Categorie
Ada Knight Daniel Saintcall Dominatore di Poteri

Lo Hobbit: La battaglia delle cinque armate

250px-AidenRender

Una volta arrivato con il T.A.R.D.I.S verso il nuovo universo di Lo Hobbit : Le Cinque Armate con Ada Knight . In questo universo Bilbo Beggins deve lottare con molte cose e una tra le quali è contro Thorin Scudodiquercia visto che lui ha perso la ragione . L’ ha persa per tutto e tutti cercano di farlo ragionare visto che solo con lui come capo possono vincere una grande guerra . La guerra verso una forza che nella più profonda oscurità ha creato un grande esercito . Non devono vedersela anche con Sauron ma anche con il grado Smaug che si è liberato e adesso sta usando tutta la sua ira per distruggere e uccidere tutte le persone che vuole . Tutti sanno di questi pericolo e io e Ada abbiamo visto che umani , elfi , nani e tutte le persone che servono per fermare questo conflitto si uniscono sotto un unico nome Le Cinque Armate . Questo fu il nome che diede inizio a tutto . Questo fu l’ esercito che diede inizio alla più grande lotta di tutti i i tempi per fermare un grande male che anche nel futuro proverà a fare del male a tutti quanti .

 

Categorie
Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

Lo Hobbit: La desolazione di Smaug – 14 location della Terra di Mezzo

Uno dei punti di forza degli adattamenti di Peter Jackson della Il signore degli anelli e Lo Hobbit sono senza dubbio le maestose scenografie virtuali e non, in quest’ultimo caso onore alla lussureggiante Nuova Zelanda, messe in scena dal regista per narrare l’immaginifico universo di Tolkien e soprattutto dare corpo alla iconica Terra di Mezzo che a quanto racconta lo stesso Tolkien ha una fonte di ispirazione ben precisa:

La Terra-di-Mezzo non è … una mia invenzione. È una modernizzazione o un’alterazione … di un’antica parola che indicava il mondo abitato dagli uomini, l’oikoumene: di mezzo perché si pensava vagamente che fosse posta al centro di mari che la circondavano e (nell’immaginazione nordica) tra i ghiacci del nord e i fuochi del sud. Antico inglese middan-geard, inglese medioevale midden-erd, middle-erd. Molti recensori sembrano pensare che la Terra-di-Mezzo sia su un altro pianeta!. [J.R.R. Tolkien – Lettere, n. 211]

Il nostro viaggio parte idealmente dalla bucolica Contea dove è stata fondata Hobbiville, il villaggio dove vivono Bilbo Baggins e suo nipote Frodo e da cui ne Lo Hobbit parte il viaggio di Bilbo, Gandalf e la compagnia di nani guidati da Thorin scudodiquercia.

Con questo nostro excursus faremo tappa a Gran Burrone dimora elfica da cui parte invece il viaggio della Compagnia dell’Anello, alla città-fortezza di Minas Tirith costruita dai Númenóreani sulle pendici del monte Mindolluin, scenderemo nei meandri delle Montagne nebbiose nelle cui viscere fu fondata Moria e dove in seguito regnerà il Grande Goblin fino ad arrivare ai confini del regno oscuro di Mordor e al Monte Fato, senza dimenticare naturalmente di citare l’insidiosoBosco Atro e la città di Pontelagolungo, location queste ultime che scopriremo nel nuovo film “La desolazione di Smaug.”.

Prima di partire se volete potete consultare una mappa interattiva della Terra di Mezzo.

1. Hobbiville / Hobbiton / La Contea

Il villaggio è posto nel Decumano Ovest della Contea, tra Pietraforata e Lungacque, nei pressi della Via Est. Ai suoi margini è situata la Collina di Hobbiville, attorno alla quale si snoda via Saccoforino, in cui abitavano Frodo e Bilbo (a Casa Baggins) e la famiglia Gamgee.

2. Bosco Atro / Boscotetro / Mirkwood

Il Bosco Atro o Boscotetro è la dimora degli Elfi Silvani posta sotto il dominio di re Thranduil, padre di Legolas, è situata a est delle montagne Nebbiose, e veniva anticamente detta Eryn Galen, cioè “Boscoverde il Grande”. La foresta era un tempo un luogo paradisiaco: abitata soltanto da animali ed Elfi, che la proteggevano e custodivano con il più grande amore, ma lentamente sul bosco calarono ombre cupe e già a metà della Terza Era la foresta era infestata da Orchi, Goblin, Lupi mannari e altre creature malvagie; infatti il signore oscuro Sauron era tornato.

3. Montagne nebbiose / Hithaeglir

E’ la più grande catena montuosa della Terra di Mezzo. Il grande Regno Nanesco di Khazad-dûm si trovava una volta sotto le Montagne Nebbiose, ma il risveglio del Balrog (il Flagello di Durin) ne causò l’abbandono, benché Orchi ed altre creature venissero a vivere sotto le Montagne Nebbiose.

Lontano su nebbiosi monti gelati in antri oscuri e desolati / Partir dobbiamo, l’alba scortiamo per ritrovare gli ori incantati / Ruggenti pini sulle vette dei venti il pianto nella notte / Il fuoco ardeva / fiamme spargeva / alberi accesi torce di luce. [Il canto dei nani]

4. Pontelagolungo / Esgaroth

In Lo Hobbit, la Compagnia dei Nani, prigioniera di Thranduil, re degli elfi silvani di Bosco Atro, fugge dal reame elfico all’interno dei barili vuoti che contenevano i viveri per le cucine del palazzo reale. I barili vengono gettati nel Fiume Selva dove raggiungono il Lago Lungo e Esgaroth. I Nani e Bilbo escono dai barili e vengono accolti calorosamente dagli Uomini di Pontelagolungo. Il Governatore della città fornisce loro un alloggio e successivamente pony e provviste per il loro viaggio verso la Montagna Solitaria.

5. Montagna Solitaria / Erebor

La Montagna Solitaria è una grande montagna isolata nell’estremo nord-est della Terra di Mezzo, da cui nasce il fiume Flutti. Thráin I il Vecchio, fuggito da Moria dopo l’avvento del Balrog, fondò il regno sotto la Montagna, che fu però abbandonato da Thorin I che si trasferì alle Montagne Grigie. Dopo che i draghi cacciarono i Nani dalle Montagne Grigie, Thror figlio di Dáin I tornò alla Montagna Solitaria nel Rhovanion e qui fondò un prospero regno destinato a durare sino all’avvento del drago Smaug, che cacciò i Nani dalle loro dimore.

6. Gran Burrone / Imladris / Rivendell

La sua casa era perfetta, che vi piacesse il cibo, o il sonno, o il lavoro, o i racconti, o il canto, o che preferiste soltanto star seduti a pensare, o anche se amaste una piacevole combinazione di tutte queste cose. In quella valle il male non era mai penetrato.

7. Minas Tirith / Minas Anor / Gondor

Era la capitale del regno di Gondor nella Terza e Quarta era della Terra di Mezzo. Originariamente nota come Minas Anor (La “Torre del sole”), ha sostituito la città (Poi rovina della cittá e palizzata di Gondor) Osgiliath come nuova capitale di Gondor. Quando il nemico cominciò a prendere forma di nuovo Minas Anor fu rinominata Minas Tirith (“Torre di guardia”). La città è stata anche chiamata “Città Bianca”, come il cortile nella parte anteriore della Cittadella che conteneva l’Albero Bianco, e anche conosciuta come “Città dei re”.

8. Isengard / Angrenost / Fortezza di Ferro

Nella Valle dello Stregone, ai piedi del braccio della montagna, da anni e anni s’innalzava l’antica dimora chiamata Isengard dagli Uomini. In parte era stata creata dalla formazione del monte, ma gli Uomini dell’Ovesturia vi avevano compiuto opere imponenti, e Saruman, che viveva lì ormai da molto tempo, non era rimasto inattivo.

9. Mordor / Terra dell’Ombra

Cenere, cenere e polvere e sete troverete; e pozzi, pozzi, pozzi, ed Orchetti, migliaia di Orchetti. Cari Hobbit non devono andare in quei posti. (Gollum)

10. Monte Fato / Orodruin / Montagna di fuoco

Lontano, ad almeno quaranta miglia di distanza, videro il Monte Fato, la base immersa nella cenere e l’alto cono imponente avvolto dalle nubi. I suoi incendi si erano calmati, ed esso ne covava le ceneri ardenti, minaccioso e pericoloso come una belva addormentata.

11. Il fosso di Helm

…dal lato opposto della Vallata Ovestfalda, si trovava una verde conca, una grande baia nelle montagne, che penetrava fra i colli tramite una gola. Gli abitanti di quella contrada la chiamavano il Fosso di Helm, dal nome di un eroe di antiche guerre che vi si era rifugiato.

12. Miniere di Moria / Khazad Dum

Oscura è l’acqua del Kheled-zâram e gelide le sorgive di Kibil-nala, ma splendidi erano i saloni dalle mille colonne a Khazad-dum nei Tempi Remoti prima della caduta dei potenti re della roccia profonda. (Galadriel)

13. Lorien / Lothlorien

A Lórien le cose del passato vivevano ancora. Il male vi era stato visto e udito, e il dolore più volte provato; gli Elfi temevano e diffidavano del resto del mondo: i lupi ululavano ai margini del bosco: ma sulla terra di Lórien non vi era alcuna ombra.

14. Villaggio di Brea / Il puledro impennato

Il villaggio di Brea comprendeva all’incirca cento case di pietra della Gente alta, la maggior parte delle quali situata al di sopra della Via, sul fianco della collina, e con le finestre rivolte verso ovest. Da quella parte vi era un profondo burrone che, partendo dalle falde del colle, tracciava un grande semicerchio, e la cui parte interna era chiusa da una fitta siepe. La strada lo attraversava su di un cavalcavia e, nel punto ove sbucava la siepe, era sbarrata da un grande cancello.

 

Categorie
Cinema Film Foto Galleria Galleria Foto Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

Lo Hobbit – La desolazione di Smaug: le action figures ufficiali di Legolas e Tauriel

Nella seconda tappa del viaggio di Bilbo, Gandalf e la compagnia di tredici nani alla riconquista del regno di Erebor verrà introdotto un personaggio nuovo di zecca, ci riferiamo all’elfa silvana Tauriel interpretata da Evangeline Lilly, personaggio creato appositamente per il film dal registaPeter Jackson e da sua moglie e partner creativa Fran Walsh allo scopo di dare più personaggi femminili alla saga, un interesse amoroso per Legolas e al fine di espandere il mondo degli elfi della foresta di Bosco Atro.

Chi è Tauriel?

Di Tauriel (il cui nome significa “figlia del Bosco Atro”) sappiamo che è una guerriera a capo della guardia elfica, che è un’elfa silvana il che significa che lei è di un ordine molto più basso rispetto agli elfi che erano stati precedentemente visti nella trilogia de Il Signore degli Anelli e detiene uno status sociale inferiore a personaggi come Arwen, Galadriel, Elrond e Legolas, da ciò nasce la resistenza di Thranduil (sovrano di Bosco Atro e padre di Legolas) ad una relazione amorosa tra Tauriel e suo figlio.

Evangeline Lilly ha descritto Tauriel come un’anticonformista e: “un po’ spericolata, totalmente spietata e non esita a uccidere“. L’attrice ha inoltre spiegato che Tauriel essendo molto giovane è esuberante, impulsiva e tende a ribellarsi contro l’ordine sociale stabilito degli Elfi: “Ha solo 600 anni, lei è solo una bambina. Quindi è un po’ più impulsiva e immatura. penso che sia facilmente influenzata da un sacco di cose, ma ha anche un lato più morbido“. Il personaggio come già accennato avrà una storia d’amore che coinvolgerà Legolas che Tauriel conosce sin dall’infanzia, ma a quanto pare il romanticismo non fa parte del carattere del personaggio che di fatto è una guerriera e non una nobildonna.

Le action figures ufficiali

E ora veniamo alle action figures ufficiali reperibili in un pack speciale con inclusi entrambi i personaggi (Adventure: Legolas and Tauriel), in un pack deluxe da 6 personaggi (The Hobbit Mirkwood Hero Pack Set) oppure separatamente in blister singoli (li trovate QUI). Le figures misurano circa 12 cm in altezza e sono entrambe accessoriate con arco, faretra e una spada elfica.

Legolas o Verdefoglia era un uomo dell’Albero, che guidò gli esuli attraverso Tumladin nelle tenebre, avendo la capacità di vedere nel buio della notte; egli vive ancora a Tol Eressëa, laggiù chiamato dagli Elfi Laiqualassë. (Tratto da “I racconti perduti”)

 

Categorie
Cinema Film Foto Galleria Galleria Foto Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

Lo Hobbit: La desolazione di Smaug – 2 nuove foto, 5 character poster e un brano della colonna sonora

Ancora materiale inedito per il secondo capitolo della nuova trilogia di Peter Jackson. Lunedì è arrivato il nuovo strepitoso trailer e alcuni video del fan event globale che ha visto l’incontro con Jackson e il cast. Ieri c’è stato un nuovo video blog dal set e oggi vi possiamo mostrare altre due immagini ufficiali, 5 nuovi character poster e una video con il brano “I See Fire” di Ed Sheeran, che accompagnerà i titoli di coda del film.

Nelle due nuove foto sono ritratti Legolas (Orlando Bloom) e Tauriel (Evangeline Lilly) che ritroviamo insieme anche in uno dei nuovi character poster, negli altri sono ritratti Bilbo (Martin Freeman) nella tana del drago Smaug, il mago Gandalf (Ian McKellen), il prode nano guerriero Thorin Scudodiquercia (Richard Armitage) e la new entry Bard l’arciere (Luke Evans).

 

Categorie
Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

Lo Hobbit: La desolazione di Smaug – due nuovi spot tv, 5 cover Empire ed evento speciale a Roma

Disponibili online per il sequel di Peter Jackson due nuovi spot tv ricchi di azione, un nuovo banner “corale” e 5 cover da collezione dedicate al film dalla rivista Empire che ritraggono Bilbo (Martin Freeman), Gandalf (Ian McKellen), Thorin (Richard Armitage) e Bard l’Arciere (Luke Evans).

Insieme a questo nuovo materiale arriva la notizia di un evento globale il prossimo 4 novembre dedicato ai fan che farà tappa a Bruxelles, Amburgo, Madrid, Città del Messico, Miami, Parigi, Sydney, Toronto e Roma. Si avete capito bene anche a Roma presso il cinema Moderno in Piazza della Repubblica si potranno ammirare 15 minuti in anteprima del film e partecipare ad un Q & A con protagonisti e regista. Per tutti gli aggiornamenti e seguire l’evento online vi consigliamo di monitorare l’apposito sito.

Se volete visionare il nuovo banner cliccate QUI.

 

 

Categorie
Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

Lo Hobbit: La desolazione di Smaug – due spot tv per il sequel di Peter Jackson

Dopo il debutto di un trailer nuovo di zecca davvero spettacolare, la seconda tappa del viaggio di Bilbo Baggins (Martin Freeman) e compagni alla volta della Montagna solitaria fruisce di due nuovi spot tv.

Nelle clip Bilbo Baggins (Martin Freeman) si trova alla presenza di Smaug il drago (doppiato daBenedict Cumberbatch), mentre Thorin Scudodiquercia (Richard Armitage) e i suoi prodi nani guerrieri cercano di rivendicare la loro patria al cospetto di Thranduil (Lee Pace), sovrano degli elfi silvani, signore di Bosco Atro e padre di Legolas.

Più guardiamo queste nuove immagini e più percepiamo che la trilogia di Jackson va assumendo quel tono epico appena accennato da un primo capitolo in cui molti hanno cercato, un po’ ingenuamente, l’impatto epico de Il signore degli anelli, un capolavoro letterario e cinematografico colossale e inarrivabile di cui Lo Hobbit è un prequel dalle digressioni più avventurose e meno dark, che poco hanno a che fare con l’imponente scontro tra bene e male messo in scena in quello che possiamo definire il capolavoro assoluto del fantasy. A riprova di ciò Jackson in fase di sceneggiatura ha dovuto “rimpolpare” la trama e arricchire il viaggio di Bilbo con eventi narrati in altre opere di Tokien come il Silmarillion, i Racconti incompiuti e utilizzando anche brani delle Appendici de Il Signore degli Anelli.

Siamo certi che come accaduto con la prima trilogia, anche in questo caso ci sarà un crescendo qualitativo ed emotivo che toccherà il culmine con il terzo capitolo Lo Hobbit: Racconto di un ritorno. Jackson è un vero cultore di Tolkien e il fatto che ci sia un vero fan al timone è già una garanzia sia per i lettori di Tolkien, sia per i milioni di fan del genere fantasy.

Se volete vedere le due clip di Hobbit : La Desolazione di Smaug : http://www.cineblog.it/post/152363/lo-hobbit-la-desolazione-di-smaug-due-spot-tv-per-il-sequel-di-peter-jackson

 

Categorie
Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

Z. La città perduta arriva al cinema con Benedict Cumberbatch protagonista

In odore di Star Wars VII, dopo aver già girato Star Trek Into Darkness, Benedict Cumberbatch continua a fare razzia di titoli con la trasposizione cinematografica di Z. La città perduta, romanzo del 2009 scritto da David Grann. Adattato da James Gray, il film avrà proprio Benedict Cumberbatch mattatore, o almeno questo è quello che riporta Deadline, sottolineando come le trattative con l’attore inglese siano arrivate a buon punto.

Protagonista della trama è Percy Harrison Fawcett, ovvero la versione british di Indiana Jones: altrettanto spericolato ma baffuto e con l’elmetto. All’inizio del Novecento, questa ex spia per conto del governo di Sua Maestà si trasforma in un eccezionale esploratore e compie una serie di incredibili spedizioni nel cuore dell’Amazzonia, ossessionato dalla ricerca dei resti di una civiltà sconosciuta, per secoli identificata con il mitico El Dorado. Si imbatte in tribù armate di frecce avvelenate, combatte contro coccodrilli, giaguari, pirafia, anaconda e insetti mortali. Nel 1925, durante l’ultima missione, scompare. Letteralmente. Nessuno saprà cosa ne è stato di lui. Molte spedizioni si sono susseguite, invano, alla ricerca dei suoi resti.

Personaggio realmente esistito, Percy Harrison Fawcett è stato rivisitato da David Grann, giornalista pantofolaio che ha deciso di partire per l’Amazzonia per ripercorrere le tracce dell’ultimo, grande, esploratore vittoriano. Per Cumberbatch, già straordinario Sherlock Holmes in televisione, un ruolo di peso, che potrebbe persino tramutarsi in saga. Nell’attesa Benedict sarà a breve in sala grazie al thriller su Wikileaks The Fifth Estate, per poi prestare la propria strabiliante voce al drago Smaug nel capitolo 2 de Lo Hobbit. Non contento, sarà anche Alan Turing in The Imitation Game, mentre ha dovuto abbandonare Crimson Peak di Guillermo Del Toro. Si dice per colpa di… Star Wars VII.

 

Categorie
Cinema Film Foto Galleria Galleria Foto Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

Lo Hobbit: La desolazione di Smaug – nuove immagini, promo art e foto dal set per il sequel di Peter Jackson

Warner Bros. ha reso Disponibili online 5 nuove immagini per il secondo capitolo della trilogia tratta da Lo Hobbit di JRR Tolkien e diretta da Peter Jackson. Si tratta di due promo art, un’immagine di Legolas (Orlando Bloom) e Tauriel (Evangeline Lily) e due foto dal set con Peter Jackson durante l’ultimo giorno di riprese.

L’artwork ci mostra la scena della gara dei barili sul fiume che sarà una sequenza clou del sequel e includerà l’intera compagnia di nani, mentre la locandina ritrae Bilbo (Martin Freeman) che si trova faccia a faccia con il drago Smaug (voce di Benedict Cumberbatch). Queste due ultime immagini saranno utilizzate per la promozione e vendita di giocattoli, libri, manifesti e caramelle.

 

Categorie
2013 Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

Lo Hobbit: La desolazione di Smaug – nuovo video dal set e nessuna tappa al Comic-Con 2013

Jackson che è attualmente occupato ad ampliare il suo dittico in una trilogia, introduce questo nuovo “dietro le quinte” del sequel con l’annuncio che essendo troppo occupato a completare le riprese in Nuova Zelanda non potrà partecipare al Comic-Con 2013, idem per il cast.

Jackson spiega che sono stati troppo pochi i membri del cast che sarebbero stati disponibili a fare il viaggio e dato che sta lavorando sei giorni a settimana sulla produzione ha preferito saltare la canonica tappa in quel di San Diego.

Nella clip potete dare un’occhiata al punto in cui sono le riprese e al cast dei prodi nani impegnati una sessione di ginnastica (”Dwarvicise”) e in un momento delle riprese in cui vengono intrappolati in una tela di ragno.

Lo Hobbit: La desolazione di Smaug approderà nei cinema italiani il 12 dicembre.

 

Categorie
2013 Cinema Film Mondo Notizie Notizie dal Mondo

Lo Hobbit: La desolazione di Smaug – Il primo trailer italiano

Mancano “soltanto” sei mesi all’uscita nelle sale di Lo Hobbit: La desolazione di Smaug, ma come annunciato è già arrivato on line il primissimo trailer italiano. Dopo il primo poster (in realtà un’immagine teaser proprio per lanciare il trailer nel mondo), ecco quindi che possiamo dare una prima occhiata alle immagini del secondo capitolo della trilogia che Peter Jacksondedica a Lo Hobbit.

E si tratta di un trailer che farà sicuramente presa sugli aficionados, e che promette un capitolo numero 2 più oscuro rispetto al precedente Un viaggio inaspettato: come d’altronde era Le due torri rispetto a La compagnia dell’anello. Nel trailer possiamo vedere il gran ritorno di Orlando Bloom nei panni dell’elfo Legolas, mentre il cast del precedente episodio torna al gran completo.