto Copley

Il film girato in Ungheria e prodotto da Atlas Pictures vede protagonisti lo Sharlto Copley del fantascientifico District 9 e Thomas Kretschmann, il Conte Dracula di Dario Argento.

La sceneggiatura è dei fratelli Chis e Eddie Borey, mentre il primo è al suo debutto, Eddie è al suo secondo script dopo l’horror-comedy del 2009 Deadly Beloved.

La premessa è oltremodo raccapricciante, il protagonista si risveglia all’interno di una fossa comune senza memoria. Se il regista saprà dosare bene gli indizi, sfruttare al meglio l’elemento horror e soprattutto non rovinare tutto con un finale scontato, un incipit così intrigante (che ricorda quello del thriller Identità sospette) potrebbe dare delle soddisfazioni agli amanti del genere, oltretutto Gallego si deve far perdonare il mediocre found-footage Apollo 18, che più che di colpi di scena era ricco di colpi di sonno.

il resto del cast include Joseph Morgan (Immortals), Erin Richards (in tv Merlin), Josie Ho(Contagion), Max Wrottesley (Hugo Cabret) e l’esordiente M. Frakes,

Jonah (Sharlto Copley) non ricorda come e perché è finito nella fossa comune. Quando riesce ad uscirne, si imbatte in una baita, dove incontra cinque sconosciuti, che, come lui, non ricordano minimamente né chi siano né il motivo per cui si trovano in quel luogo. I sei personaggi sono alla disperata ricerca di cibo e di risposte, e scoprono che potrebbero non essere soli. Il gruppo, tormentato dagli interrogativi sulla propria sorte, comincia a sfaldarsi: i membri, presi dal panico, cominciano a rivoltarsi gli uni contro gli altri. L’unica persona che potrebbe avere delle risposte è “Brown Eyes” (Josie Ho), una ragazza orientale muta che della loro situazione sa molto di più di quanto potrebbero immaginare. A corto di risposte e di tempo, Jonah e i suoi compagni avvertono che per sopravvivere in quella landa desolata devono decifrare l’inspiegabile ostilità racchiusa nelle tenebre di quel paesaggio abbandonato.