Categorie
Ada Knight Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Foto Rosemary' Baby

Rosemary’s Baby

Alcune persone non credono al sopranaturale . Non ci credono e anche se lo hanno visto con i loro occhi non ci possono credere . Mentre Rosemary ci crede perchè lo ha visto e sopratutto crede in se stessa e non alla persona con cui sta parlando suo marito . Per colpa di questa cosa che Rosemary crede di aver visto , litigano . Rosemary e suo marito non vogliono litigare , ma quando Rosemary vede che suo marito crede più a questa persona che non a lei e da li inizio un grande litigio . Alla fine vede che il marito non capisce e cosi decide di smettere di parlare visto che lui non capisce e non lo capirà mai . Rosemary ci ha provato a dire queste cose al marito , ma lui ha chiuso gli occhi e non ha voluto sentire la verità . Ha voluto credere a un altra persona e non a sua moglie Rosemary . Lei aspetta suo figlio e invece di fidarsi di lei , non lo ha fatto e adesso non so cosa succederà , ma sta per succedere qualcosa di brutto .

Categorie
Ada Knight Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Foto Galleria Galleria Foto

Black Box – Sweet Little Lies

Catherine Black ha una nuova paziente e si tratta di una tata che sta soffrendo di allucinazione e deve cercare di curarla oppure ricadrà nella sua condizione e questo le impedirà di curare questa persona . Se ricadrà in questa sua condizione Catherine crederà che la tata non deve essere curata e cosi morire per colpa di una sua illusione . Ma per Catherine ci sono dei gravi problemi visto che il capo di neurochirurgia ha una crisi e per colpa di questo si iniziano a fare controlli e quindi Catherine deve essere molto preoccupata e questo potrebbe far uscire il suo problema .

 

Categorie
Alukard Saintcall Cupido Dominatore di Poteri Dominatrice di Poteri Helena Saintcall Natale Vischio

La Storia del Vischio

Tanto Tempo fa quando il non c’ era e c’ era tutta questa gioia , bontà con gli altri e il fatto di restare a casa con i parenti e anche per le coppie era un momento difficile . Per colpa del duro inverno che arriva , le persone si dovevano spaccare la schiena e dovevano lavorare quasi tutto il giorno e per questo motivo maggior parte dei fidanzati sopratutto quelli poveri non potevano stare con le loro fidanzate . Baciarle e stare con loro tutto il tempo che volevano , invece le persone più ricche e facoltose avevano tutto e spesso loro anche per un piccolo minuto guardavano li dalle loro belle finestre a vedere loro baciare le loro fidanzate .

Cupido per colpa di questo vuoto era quasi vicino all’ orlo di un baratro , negli ultimi giorni stava tra benissimo e in quei cinque secondo li poteva scomparire davanti ai tuoi occhi e dopo un bacio lui poteva ricomparire . Alla fine decise di fare questo , chiese a uno dei suoi più fidati amici di scrivere una lettera inter-dimensionale a mio padre Alukard e a mia madre Helena . Loro avevano poteri incredibili e sopratutto il potere di creare cose incredibili , se creare un oggetto speciale e unico che poteva dare speranza di nuovo a tutte le coppie non solo del mondo ma anche dell’ intero universo . Questo lo potevano solo due persone cioè i miei genitori . Per fare tale oggetto ci misserò molto tempo e alla fine dopo lungo cercare grazie a una visione di mia madre Helena trovarono l’ oggetto giusto per quella grande occasione cioè il vischio . Mia madre Helena andò da suo marito Alukard e disse – Ho trovato , ho capito quale oggetto utilizzare . Helena fece un dipinto e lo fece a suo marito Alukard e a Cupido e alla fine capirono cose dovevano fare . Adesso l’ unica cosa era aspettare che usciva tale oggetto speciale , avevano parlato con la natura stessa e lui disse con forte e davvero molto bella – L’ oggetto in questione apparirà il 25 Dicembre cioè il giorno di Natale e per fare in modo che tale cosa possa diventare un oggetto . Tu e tua moglie vi dovrete baciare sotto il vischio .

Il 25 Dicembre in una delle varie zone della città era nato il vischio e i miei genitori aspettarono il momento giusto e poi insieme , mano nella mano si misero insieme sotto il vischio e i miei genitori si diedero un bel bacio . Tutti stavano guardando quella scena e sopra di loro videro quella bellissima pianta , uno si avvicino ai miei genitori e disse – mi puoi dire che pianta è ? . Prese parola mia madre e disse – Questa pianta si chiama vischio , nasce la vigilia di natale e per questa pianta c’ e una tradizione che chi è una coppia e vuole essere felice con la propria fidanzata si deve baciare sotto questa pianta speciale . Tornarono a casa di Cupido e dopo pochi minuti moltissime coppie avevano fatto quello che i miei genitori avevano fatto e la salute di Cupido era alle stelle . Il giorno di Natale per lui era un giorno bellissimo e tutto questo lo doveva ai miei genitori e lui disse – Se avete bisogno di aiuto , basta che mi chiamate e io vengo ad aiutarvi .

Categorie
2012 Foto Foto del Giono

Foto del Giorno : Il lusso che nasce nelle baraccopoli

(Andrew Biraj/Reuters)

I bambini, si sa, giocano con poco, ma in questo caso il poco che hanno è anche pericoloso. Saltare e tuffarsi può essere molto divertente, ma le montagne bianche che nell’immaginazione di questa bimba chissà in quale meraviglioso mondo si sono trasformate, in realtà sono prodotti di scarto di una conceria, che presto diventeranno mangime per polli.
Siamo a Dhaka, la capitale del Bangladesh, in una baraccopoli a Hazaribagh: è qui che nasce la pelletteria di lusso venduta in tutto il mondo, esponendo i lavoratori – bambini compresi – alle pericolose sostanze chimiche utilizzate nei processi produttivi senza alcuna precauzione.
Ma non è tutto: nessuna delle concerie di questo tristemente famoso e inquinato quartiere tratta le acque reflue contenenti carne animale, acido solforico, cromo e piombo, lasciandole fluire in canali di scolo aperti per finire poi nel fiume principale della città, il Buriganga.

Se questo non è bastato a farvi venire i brividi, guardate la gallery sull’impatto ambientale del boom economico cinese.

Due bracciate tra le alghe
Un bambino nuota in un mare completamente ricoperte di alghe lungo la costa di Qingdao, nella provincia di Shandong.La crescita incontrollata di questi vegetali è provocata dagli scarichi industriali che riversano nei fiumi, o direttamente in mare, nitrati e altre sostanze fertilizzanti.
A pesca di veleni
Un pescatore tiene tra i denti la sua rete mentre si muove tra le acque, e i rifiuti galleggianti, del fiume Wuhan, nella provincia di Hubei.
Oltre la metà delle città cinesi è afflitta dal problema delle piogge acide e quasi un sesto dei principali fiumi del paese è così inquinato da essere inutilizzabile anche per l’agricoltura.
Per questo motivo la Cina potrebbe presto fronteggiare una delle crisi idriche più gravi del mondo, che potrebbe mettere in discussione i risultati economici conquistati negli ultimi anni.
Fatta la legge…
Una giornalista preleva dei campioni di acqua rossa dal fiume Jianhe, nella provincia di Luoyang. Secondo la stampa locale la fonte dell’inquinamento sarebbero due impianti chimici che scaricano clandestinamente nelle acque del fiume.
Il governo cinese è comunque consapevole che i danni provocati all’ambiente potrebbero annullare, se non adirittura mandare in negativo, le conquiste economiche dell’ultimo decennio. Per questo motivo sono state emanate numerose normative a tutela del patrimonio naturale declinate nei vari Piani Quinquennali.
Il problema principale è l’applicazione delle leggi in ambito locale, dove la corruzione e la logica del profitto ad ogni costo riescono a prevalere sulle disposizioni di legge.
Nero come il coke
Un operaio cammina lungo i binari della raffinera di coke di Changzhi, nella provincia di Shanxi. Il coke è un combustibile solido derivato dalla raffinazione del petrolio, ad alto potere calorifico ma anche altamente inquinante perchè ricco di zolfo.
La produzione di energia è il settore produttivo cinese con il maggior impatto ambientale: la corrente elettrica viene infatti prodotta per lo più in centrali a carbone o coke o in grandi impianti idroelettrici che hanno sconvolto l’orografia di intere regioni.
Pesce al rame
Un gruppo di pescatori carica su una ruspa sacchi di pesci morti raccolti nelle acque del fiume Mian Hua Tan, nella contea di Yongdin.
Responsabile della strage, che ha provocato l’avvelenamento di quasi 2.000 tonnellate di pesce, sarebbe una miniera di rame di proprietà della Zijin Mining Group che avrebbe riversato i propri scarichi nelle acque del fiume. Le azioni della società sono state immediatamente sospese dal listino della Borsa di Hong Kong dove sono quotate.
Frutti di mare tossici
Un agente chimico utilizzato nella raffinazione del greggio per separare il petrolio dallo zolfo è fuoriuscito da un impianto di Dailan, nella provincia di Liaoning, riversandosi in mare. La prima conseguenza è una strage di pettini, che vegono pescati dal fondo morti e ammassati per essere distrutti.
Ma il governo di Pechino sta inziando a capire la lezione; secondo il Libro Bianco sull’Amiente pubblicato dal Consiglio di Stato, negli ultimi tre anni sono stati contestati 75.000 casi di violazione delle norme anti inquinamento che hanno portato alla chiusura di 16.000 aziende e all’incriminazione di oltre 10.000 persone, poi condannate a riparare i danni commessi. Ma spesso non c’era più nulla da fare
Altro che Area C
Una tranquilla mattina di smog a Pechino: la coltre scura che avvolge case e auto è formata da una micidiale miscela tra la sabbia del deserto del Gobi portata dai venti e i fumi delle industrie e delle centrali termoelettriche. Secondo l’indice di vivibilità delle città pubblicato ogni anno dall’ Economist il livello di inquinamento di Pechino è a 4,5 su una scala di 5.
Eppure nell’ultimo Piano Quinquennale sono stati stanziati oltre 10 miliardi di euro per tentare di risolvere almeno il problema delle tempeste di sabbia che periodicamente si abbattono su Pechino, favorite dal disboscamento e dalla progressiva desertificazione delle aree attorno alla città.
Fumi di paglia
I contadini bruciano le stoppie e la paglia rimaste sui campi dopo il raccolto e così l’aria di Wuhan, una cittadina che sorge lungo il corso del fiume Yang Tze, si impregna per giorni di un denso fumo scuro che avvolge ogni cosa.
Sempre peggio
L’aria delle grandi città è così irrespirabile che sempre più persone escono di casa con il volto coperto da maschere operatorie, per altro assolutamente inutili contro gli agenti inquinanti più pericolosi.
E se la situazione nel nostro paese non è così grave, non mancano comunque casi di cattiva industrializzazione: il più clamoroso balzato agli onori, e agli orrori, delle cronache riguarda le acciaierie ILVA di Taranto, confinanti con la città e responsabili, secondo i giudici, di una sitazione ambientale disastrosa. E ora rischiano di farne le spese 11.000 operai, che potrebbero essere lasciati a casa in seguito al sequestro dell’azienda disposto dalla magistratura.
La buona notizia
Chiudiamo questa rassegna di eco orrori con l’immagine di un operaio che pompa colonie di cianobatteri aspirate dal lago Chaohu in un impianto di depurazione. I cianobatteri, chiamati anche alghe verdi azzurre, prolificano in maniera incontrollata nelle acque inquinate da fertilizzanti e detergenti.
La loro pericolosità è data dalla capacità di produrre neurotossine ed epatosissine in grado di attaccare il sistema nervoso e il fegato degli animali e dell’uomo. Secondo i media locali questo depuratore, di recente costruzione, tratta oltre 1000 tonnellate di cianobatteri al giorno.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Categorie
2012 animali Foto Foto del Giono Mondi Fantastici Mondo

Foto del Giorno : Dottor Bau, il miglior amico del bambino

(Lisa B./Corbis )

Se siete tra quelli che credono che la compagnia di cani e gatti non faccia bene ai bambini, dovrete ricredervi: recenti studi scientifici, confermati anche da evidenze cliniche, dimostrano che non solo non sono pericolosi per la loro salute, ma addirittura possono prevenire alcune malattie e curarne altre.

Partiamo dalle allergie: i risultati di una ricerca condotta dal Department of Public Health Sciences dell’Henry Ford Hospital di Detroit (USA) confermano che i bambini che nel primo anno di vita hanno vissuto con un cane o un gatto in casa corrono la metà del rischio di sviluppare allergie nei confronti del pelo canino o felino rispetto a quelli non sono cresciuti con un compagno peloso.

Gli animali domestici sono un toccasana anche contro l’asma, sempre più diffusa tra i bambini. Secondo lo studio condotto dall’American Society of Microbiology, le nostre case sono troppo pulite, quasi asettiche e proprio per questo i bambini non sviluppano abbastanza anticorpi, diventando ben presto allergici. Cani e gatti sarebbero invece sufficientemente “polverosi” da insegnare al sistema immunitario ancora immaturo dei piccoli a limitare le reazioni allergiche.

Anche per la prevenzione degli eczemi nei bimbi allergici (studio dell’Università di Cincinnati, USA, e del Cincinnati Children’s Hospital Medical Center) la presenza di un cane (questa volta del gatto no) fa la differenza: chi cresce senza un amico a quattro zampe ha un rischio 4 volte più elevato di sviluppare questa patologia.

Non è tutto: i cani entrano anche in ospedale pur di curare i bambini ricoverati. Succede nei reparti di pediatria di alcuni ospedali napoletani dove, dal 2007, l’Associazione Aitaca fa incontrare i piccoli degenti con alcuni cani, facendoli giocare insieme. Analizzando le reazioni degli oltre mille bambini coinvolti è emerso che tutti hanno riportato un miglioramento delle capacità relazionali e di interazione. In particolare, lo studio pubblicato sulla rivista “Medicina e bambino” ha dimostrato che per i bambini con disturbi del comportamento si è registrato un incremento delle competenze linguistiche e relazionali e nei soggetti con disturbo da deficit di attenzione e iperattività si è osservata una riduzione dell’iperattività e un aumento dell’attenzione.