Categorie
Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Simone Biles Sport Sport nel Mondo Vanessa Ferrari

Ginnastica, Mondiali 2013 da RECORD! Le statistiche UFFICIALI della FIG

La Federazione Internazionale della Ginnastica ha diffuso una serie di dati statistici sui Mondiali di Anversa 2013. Un’infinità di numeri che ci aiuta a misurare il valore e lo spettacolo della rassegna iridata. Una novità quasi assoluta per il Mondo della Polvere di Magnesio, poco avvezzo alle statistiche e a classificare tutto con record e migliori prestazioni, come invece sono abituati volley, atletica e basket.

 

Siete curiosi di sapere quante sono le ginnaste che hanno partecipato ai Mondiali di Anversa 2013 e quale è la loro età media? Volete sapere qual’è stato il continente più medagliato? Siete interessati a scoprire  quali sono stati i punteggi più alti, ma anche i peggioriDiamo un po’ di numeri (ci limitiamo al settore femminile).

 

Le ginnaste che hanno partecipato agli ultimi Mondiali sono state ben 134! Di queste il 57.1% proviene dall’Europa, sono 21.4% quelle provenienti dal continente Americano17.9% le Asiatiche e le native in Oceania, solo il 3.6% sono di origine africana.

 

Il continente che ha guadagnato più medaglie è stato quello americano che vanta ben 8 medaglie (3 ori, 4 argenti e un bronzo), tutte conquistate dagli Stati Uniti.

L’Europa conta un oro, un argento (della nostra Vanessa Ferrari) e tre bronzi. In totale cinque medaglie. Il continente Africano è tornato a casa a mani vuote, mentre l’Asia soltanto due medaglie: un oro a parallele e un bronzo al volteggio.

 

L’età media al femminile è 19 anni.  La maggior parte delle ginnaste sono del 1996 (sono in 32, 23%) e del ’95 (sono in 23, 17%). La ginnasta più giovane è del ’97 mentre la più anziana ha 38 anni. Parliamo ovviamente della leggendaria Okasana Chusovitina.

 

Anno di nascita-numero di ginnaste-percentuale

1975 1 1%

1984 2 1%

1986 2 1%

1987 2 1%

1988 5 4%

1989 3 2%

1990 5 4%

1991 7 5%

1992 9 6%

1993 4 3%

1994 21 15%

1995 23 17%

1996 32 23%

1997 23 17%

 

Il punteggio più alto in assoluto è il 15.900 al volteggio, mentre il più basso è  8.066 a trave(senza contare uno 0.0 al volteggio).

 

Ora vediamo i punteggi più alti e più bassi in relativi ai 4 attrezzi:9

VOLTEGGIO

Punteggio più alto: 15.900 di Biles Simone (USA)

D-score più alto: 7.000 di Pena Abreu Yamilet (Repubblica Dominicana)

E-score più alto: 9.600 di Simone Biles (USA)

 

PARALLELE ASIMMETRICHE

Punteggio più alto: 15.433 di Yao Jinnan (Cina)

D-score più alto: 6.700 di Yao Jinnan (Cina)

E-score più alto: 8.800 di Simone Biles (USA)

 

TRAVE

Punteggio più alto: 15.266 di Larisa Iordache (Romania)

D-score più alto: 6.500 di Zeng Siqi (Cina)

E-Score più alto: 8.866 di Larisa Iordache (Romania)

 

CORPO LIBERO

Punteggio più alto: 15.033 di Simone Biles (USA)

D-Score più alto: 6.500 di Simone Biles (USA)

E-Score più alto: 8.633 di Kyla Ross (USA)

 

La ginnasta che ha raggiunto più record è stata Simone Biles. Non solo è stata la più medagliatacon due ori, un argento e un bronzo, ma ha anche battuto il record del punteggio più alto ed è quella che ha esibito il programma più difficile tra le partecipanti.  Inoltre è stata una delleginnaste più giovani della competizione e ha eseguito un elemento mai fatto prima che adesso porta il suo nome.

 

Categorie
Carlotta Ferlito Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo Vanessa Ferrari

Ginnastica, Anversa 2013: le pagelle di un Mondiale fantastico

I Mondiali 2013 di ginnastica artistica sono ormai alle spalle. Come consueto, eccoci con le nostre pagelle di Anversa 2013.

Non ci sono le italiane, perché a loro è dedicato il prossimo articolo.

 

SIMONE BILES: 10. La nuova reginetta. La Venere Nera della ginnastica artistica. Entra nella storia della Polvere di Magnesio per essere la prima atleta di colore a vincere un titolo mondiale, proprio come Gabby Douglas era stata la prima a vincere un’Olimpiade. La sedicenne di Columbus conquista il titolo iridato all-around al primo anno tra le seniores, come solo le grandi Campionesse sono riuscite a fare.

La statunitense ha dominato quasi incontrastata, è il nuovo fenomeno della Polvere di Magnesio e (se lo vorrà) è destinata a comandare la scena per tutto il quadriennio che porta a Rio de Janeiro 2016.Possiede un’acrobatica di livello vertiginoso, forse la migliore che si sia mai vista; ha una potenza pazzesca; porta in dote una grande elasticità e una completezza di esecuzione sui quattro attrezzi, trovando due picchi imprendibili al volteggio e al corpo libero. Sarà poco elegante, precisa, forse anche poco femminile (a detta di alcuni), ha tolto qualcosa all’artistica pura ma è, indiscutibilmente, la migliore del Pianeta!

Porta a casa addirittura quattro medaglie (le manca solo l’alloro alle parallele). Conquista anche il bronzo alle trave, che non meritava assolutamente, rubandolo alle due italiane…

 

KYLA ROSS: 8,5. Dopo i trionfi olimpici, è stata l’unica Fierce Five a non staccare nemmeno per un giorno e a continuare alacremente ad allenarsi. Gli sforzi e i sacrifici sono stati premiati. Precisa, pulita, ordinata ha conquistato un bellissimo argento nell’all-around riuscendo addirittura a balzare al comando prima dell’ultima rotazione. Ha fatto sudare la Biles nella parte centrale di gara, recuperandola alle parallele e alla trave, poi si è dovuta inchinare alla prestazione monstre della connazionale al corpo libero.

Certo, eterna seconda: tre argenti (generale, trave, parallele). Ma può ritenersi più che soddisfatta. Dovrà rivedere i D Score se vorrà vincere finalmente qualche medaglia d’oro.

 

ALIYA MUSTAFINA: 9. Non stava bene e si è visto chiaramente. Aveva una cera che era tutto tranne quella di una ragazza in grado di fare l’impresa. Ci ha provato fino all’ultimo, stringendo i denti in una maniera impressionante. In qualifica è caduta al corpo libero, mancando clamorosamente la finale di specialità. Nella finale dell’all-around ha dato due sgasate alle parallele e al quadrato magico e si è presa un meritatissimo bronzo.

Clamorosamente è crollata nell’esercizio sugli staggi e non è riuscita ad andare oltre al terzo posto. Ma, non poteva andare via da Anversa senza conquistare l’oro. E lo fa sull’attrezzo più impensabile, quello a lei meno congeniale: la trave. Sui 10cm abbiamo visto un’altra Mustafina, una sosia: zero squilibri con le spalle, praticamente nessuno sbilanciamenti, collegamenti perfetti, zero sorrisi ma uno sguardo di ghiaccio che è da amare. L’uscita perfetta le regala il titolo. Quando la Zarina si mette in testa di fare una cosa, la fa!

 

LARISA IORDACHE: 6,5. Quando una ginnasta cade per due volte sul suo attrezzo preferito, nelle due occasioni più importanti della carriera…Lo scricciolo di Bucarest versa un’infinità di lacrime per due capitomboli dalla trave che nessuno si sarebbe aspettato: durante il concorso generale quando attaccava il bronzo e soprattutto durante la finale di specialità.

Il bronzo al corpo libero placa solo parzialmente le sue delusioni. La rumena tornerà a casa sicuramente insoddisfatta e arrabbiata con sé stessa. L’inverno sarà lungo e pieno di lavoro per tornare più carica che mai nel 2014: ha diversi conti in sospeso…

 

MCKAYLA MARONEY: 8. La miglior vaulter del Mondo. Non c’è storia. Atterraggi perfetti, stoppati sul posto con una grazia, un’eleganza e un sorriso da modella. Una delle più belle del circuito. L’oro alla tavola era scontato ed è l’unica ragazza che ha confermato il successo di Tokyo2011. Ha provato anche a strappare la qualificazione nell’all-around, ma qualche errore di troppo l’ha costretto ad abdicare per la (stupida) regola dei passaporti.

 

HUANG HUIDAN: 8-. Clamorosa campionessa del Mondo alle parallele: al -debutto, a sorpresa, la cinese sfrutta al meglio l’errore della connazionale Jinnan e si regola una gioia che porterà nel cuore per tutta la vita.

SHANG CHUNSONG: 5. Non vogliamo essere cattivi, ma siamo sicuri che questa cinese abbia 17 anni? I precedenti del suo Paese in materia di falsificazione delle carte di identità ci obbligano a pensare male… Ne dimostra dodici (o anche meno).

YAO JINNAN: 7. La media tra il 10 per l’esecuzione del leggendario Mo Salto e il 4 per la bruttissima caduta in finale che le ha tolto l’oro scontato alle parallele.

 

VICTORIA MOORS: 10. Quando scassini il portone del (quasi) impossibile… La canadese rivoluziona la ginnastica artistica presentando il leggendario Silivas teso al corpo libero! Una missione impossibile, riuscita perfettamente nella finale del concorso generale individuale dopo essere caduta in qualifica, che costringe la Federazione Internazionale a inserire la difficoltà I nel codice dei punteggi.

SANDRA IZBASA e OKSANA CHUSOVITINA: 10, alla carriera. L’immensa rumena ha provato ancora a dare un colpo e a salire sul podio del corpo libero: ci sarebbe salita se non avesse sbagliato la conclusione. A quanto pare sembra aver chiuso qui la sua carriera, ma mai dire mai.

L’eterna Oksy non è riuscita nel miracolo di prendersi una medaglia a 37 anni: due volteggi non all’altezza l’hanno relegata al quinto posto. Ma lei di ritiro non vuole sentirne parlare. Spingerà fino alle prossime Olimpiadi, ne siamo ormai sicuri…

 

PREMIO BELLEZZA. McKayla Maroney.

PREMIO COMBATTIVITA’: Aliya Mustafina.

PREMIO TENACIA: Vanessa Ferrari.

PREMIO SORPRESA: Un Hong Jong.

PREMIO ELEGANZA: Kyla Ross.

PREMIO FAIR PLAY: Kyla Ross.

PREMIO ACROBATICITA’: Simone Biles.

PREMIO ARTISTICITA’: Larisa Iordache.

MIGLIOR CORPO LIBERO: Simone Biles.

MIGLIOR PARALLELE: Yao Jinnan

MIGLIOR VOLTEGGIO: McKayla Maroney

MIGLIOR TRAVE: Larisa Iordache

 

Categorie
Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo

Ginnastica, Mondiali: gli ordini di rotazione di oggi e gli orari

Prima giornata di gare femminili ad Anversa dove si stanno disputando i Mondiali di ginnastica artistica. Q

Di seguito gli ordini di rotazione delle prime due suddivisioni di qualificazione e i relativi orari. Tra le big Kyla Ross, Yao Jinnan, Anna Rodionova; per l’Italia Francesca Deagostini e Alessia Leolini.

 

PRIMA SUDDIVISIONE – Prima rotazione (ore 14.00):

 

Volteggio:

Lisa Verschueren (Belgio)

Nicolle Vazquez (Porto Rico)

Nadia Muelhauser (Svizzera)

Kyla Ross (USA)

Ayana Lee (Giamaica)

Shaked Malec (Israele)

 

Parallele asimmetriche:

Dorina Boczogo (Ungheria)

Kaitlyn Hofland (Canada)

Michelle Lauritsen (Danimarca)

Karina Hube Lopez (Cile)

Sophie Scheder (Germania)

 

Trave:

Jisoo Park (Corea del Sud)

Siqi Zeng (Cina)

Ida Gustaffsson (Svezia)

Sanne Wevers (Paesi Bassi)

Mira Boumeimajen (Francia)

 

Corpo libero:

Anna Geidt (Kazakhsan)

Leticia Lima (Brasile)

India Mc Peak (Irlanda)

Alina Stanila (Romania)

Alexandra Choon (Portogallo)

Alice Janova (Repubblica Ceca)

 

PRIMA SUDDIVISIONE – Seconda rotazione (ore 14.30):

 

Volteggio:

Leticia Lima (Brasile)

India Mc Peak (Irlanda)

Valerija Grisane (Lettonia)

Alice Janova (Repubblica Ceca)

Anna Geidt (Kazkhstan)

 

Parallele asimmetriche:

Nadia Muelhauser (Austria)

Kyla Ross (USA)

Ayana Lee (Giamaica)

Shaked Malec (Israele)

Lisa Verschueren (Belgio)

 

Trave:

Kaitlyn Hofland (Canada)

Sarah El Dabagh (Danimarca)

Eliana Gonzalez (Venezuela)

Martina Castro (Cile)

Sophie Scheder (Germania)

Dorina Boczogo (Ungheria)

 

Corpo libero:

Ida Gustafsson (Svezia)

Vera Van Pol (Paesi Bassi)

Mira Boumejmajen (Francia)

Jisoo Park (Corea del Sud)

 

PRIMA SUDDIVISIONE – Terza rotazione (ore 15.00):

 

Volteggio:

Ida Gustafsson (Svezia)

Mira Boumejmajen (Francia)

Jisoo Park (Corea del Sud)

 

Parallele asimmetriche:

India Mc Peak (Irlanda)

Alice Janova (Repubblica Ceca)

Inna Vassilyeva (Kazakhstan)

Leticia Stephanie

 

Trave:

Nadia Muelhauser (Svizzera)

Kyla Ross (USA)

Ayana Lee (Giamaica)

Shaked Malec (Israele)

Lisa Verschueren (Belgio)

 

Corpo libero:

Sarah El Dabagh (Danimarca)

Jong Un Jong (Corea del Nord)

Eliana Gonzalez (Venezuela)

Martina Castro (Cile)

Sopgie Scheder (Germania)

Dorina Boczogo (Ungheria)

Maegan Chant (Canada)

 

PRIMA SUDDIVISIONE – Quarta rotazione (ore 15.30)

 

Volteggio:

Un Jong Hong (Corea del Nord)

Eliana Gonzalez (Venezuela)

Martina Castro (Cile)

Sophie Scheder (Germania)

Dorina Boczogo (Ungheria)

Maegan Chant (Canada)

Michelle Lauritsen (Danimarca)

 

Parallele asimmetriche:

Vera Van Pol (Paesi Bassi)

Mira Boumejmajen (Francia)

Jisoo Park (Corea del Sud)

Huidan Huang (Cina)

Ida Gustafsson (Svezia)

 

Trave:

Alina Stanila (Romania)

Alexandra Choon (Portogallo)

Valerija Grisane (Lettonia)

Alice Janova (Repubblica Ceca)

Inna Vassilyeva (Kazakhstan)

Leticia Lima (Brasile)

India Mc Peak (Irlanda)

 

Corpo libero:

Kyla Ross (USA)

Ayana Lee (Giamaica)

Shaked Malec (Israele)

Lisa Vershueren (Belgio)

Nicolle Vazquez (Porto Rico)

Nadia Muelhauser (Svizzera)

 

SECONDA SUDDIVISIONE – Prima rotazione (ore 16.30)

 

Volteggio:

Yu Ju Lo (Taipei)

Rebecca Tunney (Gran Bretagna)

Brizeida Lopez (Venezuela)

Demet Mutlu (Turchia)

Yao Jinnan (Cina)

 

Parallele asimmetriche:

Ahmed Farida Shokry (Egitto)

Elisabeth Seitz (Germania)

Melany Cabrera (Cile)

Cintia Rodriguez (Spagna)

Laura Waem (Belgio)

Rudy Sandoval (Colombia)

Nicole Szabo (Sudafrica)

 

Trave:

Sung Ji Hye (Corea del Sud)

Francesca Deagostini (Italia)

 

Corpo libero:

Anastasiya Miklashevich (Bielorussia)

Karina Regidor (Costa Rica)

Karla Torres (Messico)

Haldis Naerum (Norvegia)

Mai Murakami (Giappone)

Lisa Ecker (Austria)

Anna Rodionova (Russia)

 

SECONDA SUDDIVISIONE – Seconda rotazione (ore 17.00)

 

Volteggio:

Karina Regidor (Costa Rica)

Karla Torres (Messico)

Haldis Naerum (Norvegia)

Mai Murakami (Giappone)

Lisa Ecker (Austria)

Anna Rodionova (Russia)

Anastasiya Miklashevich (Bielorussia)

 

Parallele asimmetriche:

Rebecca Tunney (Gran Bretagna)

Jessica Lopez (Venezuela)

Demet Mutlu (Turchia)

Evangelia Plyta (Grecia)

Yao Jinnan (Cina)

Lo Yu Ju (Taipei)

 

Trave:

Elisabeth Seitz (Germania)

Melany Cabrera (Cile)

Cintia Rodriguez (Spagna)

Laura Waem (Belgio)

Rudy Sandoval (Colombia)

Nicole Szabo (Sudafrica)

Farida Shokry (Egitto)

 

Corpo libero:

Sung Ji Hye (Corea del Sud)

Alessia Leolini (Italia)

Paula Mejias (Porto Rico)

 

SECONDA SUDDIVISONE – Terza rotazione (ore 17.30)

 

Volteggio:

Sung Ji Hye (Corea del Sud)

Alessia Leolini (Italia)

Paula Mejias (Porto Rico)

Ofir Nezer (Israele)

 

Parallele asimmetriche:

Karla Torres (Messico)

Haldis Naerum (Norvegia)

Yu Minobe (Giappone)

Lisa Ecker (Austria)

Anna Rodionova (Russia)

Anastasiya Miklashevich (Bielorussia)

Karina Regidor (Costa Rica)

 

Trave:

Jessica Lopez (Venezuela)

Demet Mutlu (Turchia)

Evangelia Plyta (Grecia)

Yao Jinnan (Cina)

Lo Yu Ju (Taipei)

Rebecca Tunney (Gran Bretagna)

 

Corpo libero:

Makarena Pinto (Cile)

Cintia Rodriguez (Spagna)

Laura Waem (Belgio)

Marcela Sandoval (Colombia)

Nicole Szabo (Sudafrica)

Farida Shokry (Egitto)

Elisabeth Seitz (Germania)

 

SECONDA SUDDIVISIONE – Quarta rotazione (ore 18.00)

 

Volteggio:

Cintia Rodriguez (Spagna)

Laura Waem (Belgio)

Rudy Sandoval (Colombia)

Nicole Szabo (Sudafrica)

Farida Shokry (Egitto)

Elisabeth Seitz (Germania)

Makarena Pinto (Cile)

 

Parallele asimmetriche:

Alessia Leolini (Italia)

Sung Ji Hye (Corea del Sud)

 

Trave:

Haldis Naerum (Norvegia)

Yu Minobe (Giappone)

Lisa Ecker (Austria)

Anastasiya Miklashevich (Bielorussia)

Karina Regidor (Costa Rica)

Karla Torres (Messico)

 

Corpo libero:

Demet Mutlu (Turchia)

Yao Jinnan (Cina)

Lo Yu Ju (Taipei)

Rebecca Tunney (Gran Bretagna)

Jessica Lopez (Venezuela)