Categorie
Ada Knight Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Giudici Giudici degli Universi

I Giudici degli Universi bocciano l’ universo di Enemy Front

I Giudici degli Universi non sono molto contenti di questo universo che è ambientato nella Seconda Guerra Mondiale . Molte persone si aspettavano qualcosa di bello e invece molte persone . Anche ai Giudici questo universo non ha convinto . Volevano una storia molto avvincente e non dalla loro faccia che hanno adesso non l’ hanno avuto . Non hanno avuto l’ universo sulla Seconda Guerra Mondiale che volevano . Pure Ada vide che loro non sono stati molto felice di questo universo . Vedevano che avevano la faccia molto brutta e non felice per aver visto un nuovo universo

1° Giudice : 63/100

2° Giudice : 61/100

3° Giudice : 55/100

4° Giudice : 4.7/10

5° Giudice : 5/10

6° Giudice : 2/10

 

Categorie
Ada Knight Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Foto

The Imitation Game

Tutti hanno provato a capire come decifrare Enigma e tutto per avere una marcia in più sull’ Esercito Tedesco . Ma c’ e una persona che lo sa risolvere . Il nome di questa persona è Alain Turing e aiuto gli Alleati nella Seconda Guerra Mondiale risolvendo quell’ enigma . In questa foto sembra che i Tedeschi vogliono dargli un avviso come tipo per dire sa che se non ci aiuti le può capitare un piccolo incidente oppure alla sua famiglia . Lo tengono bloccato e forse in questo momento stanno facendo qualcosa di molto brutto e lui deve restare li a vedere quella scena .

Categorie
Ada Knight Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Giudici Giudici degli Universi Universing Universo

I Giudici degli Universi danno i voti all’ universo di Tropico 5

Tutti odiano la guerra , ma questi mondi che parlano della Guerra ci sono e ci saranno sempre . Questi mondi in cui si sono morti , cadaveri e distruzione ci sono . I Giudici degli Universi ci hanno messo un pò di tempo per decidere hanno dato un voto a questo universo che è ambientato in un giorno in cui scoppia la Seconda Guerra Mondiale e per colpa di questo molte persone soffrono e possono morire .

1° Giudice : 7/10

2° Giudice : 78/100

3° Giudice : 8/10

4° Giudice : 3/5

5° Giudice : 4.5/5

 

Categorie
Cinema Film Foto Galleria Galleria Foto Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

A Woman and War: trailer, poster e foto del film shock di Torino 2013

Il film shock del Torino Film Festival 2013? Molto più che probabile, visto che sin da quando ha esordito in Giappone, e quando è poi stato proiettato nella rassegna Japan Cuts negli States, ha scatenato le reazioni più contrastanti.

Forse non è nemmeno un caso che A Woman and War sia stato soprannominato il “film erede” delle produzioni di Koji Wakamatsu, il grande regista nipponico scomparso lo scorso anno. A dirigere il film c’è Junichi Inoue, esordiente nel lungometraggio ma – guarda un po’! – per anni e anni assistente alla regia della Wakamatsu Production.

Nel trailer e nella trama del film si possono subito scovare le tematiche e (forse) lo stile dei film più brutali di Wakamatsu, compreso quel Caterpillar che avevamo visto e adorato proprio a Torino nel 2010. Ecco la sinossi come viene raccontata sul sito del TFF:

In Giappone, negli ultimi anni della Seconda guerra mondiale, si incrociano i destini di una prostituta che non ha mai provato piacere ma continua a inseguirlo, di uno scrittore fallito che ha scelto di sfogare nel sesso il dolore per gli stravolgimenti subiti dal suo Paese e di un reduce tornato a casa senza un braccio, incapace di riprendere a vivere normalmente perché ossessionato dagli stupri commessi sul fronte cinese. Un groviglio inestricabile di colpe e violenze generato dalla follia della guerra, che perseguiterà i tre personaggi come in un incubo.

Sesso, violenza e guerra. Un vero incubo che risparmia poco allo spettatore e che qualcuno ha trovato addirittura offensivo (?), basta leggere un po’ di recensioni indignate in rete… Dal canto suo Inoue descrive il suo film così:

La gente tende a dimenticare; i giapponesi, in particolare, dimenticano molto facilmente. Ciò li porta a ignorare avvenimenti sconvenienti oltre ai crimini commessi durante la Seconda guerra mondiale. Di sicuro, questa facilità a dimenticare è alla base dei rapporti tumultuosi che intercorrono tra il Giappone e il resto dei Paesi asiatici. Come regista, il mio scopo era quello di girare un film che parlasse di una serie di argomenti che altrimenti i giapponesi avrebbero dimenticato.

Sul programma della rassegna invece A Woman and a War viene descritto così:

Eros e thanatos per un’opera prima shock, attonita e nichilista, che ha la ruvidezza del tardo Wakamatsu e il dolore di Oshima. Ritratto di un Paese sull’orlo dell’abisso, senza coordinate, un pugno nello stomaco che mette in gioco.

A Woman and a War sarà in concorso al 31. TFF il 27 novembre 2013. In attesa di vederlo, ecco il trailer e una gallery di foto e poster.

 

Categorie
Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

The Monuments Men: nuovo trailer e locandina del film di George Clooney

Disponibile online un nuovo trailer per il dramma a sfondo bellico The Monuments Men che vede George Clooney in veste di regista, co-sceneggiatore (con Grant Heslow), produttore e co-protagonista.

Il film basato sul libro “The Monuments Men: Allied Heroes, Nazi Thieves and the Greatest Treasure Hunt in History” di Robert M. Edsel racconta le missioni del “Monuments, Fine Arts, and Archives program”, un gruppo alleato che durante la seconda guerra mondiale aveva il compito di salvare opere d’arte e altri oggetti culturalmente importanti prima della loro distruzione da parte di Hitler.

Una squadra di specialisti alla Ocean’s 13, ma stavolta con fini eroici, un’ambientazione bellica che insieme all’elemento “storia vera” presentano sempre un indubbio fascino, il nazismo che mette in luce il suo rappresentare il male assoluto e in questo caso anche una inarrestabile follia distruttiva e naturalmente George Clooney che continua a dimostrare il suo eclettismo di filmmaker a tutto tondo. Insomma se ci aggiungiamo anche un cast a dir poco strepitoso, il film di Clooney è senza alcun dubbio uno dei titoli che attendiamo con più curiosità.

Il film è interpretato anche da Matt Damon, Cate Blanchett, Bill Murray, John Goodman, Jean Dujardin, Bob Balaban e Hugh Bonneville.

Basato sulla storia vera della più grande caccia al tesoro della storia, The Monuments Men è un action-thriller incentrato su un improbabile plotone della seconda guerra mondiale incaricato dal presidente Franklin Delano Roosvelt di recarsi in Germania per salvare capolavori artistici dai ladri nazisti e restituirli ai loro legittimi proprietari. Sembrerebbe una missione impossibile con le opere d’arte situate dietro le linee nemiche e con il Reich che ha ordinato all’esercito tedesco di distruggere tutto. Come potrebbero questi sette uomini (tra di loro direttori di museo, curatori e storici dell’arte), tutti più avvezzi a Michelangelo che ad un’arma, sperare di avere successo? Ma quando i “Monuments Men”, come venivano chiamati, si ritrovano impegnati in una corsa contro il tempo per evitare la distruzione di 1000 anni di cultura, rischieranno le loro vite per proteggere e difendere le più grandi conquiste dell’umanità.

Se volete vedere il trailer di The Monuments Men : http://www.cineblog.it/post/291639/the-monuments-men-nuovo-trailer-e-locandina-del-film-di-george-clooney

 

Categorie
Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

Storia di una ladra di libri – locandina italiana del dramma con Geoffrey Rush ed Emily Watson

Sono disponibili una locandina italiana e un set di nuove immagini per il dramma diretto dal regista inglese Brian Percival basato sul romanzo “La bambina che salvava i libri” dello scrittore Marcus Zusak.

Percival è al suo primo lungometraggio per il grande schermo dopo una lunga gavetta televisiva culminata con la regia di diversi episodi della miniserie Downtown Abbey che gli hanno fruttato un Emmy e un BAFTA televisivo.

Durante l’ascesa del nazismo e il perpetrarsi degli orrori della seconda guerra mondiale in Germania, la giovane Liesel Meminger (Sophie Nélisse) trova conforto rubando libri per condividerli con gli altri. Nella cantina della sua casa, un fuggitivo ebreo viene protetto dai suoi genitori adottivi Hans e Rosa Hubermann (Geoffrey Rush ed Emily Watson).

La trama del romanzo:

Fu a nove anni che Liesel iniziò la sua brillante carriera di ladra. Certo, aveva fame e rubava mele, ma quello a cui teneva veramente erano i libri, e più che rubarli li salvava. Il primo fu quello caduto nella neve accanto alla tomba dove era stato appena seppellito il suo fratellino. Stavano andando a Molching, vicino a Monaco, dove li aspettavano i loro genitori adottivi. Il secondo, invece, lo sottrasse al fuoco di uno dei tanti roghi accesi dai nazisti. A loro piaceva bruciare tutto: case, negozi, sinagoghe, persone… Piano piano, con il tempo ne raccolse una quindicina, e quando affidò la propria storia alla carta si domandò quando esattamente la parola scritta avesse incominciato a significare non solamente qualcosa, ma tutto. Accadde forse quando vide per la prima volta la libreria della moglie del sindaco, un’intera stanza ricolma di volumi? Quando arrivò nella sua via Max Vandenburg, ex pugile ma ancora lottatore, portandosi dietro il “Mein Kampf” e infinite sofferenze? Quando iniziò a leggere per gli altri nei rifugi antiaerei? Quando s’infilò in una colonna di ebrei in marcia verso Dachau? Ma forse queste erano domande oziose, e ciò che realmente importava era la catena di pagine che univa tante persone etichettate come ebree, sovversive o ariane, e invece erano solo poveri esseri legati da spettri, silenzi e segreti.

 

Categorie
Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

The Railway Man: primo trailer del film con Colin Firth e Nicole Kidman

Lionsgate ha reso disponibile un primo trailer per il dramma biografico del regista Jonathan Teplitzky. Basato su una storia vera, il film è ambientato nel 1980 in Inghilterra e vede protagonista Colin Firth nei panni di Eric Lomax, un ex ufficiale britannico e prigioniero di guerra portato dai giapponesi in un campo di prigionia a Singapore. Mentre l’uomo soffre di un forte trauma psicologico nel presente, la moglie (Nicole Kidman) tenta di trovare nel suo passato un modo per alleviare la sua sofferenza.

Trailer di buon impatto e ruolo emotivamente impegnativo per Colin Firth, che tratteggia l’anima tormentata di un prigioniero di guerra sospeso tra un passato che incombe e un presente che attende di essere vissuto. Firth si cimenta con un altro potenziale ruolo da Oscar e l’elemento storia vera e lo sfondo bellico regalano all’operazione un surplus di appeal. Il film è interpretato anche da Stellan Skarsgard (The Avengers) e Hiroyuki Sanada (Wolverine – L’immortale).

Basato sul suo libro di memorie best seller, The Railway Man racconta la straordinaria ed epica storia vera di Eric Lomax, un ufficiale dell’esercito britannico tormentato dai ricordi delle torture subite quando era prigioniero di guerra in un campo di lavoro giapponese durante la seconda guerra mondiale. Decenni dopo Lomax scopre che l’interprete giapponese responsabile di gran parte del suo trattamento è ancora vivo e si propone di confrontarsi con lui e il suo passato inquietante. Diretto da Jonathan Teplitzky e interpretato dal premio Oscar Colin Firth, Jeremy Irvine e il premio Oscar Nicole Kidman, il film è una potente storia di sopravvivenza, amore e redenzione.

 

Categorie
Mac Os MMO Mondo Mondo dei Videogiochi Notizie Notizie dal Mondo Pc Ps4 Sony

War Thunder: primo trailer PS4 dalla GamesCom 2013 per il free-to-play multi-piattaforma

Tra le tante anteprime viste ieri sera nel corso della conferenza di Sony abbiamo visto anche quella di War Thunder, un simulatore bellico di stampo arcade che promette una riproduzione precisa delle dinamiche di guerra in un formato di gioco multiplayer, free-to-play e multi-piattaforma. Il gioco è in open beta su PC dal maggio scorso, ma le immagini mostrate ieri a Colonia sono le prime in assoluto provenienti dalla versione PlayStation 4.

Il gioco è realizzato dai russi di Gaijin Enterntainment, già responsabili di IL-2 Sturmovik: Birds of Prey e Birds of Steel. Il lato MMO del gioco sarà amplificato dalla natura cross-platform, in cui convergeranno contemporaneamente oltre un centinaio di giocatori della versione PC e presto anche Mac (c’è una beta in arrivo) per scontrarsi su ampi terreni di gioco. Ecco come descrive l’esperienza di gioco Anton Yudintsev di Gaijin:

“Prova a immaginare più di cento aerei, carri armati e navi da guerra — tutti in lotta nella stessa mappa. Non vediamo l’ora che la nostra comunità di 3 milioni di giocatori […] si darà battaglia in War Thunder accompagnati dai giocatori PS4″.

Nel gioco troveremo oltre 300 riproduzioni storiche di aerei, imbarcazioni e carri del periodo della seconda guerra mondiale che potranno essere controllati in modo intuitivo dal DualShock 4, compresa una funzione di head-tracking resa possibile dal PlayStation Eye. Ad affiancare il lato multiplayer troveremo inoltre un sistema di personalizzazione (a pagamento ovviamente, trattandosi di un free-to-play), ma anche un lato social profondamente integrato e un uso innovativo del cloud.

Il gioco è il frutto di una collaborazione con Sony che assicurerà al titolo lo status di esclusiva per il mondo console per un tempo non precisato. War Thunder arriverà dunque a novembreparallelamente al lancio di PS4 e sarà free-to-play come la versione PC, già disponibile come beta a questo link.

 

Categorie
2013 Cinema Film Foto Galleria Galleria Foto Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

The Railway Man: nuove foto ufficiali del film con Colin Firth e Nicole Kidman

In programma con un’anteprima al prossimo Toronto International Film Festival 2013 (5-15 settembre), The Railway Man con Colin Firth e Nicole Kidman non ha ancora una data di uscita ne un trailer, in compenso possiamo proporvi un set di nuove immagini tratte dal film.

Il film è basato sulla biografia best seller di Eric Lomax adattata da Frank Cottrell Boyce e Andy Paterson. Si tratta della storia vera di un ufficiale britannico prigioniero di guerra, che durante la seconda guerra mondiale venne catturato a Singapore, portato a Kanchanaburi in Thailandia e costretto a partecipare alla costruzione della ferrovia Birmania nota come la “Ferrovia della Morte”. Lomax in quel periodo venne torturato e una volta liberato decise di intraprendere una ricerca per rintracciare i responsabili della sua torture.

Anni dopo e ancora sofferente per il trauma psicologico delle sue esperienze di guerra, Lomax viene convinto dalla moglie Patti a trovare e affrontare uno dei suoi carcerieri. Accompagnato dal suo migliore amico. Lomax ritorna sulla scena delle sue torture e riesce a rintracciare il suo aguzzino del campo di prigionia, l’ufficiale giapponese Takashi Nagase, nel tentativo di lasciarsi alle spalle una vita di amarezza e di odio.

Accanto alla Kidman, che interpreta Patti la moglie di Firth, troviamo Stellan Skarsgard nei panni del suo migliore amico, Hiroyuki Sanada in quelli dell’ufficiale giapponese responsabile delle torture e Jeremy Irvine che impersona Eric Lomax da giovane.

Categorie
1945 2013 Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

The Spirit of ’45: trailer italiano del documentario di Ken Loach

È un curioso esperimento quello di Speed Bunch, con il quale la Wild Bunch vuole distribuire in contemporanea in quattro paesi europei alcuni film importanti. Il primo di questo esperimento distributivo è proprio The Spirit of ‘45 di Ken Loach: il 12 settembre verrà distribuito in sala in Italia, Francia, Germania e Spagna. Poi dal 13 settembre lo potremo vedere in video on demand.

The Spirit of ‘45 è un documentario che sta già facendo parecchio discutere: Ken “il rosso” Loach che affronta la Storia del suo paese? Cosa vuoi che ne sia venuto fuori… Questa lasinossi ufficiale:

Il 1945 fu un anno cruciale nella storia della Gran Bretagna. Il senso di unità che aveva guidato il paese attraverso la Seconda Guerra Mondiale, mescolato ai ricordi amari del periodo tra i due conflitti, indusse gli inglesi a immaginare una società migliore. Lo spirito di quegli anni sarebbe diventato il nume tutelare dei nostri fratelli e delle nostre sorelle. Utilizzando filmati tratti dagli archivi regionali e nazionali, registrazioni sonore e interviste dell’epoca, Ken Loach tesse un racconto ricco di contenuti politici e sociali.

THE SPIRIT OF ‘45 vuole illustrare e celebrare un periodo di coesione e spirito comunitario senza precedenti nel Regno Unito, il cui impatto è perdurato per molti anni e vale la pena riscoprirlo oggi.

Sì, sostanzialmente The Spirit of ‘45 è un inno alle capacità del Partito Laburista di tirar su l’Inghilterra nel momento peggiore (quello dopo la Seconda Guerra Mondiale) in poco tempo. Ed è la definitiva condanna dei danni della politica conservatrice e liberista della Thatcher. Ma liquidarlo così velocemente è tanto sbagliato come lodarlo ad alta voce. Noi lo abbiamo giàrecensito in anteprima e lo abbiamo descritto così:

Raccontato tutto in bianco e nero, per mantenere un’omogeneità tra il ricchissimo materiale di repertorio e le interviste dirette, The Story of ‘45 non è una lezione di Storia, ci mancherebbe altro. È semmai una “lezione” di filosofia politica: e in questo il documentario sta avendo un bel successo a livello pratico. The Spirit of ‘45 sta infatti girando in questi giorni per le sale inglesi, ed ha scatenato un salutare dibattito.

Il dibattito in patria continua ad andare avanti. Farà parlare anche qui in Italia? Vedremo a settembre, e vedremo anche come andrà la sperimentazione di Wild Bunch. Nell’attesa eccovi il trailer italiano di The Spirit of ‘45.