Categorie
Ada Knight Alieni Alina Conte Assassin's Creed Cyberman Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Kratos Black

Alina Conte

Skater_girl_by_tatareen

Alina Conte giocava molto spesso alla saga di Assassin’s Creed e questo le permise di prendere gli oggetti di nascosto . Alina voleva mangiare ma sua madre le diceva che doveva mangiare una solo merendina oppure non nè avrebbe più comprato e allora lei grazie a giocare a quel gioco capì come nascondere . Io e Alina eravamo in macchina da un pò di tempo e mi stavo chiedendo che non aveva mangiato nulla . Io girai la testa con calma verso Alina – ma tu non mangi nulla ? . Alina la teneva nascosta nella manica e tiro fuori una barretta di cioccolata . Aveva fatto la stessa cosa che facevo io – questo si che è un bel modo per prendere gli oggetti senza farsi vedere da nessuno . Quando l’ hai presa ? . Alina si mise composta e mise la testa dritta – vedi prima che avevo visto i Cyberman nel mio salotto e uccidere i miei genitori con una scarica elettrica ero andato al mio frigorifero e avevo preso una barretta di cioccolata . Una volta che li ho visti l’ ho messa dentro la manica sinistra e poi me ne sono scappata e una volta fatto l’ ho tenuta al fresco . Vedevo che Alina era piena di sorprese – vedi che te la sei cavare da sola . Ma contro quei Cyberman non si scherza . Hai bisogno del mio aiuto per sconfiggerli . Ada era li dentro il Rifugio dell’ Infinito e mi segui dal suo computer e poi entro dentro la mia mente – non ti scordare di me o di Kratos . Io ero li che tenevo gli occhi sulla strada – certo non mi sono scordato di voi . Ada era li pronta a dire il contrario – da quello che ti ho sentito dire . Hai detto alla ragazza che solo tu la puoi aiutare e noi invece . Ricordati che quella sera ci eravamo pure noi e insieme come una squadra abbiamo salvato Alina Conte dai Cyberman . Quindi dici un altra volta che hai fatto tutto da solo e io e Kratos ci teletrasportiamo in macchina e poi vediamo se hai il coraggio di dire se hai fatto tutto da solo . Kratos entro dentro la mia mente – non ti consiglio prenderti meriti che sono solo tuoi . Posso diventare molto distruttivo e la tua macchina sarà solo un vago ricordo  . Girai la testa verso Alina Conte – vedi non ti ho aiutato da solo ma con due persone . Una è la mia collega Ada Knight e l’ altro è il guerriero Kratos Black . Tra poco verranno con noi dentro la macchina e quindi sta attenta . Alina voleva sapere perchè adesso le stavo dicendo questo – come adesso mi stai dicendo la verità ? . Io con calma andando in avanti – vedi se non lo faccio tre persone si mettono in collaborazione e la macchina che sto guidando non sarà più cosi bella . E per questo te lo sto dicendo .

 

 

Categorie
Alice Serra Andrea Serra Chiara Marino Dafne Marino Diana Serra Luca Marino New York

Alice e Andrea Serra parlano con Dafne Marino

 

Anche se avevano deciso di andare a parlare con Chiara e Luca Marino che sono i genitori di Dafne Marino si doveva capire di cosa erano capaci . Alice , Andrea e Dafne erano li in salotto che era molto grande e aveva delle finestre che davano a un bel parco ed era il Central Park . Loro abitavano li vicino e cosi potevano vedere meglio cosa faceva Diana Serra . Alice prima di iniziare andò vicino a sua figlia Diana – tesoro devi andare di sopra . Io e tuo padre dobbiamo parlare con Dafne . Diana sapeva che era una cosa seria e andò di sopra con calma . Una volta vicina alla sua porta fece una cosa che era di suo solito sbattere la porta perché era arrabbiata con Alice per non averla coinvolta nella vicenda . Diana non era dentro camera sua ma sopra le scale e non faceva nessun rumore visto che avrebbe ascoltato ogni cosa . Era una cosa importante pure per lei e solo perché i suoi genitori le avevano detto di andare in camera e di non sentire niente . Diana non lo avrebbe fatto visto che se le cose andavano male lei ascoltando questa discussione tra i suoi genitori e Dafne Marino poteva fermare quello che sarebbe successo tra i suoi genitori e quelli della sua amante . Dafne era seduta su una poltrona e aveva davanti a se i genitori di Diana Serra – sentite lo so che mio padre non doveva dire quella frase a vostra figlia . Ma io volevo solo la sua approvazione non sapevo che si sarebbe comportato male . Non sapevo che avrebbe fatto . Alice sapeva che non era colpa di sua – non è colpa tua tesoro ma solo di tuo padre . Adesso noi siamo qui e ti sosteniamo . Ma prima di parlare con i tuoi genitori dobbiamo capire qualcosa su di loro . Dafne sapeva che i genitori di Diana Serra avevano dei poteri e sapeva che se questa faccenda finiva male poteva andare tutto storto e portare a uno scontro tra Alice e Andrea e tra Chiara e Luca – io ve le dico ma dovete cercare di non fare del male ai miei genitori . Andrea sapeva che la rabbia può far diventare quei poteri troppo forti e quindi usarli per fare del male – non te lo possiamo assicurare . Dafne era li e non sapeva cosa sarebbe potuto accadere ai suoi genitori – perché non me lo potete assicurare ? . Quella domanda per Dafne era molto lecita e insieme dissero – non possiamo perché non sappiamo come ha cambiato tuo padre la rabbia . Dafne era li seduta comoda sulla poltrona e non capiva cosa c’ entrava la rabbia con i poteri – che vuoi dire che la rabbia ha cambiato mio padre ? . Lo voglio sapere ora e non tra un mese o dopo che avete sistemato tutto . Li dentro c’ e mia madre e non voglio che si faccia del male visto che c’ e un uomo la può uccidere in pochi minuti . Dafne prima di dire quelle parole si era alzata dalla poltrona e aveva uno sguardo furioso e davvero pieno di rabbia . Diana scese dalle scale dove stava ascoltando con calma – Papà e meglio se gli dici quello che sta succedendo e prima che tutto possa peggiorare . Andrea sapeva che tutto poteva andare in un modo peggiore di questo e decise di dire tutto a Dafne Marino visto che era una sua richiesta e anche di Diana – Quando noi abbiamo i poteri alcuni di noi si lasciano condizionare dalla rabbia che dimora dentro di se . Dentro tuo padre c’ e davvero molta e quindi se si arrabbia ancora di più potrebbe diventare pazzo e uccidere Diana Serra . Quindi è per questo che ti abbiamo chiesto se ci puoi dire cosa sanno fare i tuoi genitori almeno così tua madre ci può aiutare a fermare Luca Marino e farlo tornare alla normalità o almeno se possiamo . Dafne si alzo dalla poltrona – in che modo vi posso aiutare ? . Alice e Andrea avevano quello sguardo – no tu non ci aiuti . Tu e Diana Serra sarete qui dentro fino a quando non finisce questa storia e non voglio sentire storie oppure non mi interessa se Dafne non è nostra figlia oppure no vi chiudiamo a chiave nella stanza di Diana Serra . Diana e Dafne Marino accettarono e andarono di sopra . Una volta dentro la stanza Dafne che era nella stanza di Diana e stava camminando avanti e indietro – cosa facciamo non posso stare qui dentro mentre mia madre potrebbe morire per colpa di mio padre . Diana vedeva che Dafne era li e pensava a cosa fare – Andrea tra poco ci chiude a chiave . Dopo che se ne sono andati io scassino la porta e ce ne andiamo a casa tua e da li aiutiamo a i miei genitori a salvare tua madre e tuo padre .

 

Categorie
Ada Knight Aqua Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Foto Galleria Galleria Foto

Everybody’s Gone to the Rapture

Tutti cercano un posto dove stare e restare li visto che è come il loro paradiso . Oggi con Ada e con Pandora e con Aqua sono andato in un universo visto che ho sentito di una sfera di colare dentro una posto che era sopratutto natura . Una volta arrivati vedemmo che li c’ era una bicicletta per terra . Aqua andò li vicino e vide che il bambino che l’ aveva usata l’ aveva buttata a terra come se fosse stato spaventato da qualcosa – credo che qui non ci sia nessuno ? . Io andai da Aqua visto che volevo sapere cosa aveva visto li – cosa hai visto . Ho visto un bambino che correva e ha lasciato la bici a terra , ma non so il perchè . Dopo la bicicletta c’ era anche un carrello della spesa e delle uova caddero a terra . Poi insieme toccammo il terreno e vedemmo questa fonte di calore o qualunque cosa fosse . Una volta visto – andiamo a vedere di casa in casa vediamo se le persone ci sono ancora oppure no . Se vedete qualcosa che ci possa dire qualcosa sulle vittime , fatte una foto e poi ci ricontiamo qui .

Io e Pandora andammo nella varie parti ed entrammo nel primo posto che ci porse davanti agli occhi . Pure Aqua venne con noi visto che cosi potevamo vedere meglio il posto . Vedemmo tutto quello che avevano lasciato le persone li ma non c’ era nessuna traccia di persone in quel luogo . Una volta arrivati in salotto tutti e tre – trovato qualcuno ? . Aqua e noi non avevamo trovato nessuna traccia di persone . Non voglio dire che erano morti ma li non c’ era nessuno . Andammo a controllare pure gli altri posti e niente . Sembra che in quell’universo qualcuno abbia cancellato ogni traccia di esseri umani .

Quando vedemmo la cucina tutto era a terra come se stavano facendo le valigie in fretta e furia per scappare e andare via da li .

Aqua trovo una sedia a rotelle ma sembrava strano visto che li c’ era l’ ombra di una persona . Non  potevamo parlare con lui e lui non ci poteva dire niente visto che era solo un ombra .

Categorie
Amelia Moretti Angela Moretti Brian O' Neal Lenny Luca Moretti New York New York University Talia

Amelia Moretti

 

Amelia Moretti 22 anni ed è di New York . Ha passato tutta la sua vita a New York , ma non con una famiglia ma da sola . Quando aveva 17 anni perse tutto anche il suo aspetto . Angela e Luca i genitori di Amelia non era normali agenti di polizia ma facevano parte della Narcotici . Volevano rendere il mondo un posto sicuro non solo per loro ma anche per la loro unica figlia . Per loro Amelia era un grande tesoro . Per colpa di questo lavoro si fecero davvero molti nemici , una tra questi Brian O’ Neal un uomo di 29 anni che faceva droga . Brian produceva metafetamina e droghe davvero molto pesante . Una sera doveva trasportarle per darle a un suo amico che voleva usarle dentro un locale . Ma i genitori di Amelia lo fermarono , ma Brian lascio li i suoi uomini e lui se ne scappo . Brian decise di vendicarsi quella sera stessa . Pioveva molto e questo impediva a tutti di vedere se c’ era qualcuno fuori oppure no . Angela stava vedendo se Amelia stava tornando oppure no e quando vide una sagoma alla porta . Angela apri la porta e si ritrovo un proiettile dentro al petto . Angela non aveva fatto nemmeno in tempo ad aprire la porta che era morta . Il suo sangue era tutto sparso a terra e poi Luca senti gli spari e prese la sua pistola di servizio . Non la toglieva mai visto che non poteva sapere quando uno di questi mostri voleva andare da lui e vendicarsi per qualcosa che aveva fatto in servizio . Luca non sapeva dove era Brian – dove sei Brian ? . Se vuoi uccidermi vieni fuori , non fare il codardo . Brian lo prese da dietro a Luca , prima lo colpi con il calcio della pistola e poi gli sparo un proiettile dietro la nuca . Amelia era tornata a casa e vide quella scena . Brian sapeva di Amelia e la stava aspettando in camera sua . Brian era sul suo letto che era davvero bello comodo e ben fatto . Amelia decise di andarsene sotto quella pioggia . Aveva paura , il cuore gli batteva all’ impazzata . Inizio ad andare in modo veloce verso l’ unico posto dove era al sicuro e sarebbe a dire la New York University . Brian aveva sentito qualcuno aprire e chiudere la porta e vide che era la piccola Amelia . Scese le scale e andò verso di lei , la insegui . Amelia vide uno taxi e ci sali subito sopra . Proprio su quell’ autobus lei cambio aspetto . I suoi capelli da marrone divennero rosa . Tutto il suo aspetto cambio . L’ autista del taxi vide che la donna era molto agitata e poi vide quest’ uomo che era dietro di lei . Amelia inizio a vedere negli occhi l’ autista – per favore mi porti alla New York University . Quell’ uomo ha ucciso i miei genitori . Per favore . Lenny non si fece pregare e inizio ad accelerare per andare alla New York University . Amelia una volta arrivata alla New York University , entro dentro la segreteria e rimase li . Talia che era la segreteria dentro la New York University arrivo li al suo posto e senti piangere qualcuno . Talia aveva visto molte volte Amelia ed era sempre in momenti felice . Talia andò verso di lei e vide che era molto diversa , una volta vicino a lei – Per favore dimmi chi sei ? . Amelia non sapeva che era cambiata e poi vide Talia – Come Talia non mi riconosci sono io . Sono Amelia . Per favore aiutami . Talia vide che Amelia era bagnata fradicia , aveva un nuovo aspetto e stava piangendo moltissimo . Talia vide che l’ unica cosa che non era cambiata in Amelia erano i suoi occhi . Talia si mise vicino ad Amelia – raccontami cosa ti è successo ? . Amelia si diede una calmata e inizio a raccontare tutto a Talia – Ero andata a lavorare a un bar fino a tardi . Torno a casa , apro la porta e vedo mia madre stesa a terra e poi vedo mio padre in salotto con un proiettile dentro la nuca . Non so come ma sapevo che il mostro che aveva fatto questo era dentro casa mia . Me ne sono andata e me ne sono venuta qui in fretta e furia . Talia aveva sentito Amelia e aveva visto che aveva passato proprio un brutto momento . Amelia fermo le sue lacrime e poi si vide a uno dei vetri delle segreteria . Si vide diversa e cosi capì come mai Talia non l’ aveva riconosciuta . Talia sapeva che si doveva fare una sola cosa , chiamare la polizia . Una volta chiamata tutti quanti si misero a cercare quel bastardo che aveva uccisi i loro colleghi . Pure la narcotici si mise a cercare Brian non solo per Angela e per Luca ma anche per Amelia . Anche se a tutti la vedevano con questo nuovo aspetto , però vedevano che era sempre la stessa .

 

Categorie
Angelo Baldassare Elizabeth Storm Irisa

Angelo Baldassare scopre il potere di Irisa

 

Irisa nel suo primo appuntamento con Angelo non gli aveva detto del suo potere perché prima di farglielo sapere voleva sapere la sua opinione su questo genere di cose e poi gli poteva dire cosa sapeva fare . Ma lui non lo scopri in un modo normale ma la sera del suo secondo appuntamento visto che la persona che avevano arrestato che era un uomo molto pericoloso aveva pagato degli uomini con soldi sporchi per uccidere Irisa . Irisa sapeva troppo e doveva essere tolta di mezzo e non doveva arrivare per nulla al mondo al processo e cosi aveva chiamato un suo amico per ingaggiare questi due criminale che non mancavano mai il bersaglio . Irisa e Angelo era seduti e stavano parlando di cosa era successo visto che non aveva detto tutto a Elizabeth ma per paura . Angelo si tolse la camicia e la mise addosso a lei e cosi le fece perdere un po’ la paura – lo so che hai paura . Tutti hanno paura pure io ho paura ma se non ci dici tutto non ti possiamo andare e pure io se voglio fare qualcosa per te non posso fare niente per toglierti da questa brutta situazione . Due uomini con la moto e con il casco in testa erano pronti con i loro mitragliatori e iniziarono a sparare a raffica dentro la casa . Qualche minuto prima Irisa aveva sentito quei rumori e aveva sentito i pensieri dei due uomini “ La donna e in casa . Adesso la uccidiamo facendo bruciare la casa colpendo con uno dei nostri colpi il serbatoio del gas e lei muore “ . Irisa decise di prendere Angelo e di uscire dalla porta di dietro e poi vide la casa andare a fuoco visto che l’ uomo che era alto un metro e settanta cinque aveva fatto come diceva nei suoi pensieri . Angelo abbraccio Irisa visto che aveva paura e molto paura e gli chiese come facevi a saperlo – ho il potere di leggere il pensiero e grazie a quello ho sentito i pensieri dei due uomini che erano in moto e loro hanno fatto saltare in aria casa mia . Angelo la guardo negli occhi e le diede un bacio e disse – vuoi sapere cosa penso dei poteri che una cosa molto bella e ci hanno salvato la vita . Quindi adesso andiamo da Elizabeth dopo che abbiamo chiamato i vigili del fuoco e hanno spento questo incendio e gli dici tutto e io starò al tuo fianco . Voglio stare con te e se significa rischiare però sarò felice visto che sei una donna bellissima e abbiamo molte cose in comune . Angelo decise di portare a casa sua Irisa visto che adesso la credono morta era meglio che stava li a casa sua . Angelo viveva con sua sorella minore di nome Tina che quando vide suo fratello vivo lo abbraccio moltissimo come una stretta per non lasciarlo andare visto che aveva quasi perso la vita . Angelo vide sua sorella minore e gli disse – lo so ti ho fatto preoccupare ma adesso e tutto apposto e adesso vi voglio presentare Irisa lei stara qui a casa nostra fino a quando non finisce il processo . Irisa vide che Tina voleva mangiare e cosi si mise a fare i biscotti al cioccolato e vide che piacevano un sacco non solo ad Angelo ma anche a Tina che era felice di sapere che suo fratello aveva trovato una persona che era cosi . Tina fece venire suo fratello in salotto e gli disse – pensi di stare con questa donna . Allora hai scelto bene Angelo . Angelo guardo Tina negli occhi e disse in maniera gentile visto che pur sempre sua sorella di 18 anni – lo stai dicendo solo perché fa questi mitici biscotti al cioccolato . Tina fece con la testa si e alla fine decise di portare sopra Irisa per farle vedere dove dorme e una volta entrata le disse – certo lo so non sarà come casa tua ma per dormire va bene . A Irisa andava bene visto che le importava solo stare li fino a quando questa storia non finisce .

 

Categorie
Allenamento Angelica Wood Collezionisti Mutaforme Shadow Black Spazio

Allenamento Angelica Wood parte 1

Shadow Black aveva deciso di allenare Angelica Wood la mutaforme per cosi farla diventare forte , resistente e quindi cosi da poter essere resistere alle cose che i Collezionisti le avrebbero fatto . Presa dalla borsa che in alcuni momenti si portava un machete e poi ne diede uno pure ad Angelica Wood . Angelica Wood fece cadere dalle sue mani il machete che poco prima Shadow Black gli aveva dato nelle mani che erano ricoperte con i guanti . Angelica Wood si chino con calma e raccolse il suo machete e Shadow Black molto più veloce gli mise il suo machete vicino alla sua gola e gli dissi con calmo mentre Angelica non era molto calma e lo si poteva vedere in volto visto che gli usci una goccia di sudore e poi lei stava per mettersi una grande paura – allora la prossima volta devi prendere il machete più veloce . Da oggi ti allenerai con me e cosi i tuoi riflessi miglioreranno e cosi diventare molto più forte e cosi forse potrai resistere a quello che ti vogliono fare i Collezionisti . Angelica si calmo dopo che Shadow gli tolse il machete con calma da vicino la gola e poi gli dissi – adesso ho otto mesi per farti diventare una grande guerriera . Adesso iniziamo dalle basi cioè facciamo addominali e molte flessioni , ne farai un sacco poi se sei stanca ti riposi e poi una volta ripresa rincominci a farle ma prima ti devo dare una molto importante . Shadow Black andò in camera sua , apri la valigia e estrasse con calma la tuta assorbix per Angelica Wood . Shadow Black torno in salotto dove era Angelica che aspettava Shadow Black con calma e mentre vedeva dove lui andava . Shadow Black torno nel salotto che era grande e davvero molto bello , li c’ era Angelica che aspettava avanti e indietro mentre aspettava Shadow Black e una volta tornato diede la tuta ad Angelica Wood che la prese in mano senza farla cadere come aveva fatto con il machete che Shadow Black gli aveva dato . Angelica Wood una volta presa la tuta per le mani e andò in camera sua per la privacy e si mise con calma la tuta e subito la tuta si adotto al suo corpo . Shadow Black inizio a spiegare ad Angelica mentre aveva iniziato a fare una serie di addominali – questa tuta non è come tutte le altre tute , si modella al tuo corpo e sopratutto ti impedisce di sudare cioè lo assorbe e quindi non fai troppi sforzi per fare le addominali , flessioni e quindi tutto il nostro allenamento . Angelica Wood era felice di avere una cosa nuova e poi decise di concentrarsi sul loro allenamento visto che se non si allenava poteva fare una fine molto brutta visto che i Collezionisti aveva un detto “ Se è pericoloso può essere utili ai nostri scopi “ . Angelica Wood lo aveva saputo da Shadow Black perché lei voleva sapere qualcosa sui Collezionisti e Shadow Black aveva deciso di dirlo ad Angelica Wood per fare in modo che lei li potesse conoscere di più . Angelica capì che doveva fare un grande allenamento visto che se non sapeva fare niente loro l’ avrebbero soltanto uccisa . 

Categorie
Angela Ferrante Beatrice Beatrice Ferrante Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Occhio della Fenice

Insegno a Beatrice Ferrante come funziona l’ occhio della fenice

 

Ero ritornato a casa di Angela Ferrante e li trovai Beatrice Ferrante che aveva iniziato a mangiare qualcosa visto che stava morendo di fame . Io bussai alla porta con calma , senza correre visto che doveva stare li fino a quando Beatrice non imparava a utilizzare l’ occhio della fenice bene . Beatrice mi venne ad aprire con un passo lente e lei con tutta la sua gentilezza e felicità mi fece entrare in casa sua . Quando entrai in casa io e Beatrice ci dirigemmo verso il salotto , il salotto era il luogo perfetto per far vedere a Beatrice come funziona l’ occhio della fenice . Ci sedemmo sul divano uno accanto all’altro , vicino al divano c’ era un tavolino di vetro e sopra non c’ era nessuna decorazione . Beatrice era li seduta accanto a me e voleva sapere come funziona l’ occhio della fenice , l’ abilità oculare che era perduta nel tempo , nello spazio e nei mondi – come funziona l’ occhio della fenice . Beatrice era partita con una domanda diretta , senza giri di parole o senza parlare di altro . La risposta di Beatrice merita una risposta visto che gli avevo promesso di dire a lei come funzionava per farlo funzionare quando voleva – ora fai come ti dico io e tutto andrà bene .Beatrice con i suoi capelli rossi che si mossero una volta che la sua testa si giro verso di me pronta ad ascoltarmi per capire cosa doveva fare per farlo funzionare – cosa devo fare ? .

 

Io puntai il mio dito contro il tavolino di vetro , Beatrice non capì ma poi vide delle impronte digitali sul tavolino di vetro ed erano ben visibili . Beatrice aveva saputo da sua madre Angela che le impronte si potevano vedere solo con certi metodi usati dalla polizia scientifica ma non capiva come mai lei le vedeva e visto che io ero la , vicino a lei e potevo rispondere a tutte le sue domande – come mai vedo le impronte ? .

 

Ero sempre pronte a rispondere le domande di tutti e anche quelle fatte da Beatrice e le aveva fatto la promessa di rispondere a tutte le sue domande – Ora ti spiego gli occhi della fenice ti permettono di vedere impronte , simboli e altre cose che gli occhi degli esseri umani non vedono . Beatrice mi fece capire subito che aveva capito quando mi disse con un tono calmo e il volto rivolto di me – quindi grazie agli occhi della fenice posso vedere cose che gli altri non vedono .

 

Hai capito ma se ti concentri puoi far vedere alle persone quello che riesci a vedere con i tuoi – la guardai e si vedeva che era felice di imparare visto che non aveva uno sguardo annoiato e quindi lei imparava molto velocemente visto che io glielo stavo facendo capire sul posto quelle cose e quindi lei imparava mano ,mano e non poteva dire che si scocciava visto che glielo faceva fare dopo e sotto la mia supervisione e cosi lei poteva capire tutto e se sbagliava c’ ero io che potevo intervenire . Ma Beatrice era in gamba e quindi non avrebbero sbagliato visto che era molto brava ad imparare . 

 

Categorie
Aqua Capodanno Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Dominatrice di Poteri Dr Alyssa Saintcall Pandora Rebecca Russo Valentina Richardson

Dico a Pandora e Aqua una mia idea per la Sala delle Feste

Dopo aver fatto colazione Pandora e Aqua stavano andando nella sala delle feste per vedere se ci dovevano aggiungere qualcosa altro per rendere la stanza più bella . Io le seguivo e mentre camminavamo io dissi a Pandora e mi riferivo anche ad Aqua – che ne dite sui tavoli mettiamo delle belle candele profumate su dei candelabri che mettiamo su ogni tavolo e cosi la stanza diventa più bella . Aqua ci penso sopra e il fatto dei candelabri su ogni tavolo non andava male e poi lei si fermo proprio vicino alla sala delle feste e disse – si ma dove possiamo trovare queste cose , dovremo andare in un negozio e oramai tutti i negozi saranno stracolmi di gente e sicuramente i candelabri e le candele profumate saranno andate a ruba e a trovarle ci sarà una grandissima fortuna . Io però dissi a loro – se non mi sbaglio i candelabri ce li abbiamo , si trovano nel salotto di sotto e per le candele profumate invece si devono andare a comprare . Io dissi a loro due – facciamo cosi io vado giù a cercare i candelabri e voi due invece uscite e andate a comprare le candele profumate . Presi dal mio portafoglio 15 euro e le diedi ad Aqua e non comprate niente altro e state attenti ai ladri . Pandora e Aqua erano ancora in pigiama , si vestirono e uscirono a comprare le candele profumate , andarono in vari negozi e alla fine andarono al mercato dove loro trovarono le candele profumate a 15 euro e ne comprarono uno che ne conteneva molte candele per i cinque candelabri che erano dentro il salotto e non venivano utilizzati . Li presi e li portai sopra e li misi su ogni tavolo che erano sulle tavole per le feste e alla fine tornarono Pandora e Aqua e non aveva incontrato nessun pericolo nella loro rientro a casa e tornarono con le candele profumate ed erano moltissime e sopratutto erano giuste per i candelabri che io con molta calma e pazienza aveva trovato li nel salotto e con calma . Erano stati messi li e quasi dimenticati e c’ era molto polvere su questi candelabri , gli tolsi tutta la polvere che c’ era sopra . Se Pandora o Aqua o qualcun’ altro avesse visto quanta polvere c’ era sopra uno avrebbe pensato che era di tanto tempo fa invece era solo vecchio di 10 anni e che li sopra c’ era solo molto polvere e quindi ci misi un po’ a fare in modo che fossero come nuovi visto che poi li dovetti far diventare di nuovo di ferro visto che per colpa del tempo l’ argento si era tolto e quindi mi misi li a ridare un del loro splendore a questi candelabri e sopratutto gli rimisi un po’ di argento sopra e cosi erano come nuovi . Aqua e Pandora invece misero le candele nella camera di Pandora e i candelabri invece li rimasero li sopra e poi anche senza candele sopra era molto belli e secondo se un ladro li avrebbe visti li sopra gli veniva la voglia di entrare e rubarli e come dargli torto l’ oro vale davvero molto al mercato nero e visti che erano nuovi e mai utilizzati erano ancora meglio . Pandora , Aqua e io eravamo li e stavamo vedendo il lavoro ultimato e io le dissi – siete bravissime nel fare lavori di questo genere è una meraviglia questa stanza e sicuramente quando la vedranno le altre due persone che verranno alla festa le piacerà un sacco . Pandora mi guardo e mi chiese – mi puoi dire chi viene oltre ad Ada Knight ? , io la guardai e dissi a loro – Ti ricordi Valentina Richardson e Rebecca Russo ? .

Pandora e Aqua mi dissero all’ unisono – si , ci ricordiamo di loro , io dissi a loro – insieme ad Ada Knight vengono anche loro due e Aqua mi disse – spero che a loro piacerà quello che abbiamo fatto nella stanza . Io le dissi – se l’ ho apprezzato io , pure loro lo faranno , mi misi dietro le spalle di Aqua e le misi una mano sulla spalla per farla calmare un po’ . Aqua alla fine si calmo e io prima di fare una cosa chiamai Rebecca Russo – Salve Rebecca ti vorrei chiedere una cosa ? . Rebecca ascolto la mia richiesta prima di dire si o no – ti va di venire a festeggiare il Capodanno a casa mia come hai fatto per Natale .Rebecca Russo e Valentina Richardson avevano passato cosi bene il Natale con lei e noi le abbiamo rese partecipe della festa e dopo averci pensato un po’ mi disse – si , pure Valentina non vede l’ ora di tornare a casa tua , sicuramente avrai fatto le cose in grandi . Io le dissi – mi vorrei prendere tutto il merito ma tutto il lavoro più grande lo hanno fatto Aqua e Pandora , appena vedrai cosa hanno fatto nella Sala delle Feste tu e Valentina rimarrete senza fiato e noi festeggiamo tutto insieme l’ ultimo dell’ anno . Dopo aver spento la telefonata Rebecca andò da Valentina e disse – domani andiamo a festeggiare il Capodanno a casa di Daniel

Saintcall , ci divertiremo e festeggiamo con la sua famiglia e ha invitato tutti e due . Valentina Richardson era davvero molto felice di sentire , non voleva festeggiare il Capodanno da soli . 

Categorie
2013 Foto Foto del Giono Mondo

Foto del Giorno : Una Festa coi Baffi

Dormiglioni o iperattivi, individualisti o di compagnia, tigri da salotto o coccoloni fuseggianti: qualsiasi sia la loro indole, gli oltre 7,5 milioni di gatti che dividono la loro vita con un essere umano non hanno mai perso il loro fascino misterioso.
Per celebrare questo piccolo felino il 17 febbraio si festeggia la Giornata Nazionale del Gatto.
Ma perchè proprio questo giorno? Istituita nel 1990, la ricorrenza nasce da un’iniziativa rivolta ai lettori della rivista “Tuttogatto” per stabilire una giornata da dedicare a questi affascinanti animali. La scelta del 17 febbraio non fu un caso: da un lato il mese, che non solo per tradizione popolare è detto “dei gatti e delle streghe”, ma cade anche sotto il segno dell’Acquario, ossia degli spiriti liberi e anticonformisti proprio come gli amici felini. Dall’altro il giorno, il più infausto e portatore di malasorte secondo la nostra numerologia almeno quanto un gatto nero (ma perchè si dice che il gatto nero porta sfortuna?).

 

Categorie
Babbo Natale Befana Calmoniglio Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Dominatrice di Poteri Dr Alyssa Saintcall Pandora Pandora Black

Pandora conosce il Calmoniglio

Il Coniglio di Pasqua era arrivato a casa mia grazie a un portale che aveva fatto e adesso era nel Rifugio dell’ Infinito e mise con calma l’ uovo di pasqua li sul divano . Pandora era sempre pronta a sentire tutto visto che giorno dopo giorno il suo udito aumentava e grazie a questo potere aveva sentito il rumore fatto dalle grandi zampe del Coniglio Pasquale . Pandora se ne andò in salotto e lo sorprese e trovo lui il Coniglio Pasquale che stava mettendo l’ Uovo di Pasqua li sul divano con calma senza farlo rompere . Pandora aveva fatto molto piano e inizio a toccare con la mano destra la coda pelosa del Coniglio Pasquale che era molto bella e tanto delicata  – ferma piccolina . Il Coniglio Pasquali si giro e vide la piccola Pandora sveglia e la prese tra le sue mani con calma  – ho sentito parlare di te non solo da Babbo Natale ma anche dalla Befana . So che ti hanno fatto molto male gli dei ma adesso tu sei libera dalla loro influenza e adesso sei in un posto dove ti vogliono bene . Adesso ti lascio l’ uovo di pasqua e cerca di fare la buona la prossima volta oppure non avrai l’ uovo di pasqua la prossima volta . Pandora fece un bel sorriso – adesso sono in una casa piena di amore e farò la brava e cosi avrò un altro uovo di pasqua e lo posso condividere con i miei amici .