Categorie
2012 Foto Foto del Giono

Foto del Giorno : Ritratto di spirale

Nella costellazione dell’Idra, sullo sfondo di lontane galassie, Hubble ha catturato un’immagine molto dettagliata della galassia a spirale ESO 499-G37. Immortalata dal telescopio spaziale di NASA e ESA con una forte angolazione, il suo ritratto mette ben in evidenza la sua natura a spirale.
Innanzitutto si vedono chiaramente i bracci, individuabili come strutture azzurrine che girano intorno al nucleo. Questa sfumatura bluastra proviene da stelle calde e giovani localizzate proprio nei bracci della spirale, solitamente costituiti da grandi quantità di polvere e gas in cui si formano in continuazione nuove stelle.
Nel centro della galassia si nota il caratteristico nucleo luminoso allungato, contenente la più alta densità di stelle e che normalmente ospita una popolazione stellare fredda e antica racchiusa in una regione sferoidale.
Infine, la barra che ne attraversa il centro, una caratteristica comune a molte galassie a spirale che consente al gas di muoversi dai bracci verso il centro, alimentando la formazione stellare.

Categorie
2012 Foto Foto del Giono

Foto del Giorno : Ponte di gas tra due galassie

(© Effetto SZ: ESA Planck Collaboration – Immagine ottica: STScI Digitized Sky Survey)

Un ponte lungo 10 milioni di anni luce: è quello appena scoperto dal telescopio spaziale Planck (i segreti di Herschel e Planck a caccia del Big Bang). Si tratta di una scia di gas bollente che collega la galassia Abel 399 (in basso al centro) ad Abel 401 (in alto a sinistra), entrambe distanti circa un miliardo di anni luce dalla Terra.
La straordinaria immagine delle due galassie combina la loro visualizzazione alle  lunghezze d’onda ottiche rilevabili con i telescopi a terra con quella rilevabile attraverso l’effetto SZ (Sunyaev-Zel’dovich, i due scienziati che l’hanno scoperto) con il satellite Planck.
Lanciato nello spazio per catturare la luce più antica del cosmo, Planck riesce a rilevare attraverso questo particolare effetto anche i filamenti più deboli di gas di cui l’universo primordiale era colmo e che hanno dato vita agli ammassi di galassie.