Categorie
Carlotta Ferlito Foto Galleria Galleria Foto Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo Vanessa Ferrari

FOTO ESCLUSIVE – Le emozioni di un Grand Prix indimenticabile

Grandissime emozioni a Modena dove sabato si è disputato il XXII Grand Prix, la grande festa della ginnastica italiana.

Olimpiazzurra era presente a catturare i migliori momenti del pomeriggio. Vi proponiamo una serie spettacolare di scatti emozionanti. Rivivete con noi tutte le emozioni del Pala Panini.

 

Il bellissimo sorriso di Vanessa Ferrari. In questo 2013 i suoi trentadue denti sono brillati più che mai. Sabato era particolarmente radiosa. È stata lei la stella!

Non mancava l’incoraggiamento di chi purtroppo non ha potuto partecipare allo spettacolo. Qui Elisabetta Preziosa, in recupero da un infortunio e impegnata nel ruolo di promoter e commentatrice, fa un buffetto a Francesca Deagostini sotto lo sguardo di Elisa Meneghini.

5000 persone hanno inondato il Pala Panini per l’ennesimo sold out. Tra i vari striscioni ci ha colpito quello dedicato ad Andrea, giovane ginnasta scomparso nei mesi scorsi in un tragico incidente stradale.

Un veloce riscaldamento per prendere confidenza con gli attrezzi e definire gli esercizi. Ecco Francesca Deagostini che si cimenta con la sua originale entrata.

Lo show è di Vanessa Ferrari. La sua discesa in pedana con gonnellino (sì, me ne sono innamorato) e guanti ha scaldato l’ambiente. Si è esibita in un balletto sulle note di un tango sulla pedana del corpo libero per spostarsi poi alla trave, dove ha eseguito anche qui dei movimenti coreografici. Semplici ma d’effetto. E’ poi ritornata nuovamente al corpo libero dove si è preparata per la posa finale.

Qualche scatto tutto per lei.

Un boato ha travolto Carlotta Ferlito e la sua esibizione. Per la siciliana gli scatti della sua salita all’attrezzo, di un suo bellissimo montone e del sorrisone con cui ha salutato il pubblico prima di firmare autografi e libri.

I ginnasti e le ginnaste della società organizzatrice dell’evento si sono esibiti in un paio di coreografie a tema. Nella prima i più piccoli si sono cimentati in un balletto e nella seconda i più grandi hanno inscenato l’ultima cena di Gesù. Deliziosa questa bimba nei panni di una farfalla.

Chiara Gandolfi prepara le sue parallele…

E di chi sono questi polsi? Indovinate…

Tea Ugrin guarda con attenzione la sua trave, prima di esibire un esercizio molto interessante…

Con grande eleganza, Lara Mori saluta il pubblico. L’abbiamo vista bene dopo un 2013 difficile per infortuni.

E ora via con un po’ di azione! Nell’ordine: la concentrazione di Tea Ugrin alla trave, la caparbietà di Lara Mori alle parallele, l’emozione di Alessia Leolini sugli staggi, la forza di Chiara Gandolfialle asimmetriche, l’eleganza di Francesca Deagostini sui 10cm.

Come dimenticarci del nostro Matteo Morandi, bronzo olimpico a Londra e agli ultimi Europei. Sempre al top!

Alberto Busnari sarà caduto dal cavallo con maniglie, ma che Campione. Nemmeno il triplete della iella lo ferma.

Le nostre bellissime Farfalle nello show “scolastico”. La sexy prof Marta Pagnini cerca di istruire le sue alunne…

Non sono mancate le stelle straniere. Ecco le bellissime Giulia Steingruber e Vasiliki Millousi.

E chiudiamo questa lunga carrellata con la premiazione di Matteo Morandi (miglior esibizione).A consegnargli il premio oltre al Professor Riccardo Agabio, Presidente della Federazione Ginnastica d’Italia, anche Giovanni Rana in persona, che ringraziamo sempre per l’immensa fiducia che ha riposto nella ginnastica.

 

Categorie
Carlotta Ferlito Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo Vanessa Ferrari

Ginnastica, Grand Prix: i premi alle ginnaste…da Olimpiazzurra

Ieri è andato in scena il Grand Prix (clicca qui per la cronaca) che ha sostanzialmente chiuso la grande stagione italiana per la ginnastica artistica (mancano ormai solo la Serie C e i campionati di categoria).

Non possiamo fare delle pagelle classiche visto che si trattava di una semplice esibizione, ma possiamo dare dei “premi” agli atleti scesi in pedana a Modena.

 

PREMIO ORIGINALITA’: Vanessa Ferrari. Alzi la mano chi pensava che avrebbe fatto uno show di questo tipo, da vero spettacolo. Entra con una minigonna (è un pareo alla fine, ma a occhio maschile sembrava altro) e con i guanti, esibisce una coreografia artistica anche abbastanza sensuale sulle note della colonna sonora che l’ha portata all’argento mondiale, si spogliata dei costumi di scena, corre alla trave e si fa un girettino sui 10cm. Sorridendo e ridendo tantissimo. Da amare.

 

STANDING OVATION: Carlotta Ferlito. Questo era da programma. Il pubblico attende la siciliana per quasi due ore, non fa in tempo a mettere piede dentro al Pala Panini che parte un boato. Urla e incitamenti che qui non si sentivano dai tempi dei grandi scudetti della pallavolo…

L’esercizio alla trave è di ottima fattura. Aveva un qualcosa in più del normale, una lucentezza diversa. Questi palcoscenici sono il suo pane e ha onorato alla grande il pomeriggio. Poi si veste e va ad autografare le copie del suo libro “Cosa penso mentre volo” ai fan occorsi a incitarla.

 

PREMIO PRESTAZIONE TECNICA: Tea Ugrin. La sua trave ha impressionato davvero in positivo.La campionessa italiana ha probabilmente fatto la sua ultima uscita da junior (a meno che non prenda parte al campionato di categoria) con un’esibizione di rilievo e parecchio interessante vista la circostanza. La sensazione è che la triestina si sia già messa sotto al termine degli EYOF e che abbia in serbo cose molto importanti per il 2014 che segnerà il suo passaggio tra le seniores.

 

PREMIO LUCI DELLA RIBALTA: Le Farfalle. Quattro esibizioni per la Grande Squadra di Emanuela Maccarani a cui viene data il maggior spazio del pomeriggio e l’occasione di onorare al meglio gli argenti conquistati ai Mondiali.

Non solo le sei titolari di Kiev, ma anche altre quattro ragazze nel giro della Nazionale che stanno cercando di difendere con i denti e con le unghie l’Accademia di Desio. Da un’uscita con i cerchi, a un’altra con le funi (effettivamente troppo spesso sacrificate in ambito internazionale), a uno show “scolastico”. Prima di avere l’onore di chiudere il Grand Prix con un’esibizione che mischia insieme tutti gli attrezzi della ritmica.

 

PREMIO RIENTRO: Andrea Cingolani e Lara Mori. Il marchigiano ha ormai rimesso in moto la macchina dopo l’infortunio patito ai Giochi del Mediterraneo e che ha rovinato la seconda parte di stagione. Lo aspetta un anno in cui dovrà confermare il fantastico bronzo europeo al corpo libero e far esplodere ancora di più il suo immenso talento.

La toscana saluta la categoria juniores dopo un 2013 abbastanza turbolento e in cui si è fatta parecchia fatica per riprendersi dagli infortuni e dalle operazioni. Un forte augurio per un 2014 molto radioso.

 

PREMIO “POLIVALENZA”: Elisabetta Preziosa. Non è scesa in pedana perché è in recupero da un infortunio, ma ha fatto di tutto. Prima la promoter per la sua ginnastica artistica, poi la commentatrice (e potrebbe avere un buon futuro…), poi supporta le compagne, poi pensa che in settimana la aspetta la palestra per ritornare in gara a inizio 2014 (Serie A, 8 febbraio).

 

PREMIO COMBATTIVITA’: Alberto Busnari. Cade dal cavallo con maniglie mentre esibisce il suo movimento. Risale subito sull’attrezzo per rispetto del pubblico che lo ripaga con uno scroscio di applausi. Il triplete della iella (quarto posto a Olimpiadi, Europei e Mondiali) è ormai entrato nella storia.

 

PREMIO SERIETA’: Matteo Morandi. Preciso, puntuale, sempre al top. Non fa differenze tra un’esibizione e una finale olimpica. E viene premiato dagli organizzatori come miglior esibizione 2013.

PREMIO SIMPATIA: Alessia Leolini. Non è facile trovare una ginnasta così pacata, ordinata, lineare e ben impostata. Il fair play è perché parla con i fatti e quando ce n’è bisogno. Anche se non inquadrata dalle telecamere della Rai… Per la toscana aspettiamo ulteriori miglioramenti nella prossima stagione.

 

PREMIO MIGLIOR BODY: Francesca Deagostini. Visto che Vanessa è hors categorie, il bianco blu con decoro della milanese mi ha convinto. Premettendo che ieri erano davvero tutte bellissime.

PREMIO BELLEZZA: Marta Pagnini. La Capitana delle Farfalle, vestita da Professoressa, ha fatto davvero la sua figura.

 

PREMIO NUMERI UNO: Ginnastica Italiana. Il 10 in pagella per una stagione magistrale. Ripasso velocemente, prima di tornarci su nelle prossime settimane. Tre argenti mondiali: Vanessa Ferrari al corpo libero, i due delle Farfalle della ritmica. Due bronzi europei: Andrea Cingolani al corpo libero, Matteo Morandi agli anelli. Dominio ai Giochi del Mediterraneo con una sfilza di medaglie.Ma giusto per fermarci ai podi. Se poi contiamo piazzamenti, furti e impressione internazionale allora davvero dobbiamo sganciare la lode.

 

PREMIO FAIR PLAY: Pala Panini. 5000 persone per un Grand Prix di ginnastica artistica. Nella tana della grande Modena, in uno dei grandi palazzetti del volley, dove si è fatta la storia della pallavolo. Questo è l’ottavo sold out consecutivo per lo show finale della Polvere di Magnesio, ma questo è anche il quinto pienone del 2013 per la ginnastica artistica dopo i due “tutto esaurito” in Serie A (Padova e Firenze) e le belle cornici di Jesolo (Trofeo Internazionale che ha preparato la Biles al trionfo mondiale) e di Vigevano (pre-mondiale per l’Italia femminile).

 

Categorie
Carlotta Ferlito Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo Vanessa Ferrari

Ginnastica, Grand Prix: tutte le partecipanti!

Mancano poco più di due settimane all’attesissimo Grand Prix, la grande festa della ginnastica artistica. Appuntamento al Pala Panini di Modena, il 9 novembre.

Nel frattempo, però, sono arrivati i nomi dei ginnasti che parteciperanno all’evento.

 

Vanessa Ferrari

Carlotta Ferlito

Tea Ugrin

Elisa Meneghini

Francesca Deagostini

Chiara Gandolfi

Alessia Leolini

 

Matteo Morandi

Alberto Busnari

Enrico Pozzo

Paolo Ottavi

Andrea Cingolani

Paolo Principi

Ludovico Edalli

Tommaso de Vecchis

 

In attesa di qualche sorpresa internazionale?

 

Per la ginnastica ritmica confermata la presenza delle nostre Farfalle, di Ganna Rizatdinova, di Veronica Bertolini e di Alessia Russo.

 

Categorie
2013 Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo

Ginnastica, EYOF 2013: tutte le qualificate per le finali

Ieri pomeriggio una super Russia (parallele escluse) vinceva il concorso a squadre agli EYOF 2013. A Utrecht (Paesi Bassi) la competizione valeva anche come qualificazione per le finali individuali.

Ecco il quadro completo delle ragazze che rivedremo oggi pomeriggio (all-around, in diretta streaming sul sito ufficiale della competizione a partire dalle ore 17.00) e venerdì (finali di specialità).

 

Per quanto riguarda l’Italia: Tea Ugrin e Lara Mori entrano col decimo e undicesimo posto nell’all-around; al corpo libero la campionessa italiana è in ottava posizione, mentre è quarta alle parallele asimmetriche dove parteciperà insieme a Martina Rizzelli (quinta). La comasca parteciperà anche all’atto conclusivo del volteggio. Lara seconda riserva alla trave.

 

CONCORSO GENERALE INDIVIDUALE:

1.         Tyesha Mattis (Gran Bretagna)          54.700

2.         Maria Kharenkova (Russia)                54.600

3.         Laura Jurca (Romania)                       54.400

4.         Elissa Downie (Gran Bretagna)         54.300

5.         Louise Vanhille (Francia)                   54.200

6.         Maria Bondareva (Russia)                  53.850

7.         Kim Janas (Germania)                       53.450

8.         Emma Larsson (Svezia)                     53.200

9.         Claire Martin (Francia)                      53.150

10.       Lara Mori (Italia)                            52.950

11.        Tea Ugrin (Italia)                            52.950

12.       Eythora Thorsdottir (Paesi Bassi)      52.350

13.       Kim Singmuang (Svezia)                    52.300

14.       Dayana Hryhoryeva (Bielorussia)       51.850

15.       Berengere Fransolet (Belgio)              51.650

16.       Cindy Vandenhole (Belgio)                51.200

17.       Argyro Afrati (Grecia)                          51.150

18.       Leah Griesser (Germania)                  51.100

19.       Tutya Yilmaz (Turchia)                      51.050

20.       Yana Fedorova (Ucraina)                   50.300

21.       Dana De Groot (Paesi Bassi)             49.750

22.       Natalia Ros (Spagna)                          49.300

23.       Laura Gamell Villa (Spagna)              49.050

 

Martina Rizzelli (12esima, 52.900), la britannica Amy Tinkler (13esima, 52.450), la belga Rune Hermans (50.65, 22esima), la francese Laura Longueville (50.500, 23esima), la tedesca Nadja Schulze (49.750, 26esima) non potranno partecipare alla finale per la regola dei passaporti.

 

TRAVE:

1.         Maria Kharenkova (Russia)    15.050

2.         Maria Bondareva (Russia)      14.850

3.         Andreea Iridon (Romania)      14.550

4.         Kim Janas (Germania)             14.450

5.         Eythora Thorsdottir (Paesi Bassi)      14.150

6.         Claire Martin (Francia)            13.950

7.         Louise Vanhille (Francia)       13.900

9.         Tyesha Mattis (Gran Bretagna)          13.850

Lara Mori seconda riserva (13.600)

 

CORPO LIBERO:

1.         Maria Kharenkova (Russia)    13.850

2.         Kim Janas (Germania)            13.700

3.         Silvia Zarzu (Romania)          13.600

4.         Andreea Iridon (Romania)      13.550

5.         Amy Tinkler (Gran Bretagna) 13.400

6.         Mara Titarsolej (Paesi Bassi)  13.350

7          Emma Larsson (Svezia)          13.300

8.         Maria Bondareva (Russia)      13.200

8.         Tea Ugrin (Italia)                13.200

Martina Rizzelli seconda riserva (13.100)

 

PARALLELE ASIMMETRICHE:

1.         Louise Vanhille (Francia)                 13.600

1.         Victoria Kuzmina (Russia)                13.600

3.         Tyesha Mattis (Gran Bretagna)        13.400

4.         Tea Ugrin (Italia)                          13.300

5.         Martina Rizzelli (Italia)              13.250

6.         Elissa Downie (Gran Bretagna)         13.100

6.         Emma Larsson (Svezia)                      13.100

6.         Dayana Hryhoryeva (Bielorussia)     13.100

 

VOLTEGGIO:

1.         Elissa Downie (Gran Bretagna)         14.500 (media: 14.800 e 14.200)

2.         Tyesha Mattis (Gran Bretagna)        14.375 (media: 14.750 e 14.000)

3.         Laura Jurca (Romania)                     14.225 (media: 14.500 e 13.950)

4.         Emma Larsson (Svezia)                     13.950 (media: 14.150 e 13.750)

5.         Ana Derek (Croazia)                          13.950 (media: 14.000 e 13.900)

6.         Kim Janas (Germania)                      13.925 (media: 14.000 e 13.850)

7.         Martina Rizzelli (Italia)              13.850 (media: 13.900 e 13.800)

8.         Yana Fedorova (Ucraina)                   13.800 (media: 14.050 e 13.550)

 

Categorie
2013 Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo

Ginnastica, EYOF 2013: Italia, ecco gli orari e l’ordine di rotazione

Il grande giorno è arrivato per le nostre juniores, attese dall’uscita più importante della loro carriera. A Utrecht (Paesi Bassi) la campionessa italiana Tea Ugrin, Lara Mori e Martina Rizzelli saranno impegnate nel concorso a squadre degli EYOF, il Festival Olimpico della Gioventù Europea.

 

L’Italia è stata inserita in terza suddivisione, la stessa della Gran Bretagna con cui ci giocheremo una posizione sul podio, e gireranno insieme a un gruppo misto.

Le azzurrine inizieranno il loro percorso dalla trave alle 14.40. Si trasferiranno poi al corpo libero (alle 15.10), prima di presentarsi ai venticinque metri dove correranno verso la tavola del volteggio (ore 15.40). Le nostre tre ragazze chiuderanno le loro fatiche agli staggi (ore 16.10).

 

A quel punto, però, per scoprire di che colore sarà l’eventuale medaglia dovremo aspettare le 19.00 quando si concluderà la quarta suddivisione in cui è stata inserita la Russia. La Romania è invece in seconda suddivisione insieme alla Germania (ore 11.30), Francia e Spagna aprono la giornata (ore 9.50).

 

Ricordiamo che non sono previste delle dirette né in televisione né in streaming.

Categorie
2013 Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo

Ginnastica: Tea, Lara, Martina contro l’Europa. Per le medaglie?

Mentre i maschietti stanno per scendere in pedana, le nostre favolose juniores devono ancora attendere ventiquattro ore per fare il loro debutto nel mondo degli EYOF.

L’Italia si presenta con chiarissimi obiettivi: ben figurare nella prova a squadre provando a difendere fino all’ultimo il titolo conquistato due anni fa; centrare un podio nel concorso generale individuale; agguantare qualche medaglie nelle specialità. Non sarà facile, ma è possibile. Certo, durante la prova podio di ieri diversi presenti hanno storto il naso di fronte alle prestazioni delle azzurrine, ma contano davvero poco. Vedremo lo stato di forma quando conta.

 

Il nostro è un buon collettivo, il migliore al momento disponibile a questo livello, senza mai dimenticare l’assenza di Enus Mariani (la Campionessa Europea è ferma per l’ormai consueto problema alla schiena).

Per le medaglie a squadre sarà consueta lotta contro Russia e Romania (priva comunque della stellina Munteanu, che rinvia per l’ennesima volta la sfida con Enus, a questo punto tra le seniores): partiamo un filino svantaggiate, ma in gara (e in questa categoria) può succedere di tutto). La Gran Bretagna vanta un ottimo terzetto, ma a livello complessivo ci pare un filino sotto alle tre grandi del continente (la campionessa Tyesha Mattis e Ellie Downie sono comunque da tenere d’occhio).

 

Tea Ugrin ha tutte le carte in regola per mettersi al collo l’oro nell’all-around. La fresca campionessa italiana ha degli step abbastanza definiti per arrivare in alto: mantenere alta la concentrazione; non farsi emozionare; cercare di essere perfetta, di mantenere una routine regolare, senza cercare picchi ad un attrezzo per poi magari fare male altrove. Insomma deve ripetere quanto ha fatto vedere ad Ancona: non di meno, magari un filino di più. Attenzione a parallele e trave (crediamo i due soliti esercizi da 5.8 di D Score), solito corpo libero con tre diagonali (5.3, ma questo sarà da rivedere nei prossimi mesi), FTY al volteggio (qui forse pagherà dazio).

Le avversarie principali? C’è tantissima attenzione su Andreea Iridon, ennesima stellina spuntata fuori dall’Universo della grande Romania. Stranamente è una grande parallelista a dispetto della scuola da cui proviene e poi eccelle alla trave, com’è naturale che sia. Un misto di grandi difficoltà e di coreografia accattivante che la rende tutta particolare. Anche lei ha il tallone d’Achille nel volteggio… La sensazione è che chi tra lei e Tea farà meglio alla tavola, possa avere in taglia almeno metà del successo.

 

Già solo metà perché bisognerà fare i conti con un trio russo davvero formidabile. Maria Kharenkova (verosimilmente è lei la favorita numero uno, inutile nasconderci troppo) si allena addirittura con le seniores della Nazionale ed è molto più che una promessa: fortissima al corpo libero (molta potenza), spicca alla trave per rapidità e precisione, ma pecca moltissimo sugli staggi (stranamente). Anche Viktoria Kuzima si allena con le seniores e è eccellente sugli staggi e sui 10cm, dove in Patria è stata paragonata ad Anastasia Grishina; poca dinamicità e poca potenza non le consentono di volare al corpo libero. Maria Bondareva potrebbe essere una sorpresa, ma è ancora una ragazza dalla caduta molto facile.

 

Capitolo Lara Mori. Torna su un palcoscenico internazionale dopo gli storici Europei del 2012 (proprio insieme a Tea, argento a squadre) e dopo l’operazione di dicembre. Sostanzialmente, esclusa l’uscita in Serie A1 a Firenze fatta per salvare la sua Giglio (con bassissime difficoltà), è da un anno che non la vediamo in gara concretamente. Per questo fare delle previsioni sulla toscana sarebbe più che un azzardo. Sappiamo solo che se è stata convocata, significa che è in buona forma e potrebbe davvero dire la sua. Magari nelle finali di specialità più che nell’all-around.

 

Martina Rizzelli sarà scatenatissima al volteggio col doppio avvitamento. Medaglia? Difficilissimo da dire ora, ma chissà. Il suo contributo sarà fondamentale nella competizione a squadre, dove anche le parallele saranno interessanti. In questa stagione ha davvero fatto benissimo in campionato, alla tavola è risultata la migliore a Padova ed è sostanzialmente alla prima uscita internazionale col body azzurro: emozione che scacciare via appena si andrà in pedana.

 

Nelle finali di specialità, oltre alla russe già nominate e alle britanniche, dovremo tenere d’occhio le altre due rumene Jurca (bene volteggio e corpo libero) e Zarzu (ultima arrivata). Attenzione alle consuete outsider olandese (visto che giocano in casa) e a qualcosa che potrebbe arrivare dalla Germania. Ma insomma il discorso sembra essere molto ristretto.

A domani per le prime risposte…

 

Categorie
2013 Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo

Ginnastica, ecco le convocate per l’EYOF!

Enrico Casella ha diramato le convocazioni per gli EYOF, Il Festival Olimpico della Gioventù Europea, in programma a Utecht (Paesi Bassi) la prossima settimana.

Tea Ugrin,

Martina Rizelli,

Lara Mori

I tre nomi di spicco che erano presenti al collegiale di questa settimana sono stati convocati.Vedremo quindi in scena la Campionessa Italiana (Ugrin), una favolosa volteur (Rizzelli) e il graditissimo rientro sul palcoscenico internazionale della Mori dopo l’operazione al ginocchio di questo inverno.

 

Al maschile già tutto deciso da tempo:

Nicola Bartolini,

Marco Sarrugerio,

Carlo Macchini.

 

Categorie
2013 Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo

Ginnastica, cambiata la classifica della Serie A1 2013!

Dopo la positività riscontrata ad Ilaria Bombelli durante la quarta tappa del campionato di Serie A1 2013 di ginnastica artistica (cliccate qui per leggere la lettera della ginnasta a processo ultimato)la Federazione Ginnastica d’Italia ha provveduto a riformulare la classifica della tappa di Firenze togliendo i punteggi conseguiti dalla romana per la Olos Gym 2000 (che in quell’occasione si classificò seconda). Questo il responso:

 

1.            Gal Lissone         163.500 (25 punti speciali)

2.            Brixia Brescia     161.200 (22 punti speciali)

3.            Artistica ’81        156.850 (20 punti speciali)

4.            Pro Lissone        156.100 (18 punti speciali)

4.            Forza e Virtù      156.100 (18 punti speciali)

6.            Estate 83             152.600 (14 punti speciali)

7.            Ginnica Giglio     151.300 (12 punti speciali)

8.            World Sport        149.850 (10 punti speciali)

9.            La Rosa Brindisi  136.650 (8 punti speciali)

10.          Olos Gym 2000  124.050 (6 punti speciali)

 

Viene così ridisegnata la classifica finale del campionato, con la Olos Gym 2000 che perde il terzo gradino del podio scivolando al quinto posto. La Pro Lissone di Enus Mariani conquista il terzo posto, l’Artistica ’81 di Tea Ugrin è quarta. Lo scudetto, chiaramente, è sempre della Gal; seconda la Brixia. Retrocessioni confermate: in A2 la World Sport Academy e La Rosa Brindisi. Questa la classifica dettagliata:

1.            Gal Lissone      97 punti

2.            Brixia Brescia  87 punti

3.            Pro Lissone      76 punti

4.            Artistica ’81 (Trieste)  64 punti

5.            Olos Gym 2000 (Roma)    64 punti

6.            Forza e Virtù (Novi Ligure)  62 punti

7.            Estate ’83 (Travagliato)   48 punti

8.            Ginnica Giglio (Montevarchi)   42 punti

9.            World Sport Academy (San Benedetto del Tronto)  38 punti

10.          La Rosa (Brindisi)   26 punti

 

Categorie
2013 Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo

Ginnastica, le convocate per il collegiale verso l’EYOF

Oltre ai Giochi del Mediterraneo che scatteranno venerdì per quanto riguarda la ginnastica artistica, è iniziato il conto alla rovescia anche per gli EYOF, il Festival Olimpico della Gioventù Europea, in programma a Utrech (Paesi Bassi) dal 14 al 19 luglio prossimi

La rassegna è riservata alle juniores, quindi classi ’98-’99 per quanto riguarda le ragazze. Competizioni completa: concorso a squadre, concorso generale individuale, finali di specialità. Per ogni Nazione possono partecipare tre atlete.

 

Per il settore femminile, il Direttore Enrico Casella ha indetto collegiale in programma a Brescia dal 4 al 12 luglio.

Queste le convocate (in rigoroso ordine alfabetico):

Sofia BONISTALLI (Polisportiva Casellina)

Chiara IMERAJ (Brixia Brescia)

Giorgia MORERA (Olos Gym 2000)

Lara MORI (Ginnastica Giglio Montevarchi)

Martina RIZZELLI (Brixia Brescia)

Nicole TERLENGHI (Estate ’83)

Tea UGRIN (Artistica ’81)

 

Come annunciato già da tempo manca Enus Mariani. La campionessa europea juniores è ancora alle prese con i problemi alla schiena che, però, sembra si stiano risolvendo.

 

Categorie
2013 Carlotta Ferlito Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo

Carlotta Ferlito in esclusiva: “Ora la maturità. I Mondiali? Ci provo”

Sempre più amata dalle fan che la seguono durante il docu-reality Ginnaste – Vite Parallele. Stella dell’artistica italiana con un ricco palmares alle spalle e la partecipazione olimpica a Londra 2012. Ora, di rientro dagli Europei e con gli occhi puntati alla maturità ormai imminente (per questo motivo non parteciperà agli imminenti Giochi del Mediterraneo), Carlotta Ferlito si racconta in esclusiva per Olimpiazzurra. A tutto tondo, con uno sguardo al passato e uno lungo verso il futuro.

 

Scudetto con la Gal, esperienza di successo in Coppa del Mondo, poi l’Europeo. Come valuti questa prima parte di stagione?

Sicuramente è stata positiva. Mi sono sempre allenata e mi sono sempre fatta trovare pronta per gli appuntamenti importanti (nonostante l’imminente maturità). Il terzo scudetto con la Gal, le due medaglie in coppa del Mondo alla prima esperienza e le due finali agli Europei sono senz’altro risultati positivi. Certo c’è il rammarico per quel quarto posto alla trave a Mosca, ma purtroppo non tutto va come vorremmo”.

Gli Europei. Ti sei voluta concentrare su trave e corpo libero. Sui 10cm tutti si aspettavano una medaglia da te ma è arrivato un quarto posto. Pensi che sia stato giusto così o valevi di più?

Io penso di aver fatto un esercizio abbastanza pulito e senza gravi errori. Proprio per questo motivo, non mi spiego il punteggio di esecuzione. Non credo di aver fatto il mio miglior esercizio, ma mi aspettavo qualcosa di più”.

Ora ti sei presa un meritato periodo di pausa per concentrarti sull’Esame di Stato. Come vedi questa maturità? Ti sta agitando o ti fa più “paura” una gara?

All’inizio mi faceva tantissima paura, forse anche più di una gara. Adesso che ho già affrontato i pre-esami per accedere alla maturità, mi fa un po’ meno paura. Tengo molto alla scuola e pretendo sempre il massimo da me stessa, sto studiando tanto e spero che vada bene”.

Il tuo percorso di studi finirà a luglio oppure hai intenzione di iscriverti a un corso di Laurea?

Ancora non lo so. Penso che frequenterò l’Università, ma non so se subito a settembre oppure se mi prenderò un anno sabbatico per riordinare le idee. Ho sempre dovuto conciliare allenamenti e scuola: un periodo pausa potrebbe aiutarmi”.

Ultimamente si è discusso molto del rapporto tra scuola e sport. Alcuni dicono che i professori non aiutano gli agonisti. Come ti senti di parlarne in base alla tua esperienza?

I miei professori hanno sempre cercato di venire incontro ai miei impegni e ai miei orari. I professori esterni, invece, non sempre aiutano noi agonisti. Certamente il nostro non è un Paese in cui praticare sport a livello agonistico è un pregio: alcuni professori non sempre vedono di buon occhio chi sacrifica la propria vita per lo sport”.

Dopo Mosca hai abbandonato totalmente la palestra oppure sei riuscita a ricavarti qualche ora per mantenere l’allenamento? È una Ferlito che tornerà a pieno regime dopo le vacanze e proverà ad andare ai Mondiali?

Non ho mai abbandonato totalmente la palestra. Anche nei giorni di esame ci sono stata: anche due orette giusto per non perdere il tono muscolare. I Mondiali? Certamente proverò a conquistare la convocazione”.

A marzo sei andata a Los Angeles per fare da madrina ai Kids’ di Nickeldeon. Che esperienza è stata negli Stati Uniti d’America? Raccontaci qualche aneddoto divertente.

È stata un’esperienza bellissima. Gli americani sono un popolo molto allegro, gioviale. Erano tutti molto disponibili e “alla mano” Una cosa incredibile che ho notato è l’estrema efficienza e organizzazione: non solo ai Kid’s Choice ma ovunque. Fare da madrina è stato un grandissimo onore per me: ho avuto l’opportunità di incontrare tantissimi attori, come il bellissimo Johnny Depp. Sicuramente un ricordo che porterò dentro di me per sempre”.

Ormai possiamo tranquillamente dire che a settembre-ottobre uscirà il tuo libro. Di certo hai soddisfatto le richieste di tutte le fan che ti seguono sempre con tanto affetto.

L’idea è nata proprio dall’impossibilità di rispondere a tutti i miei fan tramite i social network. Ricevo sempre tantissime domande e per questo motivo ho deciso di scrivere questo libro: parlerò non solo della mia esperienza da ginnasta ma ci saranno anche tante curiosità e chicche “inedite”.

Negli ultimi mesi hai presentato il tuo nuovo esercizio al corpo libero con tanto di nuova base musicale (Moon Trance di Lindsay Stirling). Come sono stati i passi per arrivare a montare quella coreografia e come hai scelto la traccia?

Come al solito ho scelto la traccia e montato la coreografia insieme a Tiziana Di Pilato. Lei fa una prima selezione di brani e me li sottopone. Alla fine io scelgio quello che mi piace di più e che rispecchia di più il mio carattere. In seguito ci divertiamo insieme a inserire dei movimenti che siano a tempo con la base”.

Un futuro da all-arounder o da super specialista?

Non lo so. Mi piacerebbe molto continuare su tutti gli attrezzi. Vedremo fin dove il mio fisico e altri fattori esterni me lo permetteranno”.

Casella aveva detto che è fondamentale aumentare i coefficienti di difficoltà degli esercizi: cosa ne pensi? Hai già in mente qualche nuovo elemento per il futuro?

È chiaro che bisogna sempre tentare di aumentare i propri coefficienti di difficoltà, ma senza danneggiare l’esecuzione e l’artisticità. Un esempio lampante è la russa Grishina: agli Europei ha semplificato e ridotto le difficoltà rispetto alla qualifica e in questo modo è riuscita a soffiarmi il terzo posto”.

Dieci giorni fa Tea Ugrin è diventata la nuova campionessa d’Italia. Te lo aspettavi? Esternamente come hai visto le altre azzurre negli ultimi mesi?

Detto sinceramente, in quei giorni ero molto impegnata con gli esami e non ho potuto guardare le gare. Sono contenta per Tea. L’anno posto-olimpico è sempre un po’ confusionario, anche per i cambiamenti del codice. Ci sono tante giovani che stanno emergendo e credo che riusciremo a mettere su un gruppo forte e compatto”.

L’anteprima della terza stagione di Ginnaste – Vite parallele è giunta al termine. Si riprenderà in autunno con la messa in onda integrale. Solito successo, solito calore delle ragazze. Ormai hai preso abitudine alle telecamere, è cambiato qualcosa rispetto alle edizioni passate?

Non è cambiato nulla. Ormai i “ruoli” all’interno del programma sono stati costruiti e si va avanti così. Quello che mi piace del mio personaggio è che io non fingo, non nascondo i miei difetti solo perché ci sono le telecamere, Poi ovviamente ha anche i suoi lati positivi: non smetterò mai di ringraziare tutte le persone che mi sostengono per i loro messaggi e per il loro affetto”.