Categorie
Ada Knight Alieni Alina Conte Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Serena Ricci Tatuaggio The District

Daniel Saintcall

250px-AidenRender

Avevo corso e non aveva detto niente ad Alina Conte . Non avevo detto il mio nome e cosa faccio per vivere . Avevo corso per salvarle la vita da queste creature fatte d’ acciaio e di umani che mi ero dimenticato di dirle alcune cose . Dal negozio casa di Serena Ricci mancava ancora molta e per questo decisi di dirle almeno il mio nome e quello che per vivere . Io mentre eravamo bloccati nel traffico – io sono Daniel Saintcall e tu sei ? . Alina mi tese la mano – io sono Alina Conte piacere di conoscerti . Alina mi guardo dall’ alto in basso e capì subito una cosa – sei un agente di polizia . Io la guardai negli occhi – si . Veramente sono un Detective . Io dalla mia tasca destra della mia giacca interna presi il mio distintivo e lo mostrai ad Alina . Lei lo prese in mano e vide che era vero e autentico e prima di ridarmelo – cosa è The District ? . Io ero li che feci un più avanti la macchina cercando di non sbattere contro le altro auto – Quella è la polizia per cui lavoro . Si occupa dei problemi che ci sono nel tempo , nello spazio e nei mondi . Io ne faccio parte e quando ho visto che li da stava succedendo qualcosa sono intervenuto . Ho visto che ti serviva aiutato e io l’ ho fatto . Ma non ho ancora finito di proteggerti prima li devo mettere in fuga una volta per tutte .  Prima che io dicessi queste cose ad Alina Conte , senti dentro la mia testa la voce molto forte di Ada Knight – il fatto che tu corri questo è sicuro . Lo fai sempre . Non dimenticare di dire alla ragazzina che pure io l’ ho salvata oppure vengo li e lo faccio da sola . Alina era li e mi vide parlare con qualcuno – con chi stai parlando ? . Io stavo e tenevo gli occhi fissi sulla strada – pure le persone che erano con me e che ti hanno salvato la vita fanno parte di The District . Io ho dei poteri e uno dei quali e la telepatia e adesso sto parlando con la mia collega Ada Knight . Dopo la conoscerai . Alina non era convinta del fatto che io avevo la telepatia – non ci credo che tu c’ e l’ hai . Se c’e l’ hai dimmi una cosa su di me che gli altri non sanno . Io ci misi pochissimo ad entrare dentro la sua mente – due anni fa ti sei un tatuaggio sul seno destro ed era un teschio messicano e da li ti sei presa lo skateboard con quel disegno . Alina vide che io dicevo la verità e non mentivo . Alina era impressionata – quindi lo sai fare davvero . Quali altri poteri hai ? . Io la guardai in faccia e vide che era felice di sapere cose del genere e io le dissi – non te li posso mostrare adesso . Te li faccio vedere più tardi .

 

Categorie
Adalind Daphne Strange Foto

Foto del Skateboard di Daphne Strange

Come vi ho detto Daphne aveva rubato uno Skateboard davvero molto bello e che Adalind lo custodiva visto che aveva iniziato da quello ma poi aveva dovuto cambiare visto che aveva preso uno nuovo grazie al fatto che qualcuno che aveva spaccato . Adalind lo aveva riparato con molta calma ma rompere quello Skateboard significa perdere la sua reputazione e adesso doveva riprendersela con un nuovo Skateboard e quindi decise di mettere in vendita il suo vecchio Skateboard ma nessuno aveva deciso di comprarlo visto che qualcuno aveva deciso di farla tornare ad utilizzare tale tavola . Nessuno ci riusci e quando Adalind vide Daphne fare quel salto per arrivare su quell’ autobus capì che quella poteva essere la donna che avrebbe potuta essere una grande Skateboarder  . Ecco il foto della tavola .

 

Categorie
Amelia Strong Angela Marini Daphne Strange

Amelia Strong manipola Daphne Strange

Daphne quando conobbe la persona che le ha fatto fare queste cose orribili aveva 17 anni e Daphne aveva già fatto delle cose davvero molto brutte . Tra le varie cose aveva rubato uno skateboard e sotto c’ era un disegno bellissimo cioè delle onde nere e con dei teschi messicani . Quando Daphne aveva visto tale disegno sotto la tavola lo aveva visto in un negozio e quando lo aveva visto era apparso il sole su quell’ oggetto e quello era per lei il segno di una cosa bellissima . Daphne in quel momento sembrava una gazza ladra che vedeva qualcosa di luccicante e decise di rubarlo . Daphne era andata a New York per scappare dal suo passato se ne era andata via da Londra dove stava e aveva deciso di andare li per non vedere più i suoi genitori . Daphne era andata in un negozio sulla quinta strada e li alla fine della strada c’ era il negozio di skateboard e cosi decise di andare con passo lento e senza farsi vedere dalla proprietaria . La donna che lavorare li dentro aveva 28 anni , capelli neri lunghi ma la giusta quantità ed era davvero molto bella e quindi molte persone la volevano come fidanzata . Daphne era andata verso il suo negozio e dove stava la tavola con il teschio messicano e con calma lo prese e poi con quello scappo subito . Adalind che era la proprietaria di quel negozio provo a prendere la ragazza che aveva rubato uno dei suoi skateboard i più belli che aveva e voleva riprenderselo a tutti i costi . Daphne con lo skateboard inizio a scappare il più veloce possibile e alla fine Adalind vide che era andata nel traffico visto che erano vicine alla strada . Proprio in quel momento passo un autobus e Daphne cerco di prendere la rincorsa per fare un bel salto per poi andare su quell’ autobus . Dopo un primo tentativo riusci a farcela e ce la fece perché non sapeva avrebbe fatto Adalind e quindi ci era riuscita per salvare la sua vita visto che secondo la sua mente era in pericolo . Ma Daphne non sapeva che il vero pericolo non era a terra ma era su quell’ autobus visto che si mise vicino a una persona di nome Amelia Strong che era più giovane di quando era prima . Amelia aveva visto il grande salto fatto da questo nuovo passeggero e adesso doveva riposare un po’ visto che era scappata e aveva il fiatone . Una volta riposata Amelia la prese per mano e la tenne ferma il più possibile per non farla muovere e poi si fece guardare negli occhi e poi inizio a usare il suo potere di fare manipolazioni . Gli occhi di Daphne erano di colore blu ma non di un blu normale ma molte inteso quasi magico ed erano bellissimo visto che ti potevi perdere in quei occhi blu . Amelia aveva preso il volto di Daphne con le sue forti mani e lo teneva molto stretto per non farla muovere visto che adesso dentro i suoi occhi erano dentro questo potere che era iniziato . Daphne con le sue mani cercava di togliere le mani di Amelia che sembravano deboli ma non lo era affatto . Ma non ci riusciva visto che da dietro poi apparve Angela Marini che stava tenendo fermo le mani della donna con delle catena che aveva fatto lei , queste catene erano di una lega molte forte e quindi era davvero molto difficile da togliere . Angela aveva fatto scendere tutti dall’ autobus con una pistola calibro 9 mm , sparo in aria e gridando come una pazza – scendete tutti quanti oppure ficco un proiettile in testa a tutti . Tutti iniziarono a scendere e solo Daphne non lo poteva fare visto che era ferma da Angela e dall’ altra donna nota come Amelia Strong . Amelia la teneva per la sua mandibola un po’ forte ma non troppo forte cioè la giusta forza per non farle muovere la testa e Angela aveva preso i capelli bianchi di Daphne e li teneva molto stretti visto che Daphne poteva muovere la testa all’ indietro se aveva molto forza e per questo era la teneva molto stretta . Amelia manipolo Daphne e quando lo fece arrivo la polizia che aveva chiesto alla pazza Angela di buttare la pistola e di mettere le mani dietro la schiena . Angela decise di fare come diceva loro ma nel suo modo , carico la pistola di fiamme e poi la butto sopra la macchina della polizia . La macchina della polizia che era li vicino al autobus e poi esplose con un grande botto che fece male a molti poliziotti che morirono bruciati e alcuni rimasero molto bruciati . Nessuno poteva fare niente contro Angela e alla fine con l’ aiuto di Daphne la piccola ragazzina che adesso era nelle loro mani ma non sapevano quando sarebbe potuto resistere fino a quando farla di nuovo . Quello che aveva fatto Amelia nella mente di Daphne era una cosa che non era dovuta a una sola manipolazione a più manipolazione e quindi era una cosa molto brutta visto che aveva fatto un lavoro molto grande visto che aveva creato dentro la mente di Daphne una foresta oscura dove li dentro c’ erano i ricordi che li poi avrebbe vissuto .