Categorie
Angeli Angelo Dana Dana Moretti Melissa Mcarthur Universing World Trade Center

Dana Moretti dice il suo segreto a Melissa

Swiss-Fine-Line-minimalist-workspace-with-ocean-views-600x338-540x304

Dana Moretti dopo aver preso un pò di tempo per se andò nell’ ufficio di Melissa Mcarthur e le disse il suo segreto . Melissa si chiedeva come mai lei era viva e se gli aveva detto che era morta dentro le Torri Gemelle . Dana si mise seduta su una poltrona e fece un respiro lungo e cosi si inizio a calmare . Dana era nervosa come non mai visto che non sapeva come l’ avrebbe presa Melissa ma Dana era pronta a correre il rischio e cosi lo disse subito – io sono un angelo . Melissa si alzo dalla sedia – ecco adesso si spiega perchè sei viva e vegeta nonostante il tuo corpo sia morto e distrutto dentro quel posto orribile e pieni di memorie molto brutte . Dana si alzo dalla poltrona e fece vedere le sue belle e grandi ali . Melissa era li ferma che le vedeva come se fossero la cosa più bella in assoluto – le posso toccare . Dana non si fece nessun problema a farsi toccare le ali da Melissa visto che lei aveva un tocco delicato e dolce  . Una volta vicino alle ali le inizio a toccare e videro che erano belle , pieni di luci e bellissime come non mai . Dana vide gli occhi di Melissa e dicevano ” le vorrei avere tanto pure io ” . Melissa le fece sparire – ti leggo dentro e pure tu vorresti delle ali come queste ma non puoi . Solo gli angeli possono averle . Ma un giorno ti porto a volare con me . Un giorno andiamo sul tetto e noi voliamo insieme e cosi potremo vedere insieme l’ Universing dall’ alto . Melissa era felice di avere Dana come amica non solo per il fatto che era sua amica ma anche perchè lei era un angelo .

 

 

 

 

Categorie
Ada Knight Baymax Big Hero 6 Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Hiro Hamada

Big Hero 6

Io e Ada non volevamo aspettare che le porte del mondo di Big Hero 6 venivano aperte . Noi volevamo vedere adesso e subito se Hiro Hamada era riuscito a migliorare Baymax . Dopo che era stata attaccato da quel mostro non voleva essere più preso alla sprovvista . Hiro aveva fatto un armatura per lui e per Baymax . La sua tuta era blu invece quella di Baymax era rossa .

Hiro prima di fare una vera missione con Baymax vuole vedere se tutto va bene e sopratutto come utilizzare l’ armatura . Ci deve riuscire oppure non ottiene nulla . Se non ci riesce non può salvare la città , i suoi amici e la sua famiglia . Io e Ada vedemmo che Baymax doveva essere ancora un pò perfezionato ma  Hiro aveva fatto tanti progressi e aveva migliorato Baymax davvero molto . Lo doveva rendere ancora un pò meglio ma era riuscito a renderlo quasi perfetto . Io e Ada abbiamo fatto un video del primo volo di Hiro con Baymax

Categorie
Ada Knight Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Foto Galleria Galleria Foto

Sword Art Online : The Lost Song

Una volta arrivati li dentro quel mondo ci trovammo davanti a un bellissimo spettacolo . Era davvero unico da vedere .

Poi andammo verso un altare che era finiva vicino a due statue

Li c’ era la mano di una persona e dentro la mano teneva qualcosa

Era il protagonista che teneva qualcosa tra la mano e vedeva quel bel spettacolo

Il posto era magnifico . Era uno di questi da vedere tutto il giorno

Vicino a lui c’ era la sua compagna di viaggio

Pure loro stavano guardando lo stesso spettacolo .

Io e Ada non sapevamo chi era ma sapeva volare molto bene

Pure il nostro protagonista sa volare

Questo è un mondo magnifico e anche gli altri posti sono bellissimi da vedere e da visitare

Il nostro protagonista deve volare perchè pure i nostri nemici lo sanno fare

Noi dobbiamo combattere anche via terra e non solo in cielo

 

 

Categorie
Ada Knight Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Foto Galleria Galleria Foto

Godzilla

Tutti non vedevano l’ ora di vedere questo universo , nella qual arriva Godzilla . Tutti vogliono vedere lo scontro tra M.U.T.O e Godzilla . Nessuna sa quando si sarebbe potuto entrare in questo universo , visto che prima dell’ entrata dovevano uscire diverse cose come altri poster per annunciare questo universo non solo per le persone che lo sapevano ma anche tutte quante le altre persone . Quando sono andato con Ada dentro l’ universo di Godzilla ho visto che c’ era artisti che facevano questi tre poster di questo enorme mostro a cui tutti avevano dato il nome di Godzilla . I poster che avevano fatto erano uno più bello dell’ altro . Uno dei tre poster era stato fatto in versione classica di Godzilla tanto per ricordare questo evento che se era bello prima lo sarà anche adesso . Dopo siamo andati nel centro di controllo dei militari per sentire del mostro che si erano lasciati scappare e che aveva provocato tutto questo . Se c’ era qualcuno da incolpare per tutta quella distruzione era un mostro di nome M.U.T.O .

 

Categorie
2012 Foto Foto del Giono Mondo Oggetti Presentazione Racconto Storia

Foto del Giorno . Nido antincendio

(Mark Bradley/All Canada Photos/Corbis )

C’è da sperare per questi piccoli di rondini (Tachycineta bicolor) che non scoppi un incendio nelle vicinanze. Già, perché il luogo scelto dai loro genitori per fare il nido è proprio la bocchetta di un idrante antincendio.
Mentre alle nostre latitudini sono solite costruire nidi di fanghiglia sotto i cornicioni dei tetti e nelle stalle, le specie di rondini presenti negli Stati Uniti e in Canada (come nel caso della foto) per nidificare utilizzano delle cavità già esistenti. In entrambi i casi, il maschio e la femmina costruiscono insieme il loro nido, al quale torneranno anno dopo anno per almeno un decennio, scegliendo un luogo vicino a dove sono nati e cresciuti.
Il fatto che le rondini ogni primavera tornino sotto lo stesso tetto dopo la lunga migrazione dall’Africa (guarda qui le autostrade del cielo) è un fenomeno tutt’altro che banale. Durante il lungo viaggio è il loro istinto a indicargli la rotta verso casa (o forse riescono a vedere il nord magnetico), ma per percorrere l’ultimo tratto di strada questi piccoli uccelli seguono segni e ricordi che ciascuno ha scritto nella propria memoria.
Purtroppo, negli ultimi decenni le rondini nei nostri cieli sono diminuite del 40% a causa dell’intensificazione dell’agricoltura che ha cancellato i loro terreni di caccia preferiti (siepi, fossi, prati e pozze d’acqua) e il massiccio uso di pesticidi che le colpisce sia direttamente che attraverso l’eliminazione degli insetti di cui si nutrono, oltre alla ristrutturazione degli edifici, soprattutto quelli rurali, che toglie alle rondini luoghi adatti alla nidificazione.