Ada Knight dice il suo segreto a suo zio

Ada Knight

Ada Knight non aveva ancora lasciato suo zio mettere la testa dentro quelle scartoffie per vedere se tutti i conti e le tasse erano state pagate . Prima di farlo Ada si rimise seduta sulla sedia – ti devo dire un mio segreto ? . Non lo so se la sai questa cosa oppure ma preparati . Marshal sapeva cosa stava per dire Ada Knight cioè che aveva lo stesso potere di sua madre cioè la rigenerazione cellulare accelerata . Ada si alzo un po’ la maglietta e fece vedere che la ferita che aveva sul braccio era guarita – vedi io ho lo stesso potere di mia madre . Marshal chiuse la porta a chiave – questa cosa non la devi dire agli altri . Se sapessero che sai fare una cosa del genere ti guardano molto male . Le persone con in poteri sopratutto quelli pericolosi non sono accettati . Sono visti come dei mostri e non voglio che a te succeda una cosa del genere . Quindi devi tenerla per te e devi solo dirla alle persone con dei poteri . Ada si mise una mano sul petto – lo giuro . Tu hai dei poteri ? . Marshal guardo Ada in faccia – no , ma tua madre si . Questo che hai ottenuto è il suo potere . Questo potere di guarire rapidamente da ogni ferita o colpo di proiettile l’ hai ereditata da lei . Se vuoi ti racconto come tua madre l’ ha scoperto . Ada Knight mise le gambe una sopra l’ altra e si mise a sentire Marshal raccontare la storia – Una volta io e tua madre siamo andati a caccia di lupi . Lei aveva 19 anni e io 21 anni . Era tanto tempo fa ma per sopravvivere avevamo bisogno di qualcosa di caldo e dovevamo pur mangiare ma lo facevamo anche per un buon motivo cioè salvare persone che venivano sbranate a morsi da questi lupi che erano molto affamati e avevano la rabbia . Era sera e faceva molto freddo . Per mettere paura ai lupi avevamo fatto un falò e delle torce . Ma per colpa del vento tutto si spense . Io riuscivo a vedere al buoi e vidi tua madre cercare di uccidere uno dei lupi e ci riusci visto che lo colpi molto forte con una roccia . L’ altro invece colpi tua madre al braccio . Glielo stava divorando . Io non riusci a fermarlo e non potei fare nulla per salvare il braccio di tua madre . Quando il lupo la lascio stava per perdere il braccio o almeno cosi pensavo . Poi davanti ai miei occhi il suo braccio si sano . Torno come era prima e io ero felice di vedere che lei non lo aveva perso . Pure lei era felice ma quando si ricordo che io non avevo fatto nulla per salvare il suo braccio ma anche la sua vita mi tenne il broncio per un mese . Io decisi di fermarla e di dirle perché non avevo fatto niente cioè a quell’ epoca avevo paura ma adesso non mi fa paura niente .

Elementary – The Many Mouths of Andrew Colville

i Serial Killer uccidono tutti in modo diversi e anche questo Serial Killer che adesso si trova a Londra uccide in modo diverso . Il suo modus operandi e quello di lasciare un segno di morsi sul collo come se fosse stato ucciso da un Vampiro . La cosa più strana non è questa ma il fatto che lui e vivo visto che tutti quanti pensavano che era morto e cosi la sua grande saga di omicidi era finita . Sherlock per riuscire a trovare questo Serial Killer decide di andare per strada con un cartello tipo come se fosse un medicante e ci sta scritto se qualcuno lo puoi aiutare a catturare un serial killer . Quando l’ ho visto mi sono messo a ridere e pure Ada si e messa a ridere visto che è uno di quei metodi assolutamente strani e pure Joan Watson lo pensava mentre era seduta con le gambe una sopra l’ altra e mentre cerca di vedere se il suo amico aveva risultati oppure no . Sembra che non solo noi ci siamo messi a ridere per questa cosa ma anche Joan Watson . Per capire come opera il Serial Killer o per trovare qualche prova devono andare nel vecchio deposito e i fascicoli sono tantissimo e appena Joan li vede fa sbuffa visto che non vorrebbe stare li a sfogliare un sacco di fascicoli ma la vita del Detective e cosi e cosi decidere di andare nella parte dove Sherlock gli ha detto di guardare .

Come potete vedere pure Joan quando ha visto questo tentativo di Sherlock si è messa a ridere .

 

ioinviaggiodue

ci guadagno il colore del grano...

Mile Sweet Diary

diario semiserio di una aspirante pasticcera

Illustra.

magazine

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

Wikinerd

NERD e dintorni ;)

ioinviaggio

Piego e ripiego la mappa del tuo Infinito in un origami d’amore

Evaporata

Non voglio sognare, voglio dormire.

Racconti ondivaghi che alla fine parlano sempre di amore

“Ships are safe in a harbour, but that’s not what ships are made for”

VOLO SOLO PER TE

Io e la mia vita...sul mio blog troverai parole che in questi angoli di paradiso potranno rasserenarti e regalarti se vorrai un momento di dolcezza..E se vorrai lasciarmi un commento sara' gradito da parte mia

Piccole Storie d'Amore

Vivo i giorni nella solitudine

NON SOLO MODA

La moda, uno strumento per essere positiva, negativa , simpatica, antipatica...semplicente TU

la musica è un luogo

Ogni pensiero risuona come una canzone.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: