Categorie
Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

Snowpiercer: nuovo trailer francese e locandina per il thriller post-apocalittico di Bong Joon-ho

Disponibile Un trailer francese e una locandina per il thriller fantascientifico a sfondo post-apocalittico del regista coreano Bong Joon-ho (The Host).

La storia è ambientata in una nuova era glaciale causata da un esperimento fallito che aveva l’intento si fermare il riscaldamento globale che aveva ucciso quasi tutta la vita sul pianeta. Gli unici sopravvissuti vivono ora su un treno chiamato Snowpiercer e lottano contro il sistema di classi che si è implementato a bordo, con vagoni divenuti veri e propri ghetti e le prime carrozze che invece ospitano tra gli agi chi detiene il potere (un po’ come accadeva nel recente Elysium).

Questo nuovo trailer particolarmente coinvolgente fornisce ulteriori elementi sulla trama, sequenze con effetti visivi inedite e ci mostra anche il personaggio di Alison Pill (Midnigh in Paris) nel cast insieme a Chris Evans, Tilda Swinton, John Hurt, Jamie Bell, Ed Harris, Ewen Bremner, Octavia Spencer, Kang-ho Song e Ko Asung.

Snowpiercer attualmente non ha una data di uscita americana, ma ha già debuttato in patria con grande successo e la Weinstein Company ha acquisito i diritti del film per gli Stati Uniti, annunciando la futura distribuzione di una versione tagliata.

 

Categorie
Mondo Notizie Notizie dal Mondo Serie Tv

American Horror Story 3, Ryan Murphy parla del futuro della serie

Si apre una nuova settimana per tutti gli appassionati di serie tv, e parliamo oggi di American Horror Story visto che il creatore Ryan Murphy ne ha parlato.

Parlando del futuro della serie infatti, il creatore Murphy si è espresso con moltapositività e una punta di lungimiranza.
Difatti Murphy è molto ottimista sul futuro della serie, e parlandone ha spiegato che non vede una fine vicina per la serie, nel senso che finché il network vorrà mandarla in onda, lui è pronto a continuare a lavorarci.

La amo. Amo tutto il processo che vi è dietro. È questa una di quelle cose che vorrei continuare a fare per tutta la vita, o almeno finché ce lo permetteranno.

Intanto ci concentriamo sull’attesa della terza stagione che andrà in onda a partire dal 9 Ottobre.

 

Categorie
2013 Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

Snowpiercer: nuovo trailer e prequel d’animazione per il post-apocalittico di Bong Joon-ho

Disponibili un nuovo trailer e uno short d’animazione (integrale e internazionale) che funge da prequel per il debutto in lingua inglese del regista coreano Bong Joon-ho (The Host) che per l’occasione è supportato da un cast di gran lusso che include:Chris Evans, Tilda Swinton, John Hurt, Jamie Bell, Alison Pill, Ed Harris, Ewen Bremner, Octavia Spencer, Kang-ho song e Ko Asung.

La storia è ambientata durante una nuova era glaciale causata da un esperimento fallito per fermare il riscaldamento globale che ha ucciso quasi tutta la vita sul pianeta. Gli unici sopravvissuti vivono su un treno chiamato Snowpiercer alimentato da una macchina a moto perpetuo. A bordo i passeggeri più poveri e indigenti si ribellano e lottano contro il sistema di classi che si è implementato sul treno.

La clip con il prequel d’animazione spiega come il pianeta sia stato ricoperto dal ghiaccio a causa di un tentativo disastroso di porre rimedio al riscaldamento globale attraverso l’utilizzo di un’esplosione nell’atmosfera. Si raccontano le rivolte popolari scaturite in seguito alla mancanza di cibo e alle morti per il gelo fino all’arrivo dei passeggeri sul treno che diventerà la location del film. La voce narrante del corto è quella del personaggio “Yona” interpretato nel film da Ko Asung.

Categorie
2005 2013 Foto Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo Vanessa Ferrari

Ginnastica Artistica, Assoluti: le pagelle di Olimpiazzurra

Si chiude il weekend dedicato ai Campionati Italiani Assoluti di ginnastica artistica. Come consueto,diamo i voti alle ragazze impegnate in gara. Queste le pagelle di Olimpiazzurra (ricordatevi sempre i voti sono ponderati in base al valore riconosciuto alla ginnasta in senso assoluto).

 

TEA UGRIN: 10. Ovviamente ed indiscutibilmente. Da otto anni una junior non diventava Campionessa d’Italia (Vanessa Ferrari nel 2005). Escluso proprio quel successo della bresciana, erano diciassette stagioni (!) che una quattordicenne non trionfava nel concorso generale: era il lontano 1996 quando una giovanissima Adriana Crisci si tingeva di tricolore a soli tredici primavere compiute. La triestina è riuscita in un’impresa che nessuno immaginava: lo scricciolo giuliano non era nemmeno tra le pronosticate a podio, figuriamoci per il successo finale.

Non che Tea sia una sconosciuta. Anzi. Il suo talento e la sua eleganza erano già state osservate l’anno scorso quando conquistò l’argento juniores a squadre agli Europei e fu quarta alla trave, ma gli ultimi mesi non lasciavano certo immaginare questo trionfo. Quanto visto sabato è di assoluta fattura:trave eccellente senza sbilanciamenti, parallele oltre ogni più rosea aspettativa, corpo libero con Tsukahara e linee invidiabili, una maturità incredibile al volteggio quando aveva capito che stava per realizzare un sogno. Il suo viso timido e incredulo sul podio parla da solo. L’emozione si è vista durante le finali di specialità, ma è poi stata liberata con un’altra super esibizione al quadrato magico dove ha conquistato il secondo oro di un weekend che ricorderà per tutta la vita (a cui si aggiunge il bronzo alla trave). Ora la aspettano gli EYOF: se Enus Mariani recupererà ci sarà davvero da divertirsi…

 

GIORGIA CAMPANA: 9. Il successo alle parallele asimmetriche è stata una pura formalità, sbrigata in assoluta scioltezza. Sugli staggi la migliore italiana è lei, per la seconda volta consecutiva. Nel generale è spuntata fuori Tea e si è dovuta accontentare del terzo posto, a dimostrazione comunque del suo valore da all-arounder. Il voto, davvero alto, è stato dato per un altro motivo: l’inserimento di una nuova combinazione alle parallele: Healey con mezzo giro combinato all’uscita (per lei sempre Healey combinato allo Jaeger in precedenza). Dimostrazione della continua voglia di migliorarsi e di alzare le proprie difficoltà per ben figurare anche a livello internazionale.

 

ARIANNA ROCCA: 8+. Due giorni incredibili per la piemontese. Che fosse una delle favorite per il successo al volteggio era un dato certo, confermato poi dal 14.025 che le ha riconsegnato lo scettro conquistato lo scorso anno. La sedicenne (Tsukahara con un avvitamento; salto avanti carpiato con mezzo giro) si fa così il regalo per le diciassette candeline che spegnerà venerdì. Fin qui tutto “normale”.Ma se le avessero detto che avrebbe vinto l’argento alla trave, ci avrebbe riso in faccia. Invece, sfruttando diversi errori e cadute delle avversarie, si regala una gioia imprevista.

 

SERENA BUGANI: 8. Un voto alto, ma che va misurato in base al 2012 difficilissimo che ha affrontato la giovane bolognese. Il secondo posto al volteggio è il giusto premio per aver superato un momento negativo. Ma al di là del piazzamento, è il doppio avvitamento che le fa strappare questa valutazione. Portarlo in gara era coraggioso e ha dato i suoi frutti: praticamente tutte le brixiane sanno fare questo tipo di Yurchenko.

 

ELISABETTA PREZIOSA: 7.5. Un voto che fa media tra una grandissima domenica e un sabato davvero opaco. Nel concorso generale era chiamata a lottare per il podio ma troppi errori e una discontinuità importante l’hanno relegata addirittura al quinto posto. Durante le finali di specialità, però, si è scatenata. Alla trave partiva dall’ultimo posto in qualifica ed è risalita al successo, confermando il suo grande valore all’attrezzo (anche se solo con un 14.250): anche se ci fosse stata Carlotta Ferlito, il successo poteva arrivare ugualmente. Poi un bellissimo argento al corpo libero.

 

GIULIA LENI: 7.5. Tre bronzi. La più medagliata della rassegna insieme a Tea Ugrin. Dall’annuncio del ritiro a una domenica da protagonista. Conferma come da previsione il terzo posto alle parallele dietro alle romane; al corpo libero fa vedere i progressi degli ultimi mesi che già avevamo visto a Jesolo; al volteggio è sorprendente e arriva un piazzamento che forse nemmeno lei aspettava.

 

MARTINA RIZZELLI: 7.5. Effettivamente è un voto alto per una ragazza che non ha preso medaglie. Maè arrivata a sorpresa quarta nel generale comportandosi bene su tutti gli attrezzi. E soprattutto ha esibito un doppio avvitamento al volteggio. Peccato per aver centrato una sola finale di specialità e per un regolamento che l’ha estromessa dall’atto conclusivo alla tavola.

 

ADRIANA CRISCI: 7. Gli Assoluti dello scorso anno avevano visto il grande ritorno dell’olimpica di Sidney 2000. Quelli di questo weekend erano quelli della riconferma. Il successo al volteggio sembrava raggiungibile, specialmente dopo lo Tsukahara con un avvitamento e mezzo che la spingeva a 14.400. Poi però l’imprevisto: scarta la rincorsa sul secondo salto… Il regolamento non lo consente e costa un punto di penalità. Ma vedere in campo gara, a distanza di diciassette anni (!), quella pazza che nel 1996 vince il titolo generale a soli tredici anni, fa sempre un grande effetto.

 

NICOLE TERLENGHI: 6.5. Tre finali di specialità. Niente male per la giovane juniores.

CHIARA GANDOLFI: 6.5. La scuola romana non delude agli staggi e per lei arriva l’argento alle parallele.

ERIKA FASANA: 6. Fin quando non recupererà completamente, sarà difficile darle un voto ponderato.Certo è arrivata quarta al corpo libero. Speriamo torni presto, perché il livello alto della comasca ci manca davvero molto.

 

ELISA MENEGHINI: 6-. Un voto tirato e quasi negativo, ma la valutazione va ponderata in base al valore della ginnasta. La brianzola si presentava ad Ancona dopo il bellissimo settimo posto agli Europei, dopo aver trascinato la sua Gal allo scudetto, dopo un eccellente torneo di Jesolo. Era la logica favorita al successo generale e si è fermata all’argento. Ci si aspettava qualche medaglia dalle specialità e sono arrivati solo errori e cadute. Probabilmente è arrivata stanca dopo cinque mesi tirati al massimo. Ci sta e avrà mille possibilità di rifarsi. Di certo il valore della Meneghini non va messo in discussione per un Campionato Italiano Assoluto andato storto.

 

Categorie
2013 Abbigliamento Accappatoio Dominatrice di Poteri Dr Alyssa Saintcall Mondi Fantastici Mondo Racconto

Alyssa ferma il suicidio di Laura Russo

Laura Russo 23 anni , lei aveva tutta la vita davanti , si era diplomata all’ università e voleva lavorare come ingegnere informatica . Lei grazie all’ università si era fatta molte amiche , tra le quali Sasha e Tara . Tara e Sasha era pure loro laureate all’ università e tutte e due erano molto brave , tutti gli esami 30 e alcuni con la lode . Avendo questi voti , non solo loro due ma anche Laura loro avevano tutte ottime possibilità di diventare ingegneri informatici e Sasha ingegnere Aerospaziale dopo la laurea . Laura si riusci a laureare con le sue migliori amiche con il massimo dei voti , alla fine tutto il giorno andò a festeggiare con le amiche . Laura andò con la macchina di Tara , dopo molto tempo si fermarono a un negozio che vendeva liquori e molte altre cose . Scesero dall’ auto tutte e tre , Laura disse – cosa ci facciamo qui ? , Tara rispose – ci prendiamo un po’ di tequila , si vive una volta sola , divertiti un po’ , dopo questo giorno noi dovremo lavorare moltissimo e forse non avremo più il tempo per divertici come ci possiamo divertire oggi . Laura all’ inizio un po’ scettica , ma poi si fece prendere dall’ entusiasmo delle amiche e decisi di farlo , di prendere quelle bottiglie di tequila e divertirsi un po’ con le sue amiche . Entrarono nel negozio , presero tre bottiglie di tequila e le pagarono , una volta pagate entrarono nella macchina di Tara che era una Maxda Rx-8 , completamente rossa , con cerchioni molto belli e montati dal padre di Tara . Tara se ne prendeva molto cura e voleva stare che alla macchina non succedesse niente . Cosi decisero di andare in un albero che non costava neanche tanto , entrarono in camera si fecero portare dei bicchieri e iniziarono a bere . Il giorno dopo quando si risvegliano , Sasha non aveva bevuto molto ed era riuscita a dormire, invece quello che successe a Tara e alla sua amica Laura fu una cosa che loro non si aspettavano . Erano nel letto completamente nude ed erano una vicino l’ altra e avevano dormito insieme , Laura e Tara non si ricordavano quello che era successo , si ricordavano solo che avevano bevuto e poi non si ricordavano più niente . Laura si era alzata dal letto e vide che era completamente nuda e accanto a lei c’ era la sua migliore amica Tara anche lei nuda nello stesso letto . Laura andò nel bagno e inizio a vomitare nel water , poi più tardi verso le 9:30 si sveglio Tara e anche lei vide che era nuda e andò nel bagno dove era la sua amica Laura e pure lei vomito nel water dove aveva vomitato l’ amica . Quando tornarono al letto trovarono i loro vestiti e si vestirono , Laura ancora un po’ stordita – che è successo e perché noi eravamo nude ? . Laura e Tara cercarono di fare uno sforzo di memoria , ma non si ricordavano niente , tranne Sasha che poi un po’ più tardi inizio a ricordare qualcosa e alla fine si capì una cosa che le amiche non volevano ammettere . Loro avevano passato la notte insieme e avevano fatto sesso tra loro . Loro allora decisero di farsi prima una bella doccia , poi di rivestirsi e dissero in maniera molto seria tra di loro – di questa cosa non né dobbiamo parlare con nessuno . Negli ultimi anni , loro erano ancora imbarazzate per quello che era successo tra di loro , ma alla fine con il tempo riuscirono a superare tale cosa e a tornare solo amiche come lo erano un tempo .

 

Tre Anni Dopo

 

Laura , Sasha e Tara lavoravano da molto tempo nella stesso posto e dopo essere state promosse Capo dei loro reparti . Laura era stata nominata Capo Ingegnere Informatica , Tara Co Capo Ingegnere Informatica e Sasha Capo dell’ Ingegneria Aerospaziale . Avevano deciso di andare a festeggiare e quello che successe quella sera , distrusse non la vita delle amiche , ma quella di Laura per sempre. Laura inizio a bere non tequila , ma alcool ma non troppo , inizio a restare nel bancone ancora per poco . Poi fu avvicinata da una persona che voleva darle un passaggio per casa un uomo di 27 anni , molto bello , gentile e altruista e inizio a fare conversazione con lei vide che le sue amiche se ne erano andare visto che lei era in un buona compagnia . Lei disse – chi mi accompagna a casa e l’ uomo molto gentile disse – ti accompagno . Laura accetto , arrivarono al vicolo dove doveva essere la sua macchina , ma non c’ era nessuna macchina . Lui solo voleva violentare la ragazza , Alyssa arrivò li e li fermo in tempo , portò a casa la ragazza e cerco di farla calmare nel modo che sapeva fare L’ uomo che aveva violentato la donna era scappato , ma ad Alyssa non importava di lui , adesso doveva occuparsi della salute della ragazza . Per farla calmare mia sorella gli fece un tè , la fece calmare un po’ , ma poi inizio ad avere ansia , poi confusione e non riusciva a muovere le mani . Alyssa aveva deciso di rimanere con lei finché non si fosse calmata , mia sorella sapeva che se tale situazione non andava bene poteva andare in un solo, unico modo cioè la ragazza si sarebbe tolta la vita e mia sorella non avrebbe potuto fare niente . Laura disse a mia sorella – io vado di sopra , se ho bisogno di aiuto ti chiamo , inizio a salire le scale con molta calma e con molta preoccupazione , ma alla fine riusci a salire le scale e decise di fare una bella doccia calda . Un dottore quando perde un paziente , può reagire in due modi , uno riesce a risollevarsi da tale cosa oppure cade in depressione . Laura anche se sapeva che c’ era la Dottoressa Alyssa Saintcall , non né sarebbe potuta uscire da tale situazione , allora anche se non voleva decise di fare questo . Andò a prendere un foglio e una penna e scrisse un biglietto , piangendo “ Mi Dispiace , per quello che sto per fare , vorrei poter affrontare tale situazione , ma penso di non potercela fare a fare questa cosa . Quindi io adesso , mi tolgo la vita “ . Alyssa sentiva tutto di sotto , grazie al super udito e senti che lei stava aprendo la fontana al massimo , aveva riempito la fontana al massimo e stava per mettere la testa dentro l’ acqua e uccidersi . Lei prese il biglietto e lo getto per terra , Alyssa senti qualcosa di strano di sopra e con molta velocità si precipitò di sopra . Entro nel bagno ed entrò appena in tempo per cercare di fermare e disse a lei – Laura , fermati , ci sono qua io , io ti posso aiutare a tornare alla tua vita di prima , Laura guardò mia sorella negli occhi e disse – davvero mi puoi aiutare , davvero mi puoi far tornare alla mia vita di prima . Alyssa disse in maniera molto seria – te lo giuro , non solo come dottoressa , ma anche come una persona che ti vuole aiutare . Alyssa fece mettere un accappatoio a lei e poi la fece vestire e dopo fece tutto quello che lei sapeva fare per non farle fare più questo gesto insensato , cioè quello di togliersi la vita .