Categorie
Ada Knight Dominatrice di Poteri Rebecca

Rebecca osserva il coltellino di Ada Knight

Ada Knight

Rebecca era dentro al rifugio di Ada Knight . Era una scuola abbandonata che nessuno usava più . Nessuno la voleva usare perché per ristrutturarla ci volevano anni per lo più 5 anni . Nessuno voleva aspettare tanto per sistemare tale posto e allora restava cosi e Ada si intrufolo e decise che quello sarebbe stato il suo rifugio . Rebecca si mise a vedere in giro e vide che c’ e banchi e sedie ovunque . Alcuni erano a terra e altri invece erano dritti e avevano scritte e disegni . Rebecca vide che sopra su uno di quelli c’ era un coltellino a serramanico con il disegno di un ragno . Rebecca lo prese in mano e vide che c’ era un po’ di sangue ed era usato . Rebecca a una prima occhiata capì che quello era il coltellino a serramanico di Ada Knight . Prima di posarlo si chiese come mai Ada Knight non lo aveva portato nella lotta contro Ronny . Rebecca lo mise li come lo aveva trovato e mentre si metteva a vedere cosa stava facendo Ada , si chiedeva “ Come mai non lo ha portato? “ . “ Perché lo ha lasciato qui nel suo rifugio ? “ , “ Se lo avesse portato poteva uccidere Ronny in un colpo solo o almeno ferirlo e cosi capire chi era il vero Ronny la prossima volta “ . Rebecca da una piccola cosa si stava facendo un casino di domande e decise di andare a chiedere alla fonte . Ada Knight era li a vedere cosa succedeva fuori dal suo rifugio . Vide avvicinarsi Rebecca grazie ai vetri della finestra – cosa posso fare per te Rebecca . Rebecca prese il coltellino a serramanico e lo fece vedere ad Ada Knight – perché lo hai lasciato qui ? . Ada non si arrabbio perché Rebecca aveva preso in mano il coltellino a serramanico – rifletti e poi pensa perché ti ho portato qui ? .

Categorie
Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Dominatrice di Poteri Dr Alyssa Saintcall Oggetti Pandora Pandora Black Racconto Rifugio dell' Infinito

Racconto a Pandora in quale anno siamo

Sins_of_NeonCity_by_OmeN2501

Grazie al mio aiuto Pandora non era più vicino alle rive del Mar Egeo, un mare molto pericoloso non solo per il suo corpo visto che ci sono maremoti, tempeste molto pericolose. Dovevo portare Pandora via da lì perché se si sarebbe svegliata e avrebbe aperto gli occhi e vedeva dove eravamo, lei si ricordava che era morta e che con il suo briciolo di potere aveva fatto tornare la speranza nel cuore di Kratos. Pandora era tra le mie braccia e la teneva stretta visto che se mollavo la presa cadeva tra la sabbia e poi tornava vicino a quelle rive molto pericolose e molto oscure. Pandora aveva il corpo pieno di acqua visto che era rimasta per molto tempo in quelle acque, pure il suo vestito cioè una tunica greca era zuppo di acqua. Mi stavo bagnando tutte le maniche del mio cappotto nero ma per salvare Pandora era giusto farlo visto che era solo una ragazzina che era stata per molto tempo dentro a delle onde molto pericolose e molto alte. Il corpo di Pandora era stato portato dalle onde del Mar Egeo fino alla riva e solo io l’avevo visto grazie agli occhi della fenice. Grazie agli occhi della fenice riuscì a vedere oltre la sabbia e vidi il corpo di Pandora li steso sulla sabbia e inzuppato d’ acqua dalla testa ai piedi. Una volta presa Pandora da sotto la sabbia, la tenni stretta a me vicino al mio petto per tenerla al caldo ma anche per utilizzare il potere del teletrasporto senza alcun problema e cosi uccidere Pandora. Il teletrasporto verso il Rifugio dell’Infinito andò molto bene e poi con calma e senza nessuna fretta misi Pandora sopra il mio letto. Andai a prendere un secchio di acqua vuoto di colore blu e lo misi vicino alla testa di Pandora. Una volta preso mi misi vicino a lei e poi usai il mio potere di guarigione su di lei e con calma riprese le forze. Prima di farmi un sacco di domande, Pandora girò la testa e vomito un sacco e non fu solo acqua ma anche altro. Con calma apri gli occhi e mi guardo con attenzione per vedere se stava sognando oppure era solo un incubo. Poi guardo meglio e vide che era tutto vero – dove siamo? Io ero vicino a lei e prima di prendere il secchio molto pieno- sei a casa mia. Ti ho trovato svenuta sulla spiaggia e io ti ho portato qui. Ti ho portata in un posto dove sei al sicuro e dove gli dei dell’olimpo non ti possono trovare. Pandora si calmo e si alzo dal mio letto con calma visto che era zuppo di acqua e lei poteva scivolare – tu sai chi sono? Sapevo chi era Pandora e la potevo riconoscere subito visto che sono anni che la cercavo – tu sei Pandora e sono anni che sto cercando di salvarti da una parte. Alla fine io, mio fratello Damon e mia sorella Alyssa siamo riusciti a salvarti da un mostro che teneva prigioniera. Adesso sei sana e salva e se hai bisogno di aiuto chiedi pure a me oppure alle persone che sono in questa casa. Pandora si mise in piedi e poi stava per svenire e la presi a volo prima che potesse sbattere la testa a terra o si facesse molto male. Grazie al mio aiuto Pandora si rimise in piedi e resto vicino a me – perché sono svenuta? Pandora non lo sapeva perché era svenuta e decisi di dirglielo io – non mangi da tanto tempo. Tutti devono pur mangiare e se non si mangia o si beve acqua prima o poi si sviene. Prima di prenderti qualcosa da bere e da mangiare io ti devo dire una cosa molto importante cioè da quanto tempo sei stata via. Pandora mi stava ascoltando con molta attenzione, stava vedendo la mia scrivania, il mio televisore e i miei vestiti – da quanto tempo sono stata via? Pandora meritava di sapere la verità e con calma gliela dissi – moltissimi anni. Ti sei persa un sacco di cose, ma grazie a me tu saprai tutto di questo nuovo mondo e tutto quello che c’ e ti va oppure no. Stavo per dire cosa avrei insegnato a Pandora, ma poi in camera mia arrivo Alyssa e guardo Pandora negli occhi – Daniel, non le insegnerai tutto tu di questo mondo. Pure io e Damon ci mettiamo il nostro. Pandora non sapeva chi era questa donna ma la sembrava bella, molto bella e molto gentile – grazie del tuo aiuto. Io ho bisogno di aiuto. A quanto pare io mi sono persa un sacco di cose negli ultimi mille anni e adesso le voglio capire. Alyssa prima di andare via – dammi il tuo auricolare, il mio l’ho perso in uno scontro. Io andai a dare il mio auricolare a mia sorella – cerca di non perderlo oppure non te ne do altri. Pandora prima di far andare via Alyssa attraverso la porta di legno – mi puoi dire cosa mi insegni? Alyssa senti le parole di Pandora e torno dentro la stanza – ti insegno a creare vestiti e oggetti per sentirti più bella. Grazie a me sembrerai una normale ragazzina di questo mondo. Con calma vedrai che io ti insegno cose molto belle e molto utili per non sentirti una strana in questo mondo molto bello e bello grande. Pandora prima di tornare un po’ a dormire sul mio letto – Daniel mi puoi dire in che anno siamo? Alyssa era andata via da lì e prima di farla dormire sul mio letto – noi siamo nel 2011. Adesso dormi perché sei stanca e hai bisogno di riposare. Dopo con calma ti porto qualcosa da mangiare e da bere. Pandora dormi per un’ora intera e poi si sveglio con calma e poi giro la testa e vide vicino alla scrivania un bicchiere d’ acqua e una merendina. Pandora bevve l’acqua e poi mangio la merendina e poi vide la mia sedia che era molto diversa da quella che aveva visto nel suo tempo. Cerco di capire cosa era e come era stata fatta senza il mio aiuto, ma non ci arrivo. Io entrai nella mia stanza e vidi Pandora seduta sulla mia sedia – vedo che ti piace. La sedia su cui sei seduta è una sedia con le rotelle. È fatto con diversi materiali e vedo che ti piace davvero molto. Pandora mi vide vicino alla porta – si, mi piace molto e non vedo l’ora di scoprire gli altri oggetti del 2011.