Categorie
2013 Foto Foto del Giono Mondo

Foto del Giorno : Champagne ad alta gradazione

Se nuotare in una piscina piena di Champagne è il sogno di molti, non fatevi illusioni: anche se questa meraviglia esiste davvero, è assolutamente inavvicinabile. Il motivo però non è di tipo economico, quanto piuttosto legato alla sua… gradazione! Stiamo parlando della Champagne Pool, un lago origine vulcanica che si trova nel nord della Nuova Zelanda, all’interno dell’area geotermica di Waiotapu (che in maori significa “acque sacre”), vicino alla città di Rotorua.
Questa grande pozza del diametro di 60 metri ribolle di infinite bollicine di CO2 che insieme ai suoi colori variopinti in continua mutazione costituiscono un vero spettacolo della natura. I minerali disciolti nell’acqua caldissima – la temperatura a volte sfiora i 74°C – la rendono infatti di un colore indefinito che muta al variare del vento: dal giallo-zolfo al bianco-silice, dal rosso-ossido di ferro al nero-zolfo/carbonio, e ancora oro, argento, mercurio, arsenico e via dicendo.

 

Categorie
2013 Foto Marte Mondo Notizie dal Mondo Pianeti Spazio Storia Universo

Nuovo Messico, scoperto meteorite di Marte ricco d’acqua

WASHINGTON

Un meteorite marziano vecchio di oltre due miliardi di anni e ritrovato recentemente nel Nordafrica, mostra alcune caratteristiche che lo rendono unico rispetto alle roccia analizzate dalle sonde della Nasa su Marte. Questo meteorite infatti è incredibilmente ricco di acqua, rivelo uno studio pubblicato sull’ultimo numero di Science, datato oggi.

 

«La roccia basaltica – lava raffreddata – contenuta in questo meteorite è simile alla composizione della crosta marziana”, spiega Carl Agee, dell’università del Nuovo Messico, sud-ovest degli Stati Uniti. L’abbondanza di molecole d’acqua in questo meteorite, circa dieci volte superiore a quelle degli altri meteoriti marziani finora conosciuti, fa pensare che esso si trovasse sulla superficie di Marte circa 2,1 miliardi di anni fa».

 

Denominato NWA (Northwest Africa) 7034 e soprannominato “Bellezza nera” (Black Beauty), il meteorite pesa 320 grammi e «racconta come erano i vulcani su Marte due miliardi di anni fa – riassume Agee – Ci ha fornito un’idea delle condizioni ambientali sulla superficie di Marte come nessun altro meteorite aveva fatto prima», prosegue il comunicato dell’Agenzia spaziale americana.