Categorie
Foto Galleria Galleria Foto Mondo Mondo dei Videogiochi Notizie Notizie dal Mondo Pc Ps3 Ps4 Xbox 360 Xbox One

The Evil Within: il survival horror di Shinji Mikami in nuove immagini di gioco

Per la gioia di tutti gli appassionati di survival horror “vecchia scuola”, i Tango Gameworksriguadagnano le nostre pagine per proporci tre nuove immagini di gioco di The Evil Within, l’ambizioso progetto a cui stanno lavorando per conto di Bethesda per dare a Shinji Mikami la possibilità di “scusarsi” con i propri fans per la distruttiva deriva action presa dagli ultimi capitoli della serie di Resident Evil.

Dalle frammentarie informazioni offerteci in questi mesi dal team di Mikami per illustrare le dinamiche di gioco di questo progetto, sappiamo infatti che nell’oscuro universo di The Evil Within le azioni compiute dall’utente saranno la manifestazione diretta e tangibile della terrorizzante esperienza vissuta da Sebastian, un detective chiamato a investigare su un terribile omicidio di massa commesso in un vecchio manicomio criminale da una qualche entità maligna.

In virtù della presenza di queste oscure forze paranormali, l’intera struttura delle ambientazioni tenderà a distorcersi per far sentire l’utente in trappola con porte, stanze, strade e intere cittadine che appariranno e scompariranno di colpo per assecondare il bizzoso volere delle entità maligne che ci daranno la caccia. Anche per questo, e in maniera del tutto diversa da Resident Evil, le armi da fuoco ricopriranno un ruolo marginale.

Per avere la meglio sui diavoli che popoleranno gli scenari da incubo di questo titolo, il giocatore non avrà altra scelta se non quella di agire con estrema calma ponderando ogni singolo passo compiuto per aggirare le trappole (o per servirsene contro i nemici), per risolvere nel modo più veloce possibile i tanti enigmi ideati dai Tango Gameworks e per utilizzare efficacemente le rare armi presenti nello scenario (la maggior parte delle quali “a uso singolo”) qualora la situazione dovesse precipitare.

Prima di lasciarvi al tris di scatti odierni, approfittiamo spudoratamente dell’occasione per ricordare a chi ci segue che The Evil Within è previsto in uscita nel 2014 su PC, PlayStation 3, Xbox 360, PlayStation 4 e Xbox One.

 

Categorie
2013 Mondo Mondo dei Videogiochi Notizie Notizie dal Mondo Pc Ps3 Ps4 Xbox 360 Xbox One

Svelato il gameplay di The Evil Within

Durante una sessione a porte chiuse alla QuakeCon è stato mostrato un video di gameplay di The Evil Within, il nuovo survival horror di Shinji Mikami.

Nel filmato si vede in azione il protagonista del gioco, il detective Sebastian Castellanos, che affronta alcuni mostri avendo anche la peggio.

Se volete vedere il gameplay di The Evil Within : http://www.eurogamer.it/articles/2013-08-04-news-videogiochi-svelato-il-gameplay-di-the-evil-within

 

 

Categorie
2013 2014 Foto Galleria Galleria Foto Mondo Mondo dei Videogiochi Notizie Notizie dal Mondo Pc Ps3 Ps4 Uscite Future Xbox 360 Xbox 720 Xbox One

The Evil Within in nuove, sanguinolente immagini di gioco

Dopo aver fatto il pieno di mostruosi serpenti acquatici e di improbabili nazi-SWAT con le immagini di The Elder Scrolls Online e Wolfenstein: The New Order, rimaniamo in Inghilterra per mostrarvi i terrificanti scatti di gioco di The Evil Within offertici dagli sviluppatori di Tango Gamework durante l’evento organizzato da Zenimax per presentare i titoli battenti bandieraBethesda che verranno commercializzati nei prossimi mesi sulle piattaforme di questa e della prossima generazione.

Gli scatti mostratici dal team di Shinji Mikami vanno così a collocarsi nell’alveo delle dichiarazioni fatte in questi mesi dal padre dei survival horror moderni per convincerci che la sua nuova proprietà intellettuale non seguirà la strada dell’immediatezza e dell’action a tutti i costi intrapresa dalla saga di Resident Evil ma rappresenterà un vero e proprio ritorno alle origini del genere, con una storia disturbante incardinata su di una trama votata al terrore e alla perenne tensione avvertibile dall’utente lungo tutto il prosieguo dell’avventura.

Se dal punto di vista del canovaccio narrativo le informazioni in nostro possesso ci rimandano alle dichiarazioni d’annuncio di Mikami e, quindi, alla lotta per la sopravvivenza iniziata dal detective Sebastian Castellanos una volta varcata la soglia di un manicomio divenuto teatro di un’orrendo omicidio plurimo compiuto da una misteriosa entità demoniaca, il quarto d’ora di prova offerta dai Tango Gameworks ai fortunati giornalisti dell’evento inglese di Bethesda, e la conseguente pioggia di anteprime redatte dai medesimi sulle testate videoludiche più disparate, ha svelato delle caratteristiche inedite dell’impianto di gioco.

Oltre alle conferme riguardanti l’approccio squisitamente survival adottato dai programmatori di Mikami per scrivere la maggior parte delle righe di codice inerenti il gameplay, la demo inglese ha infatti rivelato delle importanti “sfumature nascoste” del concept di gioco riguardanti la varietà delle situazioni da affrontare (dalla rocambolesca fuga da un branco di zombie al passaggio silenzioso tra le aree popolate da spaventose creature incorporee) e delle soluzioni da adottare per superare le scene più concitate (dall’impiego della pistola alla necessità di utilizzare delle trappole per rallentare avversari altrimenti imbattibili).

Nella viva speranza che l’E3 losangelino ci riservi ulteriori sorprese in tal senso, ricordiamo agli amanti dell’horror che The Evil Within uscirà nella prima metà del 2014 su PC, PlayStation 3, Xbox 360, PlayStation 4 e Xbox One.

Categorie
2013 2014 Foto Galleria Galleria Foto Mondi Fantastici Mondo Notizie Notizie dal Mondo Pc Ps3 Ps4 Videogiochi Xbox 360 Xbox 720 Zombi

The Evil Within: Shinji Mikami spiega il ritorno al genere dei survival horror

Tralasciando l’esperimento pseudo-horror di Shadows of the Damned compiuto nel 2011 con Suda51, gli anni di “allontanamento autoimposto” di Shinji Mikami dal genere dei survival horror sono ormai diventati otto, se consideriamo che il suo ultimo impegno nella saga di Resident Evil coincide con il lancio, nel 2005, del quarto capitolo “maggiore” della sua storica epopea zombesca.

Consapevole di dover spiegare il perchè del riavvicinamento a questo storico genere videoludico, l’acclamato produttore e designer giapponese ha colto al volo l’occasione offertagli dai giornalisti di Eurogamer.net per offrirci tutte le delucidazioni del caso:

“Il perchè del mio ritorno al genere dei survival horror sta tutto nella triste constatazione che i survival horror moderni, oramai, sono diventati dei semplici giochi action. Non si sviluppano più dei titoli in grado di spaventare l’utente, al mondo sembra non esserci più nessuno intenzionato a realizzare dei veri giochi in cui gli aspetti horror e survival prevalgono sugli altri elementi della trama e del gameplay. È questa la motivazione più grande che mi ha spinto a riabbracciare questo genere.”

Per il papà della serie di Resident Evil, quindi, più che del suo impegno in prima persona c’era estremo bisogno di qualcuno che ritornasse a coltivare le verdi e sanguinolente praterie digitali dei giochi horror inariditesi col tempo per colpa della strada intrapresa da tutti gli altri attori dell’industria, come lui stesso ci spiega in una video-intervista concessa, stavolta, ai giornalisti di IGN:

“I giochi di questo genere sono sempre più orientati all’azione e ciò ci danneggia tutti, bisognava invertire la rotta e fare in modo che il pubblico capisse che la strada imboccata non era a senso unico. Con The Evil Within, il nostro scopo sarà quello di portare il giocatore a impugnare il controller e ad esclamare ‘Wow, erano anni che non giocavo a un titolo così spaventoso!’. Tutti i nostri sforzi sono concentrati su questo, vogliamo ridare un senso al genere e siamo sicuri di riuscirci.”

A conferma di queste dichiarazioni, il boss degli studi indipendenti di Tango Gameworks ha inoltre rivelato dei nuovi dettagli sulla struttura di gioco e sulla componente narrativa di The Evil Within. In aggiunta alle informazioni offerteci l’altro giorno in occasione dell’annuncio del progetto, il buon Mikami ha spiegato che il titolo, incentrato sull’incubo ad occhi aperti vissuto dal detective Sebastian dopo essere stato attaccato da una misteriosa forza demoniaca, sarà sorretto da un sistema di crafting delle armi e degli oggetti utilizzabili per proseguire nella trama (dai grimaldelli di fortuna ai motorini elettrici per sbloccare cancelli o porte blindate) o per sfuggire alle creature d’ombra che ci inseguiranno (dalle trappole alle esche).

In virtù del taglio survival dato all’avventura, naturalmente non ci si potrà dotare di martelli o di altri oggetti pesanti (in una dimensione abitata da mostri in grado di assalirti in qualunque momento e da qualsiasi punto della mappa, l’agilità è la migliore arma di difesa): sempre in ragione del perenne senso di precarietà psicologica che Mikami vuole infondere a chi si addentrerà nella storia della sua prossima proprietà intellettuale, non si avrà nemmeno la possibilità di costruire o di utilizzare armi automatiche come mitragliatrici e fucili, ma solo ed esclusivamente lance e bastoni di fortuna, coltelli da lancio e, raramente, delle pistole.

Senza indugiare oltre, chiudiamo il pezzo ricordando a chi ci segue che l’uscita di The Evil Within è prevista indicativamente nel 2014 su PC, PlayStation 3, Xbox 360 e sulle piattaforme della prossima generazione di console.