Categorie
2013 Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

Prisoners – Hugh Jackman e Jake Gyllenhaal nel nuovo avvincente trailer

Dopo il primo trailer rilasciato quasi un mese fa, ne sbarca ora in rete un secondo che aggiunge strati di mistero, tensione e nuove derive narrative alla storia. Che si fa sempre più intricata, oscura e avvincente. Stiamo parlando di The Prisoners: il thriller scritto da Aaron Guzikowski (Contraband) e prodotto da Alcon Entertainment che vede dietro la macchina da presa il talentuoso e promettente autore canadese Denis Villeneuve (candidato all’Oscar un paio di anni fa per l’emozionante e devastante La donna che canta).

Un film da tenere d’occhio perché i nomi coinvolti sia davanti che dietro la macchina da presa sono notevoli. Se il regista e lo sceneggiatore ve li abbiamo già nominati, aggiungete poi come direttore della fotografia troviamo Sir Roger Deakins (il fedele collaboratore dei fratelli Coen nonché direttore della fotografia per Skyfall). E soprattutto date uno sguardo al cast vede invece schierati Hugh Jackman (The Wolverine), Jake Gyllenhaal (che torna a lavorare con Villeneuve per la seconda volta dopo An Enemy, film che arriverà nelle sale probabilmente nel 2013-14), Melissa Leo (Premio Oscar per The Fighter), e poi Paul Dano (visto lo scorso dicembre nella stralunata rom-com Ruby Sparks), Terrence Howard (volto noto di Iron Man e apparso l’anno scorso in  The Company You Keep).

Ma soprattutto quello che intriga è la trama. La storia di The Prisoners ruota attorno a un falegname di provincia (Hugh Jackman) che rimane vittima di un terribile episodio: sua figlia scompare nel nulla insieme alla bambina del suo migliore amico. La polizia sembra però impotente nel risolvere il caso e così all’uomo non resta altra scelta se non farsi giustizia da solo prendendo in ostaggio il presunto colpevole… Ma da lì, come si evince da questo secondo trailer, si apre una voragine di nuovi misteri:

Il film uscirà nelle sale americane il 20 settembre 2013, e in molti parlano di una passaggio in anteprima dal Festival di Venezia. Vi terremo aggiornati.

 

Categorie
2013 2014 2015 2016 Cinema Film Mondo Notizie Notizie dal Mondo

Penélope Cruz nuova Bond-girl?

Giusto un paio di giorni fa era arrivata la bella notizia della conferma in cabina di regia, dopo lunghi corteggiamenti e negoziazioni, di Bond 24 dell’acclamato regista inglese Sam Mendes (qui i dettagli). Ora arrivano altre novità su questo prossimo capitolo del franchise con protagonista l’agente con licenza di uccidere 007: da quel che riporta Yahoo! Movies UK, sembrerebbe infatti che si sia anche già trovata una nuova Bond-girl… Penélope Cruz.

L’attrice spagnola (Oscar per Vicky Cristina Barcelona) sarebbe infatti in trattative per vestire i panni della sensuale e misteriosa donna che intrigherà il protagonista Daniel Craig. Come fa notare il sito, se le trattative andassero in porto, la Cruz (39 anni) sarebbe la Bond-girl più vecchia della storia della saga: dettaglio a dire il vero tutt’altro che importante anche perché l’affascinante Craig è ormai alla soglia dei 45. Per i produttori Barbara Broccoli e Michael G. Wilson quello di  Penélope Cruz è assolutamente il nome giusto ed entrambi sono motivati convincere l’attrice ad accettare il ruolo e a cercare di incastrare i suoi impegni pregressi per rendere la sua partecipazione a Bond 24 (e magari anche a Bond 25) possibile. Vi terremo aggiornati.

Le riprese di Bond 24 dovrebbero iniziare nell’estate 2014: con una certa prudenza si è parlato di una release per il 2016, ma anche l’ipotesi di un’uscita nel 2015 non è poi così remota.

La “venerazione” dei produttori del franchise Barbara Broccoli e Michael G. Wilson verso Mendes è cosa nota e il suo iniziale diniego nel dirigere Bond 24 (le motivazioni non erano legate a nessuna incomprensione artistica o frizioni con la produzione quanto al fatto che il regista inglese aveva già in corso altri progetti, per lo più teatrali, che non voleva trascurare) li aveva lasciati molto amareggiati. Con Skyfall, l’autore inglese Sam Mendes aveva confezionato un prodotto spettacolare e raffinato al tempo stesso, un film elegante e commerciale che è arrivato ad incassare più di 1,1 miliardi di dollari nel mondo. Ora che il suo nome è confermato e che anche una Bond-girl è (quasi) stata trovata, sembra che il progetto si stia realmente mettendo in moto.

 

Categorie
2013 Film Foto Mondo Notizie dal Mondo Storia Tempo

C’erano una volta i 90 minuti: se ad Hollywood i film diventano sempre più lunghi

C’era una volta il film da 90/100 minuti. 45/50 a tempo, con l’odiosa pausa pop corn, bagno e Coca Cola nel mezzo, per poi ricominciare fino alla fine. I titoli da due ore sono stati per anni ‘l’eccezione’, perché uno script da 90/100 pagine è da sempre lo script ‘perfetto’. Un minuto a pagina, ti insegnano a scuola di sceneggiatura, e il gioco è fatto.

Però qualcosa è cambiato in questi ultimi anni. Si è evoluto, modificato, allungando sempre più pellicole che fino al decennio passato sarebbero durate probabilmente la metà. Intanto perché più redditizie in sala. D’altronde un film da 3 ore ‘perde’ almeno uno spettacolo al giorno, rispetto ad un film da un’ora e mezza, con tutte le conseguenze sfacciatamente economiche del caso. Ma va anche detto che persino lo spettatore, un tempo disabituato ai ‘mattoni’ infiniti al buio di un cinema, si è lentamente ‘abituato’ all’operazione, ormai sempre più sposata dalle major di Hollywood. Anche perché se devo sborsarti 8 euro, voglio vedere ‘tanta’ roba. Ma da quando quantità fa rima con qualità?

‘E’ sconveniente che un film duri più del tempo medio di riempimento di una vescica’, diceva tra il serio e il faceto Alfred Hitchcock. Eppure negli ultimi mesi abbiamo assistito ad una vera e propria pioggia di titoli vicini alle 3 ore di durata. Parliamo di Django Unchained (165 minuti), Lincoln (150 minuti), Skyfall (143 minuti), Cloud Atlas (172 minuti), Les Miserables (157 minuti), Lo Hobbit (169 minuti), Zero Dark Thirty (157 minuti), Il cavaliere oscuro – Il ritorno (165 minuti), The Avengers (143 minuti), The Master (144 minuti), e tanti altri, se non già usciti davvero dietro l’angolo. Quando si va al cinema, paradossalmente, si sa quando si entra ma non quando si esce. La vecchia cara forbice in sala di montaggio, purtroppo, sembra quaso scomparsa tra le cianfrusaglie in soffitta.

Ciò che sembrava un’eccezione, e sono i numeri a parlare, sta infatti lentamente diventando una regola. Come se registi e sceneggiatori non riuscissero più a ‘compattare’ le proprie opere, dovendo sempre e comunque ‘allungare’, per non dire sbrodolare, mettendo troppo spesso a dura prova la pazienza di chi osserva. Novità produttive che hanno contribuito allo stravolgimento dei vecchi orari da cinema, tanto dal farci impazzire nel provare ad incastrare proiezioni serali costrette ad anticipare mostruosamente i tempi, pur di concedersi un ultimo speccatolo che spesso e volentieri abbatte l’una di notte. Per la gioia degli esercenti, ovviamente.

La scuola ‘vecchio’ stampo da 100 minuti, almeno in quel di Hollywood, rimane ovviamente ancorata al mondo ‘cartoon’, a meno che l’ipotesi ‘3 ore’ non venga in mente persino ai titolari di casa Pixar e/o Dreamworks. L’impressione, ovviamente provocatoria, è che un film d’autore o pseudo tale, per ambire all’agognata etichettatura, ‘debba’ abbondantemente superare le 2 ore di durata, perché in caso contrario ‘cheap’ rispetto alla concorrenza. Voli pindarici, casualità cinematografiche degli ultimi mesi o probabile verità? Nel dubbio, non possiamo far altro che rigirare a voi il quesito, chiedendovi a bruciapelo: ma a voi piace questa nuova moda da ‘film infinito’ in sala?

Categorie
2012 Musica Singoli più venduti in Italia

Singoli più venduti: Italia (Agg. 22 Novembre 2012)

Entra nella classifica, al decimo posto, Bruno Mars con “Locked Out of Heaven” (dalla 13) mentre Musica di Fy Project scende dalla settima posizione alla nona.

Rientra dalla 12 alla 8 “Un angelo disteso al sole” di Eros Ramazzotti, sale Pink con “Try” dalla 8 alla 7. Il primo singolo del Greatest Hits di Jovanotti, Tensione Evolutiva, guadagna gradini, dalla 11 alla 6. Stabile Robbie Williams con “Candy” alla 5

Se nella Billboard Rihanna ha conquistato la vetta dei singoli, in Italia lentamente sale, arrivando al terzo posto della classifica Fimi. Nessun cambiamento nelle prime due posizioni: PSY insiste per salire in cima ma qualcuno non ha ancora intenzione di farsi da parte…

[La classifica fa riferimento alla settimana 46 – dal 12 al 18 Novembre 2012]

10.Locked Out of Heaven – Bruno Mars
9. Musica – Fly Project
8. Un angelo disteso al sole – Eros Ramazzotti
7. Try – Pink
6. Tensione Evolutiva – Jovanotti
5. Candy -Robbie Williams
4. One Day/Reckoning Song – Asaf
3. Diamonds – Rihanna
2. Gangnam Style– PSY

Il singolo più venduto in Italia di questa settimana è…

1. Skyfall – Adele